Roma, davanti a un bambino insulta e pesta con calci e pugni l’attivista LGBTQIA+: “Fr*cio, r*cch+*one”

La vittima non si arrendeva e non indietreggiava, così dalle parole si è passati alla violenza. La vittima è Massimo Arcangeli, linguista e attivista.

ascolta:
0:00
-
0:00
massimo arcangeli insulti frocio ricchione roma piramide calci pugni omobitransfobia
massimo arcangeli insulti frocio ricchione roma piramide calci pugni omobitransfobia
2 min. di lettura

A Roma un’altra aggressione contro una persona LGBTQIA+.  L’aggressione si è dapprima limitata agli insulti: “Fr*cio, r*cchi*ne”. Quindi, visto che la vittima non si arrendeva e non indietreggiava, ecco la violenza: calci e pugni, in presenza di molte persone che hanno assistito senza intervenire. L’episodio di odio omobitrasnfobico è avvenuto presso la stazione della metropolitana di Piramide.

La vittima è Massimo Arcangeli, linguista e attivista LGBTQIA+ da sempre in prima linea nella lotta contro le discriminazioni di genere. Nel 2017, fu lui a denunciare il proprietario di una struttura ricettiva a Ricadi, in Calabria, che rifiutava sia gli ospiti omosessuali sia gli animali.

Quel caso fece scalpore in tutto il mondo. “Ho vissuto molte situazioni nella mia vita, ma ciò che mi è successo è qualcosa di completamente diverso. Non credo di aver mai subito una violenza così brutale in tutta la mia vita“, racconta Arcangeli, che si era candidato alle ultime elezioni politiche con il partito Unione Popolare, guidato da Luigi De Magistris.

L’aggressione risale al 20 giugno, quando Arcangeli, dopo essere sceso dal treno Roma Lido alla fermata Porta San Paolo, stava camminando verso l’ingresso della stazione della metropolitana Piramide. L’uomo racconta che durante il percorso ha incrociato una persona che non aveva mai visto prima, alta circa un metro e novanta, sui quarant’anni, che teneva per mano un bambino di circa dieci anni. Questa persona ha guardato fisso negli occhi Arcangeli, poi, appena questi l’aveva superato, ha iniziato a gridare ad alta voce “Fr*cio, r*cchi*ne”.

A quel punto Arcangeli, sorpreso, non riusciva a capire il motivo degli insulti e ha cercato di seguirlo per avere una spiegazione. Ma il dialogo era impossibile. A Repubblica Roma Massimo racconta: “Mentre ci trovavamo all’altezza dei binari del trenino mi ha dato un calcio secco all’altezza sul torace. Per come ha colpito sembrava un fighter”. Quindi Arcangeli sale sul treno per non perdere contatto con l’uomo: vuole riuscire a farlo identificare dalla polizia. “Mentre cercavo di salire mi ha dato un pugno, spaccandomi il libro. Poi si è allontanato dentro il vagone. L’ho seguito e nessuno è intervenuto. Solo una persona, che però mi ha detto che se il treno avesse fatto ritardo se la sarebbe presa con me“.

Due dati scioccanti. Il fatto che l’aggressore abbia compiuto queste azioni violente omobitransfobiche davanti al bambino, presumibilmente suo figlio. La seconda, per certi versi ancor più sconvolgente, evidenza è che nessuno si è degnato di intervenire in difesa di Massimo Arcangeli. Decine di persone hanno assistito passivamente agli insulti e al pestaggio.

L’uomo con il bambino è riuscito a scendere in fretta dal treno prima che il convoglio ripartisse e si è dileguato. Arcangeli, su consiglio della polizia, ha cercato di rintracciarlo sul treno successivo, ma l’uomo ormai era sparito nel nulla.

Arcangeli ha chiesto al personale della stazione di verificare se le telecamere di videosorveglianza avessero ripreso l’aggressione, ma pare che fossero puntate soltanto sui tornelli, mentre l’aggressione si è consumata sulla banchina e sul treno.

Lo stesso giorno, il linguista si è recato al commissariato di San Lorenzo per presentare denuncia e successivamente si è fatto medicare presso il policlinico Umberto I. “Non ho la piu pallida idea del perché mi abbia aggredito. Fra l’altro era anche con un bambino”.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

transgender allattamento seno

Le mamme transgender e i genitori AMAB possono allattare: lo dice la scienza

Corpi - Francesca Di Feo 22.2.24
@giorgiominisini_

Giorgio Minisini contro gli stereotipi: perché essere maschio alfa, quando puoi stare bene? – L’intervista

Corpi - Riccardo Conte 21.2.24
adolescente-non-binari-aggressione-oklaoma (1)

USA, Nex Benedict, sedicenne non binariǝ, muore dopo un’aggressione transfobica a scuola

News - Francesca Di Feo 21.2.24
Marco Mengoni e Mahmood una canzone insieme

Marco Mengoni e Mahmood, una canzone insieme

Musica - Mandalina Di Biase 23.2.24
Eurovision 2024, Angelina Mango vola secondo i bookmakers. Le ultime quote - Angelina Mango - Gay.it

Eurovision 2024, Angelina Mango vola secondo i bookmakers. Le ultime quote

News - Redazione 23.2.24
Paolo Camilli

Paolo Camilli: “La mia omosessualità? L’ho negata fino alla morte con me stesso” – intervista

Culture - Luca Diana 23.2.24

Leggere fa bene

Corrado e Adriano, è omofobia anche dopo la morte. Imbrattato il manifesto funebre: “Fr*ci!” - Corrado e Adriano e omofobia anche dopo la morte. Imbrattato il manifesto funebre - Gay.it

Corrado e Adriano, è omofobia anche dopo la morte. Imbrattato il manifesto funebre: “Fr*ci!”

News - Redazione 30.8.23
aggressione-omofoba-andria

Perse un occhio dopo aggressione omofoba, condannato a sei anni l’aggressore

News - Redazione 31.10.23
Arezzo, ragazzo sudamericano non trova casa: "Sei gay? Niente affitto" - affitto - Gay.it

Arezzo, ragazzo sudamericano non trova casa: “Sei gay? Niente affitto”

News - Redazione 18.9.23
(In copertina Matthew a Roma nel 1993: Shepard amava l'Italia e la cultura italiana. Courtesy of Smithsonian, donazione di Judy e Dennis Shepard)

Matthew Shepard, gli amici lo ricordano 25 anni dopo il brutale omicidio omofobo che sconvolse il mondo

News - Redazione 13.10.23
canada

Canada, avviso ai canadesi LGBTQIA+ sui rischi nel viaggiare negli USA causa leggi omobitransfobiche

News - Federico Boni 1.9.23
Coppia gay Germania Gay.it

Turchia: il 90% delle persone LGBTIQ+ subisce violenza on line

News - Redazione 13.10.23
Milano, affitto negato perché gay: "La proprietaria preferisce una persona "tradizionale"" (VIDEO) - Andrea Papazzoni - Gay.it

Milano, affitto negato perché gay: “La proprietaria preferisce una persona “tradizionale”” (VIDEO)

News - Redazione 16.2.24
la-normalita-dell-amore

Il mio libro di risposta a Vannacci: “La normalità dell’amore”, così un ragazzo replica alle retoriche d’odio del generale

Culture - Francesca Di Feo 1.2.24