E se gli Oscar fossero gender neutral?

Perché gli Academy sono l'unica cerimonia che divide ancora uomini e donne?

ascolta:
0:00
-
0:00
oscar gender neutral
cover di luca la bona
4 min. di lettura

In questi giorni Emma Corrin ha chiesto agli Oscar di introdurre delle categorie gender neutral.

Corrin – i cui pronomi sono they/them e si identifica come non binary – ha fatto notare che la divisione binaria tra migliori attori e migliori attrici diventa un problema per chiunque esce da quello spectrum: “È difficile per me al momento giustificare il mio non binarismo ed essere nominat* in queste categorie” ha dichiarato la star di The Crown (nel 2021 ha vinto l’Emmy come miglior attrice non protagonista nel ruolo di Diana Spencer).

Corrin ha sottolineato che il cambiamento deve avvenire dall’interno dell’industria stessa, proponendo più materiale che includa effettivamente persone non binarie nel cast, e solo in quel caso si avvertirà una maggiore ‘urgenza’ a risolverlo.

emma corrin
Emma Corrin al teatro in ‘Orlando’

Non è lə primə a parlarne: nel 2021 Asia Kate Dillon, non binary e star della serie Billions, l’ha definita una pratica ‘esclusiva e piuttosto pericolosa’ ponendo la domanda da un milione di dollari: che senso ha dividere migliori attrici e migliori attori? Perché dovrebbe essere così rilevante nei meriti dell’interpretazione migliore?

Mi piacerebbe capire se per i tuoi occhi ‘attore’ o ‘attrice’ denotano anatomia o identità di genere e perché è così necessario renderlo presente sin dal principio?” dichiara Dillion “La ragione per cui vorrei aprire questa conversazione con voi è perché queste categorie si rivolgono alla ‘miglior performance di una person che si identifica come donna’ e ‘miglior persona di una persona che si identifica come uomo’ e non c’è spazio per la mia identità all’interno di un sistema binario. Inoltre, se lei categorie ‘attore’ e ‘attrice’ hanno il fine di puntualizzare il sesso assegnato, con tutto il rispetto, perché mai dovrebbe essere necessario?”

Con una nuova award season alle porte, gli Academy non hanno ancora dato cenni di cambiamento concreto. Eppure se fuoriusciamo dall’ottica dei premi, il potere della recitazione trascende l’etichetta: Corrin stessə dichiara di non avere la minima intenzione di rifiutare interpretazioni femminili o limitare l’integrità del suo lavoro, sottolineando che il suo binarismo non rifiuta la femminilità ma l’accoglie in un abbraccio più ampio: “Voglio ancora interpretare donne, la mia esperienza su questa terra è quella femminile – e adesso è diventata molto più fluida“.

Per alcunə ritrovarsi a competere contro una controparte maschile e cis è già una risposta sovversiva: “Preferisco mille volte battere un gruppo di uomini cis piuttosto che togliere il premio ad una donna” dichiara Becca Blackwell, star non binary della piece teatrale e premio Pulitzer Hurricane Diane: “Mi piace scherzare e dire che sarò la prima persona con una vagina a vincere il premio per miglior attore“.

Gli Oscar sono l’ultima cerimonia (insieme ai SAGs, i Critics Choice, e i Tony Awards), nel campo artistico e audiovisivo, a dividere maschi e femmine sin dal 1922. Ai Grammy Awards come all’ultima cerimonia degli Emmys ogni categoria è al massimo divisa per il genere dell’opera (best pop record, best rock record, best R&B, comedy, drama, musical etc.) ma ogni attore, attrice, e chiunque-nel-mezzo gareggia insieme.

asia kate dillon
Asia Kate Dillon in BILLIONS

Ma dove risiede il problema?

La principale obiezione comporterebbe un maggiore ‘disequilibrio’ da entrambe le parti: Mark Harris, esperto della stagione dei premi e autore per Vanity Fair, la definisce ‘una parità di facciata all’interno di un’industria dove la parità non esiste’.

Le principali nomination per la recitazione (miglior attore, miglior attrice, migliore attore non protagonista, migliore attrice non protagonista) verrebbero così ridotte a due, con il rischio che ogni controparte rischi di dominare sull’altra senza un equo pari merito: “Sarebbe come a dire che il sessismo è risolto e non dobbiamo più prestarci attenzione, anche se la vasta maggioranza dei votanti della cerimonia sono uomini. ” spiega Harris al New York Times.

Come fa notare Melissa Silverstein, editor per il sito Women and Hollywood, in buona parte delle premiazioni gender neutral (quindi miglior regista, miglio produttore, o cinematografia) gli uomini dominano la concorrenza, ottenendo molte più nomination delle donne, e stando ai dati del Television Critics Association rilevati da Steve Pond nel 2017, la controparte maschile ha sempre vinto – rispettivamente nelle categorie drama e comedy – almeno sette volte su 10.

