La Polonia vuole porre il veto sulle famiglie arcobaleno, cosa farà l’Italia di Meloni?

Varsavia ha mandato in avanscoperta un vice ministro. È un bluff? Il Parlamento Europeo, travolto dal Qatar-gate, sarà sufficientemente fermo? E l'Italia?

ascolta:
0:00
-
0:00
famiglie arcobaleno bambini
famiglie arcobaleno bambini
3 min. di lettura

La Polonia intende porre il veto alla proposta della Commissione Europea che raccomanda agli Stati membri dell’Unione il riconoscimento dei matrimoni omosessuali contratti in altri Paesi appartenenti all’UE. Lo ha dichiarato Sebastian Kaleta, vice ministro della Giustizia polacco.

Dunque la Polonia è pronta a rompere il patto dell’Unione Europea e a mettere in discussione il principio di libera circolazione dei cittadini, valore fondante dell’UE.

Soltanto poche settimane fa su Gay.it anticipavamo il possibile scenario.

L’opposizione alla volontà dell’Unione Europea di difendere i diritti arcobaleno potrebbe arrivare da stati politicamente orientati verso un sovranismo di stampo autoritario, stati nei quali quali la democrazia liberale è a rischio, come Polonia e Ungheria. Ma anche da un paese come l’Italia, storicamente protagonista e propulsore di un’Unione Europea fondata sui diritti, che con un governo formalmente di estrema destra come quello di Giorgia Meloni, potrebbe porre il veto alle richieste dell’Unione di difendere la libera circolazione delle famiglie arcobaleno.

Attualmente sono 14 su 27 gli stati dell’UE che riconoscono il matrimonio tra persone dello stesso sesso: Austria, Belgio, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Irlanda, Lussemburgo, Malta, Paesi Bassi, Portogallo, Slovenia, Spagna, Svezia.

Lo scorso 7 dicembre la Commissione Europea ha pubblicato il regolamento che raccomanda la difesa della libera circolazione di tutti i cittadini, incluse le famiglie arcobaleno, nei territorio dell’Unione Europea. L’Unione, è bene ricordarlo, sta dunque cercando di tutelare i diritti di 2 milioni di bambini.

Ursula Von der Leyen ha recentemente dichiarato:
“Se sei genitore in un paese, sei genitore in tutti i paesi”.

Le norme emanate dalla Commissione garantiscono chiarezza giuridica a tutte le famiglie che, in una situazione transfrontaliera, avranno comunque diritto di beneficiare dei diritti di genitorialità ai sensi del diritto nazionale nel quale quei diritti sono stati acquisiti. Per intenderci, una coppia di donne francesi sposate con due figli avrà diritto a vedersi riconosciuto il proprio status di famiglia anche in Polonia, nonostante questa non riconosca il matrimonio omosessuale.

A Gennaio 2023 il Parlamento Europeo dovrà discutere di questa “raccomandazione” giunta dalla Commissione. Trattandosi di un principio cardine dell’Unione, e cioè la libera circolazione dei cittadini, il Parlamento cercherà di convincere ogni Stato membro a soprassedere a qualsiasi ipotesi di “veto” in sede di Consiglio di Stati membri. Ma è una partita tutta da giocare.

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da GAY.IT 🇪🇺🌍🪐✨ (@gayit)

L’Intergruppo LGBTI al Parlamento Europeo già da tempo ha denunciato l’evidente violazione dei diritti delle famiglie arcobaleno nell’Unione. Alcune organizzazioni a #Bruxelles (come per esempio Nelfa) incontrano costantemente gli europarlamentari per sottolineare l’urgenza di migliaia di casi in cui i principi fondanti dell’Unione Europea vengono sistematicamente violati, creando una situazione di incertezza legale non soltanto per i genitori, ma soprattutto per i loro figli. I diritti negati alle famiglie arcobaleno violano un principe cardine dell’Unione Europea, quello fondante e previsto dai trattati: la libera circolazione dei cittadini all’interno dell’Unione. Abbiamo chiesto all’Europarlamentare Rosa D’Amato, del Gruppo Greens Efa di spiegarci tutto: qui sopra l’intervista video.

