Quando Desmond Tutu si scusò con i gay per i mali della chiesa

20 anni fa la notizia su Gay.it. “Non potrei venerare un Dio omofobo".

desmond tutu gay lgbt morte
desmond tutu gay lgbt morte apartheid nobel per la pace sudafrica nelson mandela
2 min. di lettura

Desmond Tutu è passato a miglior vita. Aveva 90 anni, interamente spesi a difesa degli oppressi. Nel 2001, come all’epoca riportò Gay.it, l’allora Arcivescovo Tutu si scusò con la comunità LGBTQ+ per il modo in cui era stata sino ad allora trattata dalla chiesa.

«Nessuno che fosse fedele agli insegnamenti di Cristo, potrebbe condannare le persone basandosi sul loro orientamento sessuale»

Così disse Tutu durante  una conferenza sull’omofobia a Città del Capo.

Il primo vescovo apertamente gay della chiesa anglicana americana, Reverendo Gene Robinson, ha confidato in queste ore a Politico “Quando feci coming out, Desmond fu il primo a difendermi“. E sul retrocopertina del libro che Robinson pubblicò proprio quell’anno, Tutu firmò il seguente messaggio: “Gene Robinson è un essere umano meraviglioso e sono orgoglioso di appartenere alla sua stessa chiesa“.

E del resto da sempre Desmond Tutu aveva dimostrato di avere la propria autonoma opinione rispetto alle indicazioni dei superiori religiosi, che lo avevano osteggiato per le sue posizioni a favore dei diritti delle persone omosessuali. Desmond Tutu aveva così risposto:

«Non potrei venerare un Dio omofobo»

La vita di questo gigante dei nostri tempi era costellata di fragilità e coraggio. Nel 1984 Tutu divenne il primo arcivescovo nero di Città del Capo, capitale di quel Sudafrica in cui all’epoca vigeva il regime dell’apartheid. Apartheid contro cui Tutu ha combattuto un’intera vita, a fianco del suo amico Nelson Mandela.

E nel 1984 il mondo, che iniziava ad aprire gli occhi su quell’immane e vergognosa segregazione costituzionalizzata, assegnò all’arcivescovo Tutu il premio Nobel per la pace, per la sua campagna non-violenta contro il regime dell’apartheid.

Una vita spesa all’insegna della difesa dei diritti umani. Una vita dalla parte dei fragili. In difesa non solo delle persone discriminate sulla base di un distinguo di razza, ma anche per i poveri, i diseredati, per la conciliazione civile, per il diritto all’aborto, per il diritto al suicidio assistito e per il malati di AIDS-HIV. Su questo, Gay.it vi aveva raccontato nel 2016 l’iniziativa con Elthon John (leggi qui).

Qui il bellissimo documento fotografico redatto da BBC >

 

 

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Foto: SchiDechDaily

Parità di genere nella Preistoria? Le donne erano cacciatrici come gli uomini (e anche meglio!)

News - Redazione Milano 20.2.24
Lux Pascal, la sorella di Pedro Pascal nel cast di Summer War. Sarà il suo primo film dopo il coming out - Lux Pascal e Pedro - Gay.it

Lux Pascal, la sorella di Pedro Pascal nel cast di Summer War. Sarà il suo primo film dopo il coming out

News - Redazione 23.2.24
John Cena è su Only Fans?

Ma John Cena è davvero su Only Fans?

Culture - Riccardo Conte 23.2.24
glaad-gaming-report

Il 17% dellǝ appassionatǝ di videogames è queer, ma l’industria ci rappresenta? Il rapporto di GLAAD

Culture - Francesca Di Feo 14.2.24
@giorgiominisini_

Giorgio Minisini contro gli stereotipi: perché essere maschio alfa, quando puoi stare bene? – L’intervista

Corpi - Riccardo Conte 21.2.24
Ricky Martin: "Se avessi fatto coming out nel 1999 credo che non avrei avuto lo stesso successo" - Ricky Martin per GQ - Gay.it

Ricky Martin: “Se avessi fatto coming out nel 1999 credo che non avrei avuto lo stesso successo”

Culture - Redazione 23.2.24

Continua a leggere

Il Colore Viola (2024)

“Il Colore Viola”, tutto quello che sappiamo sulla nuova versione (anche) queer

Cinema - Redazione Milano 10.1.24
sondrio-manifesti-pro-vita-risposta-lgbtqia

“Manifesti Pro Vita disumani” la risposta LGBTQIA+ a Sondrio è esemplare

News - Francesca Di Feo 12.12.23
Rainbow Awards 2023, la 2a edizione dedicata a Michela Murgia. Tra i premiati Elly Schlein, Gualtieri ed Emma Bonino - Rainbow Awards 2023 - Gay.it

Rainbow Awards 2023, la 2a edizione dedicata a Michela Murgia. Tra i premiati Elly Schlein, Gualtieri ed Emma Bonino

Culture - Federico Boni 8.11.23
famiglie-arcobaleno

Padova, colpo di scena dalla Procura: si può tornare alla Corte costituzionale per difendere l’uguaglianza di tutte le famiglie

News - Redazione 14.11.23
rishi sunak transfobico

Regno Unito, il premier Rishi Sunak torna alla carica contro la comunità trans

News - Francesca Di Feo 6.12.23
angelica ross Emma roberts

Angelica Ross di Pose accusa Emma Roberts per commenti transfobici

News - Redazione Milano 20.9.23
Foto di Önder Örtel su Unsplash

Sanità pubblica e comunità LGBTQIA+, cosa dice il nuovo vademecum dell’ISS – Istituto Superiore di Sanità

Corpi - Francesca Di Feo 7.10.23
cgil-tesseramento-alias

Anche CGIL apre al tesseramento alias: “L’accoglienza delle tante diversità non è un qualcosa di facoltativo, ma necessario”

News - Francesca Di Feo 21.1.24