Brianna veniva già esclusa e bullizzata a scuola: perché nessuno l’ha protetta?

L'adolescente trans era già stata picchiata, e aveva subito pesanti episodi di bullismo.

ascolta:
0:00
-
0:00
omicidio-brianna-ghey-bullismo
2 min. di lettura

La morte di Brianna Ghey ha scosso la comunità di Warrington, nel Regno Unito, e le indagini sulle cause che hanno portato al tragico epilogo stanno rivelando dettagli sempre più inquietanti sul periodo antecedente al suo omicidio.

A riprova che l’identità transgender della ragazza pare davvero essere il movente principale dell’aggressione – a differenza di quanto sostenuto dalla polizia in fase d’indagine iniziale -, vi sono le testimonianze delle persone più vicine a Brianna, che raccontano di come la ragazza subisse episodi di bullismo da tempo.

Sabato scorso, il corpo di Brianna era stato trovato a Linear Park, Warrington. Pochi giorni prima della sua morte, la sedicenne aveva caricato un video su TikTok con la didascalia “sono stata esclusa a scuola: i suoi compagni l’avevano isolata.

Gli amici della sedicenne hanno riferito ai tabloid che Brianna era stata vittima di bullismo per anni senza alcun intervento da parte delle autorità, e che gli episodi erano diventati sempre più gravi negli ultimi tempi.

Un’escalation di violenza che era poi sfociata in una vera e propria imboscata, quando Brianna era stata accerchiata e picchiata da un gruppo di bulli.

È stata bullizzata e picchiata da una gang di ragazzini solo perché era trans. La sua scuola superiore e la polizia di Cheshire si sono rifiutate di intervenire” ha raccontato un’amica.

Altre testimonianze hanno confermato che Brianna era stata vittima di bullismo a causa della sua identità, e che sia la sua scuola superiore che la polizia locale non avevano fatto nulla per proteggerla.

È stata bullizzata a scuola per anni. Gli insegnanti ovviamente lo sapevano, ma sceglievano deliberatamente di non intervenire“, ha spiegato ancora un amico al giornale The Sun.

La morte di Brianna ha scatenato una grande reazione emotiva da parte della comunità LGBTQ+ del Regno Unito e di tutto il mondo. Molti hanno espresso il loro sostegno alla famiglia e hanno chiesto azioni concrete per prevenire il bullismo e proteggere i giovani LGBTQ+ dalla violenza.

La preside della Birchwood Community High School, scuola superiore in cui Brianna aveva studiato, ha emesso nelle scorse ore una dichiarazione:

Siamo sconvolti e devastati dalla notizia della morte di Brianna. Questo è comprensibilmente un momento molto difficile e angosciante per molti e faremo il possibile per sostenere i nostri studenti e l’intera comunità scolastica“.

Tuttavia, molti hanno criticato la scuola accusandola di non aver fatto abbastanza per proteggere Brianna dal bullismo e dalla violenza, sostenendo che una politica più stringente sugli episodi di violenza fisica e verbale e attività di sensibilizzazione più approfondite avrebbero forse potuto salvare la ragazza.

Il caso di Brianna Ghey non è isolato. In tutto il mondo, i giovani LGBTQ+ sono spesso vittime di bullismo e discriminazione. Molti di loro subiscono violenza fisica e psicologica a scuola, sul posto di lavoro e nella loro vita quotidiana.

È urgente che i governi, le istituzioni e la società civile agiscano con determinazione per proteggere i giovani LGBTQ+ dalla violenza e dal bullismo, e per promuovere la tolleranza e l’accettazione delle persone di tutte le identità di genere e orientamenti sessuali.

Inoltre, è importante che gli insegnanti e il personale scolastico ricevano la formazione e le risorse necessarie per prevenire il bullismo e creare un ambiente scolastico sicuro e accogliente per tutti gli studenti, soprattutto quelli più vulnerabili.

La morte di Brianna Ghey è una tragica testimonianza di come – anche tra i giovanissimi – l’ignoranza cieca e l’ignavia delle istituzioni possano diventare fatali.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Roberto Vannacci Paola Egonu Matteo Salvini

Vannacci sospeso dall’Esercito Italiano, Egonu lo querela, Salvini lo difende

News - Giuliano Federico 28.2.24
Liarmouth, Aubrey Plaza di The White Lotus nel primo film di John Waters dopo 20 anni - Aubrey Plaza - Gay.it

Liarmouth, Aubrey Plaza di The White Lotus nel primo film di John Waters dopo 20 anni

Cinema - Redazione 28.2.24
donna-transgender-arrestata-hong-kong

Hong Kong, attivista transgender arrestata con un pretesto e detenuta in condizioni disumane

News - Francesca Di Feo 29.2.24
Alberto De Pisis

Alberto De Pisis, tra carriera, amori e speranze per il futuro: “Mi piacerebbe diventare papà” – intervista

Culture - Luca Diana 28.2.24
Da sinistra: Douglas Carolo (foto da TikTok), Andrea Bossi (foto SKYtg24) e Michele Caglioni (foto Instagram)

Perché Andrea Bossi sarebbe stato ucciso da Douglas Carolo e Michele Caglioni?

News - Redazione Milano 29.2.24
The History of Sound, via alle riprese del film con Paul Mescal e Josh O’Connor innamorati - The History of Sound di Oliver Hermanus - Gay.it

The History of Sound, via alle riprese del film con Paul Mescal e Josh O’Connor innamorati

Cinema - Redazione 29.2.24

I nostri contenuti
sono diversi

attivista-politica-trans-uccisa-messico

Messico: uccisa a colpi di pistola la politica e attivista trans pronta a candidarsi al Senato

News - Francesca Di Feo 16.1.24
candidati lgbt USA

Le 10 città più e meno LGBTQIA+ friendly d’America

News - Federico Boni 8.11.23
tdor-2023

TDOR 2023: date e città in Italia per il Giorno della Memoria Transgender

Guide - Francesca Di Feo 10.11.23
Il caso di Matthew Shepard: ecco perché la sua morte svegliò l'America omofoba - matthew shepard omicide - Gay.it

Il caso di Matthew Shepard: ecco perché la sua morte svegliò l’America omofoba

News - Edoardo 12.10.23
transfobia

Transfobia in Italia: cosa ci dicono i dati?

Guide - Redazione Milano 7.11.23
thomas-insulti-social

Aggredito dal branco un anno fa, Thomas ora è vittima dell’omobitransfobia social

News - Francesca Di Feo 8.2.24
angelica ross Emma roberts

Angelica Ross di Pose accusa Emma Roberts per commenti transfobici

News - Redazione Milano 20.9.23
J.K. Rowling centro stupri anti-trans* Gay.it

J.K. Rowling partecipa ad una conferenza transfobica: “Pronta ad andare in galera per le mie opinioni”

News - Redazione 23.10.23