Omofobia in Valle d’Aosta: “No gay in palestra”. Arcigay invita a denunciare

Perché la Valle d'Aosta non è un'isola felice dove l'omobitransfobia non esiste.

ascolta:
0:00
-
0:00
Omofobia in Valle d’Aosta: "No gay in palestra". Arcigay invita a denunciare - Leonardo Sinopoli - Gay.it
3 min. di lettura

Omofobia in Valle d’Aosta: "No gay in palestra". Arcigay invita a denunciare - Valle dAosta 3 - Gay.it

Il primo giugno scorso Leonardo Sinopoli, performer di fama mondiale da oltre 73.000 follower Instagram, ha denunciato un episodio omofobo vissuto sulla propria pelle in Valle d’Aosta. Classe 1998, Leonardo è stato verbalmente aggredito in palestra da un 30enne, che lo ha insultato in quanto omosessuale, perché a suo dire i “fr*ci” danno fastidio e non vorrebbe mai che qualcuno ci possa provare con lui sotto la doccia. Dinanzi a quelle parole così gratuite e così violente Leonardo ha reagito, chiedendo di evitare simili uscite, scatenando la reazione fisica e verbale del 30enne, convinto di poter liberamente dire di non volere gay in palestra.

Affermare ad alta voce negli spogliatoi di non volere persone gay in palestra perché ti danno fastidio non è un’opinione”, ha denunciato Sinopoli sui social. “La libertà di espressione ed esprimere una propria opinione sono cose ben lontane da questo. E ancora no, basta giustificare le persone, non si tratta solamente di ignoranza, si parla di persone Violente. Non ho paura di dire che subito dopo questa aggressione sono rimasto scioccato e che ho pianto, ma la cosa che conta per me è aver avuto il coraggio di rispondere. Di rispondere a questa persona e di condividere quanto successo con altre persone“.

Parlarne ha aiutato il giovane, che ha scoperto di essere circondato da tante persone pronto a sostenerlo. “Non sono più ai tempi del liceo quando, dopo l’ennesima aggressione subita, a 16 anni ho deciso di cambiare città e di trasferirmi da Aosta a Firenze da solo; sono letteralmente scappato dalla mia città portandomi dietro traumi su cui sono finalmente riuscito a lavorare“, ha proseguito Leonardo. “Adesso di anni ne ho 24 e non concedo più a nessuno di trattarmi così. La mia fortuna più grande è stato scoprire di avere una famiglia fantastica“.

Il performer ha voluto ringraziare i titolari della palestra, che sono immediatamente intervenuti, e Arcigay Valle d’Aosta Queer Vda. “Io questa volta non ho avuto paura di rispondere all’ennesimo episodio violento e come accennato, so di avere tante persone intorno a me su cui contare. Ma come dicevo prima questo non è un caso isolato. Il mio pensiero va a tutte le persone che questo sostegno non ce l’hanno o che magari non sanno di avere. Ci terrei a far riflettere su quanto sia importante il ruolo che giocano le persone attorno a noi. Cosa pensate possa succedere ad un* ragazz* che subisce un’aggressione di questo tipo e che quando torna a casa non può chiedere aiuto? Troppo facile mettere al mondo dei figli e dire di amarli quando poi non si è in grado di accettare qualcosa come l’orientamento sessuale o l’identità di genere di questi ultimi. Bisogna che ci sia una presa di coscienza da parte di tutt*. Dalla famiglia alla scuola, dalla palestra alle nostre strade, pretendo che ogni luogo diventi un posto sicuro per tutt* noi“, ha concluso Leonardo.

Un appello, quello del ragazzo, raccolto da Arcigay Valle d’Aosta Queer Vda, che ha invitato tutti a denunciare episodi simili, perché l’omotransbifobia esiste. Anche in Valle d’Aosta.

Avevamo già creato un google form per raccogliere i dati e le testimonianze degli atti di discriminazione e omofobia che le persone della comunità subiscono“, ha rivelato il presidente Giulio Gasperini ad Aostasera. “Quando Leonardo ci ha contattati a proposito di questo episodio di omofobia – avvenuto tra l’altro in una delle palestre convenzionate con Arcigay – la prima cosa che abbiamo fatto è stata sentire anche i responsabili della struttura che hanno subito preso posizione contro la persona violenta e abbiamo scritto un post di denuncia. Poi abbiamo pensato che era proprio per questo tipo di situazione che avevamo creato il form e lo abbiamo ricondiviso sui nostri canali, ripetendo che c’è sempre la possibilità di rivolgersi direttamente a noi”.

