Rudolph, la storia di Natale della renna dal naso rosso vera favola queer

Uno speciale augurio di Buon Natale con una storia che tutti conoscono. O quasi. Perché la favola della renna Rudolph si può legare all'omotransfobia odierna.

rudolph
Natale e la renna Rudolph.
3 min. di lettura

Tutti conosciamo Rudolph. È la renna di Babbo Natale dal naso rosso, che secondo la storia ha salvato il Natale illuminando la strada durante una tormenta di neve.

La storia è narrata anche in Rudolph the Red-Nosed Reindeer, uno speciale girato in stop-motion nel 1964 e che in America va in onda ogni anno, anche più volte nel periodo natalizio. Potremmo definirlo come il filmUna poltrona per Due“, un appuntamento fisso di questo periodo.

Ma perché ci interessa la storia della renna Rudolph? Perché prestando attenzione alla storia narrata in Rudolph the Red-Nosed Reindeer, si nota come la piccola renna sia bistrattata e discriminata proprio per il suo naso rosso. Volendo approfondire, potremmo facilmente vederla come la discriminazione che una persona LGBT deve sopportare nella società di oggi.

Troppo forzato? Non proprio.

La storia della renna Rudolph versione LGBT

Hermey e la renna Rudolph.

Partiamo dal principio. Rudolph nasce a Christmastown, dalla renna Donner e sua moglie. Il piccola cerbiatto però è diverso dagli altri: ha il naso rosso. Questo è considerata una vergogna per la famiglia. Tanto che Babbo Natale non lo può accettare come futura renna per la sua slitta. Donner, per nascondere questa sua particolarità, lo costringe a indossare un finto naso nero, per nascondere appunto il luccicante naso rosso. Il suo vero io. 

Non si nota qualcosa di familiare?

Rudolph è costretto a nascondere il suo naso, indossando una maschera. Costretto dalla propria famiglia che non lo accetta. Disperato e sconsolato, se ne va nel bosco, convinto di vivere da solo per il resto della sua vita. Ma, almeno, essendo sé stesso. È qui che trova Hermey, uno strano elfo che aveva lasciato il laboratorio di giocattoli di Babbo Natale perché il suo sogno era un altro: diventare odontoiatra. Hermey però ha deciso di vivere la sua vera vocazione, dimettendosi dal suo ruolo “standard” di costruttore e lasciando Christmastown.

Anche in questo contesto, possiamo vedere due persone differenti tra loro. Entrambi non sono come la società etero-normativa li vorrebbe, ma mentre Rudolph continua a vivere dentro l’armadio, Hermey ha deciso di uscire allo scoperto.

I tre amici Yukon, Hermey e Rudolph

Procedendo ne bosco, la renna e l’elfo incontrano Yukon Cornelius, un cercatore d’oro. E anche lui, in solitudine.

L’arrivo a l’isola dei giocattoli disadattati

Il trio continua il suo cammino fino ad arrivare all’isola dei giocattoli disadattati, i Misfits. Questo è un luogo dove tutti coloro che non sono accettati trovano riparo. Chi senza una famiglia, chi senza amici o un tetto sopra la testa, trova un aiuto e nuove persone. Anche qui, si nota una certa sintonia con quelle persone della nostra comunità cacciate di casa o abbandonate dagli amici.

L’isola è gestita da King Moonracer, un leone alato. È lui a dire a Rudolph di tornare da Babbo Natale, spiegando che i Misfits vorrebbero solo essere accettati dalla società e donati come tutti gli altri regali.

L’omofobia e gli stereotipi

Quindi, la renna decide di partire per Christmastown, dove i suoi genitori sono in pericolo. Andati a cercarlo, infatti, erano caduti nelle mani dell’Abominevole Mostro delle Nevi. L’incarnazione perfetta dell’omofobia. Rudolph, e così anche Hermey e Yukon Cornelius, hanno paura di questa bestia.

È un bestia che ti attacca, che ti distrugge. E può essere letale (quante tragedia abbiamo conosciuto?). Rudolph viene sconfitto dall’Abominevole Mostro delle Nevi, ma in suo soccorso arrivano i suoi due compagni, che riescono a sconfiggerlo e “addomesticarlo”. Dimostrando così che anche una bestia cattiva può essere eliminata, basta combattere.

