Torino, tagliato un orecchio dopo la brutale aggressione a una coppia di uomini

"Un’aggressione organizzata e deliberata, con chiari toni omobitransfobici". La coppia ha sporto denuncia e identificato gli aggressori, ma non verrà applicata nessuna aggravante senza una legge contro l'omobitransfobia.

ascolta:
0:00
-
0:00
torino-aggressione-omofoba
2 min. di lettura

Metodi punitivi medioevali: una violenta aggressione omofoba ha sconvolto la città di Torino il 13 giugno, gettando luce sulla necessità urgente di protezioni legali per le persone LGBT+. Pochi giorni prima della parata del Pride, una coppia di uomini è stata presa di mira e brutalmente aggredita da quattro individui proprio sotto casa loro.

L’episodio ha lasciato un segno indelebile, con uno dei due ragazzi che ha subito la mutilazione dell’orecchio. Le vittime, profondamente traumatizzate, si sono immediatamente rivolte alla Gay Help Line, numero verde di supporto contro l’omobitransfobia (800713713), in cerca di assistenza legale e sostegno. Nel corso della chiamata, hanno raccontato agli operatori l’orrore.

Tre aggressori hanno bloccato uno dei due uomini, picchiandolo senza pietà, mentre il quarto aggressore ha gettato a terra il più giovane. Durante la violenza, l’aggressore urlava insulti omofobi. Poi, con una crudeltà estrema, ha sfoderato un’arma da taglio per recidere una parte dell’orecchio di uno dei due uomini.

Ciò che rende ancora più angosciante questo tragico evento è il fatto che nessuno dei presenti abbia reagito o tentato di difendere la coppia. Nonostante l’aggressione sia durata almeno venti minuti, l’assenza di intervento da parte dei passanti ha amplificato il senso di impotenza e abbandono delle vittime. Fortunatamente, una delle vittime è riuscita a recuperare il telefono e a chiamare immediatamente le forze dell’ordine, che sono intervenute sul posto.

Abbiamo deciso di mantenere il riserbo fin’ora per permettere alle vittime di elaborare ciò che è accaduto e di strutturare un supporto emotivo oltre che legale. È stato necessario avviare un percorso anche per capire la pericolosità della situazione e farla comprendere alle vittime, perché l’aggressione è avvenuta sotto casa” afferma Alessandra Rossi, Coordinatrice Gay Help Line.

La Gay Help Line, oltre a fornire un supporto emotivo alle vittime, ha prontamente segnalato l’episodio all’Osservatorio contro gli atti discriminatori delle Forze dell’Ordine (OSCAD) al fine di documentare il caso e promuovere indagini approfondite. Gli avvocati della Gay Help Line, determinati a garantire giustizia, stanno preparando una richiesta al giudice affinché venga riconosciuta l’aggravante di odio in questo caso, nonostante la mancanza di una legge specifica contro l’omobitransfobia.

Si è trattato di un’aggressione organizzata e deliberata, con chiari toni omobitransfobici. Le vittime non conoscevano gli aggressori se non di vista. Loro abitano insieme, quindi c’è probabilmente stata la possibilità di identificarli come coppia. Nei giorni precedenti uno dei ragazzi aveva già notato che gli aggressori lo additavano da lontano con insulti e provocazioni, ma soprattutto il gesto dell’orecchio, quello che si rivolge alle persone omosessuali. Il che avvalora ancora di più l’ipotesi che dietro all’aggressione ci sia un chiaro movente omobitransfobico” continua Rossi.

Nonostante gli sforzi e le battaglie sostenute dall’associazione negli ultimi anni, l’Italia si trova ancora senza una legge che riconosca e punisca gli atti di omobitransfobia come crimini d’odio. Questo lascia un vuoto nella protezione delle persone LGBT+ e incoraggia una cultura dell’odio e dell’intolleranza.

