Quando Desmond Tutu si scusò con i gay per i mali della chiesa

20 anni fa la notizia su Gay.it. “Non potrei venerare un Dio omofobo".

desmond tutu gay lgbt morte
desmond tutu gay lgbt morte apartheid nobel per la pace sudafrica nelson mandela
2 min. di lettura

Desmond Tutu è passato a miglior vita. Aveva 90 anni, interamente spesi a difesa degli oppressi. Nel 2001, come all’epoca riportò Gay.it, l’allora Arcivescovo Tutu si scusò con la comunità LGBTQ+ per il modo in cui era stata sino ad allora trattata dalla chiesa.

«Nessuno che fosse fedele agli insegnamenti di Cristo, potrebbe condannare le persone basandosi sul loro orientamento sessuale»

Così disse Tutu durante  una conferenza sull’omofobia a Città del Capo.

Il primo vescovo apertamente gay della chiesa anglicana americana, Reverendo Gene Robinson, ha confidato in queste ore a Politico “Quando feci coming out, Desmond fu il primo a difendermi“. E sul retrocopertina del libro che Robinson pubblicò proprio quell’anno, Tutu firmò il seguente messaggio: “Gene Robinson è un essere umano meraviglioso e sono orgoglioso di appartenere alla sua stessa chiesa“.

E del resto da sempre Desmond Tutu aveva dimostrato di avere la propria autonoma opinione rispetto alle indicazioni dei superiori religiosi, che lo avevano osteggiato per le sue posizioni a favore dei diritti delle persone omosessuali. Desmond Tutu aveva così risposto:

«Non potrei venerare un Dio omofobo»

La vita di questo gigante dei nostri tempi era costellata di fragilità e coraggio. Nel 1984 Tutu divenne il primo arcivescovo nero di Città del Capo, capitale di quel Sudafrica in cui all’epoca vigeva il regime dell’apartheid. Apartheid contro cui Tutu ha combattuto un’intera vita, a fianco del suo amico Nelson Mandela.

E nel 1984 il mondo, che iniziava ad aprire gli occhi su quell’immane e vergognosa segregazione costituzionalizzata, assegnò all’arcivescovo Tutu il premio Nobel per la pace, per la sua campagna non-violenta contro il regime dell’apartheid.

Una vita spesa all’insegna della difesa dei diritti umani. Una vita dalla parte dei fragili. In difesa non solo delle persone discriminate sulla base di un distinguo di razza, ma anche per i poveri, i diseredati, per la conciliazione civile, per il diritto all’aborto, per il diritto al suicidio assistito e per il malati di AIDS-HIV. Su questo, Gay.it vi aveva raccontato nel 2016 l’iniziativa con Elthon John (leggi qui).

Qui il bellissimo documento fotografico redatto da BBC >

 

 

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Marco Mengoni e Xavier Dolan alla sfilata di Fendi SS25 - foto instagram @mengonimarcoofficial

Marco Mengoni e la scaramuccia con Xavier Dolan, mentre Nicholas Galitzine ride con Aron Piper

Lifestyle - Mandalina Di Biase 16.6.24
Torino Pride 2024, i 150.000 volti della lotta intersezionale: ecco com'è andata - GALLERY - torino pride 2024 17 - Gay.it

Torino Pride 2024, i 150.000 volti della lotta intersezionale: ecco com’è andata – GALLERY

News - Francesca Di Feo 17.6.24
Dennis Gonzalez, il nuotatore artistico fresco di trionfo europeo che ha sconfitto anche l'omofobia - Dennis Gonzalez - Gay.it

Dennis Gonzalez, il nuotatore artistico fresco di trionfo europeo che ha sconfitto anche l’omofobia

Corpi - Redazione 13.6.24
Tormentoni Queer estate 2024

Estate 2024, quali sono i tormentoni queer? La playlist di Gay.it

Musica - Luca Diana 4.6.24
Alex Wyse in concerto

Alex Wyse contro i pregiudizi: “Siate liberi di essere ciò che siete. Nessuno può porci confini”

Musica - Emanuele Corbo 13.6.24
Mahmood Ra Ta Ta e marijuana

Mahmood RA TA TA, bimbi senza mamma, una faccia mulatta e la marjuana

Musica - Emanuele Corbo 14.6.24

Leggere fa bene

L’oblio oncologico è legge: un dialogo con l’attivista Laura Marziali - Sessp 11 - Gay.it

L’oblio oncologico è legge: un dialogo con l’attivista Laura Marziali

Corpi - Federico Colombo 28.12.23
Unione Europea Diritti Transgender

L’Unione Europea verso il riconoscimento del cambio di genere in tutti gli Stati membri

News - Francesca Di Feo 7.5.24
FOTO: LUKE GILFORD

Kim Petras risponde ai commenti sessisti e transfobici: “Siete la piaga del pianeta”

Musica - Redazione Milano 26.2.24
G7 ospitato dall'Italia a Fasano, la presidente del consiglio Giorgia Meloni scatta un selfie - credit photo: LaPresse

G7, nel testo rispuntano i diritti LGBTIAQ+, censurati “orientamento sessuale, “identità di genere” e “aborto”

News - Redazione Milano 14.6.24
Mahmood insulti social su TikTok

Mahmood, insulti razzisti su TikTok: “si è sbiancato”

Musica - Redazione Milano 20.1.24
CameraModaUnarAFG photo da IG: Tamu McPherson

Milano Fashion Week e lotta alla discriminazione, siglato accordo tra Unar e Camera della Moda

Lifestyle - Mandalina Di Biase 20.2.24
Modifica legge federale Stati Uniti Gay.it

2023, l’anno nero per i diritti LGBTQIA+ negli Stati Uniti d’America

News - Redazione 27.12.23
Il Colore Viola (2024)

“Il Colore Viola”, tutto quello che sappiamo sulla nuova versione (anche) queer

Cinema - Redazione Milano 10.1.24