Volendo approfondire ancora un altro po’, vediamo il padre Donner, Babbo Natale e tutti gli altri concittadini della città del Natale sorpresi per la forza di Rudolph e di tutti i Misfits, abbattendo quindi il pensiero che diverso significhi inferiore o inutile. Così come un ragazzo gay non deve essere per forza un effemminato, come dice uno dei più comuni stereotipi.

La fine della storia

Rudolph, la storia di Natale della renna dal naso rosso vera favola queer - rudolph - Gay.it

Rudolph diventa membro della squadra che traina la slitta di Babbo Natale, il quale ora si è fatto più inclusivo. Accoglie tutti nella sua città, anche l’omofobia/abominevole mostro delle nevi, che nonostante sia innocuo, continua ad esistere (sempre meno, fino a quando non svanirà del tutto).

Non sappiamo se i produttori del film del 1964 volessero dare un sottotesto LGBT alla storia, però è innegabile che possiamo imparare molto: diverso non significa strano, non vuol dire buttare via la propria vita. Questo dobbiamo ricordarcelo, e non solo a Natale. 

 

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Ricky Martin: "Se avessi fatto coming out nel 1999 credo che non avrei avuto lo stesso successo" - Ricky Martin per GQ - Gay.it

Ricky Martin: “Se avessi fatto coming out nel 1999 credo che non avrei avuto lo stesso successo”

Culture - Redazione 23.2.24
Paolo Camilli

Paolo Camilli: “La mia omosessualità? L’ho negata fino alla morte con me stesso” – intervista

Culture - Luca Diana 23.2.24
Roberto Vannacci

Roberto Vannacci avrebbe truffato lo Stato secondo l’indagine della procura militare

News - Giuliano Federico 24.2.24
Lux Pascal, la sorella di Pedro Pascal nel cast di Summer War. Sarà il suo primo film dopo il coming out - Lux Pascal e Pedro - Gay.it

Lux Pascal, la sorella di Pedro Pascal nel cast di Summer War. Sarà il suo primo film dopo il coming out

News - Redazione 23.2.24
transgender allattamento seno

Le mamme transgender e i genitori AMAB possono allattare: lo dice la scienza

Corpi - Francesca Di Feo 22.2.24
glaad-gaming-report

Il 17% dellǝ appassionatǝ di videogames è queer, ma l’industria ci rappresenta? Il rapporto di GLAAD

Culture - Francesca Di Feo 14.2.24

I nostri contenuti
sono diversi

regali-di-natale-queer

6 regali di Natale queer da fare allǝ tuǝ amicǝ nerd senza foraggiare il rainbow washing

Guide - Francesca Di Feo 30.11.23
5 pubblicità queer natalizie che non dimenticheremo: ecco perché

Le 5 pubblicità queer natalizie che non dimenticheremo

Culture - Emanuele Cellini 19.12.23
Migliori videogiochi gay LGBTQIA+ del 2023: Roller Drama

I migliori videogiochi LGBTQIA+ del 2023

Culture - Matteo Lupetti 7.12.23
casa arcobaleno

Dipinge la casa arcobaleno per le sue figlie e per rispondere al vicino omofobo

News - Redazione Milano 27.11.23
meta-linguaggio-odio-lgbt (1)

Meta: Facebook e Instagram indifferenti all’odio verso le persone LGBTIQ+?

News - Francesca Di Feo 2.10.23
A Natale con “queer” vuoi, per Pasqua ci aggiorniamo: consigli per le feste - cover - Gay.it

A Natale con “queer” vuoi, per Pasqua ci aggiorniamo: consigli per le feste

Culture - Emanuele Bero 16.12.23
Pride Christmas Nutcracker (TARGET)

Schiaccianoci queer e Babbo Natale in sedia a rotelle? È subito polemica

News - Redazione Milano 28.11.23
furry gay SiegedSec

Si firmano “furry gay” e vogliono “ragazze gatto”: hacker attaccano il più grande laboratorio nucleare al mondo

News - Redazione Milano 24.11.23