Le due categorie oltre a ridurre le chances di vittoria del 50%, avrebbero anche meno star in gara, qualcosa che né i canali né la produzione o tantomeno il pubblico vorrebbe.

E quindi che si fa? Per Corbin Bolies, media reporter di Daily Beast, la soluzione sarebbe aumentare le nomination da 4 a 10 (praticamente come Best Picture).

Inoltre negli ultimi anni la stagione dei premi ha riservato più di qualche plot twist: vedi la vittoria come miglior regista a Jane Campion quest’anno e Chloe Zao nel 2021 o i Dora Awards 2019 dominati da donne nere. Secondo Jacoba Knaapen, director esecutiva del Toronto Alliance for Performing Acts la diseguaglianza all’interno dell’industria è innegabile, ma ci si sta cominciando a ribilanciare.

Proprio per questo tanto vale correre il “rischio”, tanto da portare nel ‘peggiore’ dei casi ad un’ulteriore dimostrazione e denuncia dell’assenza di equità all’interno di un sistema che Bolies definisce ‘fratturato’ già di per sé.

Come ha ribadito Dillon “Ci ritroveremmo a fare i conti con la disuguaglianza che c’è ad Hollywood, e c’è sempre stata quando si parla di genere, così come con l’etnia”.

 

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

CameraModaUnarAFG photo da IG: Tamu McPherson

Milano Fashion Week e lotta alla discriminazione, siglato accordo tra Unar e Camera della Moda

Lifestyle - Mandalina Di Biase 20.2.24
Heartstopper 3, parla Joe Locke: "Sarà più cupa e sexy, parleremo anche di salute mentale" - Joe Locke - Gay.it

Heartstopper 3, parla Joe Locke: “Sarà più cupa e sexy, parleremo anche di salute mentale”

Serie Tv - Redazione 20.2.24
Grecia, l'Alessandro Magno bisessuale di Netflix finisce in parlamento: "Deplorevole, inaccettabile e antistorico" - Alessandro Magno - Gay.it

Grecia, l’Alessandro Magno bisessuale di Netflix finisce in parlamento: “Deplorevole, inaccettabile e antistorico”

Serie Tv - Redazione 21.2.24
Foto: SchiDechDaily

Parità di genere nella Preistoria? Le donne erano cacciatrici come gli uomini (e anche meglio!)

News - Redazione Milano 20.2.24
thailandia-matrimonio-egualitario

La Thailandia verso il matrimonio egualitario: approvazione del disegno di legge entro fine anno

News - Francesca Di Feo 19.2.24
glaad-gaming-report

Il 17% dellǝ appassionatǝ di videogames è queer, ma l’industria ci rappresenta? Il rapporto di GLAAD

Culture - Francesca Di Feo 14.2.24

Leggere fa bene

Fka Twigs per Calvin Klein (2023)

Perché hanno censurato FKA Twigs, tra oggettificazione sessuale e double standard

Corpi - Redazione Milano 12.1.24
(Phonoplay International)

Adorabile Jodel, in Svizzera arriva il primo gruppo per uomini gay!

Lifestyle - Redazione Milano 31.1.24
Il regista Ary Zara potrebbe fare la storia agli Oscar 2024 con il corto An Avocado Pit - Il regista trans Ary Zara potrebbe fare la storia agli Oscar 2024 con il corto An Avocado Pit - Gay.it

Il regista Ary Zara potrebbe fare la storia agli Oscar 2024 con il corto An Avocado Pit

Cinema - Redazione 10.1.24
"Le variabili dipendenti", il corto queer di Lorenzo Tardella è in corsa per gli Oscar 2024 - cover Le Variabili Dipendenti - Gay.it

“Le variabili dipendenti”, il corto queer di Lorenzo Tardella è in corsa per gli Oscar 2024

Cinema - Federico Boni 15.11.23
c'è ancora domani

Per fortuna c’è ancora Paola Cortellesi

Cinema - Riccardo Conte 14.11.23
messico-giudice-non-binari-trovat-mort

Messico, lǝ primǝ giudice apertamente non binariǝ trovatǝ senza vita insieme al compagno nel loro appartamento

News - Francesca Di Feo 15.11.23
@tracelysette

C’è possibilità per le attrici trans agli Oscar?

Cinema - Redazione Milano 29.9.23
salerno transgender

Salerno, ecco l’Ambulatorio di Medicina di Genere per persone transgender e non binarie: intervista

Corpi - Francesca Di Feo 10.11.23