Un form del tutto anonimo, per denunciare eventuali episodi di violenza omobitransfobica. Perché la Valle d’Aosta non è un’isola felice dove l’omobitransfobia non esiste.

Non è così e l’episodio che ha coinvolto Leonardo è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso“, ha precisato Alice Sartore, vicepresidente dell’associazione Arcigay QueerVdA. “Così abbiamo deciso di cercare di documentare e dimostrare che questo problema esiste anche da noi con dei dati statistici, seri. Al momento non abbiamo ancora un numero di testimonianze sufficiente per trarre delle conclusioni, ma speriamo che questo strumento venga diffuso sempre di più”. “Non importa chi subisca una violenza, l’importante è che ci siano degli strumenti per gestire questi episodi. L’importante è riconoscere la discriminazione come tale e costruire attorno a sé una rete di supporto. A tutti l* ragazz* più giovan*: scriveteci in DM, tesseratevi se potete, mettetevi in contatto con qualcuno che vi capisca e vi supporti”.

Un form che potete trovare cliccando qui. Il Pride della Valle d’Aosta si terrà

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Nemo The Code significato e come è nata

Nemo, il magnifico testo non binario di “The Code” è nato così: ecco cosa racconta davvero

Musica - Mandalina Di Biase 13.5.24
Sethu, è uscito il suo primo album "Tutti i colori del buio"

Sethu e i colori del buio: “Canto per tendere una mano a me stesso e agli altri, dopo Sanremo la depressione” – Intervista

Musica - Emanuele Corbo 17.5.24
Essere gay e candidarsi come sindaco in provincia, attacchi omofobi a Riccardo Vannetti: "La risposta è l'educazione alle diversità" - INTERVISTA - riccardo vannetti - Gay.it

Essere gay e candidarsi come sindaco in provincia, attacchi omofobi a Riccardo Vannetti: “La risposta è l’educazione alle diversità” – INTERVISTA

News - Francesca Di Feo 17.5.24
Sara Drago

Sara Drago: “La realtà è piena di diversità, sarebbe bellissimo interpretare un uomo” – intervista

Cinema - Luca Diana 11.5.24
Sarah Toscano, Amici 23

Sarah Toscano vince Amici 23: è lei la popstar del futuro

Culture - Luca Diana 19.5.24
queer palm, festival di cannes, i vincitori

Festival di Cannes. Tutti i film vincitori della Queer Palm dal 2010 ad oggi

Cinema - Gio Arcuri 17.5.24

Continua a leggere

omofobia interiorizzata, stigma invisibile

Torino, condannati a 2 anni e a 16 mesi i genitori che minacciarono il figlio perché gay

News - Redazione 24.1.24
giorgia-meloni-contestata-aosta

Arcigay Aosta contesta Giorgia Meloni in visita nel capoluogo valdostano: “Contro l’invisibilizzazione della nostra comunità”

News - Francesca Di Feo 1.2.24
avvocato-difensore-filippo-turetta-emanuele-compagno

Omofobia, misoginia e victim blaming sui social di Emanuele Compagno, ex avvocato difensore di Filippo Turetta

News - Francesca Di Feo 24.11.23
flavia-fratello-battuta-vannacci

Flavia Fratello replica bene a Vannacci, ma in passato firmò contro il Ddl Zan e diede spazio alla transfobia delle TERF

News - Francesca Di Feo 7.3.24
albania-diritti-lgbtqia

Albania, tutte le promesse non mantenute dal governo in ambito di diritti LGBTQIA+

News - Francesca Di Feo 5.1.24
Lingua e comunità LGBTQIA+

Lingua e comunità LGBTQIA+: non chiamatelo omofobo, è un misomosessuale, perché non è fobia, è odio

Guide - Emanuele Bero 5.12.23
Polonia matrimonio egualitario Gay.it

Polonia, suicidi in aumento a causa delle leggi omobitransfobiche del Paese

News - Federico Boni 20.2.24
Aggressione Ragazzo Gay Milano Piazza Diaz

Milano, ragazzo di 22 anni accoltellato in pieno centro perché gay

News - Redazione Milano 19.5.24