Per bocca del suo vice ministro alla Giustizia Kaleta, l’attuale governo polacco ha fatto sapere che la Polonia non aderirà alla misura, qualora venisse adottata: “Finché in Polonia sarà al timone questo Governo, questo documento non entrerà mai in vigore” ha detto Kaleta. Che tuttavia, va detto, non è certo un esponente di primo piano. Il governo polacco sta sondando lo scenario politico, prima di opporre apertamente il proprio veto? La Polonia sta manipolando un semplice bluff attendista? E cosa farà l’Ungheria di Orbàn? E l’Italia di Meloni?

Ad ora, la Polonia sembra pronta a mandare in frantumi l’Unione Europea. Pur di continuare a non riconoscere le famiglie arcobaleno.

Lo scenario è tuttavia sfaccettato e scomposto. L’Italia si alleerà con il fonte est? Se lo facesse, è probabile che la Commissione Europea dovrà rimangiarsi tutto: l’Unione Europea non può permettersi di andare allo scontro con un paese fondatore come l’Italia. Le nubi del Qatar-gate (per ora tutte di matrice italiana) non danno forza al Parlamento Europeo, che in questo momento gode di una bassa credibilità.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

"La Nostra Raffaella", sabato sera su Rai1 il tributo alla leggendaria Carrà. Lo spot (video) - La Nostra Raffaella spot - Gay.it

“La Nostra Raffaella”, sabato sera su Rai1 il tributo alla leggendaria Carrà. Lo spot (video)

Culture - Redazione 21.5.24
iraq-donne-trans (2)

Iraq, la strage silenziosa delle donne trans, uccise dai loro familiari per “onore”

Corpi - Francesca Di Feo 20.5.24
daniel craig queer guadagnino

Queer: “È fantastico, dura 3 ore e sarà a Venezia”. Luca Guadagnino: “È il film che avevo in testa da 35 anni”

News - Redazione 20.5.24
Bingham Cup 2024, arriva a Roma il torneo internazionale di rugby inclusivo - In from the Side cover - Gay.it

Bingham Cup 2024, arriva a Roma il torneo internazionale di rugby inclusivo

Corpi - Federico Boni 20.5.24
Grande Fratello, la 18esima edizione si farà e riparte da Alfonso Signorini. L'annuncio video - Alfonso Signorini - Gay.it

Grande Fratello, la 18esima edizione si farà e riparte da Alfonso Signorini. L’annuncio video

Culture - Redazione 21.5.24
Il masturbatore nella versione standard LELO F1S V3

Recensione di LELO F1S™ V3: il masturbatore per persone pene-dotate che usa le onde sonore e l’intelligenza artificiale

Corpi - Gio Arcuri 10.4.24

Continua a leggere

meloni orban

Ungheria, condanna del Parlamento Europeo, ma la destra italiana vota contro

News - Redazione Milano 25.4.24
TikTok Commissione Europea indagine

TikTok ci riduce a conigli intrappolati nella tana, manipola la salute mentale di minori e giovani, e crea dipendenza: l’Unione Europea apre indagine

Culture - Mandalina Di Biase 21.2.24
Unione Europea, aumentano le violenze contro le persone LGBTIQ, i dati preoccupanti a pochi giorni dalle elezioni - europa dark - Gay.it

Unione Europea, aumentano le violenze contro le persone LGBTIQ, i dati preoccupanti a pochi giorni dalle elezioni

News - Federico Boni 16.5.24
Parlamento UE vota a favore del certificato di filiazione, la genitorialità deve essere riconosciuta ovunque - Famiglie Arcobaleno Sentenza Cassazione - Gay.it

Parlamento UE vota a favore del certificato di filiazione, la genitorialità deve essere riconosciuta ovunque

News - Redazione 14.12.23
Roberto Vannacci Alessandro Zan

Vannacci a Zan “Lei come omosessuale non rappresenta la normalità”, la replica “Lei infanga le forze armate”

News - Redazione Milano 7.5.24
fratelli

Milano, Corte d’Appello dichiara illegittime le trascrizioni dei figli delle coppie di donne

News - Redazione 6.2.24
Unione Europea LGBT Italia

L’Italia non firma la dichiarazione dell’UE a favore dei diritti LGBTI+ perché somiglia al Ddl Zan e include l’identità di genere

News - Redazione Milano 17.5.24
Barbara Masini Azione Elezioni Europee

Europee 2024, intervista a Barbara Masini di Azione: “Italia peggiorata sui diritti, le famiglie sono tutte uguali”

News - Federico Boni 14.5.24