Nuoto, la Federazione mondiale bandisce le atlete trans*: “In gara solo se in transizione prima dei 12 anni”

Nel frattempo si lavora ad una "nuova categoria aperta" anche alle atlete transgender.

ascolta:
0:00
-
0:00
Lia Thomas nella storia: prima nuotatrice trans a vincere alla NCAA
Lia Thomas è la seconda nuotatrice transgender a vincere il campionato della NCAA, dopo
2 min. di lettura

Nel pieno dei mondiali di nuoto, la FINA (Federazione internazionale di nuoto) ha votato ieri una nuova politica sull’inclusione di genere, nel corso del Congresso Generale Straordinario FINA 2022.

Il voto, che ha ottenuto il 71,5 per cento dei favorevoli, ha avuto luogo dopo che il Congresso ha ascoltato il rapporto redatto da una ‘commissione’ composta da tre gruppi di specialisti: un gruppo di atleti, un gruppo medico e scientifico e un gruppo legale e per i diritti umani.

Dopo aver analizzato le conclusioni della commissione, la FINA ha sviluppato una nuova politica che si applicherà a tutti gli eventi ufficiali. In sostanza, da oggi in avanti saranno ammesse alle competizioni ufficiali soltanto le atlete transgender che hanno effettuato la transizione prima di aver compiuto i 12 anni. Un divieto praticamente totale, considerando il bassissimo limite d’età imposto. “Il sesso biologico è una determinante chiave per le prestazioni atletiche”, si legge nel documento che praticamente smentisce quando detto dal CIO solo pochi mesi fa. “Il divario che si crea in esse è dovuto anche alle differenze di sesso che emergono all’inizio della pubertà”. Ecco perché il limite imposto a 12 anni.

La FINA, contestualmente, istituirà un nuovo gruppo di lavoro che trascorrerà i prossimi sei mesi ad esaminare i modi più efficaci per creare una nuova categoria “aperta” agli atleti transgender. Una categoria ad hoc che rischia di trasformarsi in una sorta di “prigione”, in cui competere solo tra atleti trans. “Non voglio che a un’atleta venga detto che non può competere ai massimi livelli“, ha detto Husain Al-Musallam, presidente della Federazione internazionale. “Fonderò un gruppo di lavoro per creare una categoria aperta durante le nostre competizioni. Saremo la prima federazione a farlo”. “La FINA accoglierà sempre ogni atleta. La creazione di una categoria aperta significherà che tutti avranno l’opportunità di competere a livello d’élite. Voglio che tutti gli atleti si sentano coinvolti nella possibilità di sviluppare idee nel corso di questo processo. Dobbiamo proteggere i diritti dei nostri atleti a competere, ma dobbiamo anche proteggere l’equità competitiva nei nostri eventi, in particolare la categoria femminile alle competizioni Fina”.

La nuova politica di inclusione di genere entrerà in vigore oggi, 20 giugno 2022. Una decisione, quella presa dal massimo organismo mondiale relativo al nuoto, che segue mesi di polemiche a stelle e strisce nei confronti di Lia Thomas, prima campionessa NCAA transgender nella storia della Divisione I dopo aver vinto le 500 yard stile libero femminili. Da oggi Thomas non potrà più gareggiare in competizioni ufficiali.

Precedentemente il CIO, che ha negato vantaggi fisici delle atlete trans nei confronti delle colleghe cisgender, aveva affidato ai singoli organi sportivi il compito di prendere posizione sulle atlete transgender. La FINA ha così rotto gli indugi.

Amaro il commento social di Vladimir Luxuria: “La Federazione Internazionale di Nuoto dice no alle nuotatrici trans nelle gare fenminili: occorrerà aver superato 12 anni dal completamento della transizione, ovvero mai. Qualcuno potrà gioire, per me è il fallimento del principio di inclusione dello sport“.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Nemo The Code significato e come è nata

Nemo, il magnifico testo non binario di “The Code” è nato così: ecco cosa racconta davvero

Musica - Mandalina Di Biase 13.5.24
Sarah Toscano, Amici 23

Sarah Toscano vince Amici 23: è lei la popstar del futuro

Culture - Luca Diana 19.5.24
Andrew Scott per Quinn (2024)

Andrew Scott presta la voce ad un’app di racconti erotici

Culture - Redazione Milano 16.5.24
Cannes 2024, ecco i 17 film LGBTQIA+ in corsa per la Queer Palm - Block Pass - Gay.it

Cannes 2024, ecco i 17 film LGBTQIA+ in corsa per la Queer Palm

Cinema - Federico Boni 17.5.24
Taiwan, la drag queen Nymphia Wind si esibisce per la presidente uscente Tsai Ing-wen (VIDEO) - Nymphia Wind - Gay.it

Taiwan, la drag queen Nymphia Wind si esibisce per la presidente uscente Tsai Ing-wen (VIDEO)

News - Redazione 17.5.24
Essere gay e candidarsi come sindaco in provincia, attacchi omofobi a Riccardo Vannetti: "La risposta è l'educazione alle diversità" - INTERVISTA - riccardo vannetti - Gay.it

Essere gay e candidarsi come sindaco in provincia, attacchi omofobi a Riccardo Vannetti: “La risposta è l’educazione alle diversità” – INTERVISTA

News - Francesca Di Feo 17.5.24

Hai già letto
queste storie?

liz truss diritti lgbtq rights

Regno Unito, l’ex premier Liz Truss vuole vietare la transizione di genere ai minori di 18 anni

News - Redazione 4.12.23
Tom Daley torna in acqua dopo due anni e vince subito un oro. È pronto per le Olimpiadi di Parigi - Tom Daley oro - Gay.it

Tom Daley torna in acqua dopo due anni e vince subito un oro. È pronto per le Olimpiadi di Parigi

Corpi - Redazione 20.12.23
Jacob Elordi Frankestein Giullermo Del Toro

Jacob Elordi sarà Frankenstein nel 2024, cosa sappiamo del cult queer diretto da Guillermo Del Toro.

Cinema - Redazione Milano 8.1.24
Consumo di contenuti p0rn0 con persone trans nel mondo - dati forniti da Pornhub

L’Italia è la nazione che guarda più p0rn0 con persone trans*

News - Redazione Milano 20.4.24
Tommy Dorfman ha sposato l'amata Elise: "Celebriamo l'amore trans e queer con il mondo" - Tommy Dorfman ha sposato lamata Elise - Gay.it

Tommy Dorfman ha sposato l’amata Elise: “Celebriamo l’amore trans e queer con il mondo”

Culture - Redazione 6.5.24
J.K. Rowling centro stupri anti-trans* Gay.it

Nuova bufera su J.K. Rowling, accusata di negazionismo dell’Olocausto nei confronti delle persone trans

News - Federico Boni 15.3.24
chi-segna-vince-jaiyah-saelua

“Chi segna vince”, la storia della prima donna transgender a giocare in una nazionale di calcio

Corpi - Francesca Di Feo 11.1.24
A Rimini, domenica 7 aprile, l'evento "Ci vediamo al parco", per celebrare il TDOV - arcigay rimini trans tdov2024 1 - Gay.it

A Rimini, domenica 7 aprile, l’evento “Ci vediamo al parco”, per celebrare il TDOV

News - Gio Arcuri 5.4.24