“L’omofobia è l’arma più forte di Putin”, intervista ai Militari LGBTIQ ucraini uniti

"La propaganda russa usa l'omofobia come uno degli strumenti più forti, solamente insieme vinceremo"

ascolta:
0:00
-
0:00
"L'omofobia è l'arma più forte di Putin", intervista ai Militari LGBTIQ ucraini uniti - COVER 4 - Gay.it
4 min. di lettura

I militari LGBTI ucraini hanno raccontato a Gay.it che l’omofobia è la Russia. E che la legge di propaganda anti-LGBTQ voluta da Vladimir Putin è l’arma più potente della Russia nella sua guerra di invasione all’Ucraina.

L’associazione Військові ЛГБТ, Militari LGBTIQ ucraini per la parità di diritti, nasce nel 2018, come progetto finanziato dal Democracy Grants (ve ne avevamo parlato qui), Ambasciata degli Stati Uniti in Ucraina, per tutelare i principi di democrazia indipendentemente da ogni scelta politica e sessuale del singolo individuo.

L’obiettivo è quello di raggiungere l’uguaglianza per la comunità LGBT+, il diritto al matrimonio, il diritto ad avere una famiglia a tutti gli effetti e il diritto alla non discriminazione. Oltre a sostenere la tutela dei diritti primari, l’associazione si adopera per dare un sostegno reale a quelle minoranze e gruppi sociali attivi nella guerra, per i militari che partecipano alla difesa dell’Ucraina dall’invasione russa in prima linea, ma anche attraverso la guerra con gli occupanti e i collaborazionisti russi, aiutando il fronte perché abbia la stessa vita dignitosa del resto degli ucraini.

 

 

Con il sostegno dell’NGO Fulcrum e del Fondo canadese CFLI, Військові ЛГБТ, Militari LGBTIQ ucraini per la parità di diritti, ha creato 4 cortometraggi sui militari LGBT, ha istituito gruppi e chat segrete dove poter comunicare e avere un confronto sicuro all’interno della comunità, e una rete capillare di militari LGBT+ che lavorano apertamente per la tutela di chi si trova in trincea e si scontra, non solo con la tragedia della guerra, ma anche con tutte le problematiche legate alla proprio orientamento sessuale in relazione al lavoro.

Abbiamo intervistato Maksym Potapovych, attivo nell’associazione e responsabile SMM dell’ONG KyivPride.

 

"L'omofobia è l'arma più forte di Putin", intervista ai Militari LGBTIQ ucraini uniti - IMG 6354 - Gay.it
@srgtok

Come nasce Ukranian LGBT Military ?

L’associazione “Militari LGBTIQ ucraini per la parità di diritti” è stata creata nel 2018 dopo la mostra di Anton Shebetko “Noi eravamo qui”. Durante la mostra, il nostro leader, Viktor Pylypenko, ha fatto il primo coming out come veterano di guerra. Ci riuniamo per ottenere pari diritti con gli altri cittadini ucraini. Nel 2018, la nostra associazione ha partecipato con una colonna separata alla Marcia dell’Uguaglianza, organizzata dal KyivPride. (Leggi > Intervista alla leader del Kiev Pride)

 

Omosessualità in Ucraina, cosa pensate della situazione attuale?

La situazione sta migliorando. Secondo un sondaggio dell’organizzazione Nash Svit, circa il 58% sostiene le persone LGBTIQ in Ucraina e l’81% è favorevole alla partecipazione delle persone queer alla lotta contro l’aggressione russa. Lo status dell’Ucraina come candidato all’Unione Europea ci fa sperare che i diritti delle persone LGBTIQ saranno raggiunti molto presto.

 

"L'omofobia è l'arma più forte di Putin", intervista ai Militari LGBTIQ ucraini uniti - image 6487327 1 2 - Gay.it
Viktor Pylypenko è il primo militare apertamente gay dell’Ucraina. Viktor ha partecipato alla Rivoluzione della dignità nelle truppe della Difesa civile. Dopo la Rivoluzione si è arruolato volontario al fronte nel battaglione di volontari del Donbas, dove ha trascorso 1 anno e 8 mesi come operatore del lanciagranate anticarro SPG-9 e paramedico. Nel 2018 Viktor ha unito un gruppo di militari LGBT+ per partecipare alla marcia annuale KyivPride. Viktor Pylypenko lavora presso l’ONG Fulcrum UA come Program Manager e conduce progetti di tutela dei diritti umani.

 

Sul vostro sito parlate di tre gruppi e chat segrete su Facebook, siete censurati nei social e nella comunicazione?

C’è una chat chiusa per i soldati queer, dove possono sostenersi a vicenda. È uno spazio sicuro dove possono essere se stessi. D’altra parte, nelle nostre pagine sui social media, raccontiamo sempre più storie di coming out. I soldati ucraini queer vogliono vivere una vita libera, quindi sono sempre più aperti. Certo, devono affrontare delle difficoltà come molte persone LGBTIQ, ma il sostegno delle persone sui social media è molto più grande.

 

"L'omofobia è l'arma più forte di Putin", intervista ai Militari LGBTIQ ucraini uniti - image 6487327 2 - Gay.it

 

Parliamo della propaganda omofoba russa e dell’effetto che ha su voi, persone queer ucraine

La propaganda russa usa l’omofobia come uno degli strumenti più forti a sua disposizione. Spesso raccontano storie false sul cosiddetto battaglione gay nel nostro esercito, ma nelle forze armate ci sono solo persone apertamente omosessuali. Il mondo russo non sostiene i diritti umani, mostra solo la discriminazione, quindi spesso pronunciamo lo slogan “l’omofobia è la Russia” per ribadire alla società ucraina democratica che noi non siamo la Russia, l’Ucraina è un Paese libero e moderno.

