Foto

Lagos Fashion Week: la moda si fa androgina nella Nigeria dell’omosessualità illegale

Quattro designer hanno deciso di sfondare i confini di genere con le loro incredibili collezioni

ascolta:
0:00
-
0:00
Lagos Fashion Week Gay.it
3 min. di lettura

La Lagos Fashion Week è uno degli eventi di punta della Nigeria e tra i principali traini dell’industria della moda africana, che si propone di “aprire la strada con iniziative che supportano, rafforzano e sviluppano l’industria della moda”. L’evento raccoglie ogni anno l’attenzione mondiale e visitatori da molteplici Paesi che, anche solo recentemente, hanno iniziato a rivalutare la moda e i designer provenienti dall’Africa.

Quest’anno, tuttavia, si è trattato di un’edizione particolare. Tra i designer che hanno fatto sfilare i loro capi e collezioni, ce ne sono alcunə che hanno sfidato la particolare situazione politica della Nigeria. Sulle sfilate di Lagos sono comparsi infatti look androgini, indossati da modelle e modelli tra cui, per la prima volta, ha fatto parte anche una donna trans* nigeriana.

Lagos Fashion Week Gay.it
La Lagos Fashion Week è uno degli eventi più importanti della Nigeria

La cosa non è per niente scontata, dato che in Nigeria l’omosessualità è ancora illegale e punibile fino a 14 anni di prigione o, in alcuni casi, con la pena di morte. L’estremo sentire conservatore della società nigeriana vorrebbe che anche nella moda ci sia un certo gusto tendente al binarismo di genere, se non altro per non incappare in problemi con le autorità locali e le leggi statali. Quattro designer, invece, hanno optato comunque per mostrare i loro look androgini e spingere i loro limiti, facendo così partire una nuova discussione che, si spera, possa andare lontano.

I quattro brand che si sono lanciati nell’impresa sono “Bloke”, “Oshobor”, “Lagos Space Programme” e “Olissa Kenia”. Si tratta di quattro firme fondate da designer di origini africane, due delle quali proprio di Lagos, e la loro innovazione è quella di iniziare una nuova conversazione sui corpi e sui capi che indossano.

“Bloke” (@bloke_ng) è stata fondata proprio a Lagos da Faith Oluwajimi, che durante la Fashion Week ha presentato la collezione “A Polaroid Named Camouflage”, ispirata ai colori e alle tradizioni dei vari Paesi che ha visitato. Uno stile molto urban che combina forme morbide e capi molto larghi, seguendo anche un certo gusto della moda attuale, e che non conosce distinzione tra “vestiti femminili” e “abiti maschili.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da BLOKE (@bloke_ng)

Altro progetto nato nella stessa città è il “Lagos Space Programme” (@lagosspaceprogramme), esperimento del designer non binario Thompson Adeju. “Project 7” è il titolo della nuova collezione presentata, ispirata alla cultura Yoruba. Adeju ha inserito nel progetto tutto ciò che lo rende sé stesso, incorporando allo stesso tempo i due elementi che spesso sono invece in disaccordo: la sua sessualità e la sua eredità africana. La tradizione si mescola quindi con il nuovo, dando vita a un prodotto artistico che va davvero oltre i confini di genere.

Akoth Otieno è invece il creatore di “Olissa Kenia” (@olisakenya) e della collezione “Mwanzo” presentata alla Lagos Fashion Week. “Olissa Kenia” è un marchio che, nelle intenzioni del suo fondatore, produce capi unisex e, come ha raccontato Otieno in un’intervista, rappresenta: «dove il nostro passato, presente e futuro si scontrano in movimento. Mwanzo sta cercando di gettare le basi per la casa che intendiamo costruire. Per questo ci siamo concentrati sull’innovazione piuttosto che sulla novità. […] Le sagome sono volutamente impenitenti, e metà è perché siamo cresciuti negli ultimi due anni, dove ora abbracciamo il nostro potere».

