Zanele Muholi, l’artista e attivista sudafricana che fotografa le identità negate

«Ho usato la fotografia per sfidare l’approccio ai racconti LGBT, spesso fraintesi da chi si trova al potere». L'obiettivo di Zanele Muholi è uno solo: rappresentare l’identità e la resistenza sociale nel Sud Africa della comunità LGBTQ+.

Zanele Muholi, l’artista e attivista sudafricana che fotografa le identità negate - 1506616450859 unnamed 2 2 - Gay.it
Ritratto di Zanele Muholi
3 min. di lettura

«Sto producendo questo documento fotografico per incoraggiare gli individui della mia comunità ad avere il coraggio di occupare gli spazi. Per insegnare alle persone la nostra storia, per ripensare a cosa è la storia, per rivendicarla per noi stessi – per incoraggiare le persone a usare strumenti artistici come le macchine fotografiche come armi per contrattaccare»,

questo è il messaggio che lancia la fotografa e attivista sudafricana Zanele Muholi. Non solo l’identità di un popolo, quello africano, ma anche di una comunità, quella LGBTQ+, che in quei territori non vede riconosciuti i suoi diritti, ancora meno che in tante altre parti del mondo.

Zanele Muholi
Ritratto di Zanele Muholi

Nata a Umlazi, nel Durban, e trasferitasi poi a Johannesburg, Zanele Muholi inizia la sua carriera nel 2006 con il progetto Faces and Phases, in cui si trovavano ritratti di donne nere lesbiche e transessuali. La sua intenzione era quella di far conoscere l’esistenza di una comunità queer anche nel Sud Africa, troppo spesso ignorata e quasi per nulla rappresentata. La storia dell’omosessualità nel Paese è macchiata da discriminazioni, minacce e tentativi di eliminazione che tristemente si protraggono ancora oggi.

Ecco allora che due anni fa dà alla luce la serie Somnyama Ngoyama (Hail the Dark Lioness), selezionata anche dalla Biennale Arte di Venezia, in cui, sperimentando con svariati oggetti e immagini, ha rappresentato diversi archetipi ed eventi del popolo e della storia politica del Sud Africa, diventano parte integrante dei costumi e dei ritratti per analizzare i temi della resistenza sociale e dell’identità.

Zanele Muholi Gay.it
La mostra di Zanele Muholi alla Biennale Arte di Venezia

L’identità. È questa che Zanele Muholi cerca. L’identità delle donne di colore, e la loro fuorviante rappresentazione che per decenni ha pervaso i media, ma anche l’identità delle donne lesbiche e degli uomini gay, delle persone transessuali e non binarie, pansessuali e gender fluid. Mischiando messaggi politici, stereotipi, questioni di genere ed eventi storici, il suo obiettivo è restituire un quadro della situazione LGBTQ+ nella sua terra d’origine.

«La gente non può cambiare il sistema se non si considera parte di esso. Per comprendere questo ragionamento, bisogna ricordare che stiamo ancora facendo i conti con le conseguenze dell’Apartheid, il cui unico obiettivo era privare i neri dei loro diritti».

Zanele Muholi
Ritratto di Zanele Muholi

«Ho usato la fotografia per sfidare l’approccio ai racconti LGBT, spesso fraintesi da chi si trova al potere. Volevo sfidare gli storici e gli storici dell’arte, chi raccoglie documentazione su di noi dal XVIII secolo ma nega la nostra visibilità e, di conseguenza, la nostra rappresentazione».

Conoscere e capire sono le uniche strade che abbiamo verso un futuro veramente inclusivo, e questo passa anche attraverso l’attenzione a quelle comunità e minoranze che troppo spesso, nel corso della storia, sono state tenute nell’ombra e inascoltate. «Ho contribuito a scrivere e riscrivere la storia, l’ho fatto sapendo che questo lavoro va oltre la comunità LGBT».

Riguarda anche il futuro, le prossime generazioni e tutti coloro che pensano di poter esistere su questa Terra senza tenere conto dell’Altro.

Zanele Muholi Gay.it
L’artista e attivista Zanele Muholi

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

thailandia-matrimonio-egualitario

La Thailandia verso il matrimonio egualitario: approvazione del disegno di legge entro fine anno

News - Francesca Di Feo 19.2.24
GLORIA! (2024)

Le ragazze ribelli di Gloria! Tutto sul primo sovversivo film di Margherita Vicario

Cinema - Redazione Milano 22.2.24
La storia di Radclyffe Hall: così fu censurato il primo romanzo lesbico della letteratura - Sessp 38 - Gay.it

La storia di Radclyffe Hall: così fu censurato il primo romanzo lesbico della letteratura

Culture - Federico Colombo 20.2.24
aromanticismo-cosa-vuol-dire

Come l’aromanticismo può aiutarci a decostruire la nostra concezione imposta dell’amore

News - Francesca Di Feo 20.2.24
CameraModaUnarAFG photo da IG: Tamu McPherson

Milano Fashion Week e lotta alla discriminazione, siglato accordo tra Unar e Camera della Moda

Lifestyle - Mandalina Di Biase 20.2.24
Heartstopper 3, parla Joe Locke: "Sarà più cupa e sexy, parleremo anche di salute mentale" - Joe Locke - Gay.it

Heartstopper 3, parla Joe Locke: “Sarà più cupa e sexy, parleremo anche di salute mentale”

Serie Tv - Redazione 20.2.24

Hai già letto
queste storie?

Photograph: EPA (THE GUARDIAN)

Patti Smith su sessualità e genere: “Non importano le etichette, quello che conta è la libertà”

Musica - Redazione Milano 3.10.23
Centro di Documentazione Aldo Mieli storia lgbtq storia queer

Storia Queer, che passione! È nato un nuovo centro di documentazione: intervista a Luca Locati Luciani

Culture - Alessio Ponzio 25.9.23
Il corpo del maschio: intervista a Maurizio Fiorino - Matteo B Bianchi 10 - Gay.it

Il corpo del maschio: intervista a Maurizio Fiorino

Culture - Federico Colombo 7.9.23
Chiamami col mio nome: quando le persone trans si raccontano come vogliono - homepage ri scatti scaled 2 - Gay.it

Chiamami col mio nome: quando le persone trans si raccontano come vogliono

Culture - Riccardo Conte 10.10.23
michael-stipe-binarismo-di-genere

Michael Stipe sul binarismo di genere: “Nel ventunesimo secolo stiamo riconoscendo le zone grigie”

Musica - Francesca Di Feo 15.12.23
Transatlantic bridges: Corrado Cagli, 1938-1948

Corrado Cagli, l’artista queer che voltò le spalle al regime fascista, in mostra a New York – GALLERY

Culture - Redazione Milano 9.11.23
Andrea Tarella - Gay.it intervista

Le creature fantastiche di Andrea Tarella “Ho galline in giardino, un fagiano, un’iguana, un drago barbuto, e tanti acquari intorno a me”

Culture - Riccardo Conte 20.2.24
Buttafuoco presidente della Biennale di Venezia: per lui gli omosessuali rivendicano diritti che hanno già - Progetto senza titolo e1698333924970 - Gay.it

Buttafuoco presidente della Biennale di Venezia: per lui gli omosessuali rivendicano diritti che hanno già

Culture - Redazione Milano 26.10.23