Malika, la Procura apre un’inchiesta sul caso della ragazza cacciata di casa e minacciata perché lesbica

"Ho sporto denuncia contro i miei genitori il 18 gennaio 2021, ma fino a ieri l’altro non è stato fatto praticamente nulla di concreto. Ho dovuto ricorrere alla stampa per farmi sentire", ha precisato la 22enne toscana.

Malika, la Procura apre un'inchiesta sul caso della ragazza cacciata di casa e minacciata perché lesbica - Malika Chalhy - Gay.it
3 min. di lettura

Malika Chalhy potrebbe avere giustizia. La ragazza aveva denunciato ai Carabinieri la cacciata di casa da parte dei genitori al momento del suo coming out, lo scorso 4 gennaio, compresi anche i numerosi insulti che la famiglia non le ha risparmiato.

Per questo motivo, la Procura di Firenze ha deciso di aprire un’inchiesta per violenza privata.

La ragazza 22enne, originaria di Castelfiorentino, dopo essere stata cacciata di casa ha ricevuto messaggi e note vocali dalla madre, che le ha inviato minacce di morte, offese impronunciabili e l’ha ripudiata come figlia.

Il tutto, ora è al vaglio delle Forze dell’Ordine, dopo l’ordine del pm Giovanni Solinas di verificare se siano stati commessi dei reati che la giovane non ha evidenziato al momento della denuncia, tre mesi fa.

I vergognosi messaggi della madre a Malika

Dalla sua, Malika Chalhy non scorderà mai quei messaggi da parte della madre, che arrivava ad augurarle un tumore, affermando che sarebbe stato meglio avere una figlia drogata piuttosto che lesbica.

Sei uno schifo, lesbica, se ti vedo t’ammazzo. Non mi portare a casa quella p*ttana perché le taglio la gola, sei la rovina della nostra famigli.

Ti auguro un tumore, sei la rovina della famiglia, meglio una figlia drogata che lesbica.

Se torni ti ammazziamo, meglio 50 anni di carcere che una figlia lesbica.

Le parole di Malika sul ddl Zan

Intervistata da FanPage, Malika Chalhy ha spiegato quanto sostegno abbia ricevuto nel giro di poche ore, ribandendo anche l’importanza del ddl Zan:

Venerdì sono andata a dormire sentendomi grata per aver avuto finalmente la possibilità di denunciare le violenze dei miei genitori e della mia famiglia, ma credendo che il giorno dopo tutto sarebbe tornato come prima.

Non è stato così. Il sostegno che sto ricevendo è enorme, sia da parte dell’opinione pubblica che di personaggi noti delle istituzioni e del mondo dello spettacolo. Sono profondamente grata per tutto questo, per me è come rinascere.

Malika riserva però una critica alla burocrazia italiana. Nulla era stato fatto, finché la storia non è stata resa pubblica:

Ho sporto denuncia contro i miei genitori il 18 gennaio 2021, ma fino a ieri l’altro non è stato fatto praticamente nulla di concreto.

Ho dovuto ricorrere alla stampa per farmi sentire, sono felice che alla fine la mia richiesta di ascolto sia arrivata, ma mi chiedo: quante grida di aiuto si perdono nelle maglie della burocrazia italiana?

E sul ddl Zan:

Penso che la libertà di espressione non abbia nulla a che vedere con gli insulti, le offese e le minacce. D’altra parte, se i miei genitori non mi avessero minacciata di morte e offesa così nel profondo, non sarei arrivata a denunciare. Il confine è chiaro.

Penso anche che quando si parla di amore e di rapporti contestualizzati in dinamiche consensuali, nessuno abbia il diritto di mettere bocca.

Ognuno deve essere libero di amare chi vuole, perché come ho già detto nel vostro servizio, l’amore non fa male a nessuno. Amare è sempre una cosa buona, di principio.

E proprio riguardo alla legge contro l’omotransfobia, la misoginia e l’abilismo, ha lanciato un appello tramite una storia di Instagram:

malika chalhy
Il suo appello a sostegno della legge Zan.

Il sostegno a Malika Chalhy

Grazie al sostegno ricevuto, ora ha un tetto sopra la testa potrà pagarsi le spese legali per un eventuale processo, la spesa, l’automobile e, un giorno, anche un affitto.

Malika Chalhy ha ricevuto un grandissimo sostegno dalla comunità, in primis dal sindaco di Castelfiorentino, Alessio Falorni, il quale ha rivolto un appello per aiutare la ragazza.

