Brianna veniva già esclusa e bullizzata a scuola: perché nessuno l’ha protetta?

L'adolescente trans era già stata picchiata, e aveva subito pesanti episodi di bullismo.

ascolta:
0:00
-
0:00
omicidio-brianna-ghey-bullismo
2 min. di lettura

La morte di Brianna Ghey ha scosso la comunità di Warrington, nel Regno Unito, e le indagini sulle cause che hanno portato al tragico epilogo stanno rivelando dettagli sempre più inquietanti sul periodo antecedente al suo omicidio.

A riprova che l’identità transgender della ragazza pare davvero essere il movente principale dell’aggressione – a differenza di quanto sostenuto dalla polizia in fase d’indagine iniziale -, vi sono le testimonianze delle persone più vicine a Brianna, che raccontano di come la ragazza subisse episodi di bullismo da tempo.

Sabato scorso, il corpo di Brianna era stato trovato a Linear Park, Warrington. Pochi giorni prima della sua morte, la sedicenne aveva caricato un video su TikTok con la didascalia “sono stata esclusa a scuola: i suoi compagni l’avevano isolata.

Gli amici della sedicenne hanno riferito ai tabloid che Brianna era stata vittima di bullismo per anni senza alcun intervento da parte delle autorità, e che gli episodi erano diventati sempre più gravi negli ultimi tempi.

Un’escalation di violenza che era poi sfociata in una vera e propria imboscata, quando Brianna era stata accerchiata e picchiata da un gruppo di bulli.

È stata bullizzata e picchiata da una gang di ragazzini solo perché era trans. La sua scuola superiore e la polizia di Cheshire si sono rifiutate di intervenire” ha raccontato un’amica.

Altre testimonianze hanno confermato che Brianna era stata vittima di bullismo a causa della sua identità, e che sia la sua scuola superiore che la polizia locale non avevano fatto nulla per proteggerla.

È stata bullizzata a scuola per anni. Gli insegnanti ovviamente lo sapevano, ma sceglievano deliberatamente di non intervenire“, ha spiegato ancora un amico al giornale The Sun.

La morte di Brianna ha scatenato una grande reazione emotiva da parte della comunità LGBTQ+ del Regno Unito e di tutto il mondo. Molti hanno espresso il loro sostegno alla famiglia e hanno chiesto azioni concrete per prevenire il bullismo e proteggere i giovani LGBTQ+ dalla violenza.

La preside della Birchwood Community High School, scuola superiore in cui Brianna aveva studiato, ha emesso nelle scorse ore una dichiarazione:

Siamo sconvolti e devastati dalla notizia della morte di Brianna. Questo è comprensibilmente un momento molto difficile e angosciante per molti e faremo il possibile per sostenere i nostri studenti e l’intera comunità scolastica“.

Tuttavia, molti hanno criticato la scuola accusandola di non aver fatto abbastanza per proteggere Brianna dal bullismo e dalla violenza, sostenendo che una politica più stringente sugli episodi di violenza fisica e verbale e attività di sensibilizzazione più approfondite avrebbero forse potuto salvare la ragazza.

Il caso di Brianna Ghey non è isolato. In tutto il mondo, i giovani LGBTQ+ sono spesso vittime di bullismo e discriminazione. Molti di loro subiscono violenza fisica e psicologica a scuola, sul posto di lavoro e nella loro vita quotidiana.

È urgente che i governi, le istituzioni e la società civile agiscano con determinazione per proteggere i giovani LGBTQ+ dalla violenza e dal bullismo, e per promuovere la tolleranza e l’accettazione delle persone di tutte le identità di genere e orientamenti sessuali.

Inoltre, è importante che gli insegnanti e il personale scolastico ricevano la formazione e le risorse necessarie per prevenire il bullismo e creare un ambiente scolastico sicuro e accogliente per tutti gli studenti, soprattutto quelli più vulnerabili.

La morte di Brianna Ghey è una tragica testimonianza di come – anche tra i giovanissimi – l’ignoranza cieca e l’ignavia delle istituzioni possano diventare fatali.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Tiziano Ferro ospite di Voci Parallele

Giuni Russo “Voci Parallele”: Tiziano Ferro, Irene Grandi e tutti gli ospiti del concerto in ricordo di un’artista immensa

Musica - Emanuele Corbo 12.6.24
Sanremo 2025, parla Carlo Conti: "Meno canzoni, separati big e nuove proposte. Torna il Dopofestival" - Carlo Conti - Gay.it

Sanremo 2025, parla Carlo Conti: “Meno canzoni, separati big e nuove proposte. Torna il Dopofestival”

Culture - Redazione 13.6.24
Tormentoni Queer estate 2024

Estate 2024, quali sono i tormentoni queer? La playlist di Gay.it

Musica - Luca Diana 4.6.24
Prisma 2 Andrea Daniele scena sesso Lorenzo Zurzolo Mattia Carrano 01

Prisma 2, spoiler: la scena di sesso tra Andrea e Daniele non è gay, Bessegato: “Non sono una coppia gay”

Serie Tv - Mandalina Di Biase 11.6.24
I film LGBTQIA+ della settimana 10/16 giugno tra tv generalista e streaming - ilm queer - Gay.it

I film LGBTQIA+ della settimana 10/16 giugno tra tv generalista e streaming

Corpi - Federico Boni 10.6.24
Matt Bomer: "Non mi hanno fatto fare Superman perché sono gay" - Matt Bomer - Gay.it

Matt Bomer: “Non mi hanno fatto fare Superman perché sono gay”

Cinema - Redazione 12.6.24

Leggere fa bene

Peter Spooner, Rishi Sunak

“Chiedete scusa alle vittime di transfobia!” il padre di Brianna Ghey al primo ministro Sunak

News - Redazione Milano 8.2.24
Sono nata libera: intervista a Eva Robin’s - Sessp 39 - Gay.it

Sono nata libera: intervista a Eva Robin’s

Culture - Federico Colombo 23.2.24
Caitlyn Jenner sostiene ancora Donald Trump e dispensa ancora transfobia - Caitlyn Jenner - Gay.it

Caitlyn Jenner sostiene ancora Donald Trump e dispensa ancora transfobia

News - Redazione 19.3.24
Brianna Ghey

Brianna Ghey, colpevoli due sedicenni: gli atroci dettagli dell’omicidio

News - Redazione Milano 23.12.23
francia-proteste-trans

Francia, oltre 10.000 persone in piazza contro il disegno di legge che vieterebbe le terapie affermative per l* minori trans

News - Francesca Di Feo 7.5.24
iraq-donne-trans (2)

Iraq, la strage silenziosa delle donne trans, uccise dai loro familiari per “onore”

Corpi - Francesca Di Feo 20.5.24
Napoli, il sindaco Manfredi incontra le due donne trans vittime del branco. Il comune si costituirà parte civile nell’eventuale processo - Sindaco di Napoli incontra le due turiste trans vittime di violenza - Gay.it

Napoli, il sindaco Manfredi incontra le due donne trans vittime del branco. Il comune si costituirà parte civile nell’eventuale processo

News - Redazione 17.1.24
Numero Verde 800713713 Gay Help Line - 18 anni, 350.000 chiamate, il 51% da giovani -

Gay Help Line, 18 anni di supporto telefonico LGBTIAQ+ : 51% delle richieste arrivano da giovani – VIDEO

News - Gay.it 18.3.24