Ricordando Andrea: il ragazzo dai pantaloni rosa ucciso dal bullismo

Dieci anni fa si toglieva la vita Andrea. Lo ricordiamo con un abbraccio a sua madre, infermabile alleata contro il bullismo omobitransfobico.

ascolta:
0:00
-
0:00
Andrea Spezzacatena ragazzo dai capelli rosa
Andrea Spezzacatena ragazzo dai capelli rosa
2 min. di lettura

Il 20 Novembre 2012 se ne andava Andrea.

A quindici anni si è tolto la vita, impiccandosi con una sciarpa.

Amava limarsi le unghie, talvolta mettersi lo smalto, e a scuola lo chiamavano ‘il ragazzo dai pantaloni rosa (erroneamente scoloriti con la candeggina).

Un animo gentile e sensibile schiacciato da risatine, battute crudeli, e una pagina Facebook piena di insulti.

Isolato dal pregiudizio di una società che ancora si sconvolge per un colore.

La colpa non è mia che ho dato il permesso ad Andrea di usare lo smalto e di dare forma alla sua libertà di espressione” scrive sua madre Teresa “La colpa è di quanti non vedono come una frase apparentemente innocua si accompagni al peso enorme del pregiudizio”.

Per Teresa Manes raccontare ancora oggi la storia di suo figlio, significa aprire e chiudere la sua bara: “Ma è un dovere” ribadisce.

Oggi Teresa Manes è presidente dell’Associazione Italiana Prevenzione Bullismo insieme alla stessa pagina Facebook.

Il suo incommensurabile dolore è diventato motore per una rete di supporto che vuole sensibilizzare i più giovani e non permettere a nessuno di vivere lo stesso incubo di Andrea. Teresa vuole educare all’empatia, risvegliare la consapevolezza, e far sì che ogni giovane possa esprimersi tra i banchi di scuola senza soffocare tra luoghi comuni e la brutalità del machismo più stereotipato.

Anche ponendosi contro i media che divulgano quella comicità che legittima slur omofobi e non fa ridere più nessuno.

Teresa invita le vittime a non isolarsi, ma parlare a denunciare gli abusi subiti superando quella vergogna che porta a nascondere il dolore sotto il tappeto finché non è troppo: “Abbiamo bisogno più che mai di educare all’empatia” scrive “E spero che anche attraverso questa pagina si possa piantare qualche semino buono”.

A dieci anni dalla tragedia, mandiamo un abbraccio a Teresa, ricordando Andrea e tutte lə altrə giovani che non ce l’hanno fatta, lottando per un presente migliore. Perché siano lə ultimə.

Perché, oggi, dire: «Mio figlio è morto per bullismo» è come dire: «Mio figlio è morto per niente!».E se la mia azione può anche in minima parte contribuire alla nascita di una legge che lo regola, beh… che dire…scriveva Teresa nel 2015 in una lettera su Vanity FairSarà pure un pensiero folle quello che sostiene la mia azione ma, in fondo, solo se un sogno è sostenuto da una follia, quel sogno si avvera”.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Ciao Maschio 2024, intervista alle Karma B: "Caro Salvini le facciamo questa domanda...." - Karma B Ciao Maschio 4 - Gay.it

Ciao Maschio 2024, intervista alle Karma B: “Caro Salvini le facciamo questa domanda….”

Culture - Federico Boni 12.4.24
Coming out di massa di calciatori in Germania? Bundesliga pronta a scendere in campo contro l’omobitransfobia - Bayer Leverkusen - Gay.it

Coming out di massa di calciatori in Germania? Bundesliga pronta a scendere in campo contro l’omobitransfobia

Corpi - Redazione 11.4.24
Marco Mengoni per un noto brand di gioielli

Marco Mengoni è un gioiello, ma la verità è che tutti guardano un’altra cosa

Musica - Emanuele Corbo 10.4.24
Mahmood è in tour in Europa per presentare l'album "Nei letti degli altri"

Mahmood più libero che mai sul palco, il suo tour strega l’Europa e “Tuta gold” conquista il triplo disco di platino

Musica - Emanuele Corbo 9.4.24
Papa Francesco Dignitas Infinita - Chiesa Cattolica - Vaticano

Il documento del Vaticano che mette l’intera comunità LGBTI ai margini: teoria gender, surrogata, bambini e altre mistificazioni reazionarie

Culture - Giuliano Federico 8.4.24
Back to Black, recensione del biopic su Amy Winehouse. Il ricordo di un'icona sconfitta dall'amore - BackToBlack2024 - Gay.it

Back to Black, recensione del biopic su Amy Winehouse. Il ricordo di un’icona sconfitta dall’amore

Cinema - Federico Boni 11.4.24

I nostri contenuti
sono diversi

HUNTER SCHAFER

Hunter Schafer è stata arrestata per una protesta pro-Palestina

News - Redazione Milano 28.2.24
Max Peiffer Watenphul. Dal Bauhaus all'Italia

Max Peiffer Watenphul e la scena queer mai più dimenticata della scuola Bauhaus

Culture - Redazione Milano 30.11.23
Palermo, si suicida a 13 anni per bullismo, deriso per il presunto orientamento affettivo - stella cadente 2 - Gay.it

Palermo, si suicida a 13 anni per bullismo, deriso per il presunto orientamento affettivo

News - Redazione Milano 13.11.23
Omosessuale- Oppressione e Liberazione

Perché leggere oggi “Omosessuale: Oppressione e Liberazione”, un classico della Gay Liberation, intervista a Lorenzo Bernini

Culture - Alessio Ponzio 4.4.24
alfortville arrestato 14enne bullo che insultava 15enne transgender

I suicidi delle persone transgender sono omicidi di Stato

News - Redazione Milano 7.11.23
mit

Il MIT ha bisogno d’aiuto: partecipa alla raccolta fondi

News - Redazione Milano 19.10.23
Stati Genderali

Contro la violenza di Stato corteo nazionale degli Stati Genderali a Bologna

News - Redazione Milano 17.10.23
valerie notari gamer girl

Gaming, fluidità e liberazione: intervista a Valerie Notari autrice di “Gamer girl”

Culture - Federico Colombo 20.11.23