 

Quali sono le principali difficoltà legate al mondo LGBTQ nell’esercito?

Una delle sfide più grandi per i nostri soldati queer è quella di fare un coming out sicuro, dentro e fuori. Ma la situazione sta migliorando sempre di più perché la discriminazione non è tollerata dal capo delle Forze Armate. Se c’è omofobia, ci sono molti modi per combatterla e risolverla. Il nostro esercito è già al livello della NATO, quindi è nostro scopo sostenere l’uguaglianza in ogni aspetto dell’esercito.

 

"L'omofobia è l'arma più forte di Putin", intervista ai Militari LGBTIQ ucraini uniti - image 6487327 2 1 - Gay.it
Yaryna Chornohuz si è offerta volontaria in prima linea nel 2019 come paramedico del Battaglione Medico “Hospitallers”, impegnata nell’evacuazione dei feriti. Durante la Rivoluzione della dignità è stata attivista delle truppe di autodifesa del Maidan, membro del comitato di sciopero dell’Accademia di Kyiv-Mohyla, ha partecipato all’organizzazione di marce e azioni studentesche. Yaryna è apertamente bisessuale e ha lavorato come soldato nelle Forze armate ucraine.

 

Qual è il vostro messaggio per lettori di Gay.it?

La guerra non è finita. Abbiamo ancora bisogno del vostro sostegno e della vostra voce. Abbiamo bisogno di un numero sempre maggiore di armi, di sanzioni e di vietare l’ingresso dei russi nella vostra società. Solo insieme vinceremo. E vi invito anche a partecipare alla marcia per la vittoria dell’uguaglianza a Kiev.

 

https://www.instagram.com/lgbtiqmilitary/

https://linktr.ee/lgbtmilitary

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Cannes 2024, ecco i 17 film LGBTQIA+ in corsa per la Queer Palm - Block Pass - Gay.it

Cannes 2024, ecco i 17 film LGBTQIA+ in corsa per la Queer Palm

Cinema - Federico Boni 17.5.24
Il masturbatore nella versione standard LELO F1S V3

Recensione di LELO F1S™ V3: il masturbatore per persone pene-dotate che usa le onde sonore e l’intelligenza artificiale

Corpi - Gio Arcuri 10.4.24
Sethu, è uscito il suo primo album "Tutti i colori del buio"

Sethu e i colori del buio: “Canto per tendere una mano a me stesso e agli altri, dopo Sanremo la depressione” – Intervista

Musica - Emanuele Corbo 17.5.24
parma pride 2024 intervista

Intervista a Parma Pride 2024: “Nutriamo l’amore! Le unioni civili sono un ripiego”

News - Gio Arcuri 14.5.24
Bridgerton, la showrunner Jess Brownell annuncia l'arrivo di una storia d'amore queer - BRIDGERTON 302 Unit 00627R - Gay.it

Bridgerton, la showrunner Jess Brownell annuncia l’arrivo di una storia d’amore queer

Serie Tv - Redazione 16.5.24
15 persone famose che non sapevi fossero non binarie - 10 persone famose che non sapevi fossero non binarie - Gay.it

15 persone famose che non sapevi fossero non binarie

Corpi - Gio Arcuri 13.5.24

Hai già letto
queste storie?

taiwan-intervista-post-elezioni (5)

Taiwan: “La Cina una minaccia costante, soprattutto per la comunità queer” parla un’attivista LGBTIQ+

News - Francesca Di Feo 14.2.24
Il Mio Posto è Qui, intervista ai registi: "Emancipazione femminile e orgoglio queer, la Rai non ha voluto il nostro film" - il mio posto e qui - Gay.it

Il Mio Posto è Qui, intervista ai registi: “Emancipazione femminile e orgoglio queer, la Rai non ha voluto il nostro film”

Cinema - Federico Boni 23.4.24
Barbara Masini Azione Elezioni Europee

Europee 2024, intervista a Barbara Masini di Azione: “Italia peggiorata sui diritti, le famiglie sono tutte uguali”

News - Federico Boni 14.5.24
russia-repressione

Russia, nuova ondata repressiva verso comunità LGBTQIA+ e dissidenti politici

News - Francesca Di Feo 21.11.23
Silvio Berlusconi Vladimir Putin omosessualità psicologica

Tra Berlusconi e Putin “un legame di omosessualità psicologica”: Vladimir donò un cuore di capriolo a Silvio, che vomitò

News - Mandalina Di Biase 6.5.24
“La vita che merito. Voci di rinascita LGBTQIA+”, intervista all'autore del podcast Giorgio Umberto Bozzo - La vita che merito. Voci di rinascita LGBTQIA COVER - Gay.it

“La vita che merito. Voci di rinascita LGBTQIA+”, intervista all’autore del podcast Giorgio Umberto Bozzo

Culture - Federico Boni 7.12.23
Guglielmo Scilla, intervista: "Mi sconsigliarono di fare coming out. Potessi tornare indietro lo farei prima" - Guglielmo Scilla foto - Gay.it

Guglielmo Scilla, intervista: “Mi sconsigliarono di fare coming out. Potessi tornare indietro lo farei prima”

Culture - Federico Boni 18.4.24
Alessandro Zan, l'intervista: "Il governo Meloni normalizza l'intolleranza. Dobbiamo tornare ad indignarci, resistere e reagire" - Alessandro Zan - Gay.it

Alessandro Zan, l’intervista: “Il governo Meloni normalizza l’intolleranza. Dobbiamo tornare ad indignarci, resistere e reagire”

News - Federico Boni 19.1.24