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Olisa Kenya (@olisakenya)

Infine “Oshobor” (@peteroshobor), il brand di Peter Dawn Oshobor, è dichiaratamente un marchio androgino che alla Fashion Week ha mostrato “Na Man You Be”, una collezione in tre pezzi che sfida apertamente la mascolinità della tradizione africana. Nel dialetto locale, il titolo significa “You’re a man”, “Tu sei un uomo”, e il riferimento vuole riflettere il rapporto tra padri e figli. Oshobor ha dichiarato: «I padri sono i modelli di mascolinità per i figli. La loro relazione, specialmente all’interno dell’Africa tradizionale, sebbene solida, di solito manca di espressioni ed emozioni. La mia ispirazione non riguarda solo la mascolinità, ma la mascolinità nel contesto africano. Pertanto, mi concentro su abiti in voga con un tocco africano, per enfatizzare l’afrocentricità dell’arte e la sua ispirazione».

Corpi che sfidano le norme di genere, la tradizione e la mascolinità – principalmente tossica – per reinventarli e parlare un linguaggio nuovo, più inclusivo, deciso a non nascondersi e disposto a sfidare apertamente chi vorrebbe invece eliminarli. La Lagos Fashion Week quest’anno è stata davvero sinonimo di innovazione e di coraggio, attraverso l’arte di quattro designer che hanno fatto della moda, e dei loro capi, un gesto di ribellione e protesta.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Tormentoni Queer estate 2024

Estate 2024, quali sono i tormentoni queer? La playlist di Gay.it

Musica - Luca Diana 4.6.24
Namibia, sentenza storica depenalizza l’omosessualità, ma il governo potrebbe appellarsi alla Corte Suprema

Namibia, sentenza storica depenalizza l’omosessualità, ma il governo potrebbe appellarsi alla Corte Suprema

News - Francesca Di Feo 22.6.24
Brian May: "Freddie Mercury non avrebbe voluto essere definito "queer", l'omofobia colpì i Queen" - Freddie Mercury 2 - Gay.it

Brian May: “Freddie Mercury non avrebbe voluto essere definito “queer”, l’omofobia colpì i Queen”

Musica - Redazione 21.6.24
Libri LGBTQIA+, le novità: di euforia, di santi, diavoli, altricorpi e femminielli - Matteo B Bianchi3 - Gay.it

Libri LGBTQIA+, le novità: di euforia, di santi, diavoli, altricorpi e femminielli

Culture - Federico Colombo 22.6.24
Brian May: "Freddie Mercury non avrebbe voluto essere definito "queer", l'omofobia colpì i Queen" - Freddie Mercury 2 - Gay.it

Brian May: “Freddie Mercury non avrebbe voluto essere definito “queer”, l’omofobia colpì i Queen”

Musica - Redazione 21.6.24
Fedez annuncia apertura canale OnlyFans

Fedez cede a OnlyFans e apre il suo canale: “Mi consigliano di ripulirmi l’immagine e faccio il contrario”

News - Emanuele Corbo 21.6.24

I nostri contenuti
sono diversi

Tom Daley e Stefano Belotti

Chi è Stefano Belotti, il tuffatore azzurro che augura buon compleanno a Tom Daley

Lifestyle - Mandalina Di Biase 22.5.24
uganda-aggressione-attivista

Uganda, attivista per i diritti LGBTQIA+ accoltellato in pieno giorno nei pressi della sua abitazione

News - Francesca Di Feo 4.1.24
Gabriele Esposito, Giuseppe Giofrè e Simone Susinna - Foto: Instagram

18 bollenti mutande indossate per Calvin Klein

Lifestyle - Luca Diana 5.1.24
Alessandro Michele - Creative Director Valentino

Valentino, Alessandro Michele direttore creativo dopo l’addio di Pierpaolo Piccioli che andrebbe da Chanel

Lifestyle - Mandalina Di Biase 28.3.24
Non Voltarti – Storie di Quartiere

Non Voltarti: Levi’s celebra la comunità queer di Porta Venezia

Lifestyle - Redazione Milano 31.5.24
Eurovision 2024, l'artista non binario Nemo rappresenta la Svizzera con il brano manifesto The Code (VIDEO) - Nemo allEurovision 2024 - Gay.it

Eurovision 2024, l’artista non binario Nemo rappresenta la Svizzera con il brano manifesto The Code (VIDEO)

Culture - Federico Boni 29.2.24
uganda uomo arrestato

Uganda, la Corte Costituzionale conferma la terribile legge omobitransfobica

News - Redazione 4.4.24
Gucci Gift Campaign (Courtesy of Gucci)

A chi fanno (ancora) paura i baci gay?

Culture - Riccardo Conte 9.1.24