Russia: la verità sul giornalista gay ucciso

L'omicidio del giornalista gay russo sarebbe l'ultimo di una lunga serie di delitti a sfondo omofobico

Russia: la verità sul giornalista gay ucciso - dmitry tsilikin russia - Gay.it
3 min. di lettura

Ancora una volta un crimine efferato contro la libertà di essere omosessuali in Russia. E a quanto pare sarebbe la punta dell’iceberg di una lunga serie. Dmitry Tsilikin, giornalista gay e critico teatrale, esperto di cultura e spettacolo e contributor per vari magazine, è stato trovato morto nel suo appartamento tra il 31 marzo e il primo aprile: il suo corpo viene trovato martoriato da ripetute pugnalate sparse in ogni angolo del corpo, segno che il delitto ha un movente da cercare nell’odio verso chi è diverso.

Dopo alcuni giorni viene fermato dalla polizia Sergei Kosirev, studente 21enne già noto alla polizia per le sue tendenze ideologiche filonaziste e per il soprannome che si è affibbiato, “The Cleaner”, il ripulitore. Da tempo erano manifesti i suoi deliri politici sui social, testimoniati dalla pubblicazione di foto di Hitler e di massime incitanti all’odio e alla discriminazione. Stando a quanto rivelano i giornali locali, i due si sarebbero incontrati a causa di un tranello tirato da Kosirev, spacciatosi per gay e abbordato in una chat online dal giornalista.

Le novità degli ultimi giorni sul caso sono sconcertanti: le autorità locali non hanno trovato segni di infrazione e perciò non hanno compiuto particolari indagini sulla vicenda, liquidandola in modo piuttosto inusuale. La giornalista rusa Masha Gessen, famosa attivista per i diritti emigrata da anni in America, ha alzato la voce denunciando l’omertà dei media locali sulle reali cause dell’omicidio: “In un Paese dove la violenza è frequente e si giustifica con varie ragioni, questo crimine era di tutt’altra natura. Un omicidio che non chiamiamo con il suo nome”, ha scritto la giornalista sul New York Times

Russia: la verità sul giornalista gay ucciso - masha gessen russia - Gay.it

“Tra gli anni Ottanta e gli anni Novanta, quando un giornale americano riportava la notizia della morte di un uomo giovane senza precisare le cause del decesso, questo lasciava supporre che l’uomo fosse morto per colpa dell’HIV.  In Russia oggi, l’equivalente è un necrologio che indica che un uomo è stato pugnalato nel suo appartamento e che nessun segno di infrazione sia stato rilevato. I necrologi non parlano di omicidio ma di ‘morte tragica’. Quello che si dice è che la vittima fosse gay e che sia stata uccisa da un uomo che è stato lasciato entrare, senza specificare altro”.

russia-lgbt

Secondo la giornalista russa l’omicidio è riconducibile a una serie di delitti efferati contro quelle figure di rilievo che sono scomode: il giornalista gay Tsilikin sarebbe solo un pezzo del puzzle. La Gessen ricorda altri casi precedenti, tra i quali quelli concernenti gli attori Viatsheslav Titov e Alexei Devochenko, ritrovati morti rispettivamente nel 2011 e nel 2014, in circostanze del tutto simili. Si stima che in Russia siano stati assassinati in 20 anni 315 giornalisti, rei soltanto di aver manifestato un’indipendenza ideologica dal governo e, in questo e in alcuni altri casi, di essere omosessuali. “Quello che nessuno ha scritto in risposta a queste morti è che la campagna antigay del Cremlino, che comunica al pubblico che la violenza omofobica rimarrà impunita, assicura che questi crimini efferati continuino“.

Per leggere il coraggioso parere della giornalista, cliccate qui.

 

 

 

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.
Avatar
Giovanni Di Colere 15.4.16 - 8:34

La cultura e la lingua russa la storia l'arte sono parte del patrimonio mondiale. Come lo sono quelle dei Paesi arabi.Peccato che la guerra dichiarata ai diritti umani dei gay ci escluda da questi Paesi dove siamo considerati criminali.

Trending

Queer Lion, tutti i vincitori del Leone LGBTQIA+ aspettando Venezia 2024 - queer lion story - Gay.it

Queer Lion, tutti i vincitori del Leone LGBTQIA+ aspettando Venezia 2024

Cinema - Federico Boni 12.7.24
Il matrimonio del mio migliore amico (1997)

Il tuo fruity boyfriend non ti salverà

Lifestyle - Riccardo Conte 12.7.24
Kim Kardashian

Kim Kardashian ha provato lo sperma di salmone (e non è l’unica)

Corpi - Emanuele Corbo 12.7.24
Rita Pavone: "Detesto tutte le ostentazioni che sviliscono l’amore, i sederi all’aria al Pride non mi piacciono" - Rita Pavone - Gay.it

Rita Pavone: “Detesto tutte le ostentazioni che sviliscono l’amore, i sederi all’aria al Pride non mi piacciono”

Musica - Redazione 11.7.24
Lorenzo Zurzolo Prisma La Storia

Lorenzo Zurzolo tra James Franco ne “Gli Squali”, e Martin Scorsese nel film di Julian Schnabel “La mano di Dante”

Cinema - Mandalina Di Biase 12.7.24
Gabriel Attal Jordan Bardella Gay.it TikTok

È virale la storia d’amore tra Jordan Bardella e Gabriel Attal inventata su TikTok durante le elezioni in Francia

Culture - Mandalina Di Biase 12.7.24

I nostri contenuti
sono diversi

lituania-transizione-di-genere

L’Unione Europea chiede alla Lituania regolamenti più definiti per la transizione di genere

News - Francesca Di Feo 19.3.24
afghanistan-persone-transgender

L’Afghanistan a 3 anni dall’ascesa dei talebani: stupri, torture e violenze all’ordine del giorno per le persone transgender

News - Francesca Di Feo 2.4.24
Castel Volturno: gruppo di donne trans schiavizzava e sfruttava altre ragazze trans

Un gruppo di donne trans schiavizzava altre ragazze trans: 11 arresti

News - Francesca Di Feo 28.3.24
vladimir putin russia

Russia, il movimento LGBTQIA+ ufficialmente equiparato alle organizzazioni terroristiche

News - Redazione 22.3.24
Russia, l'app Duolingo sotto indagine per "propaganda LGBTQIA+" - Russia lapp Dualingo - Gay.it

Russia, l’app Duolingo sotto indagine per “propaganda LGBTQIA+”

News - Redazione 13.2.24
Brittney Griner, dalla prigione russa al primo figlio con sua moglie Cherelle. Il dolce annuncio social - Brittney - Gay.it

Brittney Griner, dalla prigione russa al primo figlio con sua moglie Cherelle. Il dolce annuncio social

News - Redazione 18.4.24
Russia, il primo caso di "estremismo LGBTQIA+" finirà in tribunale: arrestati manager e direttrice del club queer Pose - VIDEO - russia club pose orenburg - Gay.it

Russia, il primo caso di “estremismo LGBTQIA+” finirà in tribunale: arrestati manager e direttrice del club queer Pose – VIDEO

News - Francesca Di Feo 22.3.24
nigeria-kito-app-dating

Nigeria, l’orrenda pratica del “kito”: bande omofobe attirano uomini gay sulle app di dating per “punirli” e ricattarli

News - Francesca Di Feo 3.5.24