Ma tantissimi commenti anche dai social, con persone che si erano addirittura offerte di ospitare la ragazza.

malika chalhy
Alcuni commenti arrivati a Malika.

malika chalhy

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.
Avatar
gioric70 12.4.21 - 18:41

Mammina cara, come il film, forse andresti seguita, ma molto bene, ma credo nella mia ignoranza in materia che non ne caverebbero un ragno da un buco. Non ci sarebbe soluzione alcuna. Vergognati di essere madre e a tenere certi comportamenti, assumere certi atteggiamenti e usare certi linguaggi nei confronti di chi è sangue e carne del tuo sangue e della tua carne! Non meriti neanche di essere denunciata. Spero che qualcuno si prenda cura di te perchè tua figlia purtroppo per te è già sulla strada buona per cavarsela ma persone come te non credo ce la facciano senza l'aiuto di qualcuno che non esiste, questo è poco ma sicuro! In bocca al lupo a entrambi anche se con lupi molto diversi.

Trending

10 attori e attrici trans ad hollywood

10 star della comunità trans* che stanno rivoluzionando Hollywood

Cinema - Gio Arcuri 23.5.24
Marco Mengoni e Angelina Mango, arriva il duetto

Marco Mengoni duetta con Angelina Mango nell’album “poké melodrama”: svelati tutti gli ospiti

Musica - Emanuele Corbo 27.5.24
Culattone, checca, finocchio e gli altri: origine e storia degli insulti contro i gay - cover insulti - Gay.it

Culattone, checca, finocchio e gli altri: origine e storia degli insulti contro i gay

News - Redazione 28.5.24
teramo-estorsione-uomini-gay-grindr

Reggio Calabria, uomo gay adescato tramite app picchiato, insultato e derubato da tre ragazzi

News - Redazione 28.5.24
Elezioni europee: "Io Voto! E porto la comunità LGBTIQ+ al voto", la campagna di Arcigay

Elezioni europee: “Io Voto! E porto la comunità LGBTIQ+ al voto”, la campagna di Arcigay

News - Gay.it 28.5.24
Simona Fatima Cira Aiello

Chi è Simona Aiello donna trans candidata con Giorgia Meloni e Fratelli d’Italia alle comunali

News - Mandalina Di Biase 28.5.24

I nostri contenuti
sono diversi

Accusata di essersi inventata la recensione omofoba di un cliente, è morta la ristoratrice Giovanna Pedretti - Giovanna Pedretti - Gay.it

Accusata di essersi inventata la recensione omofoba di un cliente, è morta la ristoratrice Giovanna Pedretti

News - Redazione 15.1.24
russia-putin-comunita-lgbt-bambini

Russia, Putin sulla comunità LGBTQIA+: “Giù le mani dai bambini”

News - Redazione Milano 23.2.24
Alessandro Zan, l'intervista: "Il governo Meloni normalizza l'intolleranza. Dobbiamo tornare ad indignarci, resistere e reagire" - Alessandro Zan - Gay.it

Alessandro Zan, l’intervista: “Il governo Meloni normalizza l’intolleranza. Dobbiamo tornare ad indignarci, resistere e reagire”

News - Federico Boni 19.1.24
Settimo torinese, insulti omofobi sui manifesti del candidato Pd Antonio Augelli: "Fr*cio" - Settimo insulti omofobi manifesti elettorali Antonio Augelli - Gay.it

Settimo torinese, insulti omofobi sui manifesti del candidato Pd Antonio Augelli: “Fr*cio”

News - Redazione 15.5.24
Europee 2024, intervista a Monica Romano: “Femminismo, diritti e lavoro al centro, perplessa su Tarquinio candidato PD". E a Vannacci dice che... - Monica J. Romano - Gay.it

Europee 2024, intervista a Monica Romano: “Femminismo, diritti e lavoro al centro, perplessa su Tarquinio candidato PD”. E a Vannacci dice che…

News - Federico Boni 8.5.24
Essere gay e candidarsi come sindaco in provincia, attacchi omofobi a Riccardo Vannetti: "La risposta è l'educazione alle diversità" - INTERVISTA - riccardo vannetti - Gay.it

Essere gay e candidarsi come sindaco in provincia, attacchi omofobi a Riccardo Vannetti: “La risposta è l’educazione alle diversità” – INTERVISTA

News - Francesca Di Feo 17.5.24
Odio LGBTIAQ social network

L’odio social verso la comunità LGBTQIA+ ha conseguenze nella vita reale, ma Meta, X e TikTok non fanno abbastanza per arginarlo

News - Francesca Di Feo 25.1.24
Brittney Griner, dalla prigione russa al primo figlio con sua moglie Cherelle. Il dolce annuncio social - Brittney - Gay.it

Brittney Griner, dalla prigione russa al primo figlio con sua moglie Cherelle. Il dolce annuncio social

News - Redazione 18.4.24