Paul McCartney confessa: ‘masturbazione di gruppo con gli altri Beatles’

Paul McCartney a luci rosse in un’intervista a GQ.

Facebook Twitter Messenger Whatsapp

Autentica leggenda della musica, Sir James Paul McCartney ha rilasciato una clamorosa intervista a GQ ricca di piccanti dettagli legati alla vita privata dei Beatles.

In promozione con il suo nuovo disco da solista, “Egypt Station“, McCartney ha confessato quanto i Fab 4 si divertissero a masturbarsi in gruppo.

Ci vedevamo a casa di John e invece di ubriacarci e fare festa – neanche ricordo se restavamo a dormire o che – ci mettevamo seduti, spegnevamo le luci, qualcuno di noi iniziava a masturbarsi e gli altri lo seguivano“. “Ci sono tante cose come questa che facevamo da ragazzi e che ora, a ripensarci, viene da chiedersi: ‘lo abbiamo fatto davvero?'”. “Urlavamo nomi di donne, tipo ‘Brigitte Bardot!”, e poi ci davamo giù. John si divertiva a urlare nomi come Winston Churchill per farci ammosciare”. “Credo sia successo una, al massimo due volte. Non era chissà che cosa. Sì, se ci pensi è un po’ da depravati, ma alla fine non facevamo male a nessuno. Nemmeno a Brigitte Bardot“.

Rivelazioni assai curiose, e a lungo taciute, che hanno presto fatto il giro del mondo. Niente di sesso di gruppo, invece, ma indubbiamente tante fan pronte a tutto pur di finire a letto con i Beatles.

Non credo che nessuno di noi abbia mai partecipato a un’orgia. Ci sono stati sicuramente degli incontri sessuali trascendentali, e c’erano tante groupies“.

Uomo più ricco d’Inghilterra, Paul ha avuto 5 figli e tre mogli: Linda McCartney, Heather Mills e l’attuale Nancy Shevell.

Omofobia

Pillon, interrogazione parlamentare in difesa dell’avvocatessa che aveva detto “i gay sono malati”

Persino il consiglio dell’ordine degli avvocati di Mantova aveva preso le distanze dalla donna, che aveva scritto sui social "l’omosessualità è un disturbo psichiatrico e che chi ne è affetto non può lavorare a contatto con i minori, altrimenti questi disturbati trasmetteranno il disturbo nelle scuole".

di Federico Boni