La Gay Help Line, insieme ad altre organizzazioni per i diritti LGBT+, sta sollecitando con urgenza il governo e il parlamento a prendere provvedimenti concreti per garantire strumenti legali che puniscano tali crimini e creino un segnale culturale forte a sostegno dei diritti delle persone LGBT+.

Al momento i ragazzi hanno sporto denuncia e sono riusciti ad identificare gli aggressori, ma l’assenza di tutele legali è estremamente preoccupante. Abbiamo intenzione di costituirci parte civile come Gay Help Line per supportare le vittime nell’ottenere giustizia” conclude Rossi.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Essere gay e candidarsi come sindaco in provincia, attacchi omofobi a Riccardo Vannetti: "La risposta è l'educazione alle diversità" - INTERVISTA - riccardo vannetti - Gay.it

Essere gay e candidarsi come sindaco in provincia, attacchi omofobi a Riccardo Vannetti: “La risposta è l’educazione alle diversità” – INTERVISTA

News - Francesca Di Feo 17.5.24
Rainbow Map 2024, l'Italia crolla al 36° posto su 49 Paesi per uguaglianza e tutela delle persone LGBT - rainbowmap - Gay.it

Rainbow Map 2024, l’Italia crolla al 36° posto su 49 Paesi per uguaglianza e tutela delle persone LGBT

News - Federico Boni 15.5.24
Andrew Scott per Quinn (2024)

Andrew Scott presta la voce ad un’app di racconti erotici

Culture - Redazione Milano 16.5.24
queer palm, festival di cannes, i vincitori

Festival di Cannes. Tutti i film vincitori della Queer Palm dal 2010 ad oggi

Cinema - Gio Arcuri 17.5.24
daniel craig queer guadagnino

Queer: “È fantastico, dura 3 ore e sarà a Venezia”. Luca Guadagnino: “È il film che avevo in testa da 35 anni”

News - Redazione 20.5.24
15 persone famose che non sapevi fossero non binarie - 10 persone famose che non sapevi fossero non binarie - Gay.it

15 persone famose che non sapevi fossero non binarie

Corpi - Gio Arcuri 13.5.24

Leggere fa bene

arezzo-whynot-chiuso

Arezzo, chiusa la serata queer WhyNot per troppi episodi di violenza verbale omobitransfobica

News - Francesca Di Feo 21.3.24
india-pranshu-influencer-morto-suicida

Addio Pranshu, a 16 anni si è tolto la vita, ucciso dal cyberbullismo omobitransfobico

News - Francesca Di Feo 27.11.23
russia-insegnante-propaganda-lgbtqia

Russia, insegnante si veste da Biancaneve e viene accusato di propaganda LGBTQIA+

News - Francesca Di Feo 28.12.23
reintegrato-coordinatore-cittadino-fdi-omofobo

Dentro Fratelli d’Italia se sei omofobo fai carriera: la storia di Alessio Butti

News - Francesca Di Feo 1.12.23
meglio-a-colori-terapie-riparative (3)

“Meglio a Colori”, la campagna per un disegno di legge contro le terapie riparative

News - Francesca Di Feo 17.5.24
Alghero_Omofobia_condanna

Alghero, frasi omofobiche ignobili e persecuzioni a coppia gay: condannato a un anno e a pagare 20.000 euro

News - Francesca Di Feo 25.3.24
Numero Verde 800713713 Gay Help Line - 18 anni, 350.000 chiamate, il 51% da giovani -

Gay Help Line, 18 anni di supporto telefonico LGBTIAQ+ : 51% delle richieste arrivano da giovani – VIDEO

News - Gay.it 18.3.24
St. Vincent e Grenadine, l'Alta Corte conferma: "Il sesso gay è illegale, legge ragionevolmente necessaria" - Caraibi - Gay.it

St. Vincent e Grenadine, l’Alta Corte conferma: “Il sesso gay è illegale, legge ragionevolmente necessaria”

News - Redazione 19.2.24