Marocco: il 4 aprile aggrediti e aggressori saranno giudicati

A processo gli aggressori omofobi della coppia gay, ma anche uno dei due malmenati

Marocco: il 4 aprile aggrediti e aggressori saranno giudicati - pestaggio marocco base 2 - Gay.it
2 min. di lettura

Almeno cinque delle persone accusate di aver aggredito brutalmente una coppia gay a Beni Mellal sono appena stati arrestati dalla polizia. I cinque in questione si sono stati presentati lunedì scorso al posto di polizia secondo un quotidiano locale che ha aggiunto che tra gli aggressori ci sarebbero tre minorenni. Sono accusati di lesioni aggravate.

Marocco: il 4 aprile aggrediti e aggressori saranno giudicati - omofobia marocco - Gay.it

La vicenda è nota anche perché Gay.it è stato il primo a parlarne in Europa, ma oggi sono emersi alcuni dettagli. I fatti, diversamente dalle informazioni precedentemente in nostro possesso, risalgono ai primi di marzo: a Beni Mellal, una popolosa città di mezzo milione di abitanti a nord di Marrakech, sulle alture dei monti dell’Atlante, una coppia gay che stava presumibilmente facendo l’amore a casa di uno dei due è stata letteralmente assalita da una banda di omofobi che li ha insultati, malmenati e cacciati nudi per strada. La vicenda è diventata di dominio pubblico però solo durante lo scorso weekend, quando il video dell’aggressione è comparso sui social network.

Lì per lì, dalla polizia subito dopo l’aggressione è stato identificato uno dei due omosessuali – l’altro è riuscito a scappare – insieme a solo due degli aggressori ma a finire condannato, per il momento, è stato proprio l’uomo gay: la condanna, secondo il terribile articolo 489 del codice penale marocchino che prevede pene fino a tre anni, è stata stabilita in cinque mesi di carcere. La seconda vittima dell’aggressione si è presentata nei giorni scorsi alla polizia ed il suo giudizio davanti al giudice è atteso il prossimo 4 aprile, quando si conoscerà la sorte anche degli omofobi che li hanno aggrediti e che devono rispondere dell’accusa di lesioni aggravate.

Il video della terribile e vile aggressione omofoba:

Marocco: il 4 aprile aggrediti e aggressori saranno giudicati - stampa Taia2 - Gay.it

La storia di Beni Mellal sta attirando l’attenzione non solo dei media occidentali, ma anche di quelli più liberal del Marocco. In un lungo editoriale apparso oggi, il direttore dell’Huffington Post Marocco Hamza Mekouar, partendo dal “Dei delitti e delle pene” di Cesare Beccaria sottolinea l’assurdità della legge che condanna i comportamenti tra due adulti consenzienti e arriva giustamente a sostenere che questa “dà legittimità alle crociate morali ed alle espressioni di odio e di violenza”. Sulla vicenda è intervenuto anche il noto scrittore marocchino Abdellah Taïa in un post su facebook:

Les homosexuel(le)s marocains sont de plus en plus en danger. Non seulement ils sont criminalisés et abandonnés par le…

Pubblicato da Abdellah Taïa su Sabato 26 marzo 2016

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

I film LGBTQIA+ della settimana 10/16 giugno tra tv generalista e streaming - ilm queer - Gay.it

I film LGBTQIA+ della settimana 10/16 giugno tra tv generalista e streaming

Corpi - Federico Boni 10.6.24
Bridgerton 3 conferma la prima storia d'amore queer con il bacio tanto atteso, ecco chi coinvolge (SPOILER) - BRIDGERTON 305 Unit 03509R - Gay.it

Bridgerton 3 conferma la prima storia d’amore queer con il bacio tanto atteso, ecco chi coinvolge (SPOILER)

Serie Tv - Redazione 14.6.24
Mahmood RA TA TA - Il velo e anche la tuta sono del brand palestinese Trashy Clothing

Mahmood fa “RA TA TA” con un velo palestinese che ha un significato

Musica - Mandalina Di Biase 13.6.24
Roma Pride, treno arcobaleno sotto attacco: "È rainbow washing", ma è davvero così? Abbiamo indagato - Roma ecco il primo treno metro rainbow con i colori della Pride Progress VIDEO 2 - Gay.it

Roma Pride, treno arcobaleno sotto attacco: “È rainbow washing”, ma è davvero così? Abbiamo indagato

News - Francesca Di Feo 14.6.24
Lo sportello Arcigay per studenti LGBTQIA+ ha il supporto di Sephora - Sephora bigmama - Gay.it

Lo sportello Arcigay per studenti LGBTQIA+ ha il supporto di Sephora

News - Gay.it 14.6.24
L'Amante dell'Astronauta, l'amore queer "spudoratamente felice" che abbatte limiti ed etichette - Lamante dellastronauta 05 - Gay.it

L’Amante dell’Astronauta, l’amore queer “spudoratamente felice” che abbatte limiti ed etichette

Cinema - Federico Boni 14.6.24

Continua a leggere

Rainbow Map 2024, l'Italia crolla al 36° posto su 49 Paesi per uguaglianza e tutela delle persone LGBT - rainbowmap - Gay.it

Rainbow Map 2024, l’Italia crolla al 36° posto su 49 Paesi per uguaglianza e tutela delle persone LGBT

News - Federico Boni 15.5.24
Marocchin gay suicidio autopsia

Il ragazzo gay marocchino si è suicidato perché l’Italia lo ha respinto? La procura chiede l’autopsia

News - Redazione Milano 5.3.24
pro-vita-manifesti-como-brescia

Pro Vita e Famiglia, nuovi manifesti “anti-gender” a Como e Brescia: la risposta di Arcigay

News - Francesca Di Feo 6.1.24
montenegro-diritti-lgbt

Il Montenegro candidato all’ingresso UE tra “sterilizzazione forzata” delle persone trans e linguaggio d’odio rampante

News - Francesca Di Feo 18.1.24
Roccella e Meloni: "Ci sono le femmine e ci sono i maschi. No teoria gender nelle scuole. GPA disumana" - Giorgia Meloni e Eugenia Roccella - Gay.it

Roccella e Meloni: “Ci sono le femmine e ci sono i maschi. No teoria gender nelle scuole. GPA disumana”

News - Redazione 20.5.24
L’oblio oncologico è legge: un dialogo con l’attivista Laura Marziali - Sessp 11 - Gay.it

L’oblio oncologico è legge: un dialogo con l’attivista Laura Marziali

Corpi - Federico Colombo 28.12.23
elly schlein partio democratico

Abruzzo al voto, Elly Schlein: “Ci battiamo per il diritto delle donne a scegliere del proprio corpo”

News - Redazione 8.3.24
cgil-tesseramento-alias

Anche CGIL apre al tesseramento alias: “L’accoglienza delle tante diversità non è un qualcosa di facoltativo, ma necessario”

News - Francesca Di Feo 21.1.24