Trapani, tribunale riconosce l’autodeterminazione di genere per una donna trans. Destra all’attacco

"La società si evolve e così fa la giurisprudenza", il commento dell'avvocato di Emanuela. Lucio Malan di Fratelli d'Italia: "I giudici sono soggetti alla legge".

ascolta:
0:00
-
0:00
deadnaming-impatto-sulle-persone-transgender
deadnaming-impatto-sulle-persone-transgender
3 min. di lettura

Il tribunale di Trapani ha riconosciuto il diritto di cambiare nome e identità di genere all’anagrafe senza alcun intervento chirurgico effettuato o programmato e senza alcuna terapia ormonale ad Emanuela, 53enne di Erice. Il tribunale si è rifatto ad una sentenza della Corte di Cassazione del 2015, che consentì ad una donna transgender di legittimarsi come tale prima dell’operazione, all’epoca pianificata. In questo caso non prevista.

Intervistata da LaRepubblica, Emanuela ha confessato di aver sempre sentito “un universo femminile” dentro di sè, dall’età di 5 anni. “Perché quando si è transgender il bambino, o la bambina, percepisce la sua identità nell’immediato“.

20 anni fa Emanuela aveva iniziato il percorso di riassegnazione del genere per via ormonale e chirurgica, prima di fermare tutto. “Quando i medici mi spiegarono le conseguenze, vista l’alta invasività del trattamento, ho scelto di non farlo e di convivere in armonia con il mio corpo. Non avere l’organo sessuale femminile non compromette il modo in cui mi percepisco, le mie sembianze non offuscano la mia identità femminile“.

Tutto è cambiato grazie alla sentenza numero 15138 della Corte di Cassazione e all’incontro con l’avvocato Marcello Mione, che ha convinto Emanuela ad intraprendere la strada del tribunale.

La società si evolve e così fa la giurisprudenza. Il principio espresso dalla Cassazione e a cui abbiamo fatto fede è che l’intervento chirurgico modificativo dei caratteri sessuali non incide sulla fondatezza della richiesta di rettifica anagrafica, con la conseguenza che, nei casi in cui l’identità di genere sia frutto di un processo individuale serio e univoco, l’organo sessuale primario non determina necessariamente la percezione di sé“, ha commentato l’avvocato.

Emanuela ha dovuto cedere ad una perizia d’ufficio, dicendosi a tratti “umiliata: come se una persona che si definisce “etero” venisse sottoposta a una perizia psichiatrica per verificare che lo è”, ma oggi è chiaramente felice, raggiante, per il risultato raggiunto.

Spero che la mia esperienza possa essere di aiuto per altre persone che, nelle mie stesse condizioni, temono di rivolgersi alla legge affinché venga loro riconosciuto il diritto di essere sé stesse. Noi transgender siamo viste come alieni, quando basterebbe conoscerci per capire che siamo persone come tutte le altre“.

Trapani, tribunale riconosce l'autodeterminazione di genere per una donna trans. Destra all'attacco - Lucio Malan - Gay.it

La sentenza di Trapani ha scatenato la destra di governo. Lucio Malan, presidente del gruppo parlamentare di Fratelli d’Italia al Senato, ha twittato: “Tribunale di Trapani: un uomo sarà registrato come donna e si chiamerà Emanuela. Senza alcuna legge che lo consenta. Secondo la Costituzione, articolo 101, i giudici sono soggetti alla legge”.

Peccato che sia stata proprio la Corte Costituzionale, sia nel 2015 che nel 2017, a ribadire come “per ottenere la rettificazione del sesso non è obbligatorio l’intervento chirurgico demolitorio o modificativo dei caratteri sessuali anatomici primari”.  In sostanza, se la persona interessata ha già assunto l’identità di genere nella quale si riconosce potrà fare richiesta di modifica dei propri dati anagrafici anche senza aver effettuato l’intervento chirurgico. 

In Italia la riassegnazione di sesso e genere anagrafico è consentita dalla Legge 14 aprile 1982, n. 164: “Norme in materia di rettificazione di attribuzione di sesso“. All’epoca fu una legge all’avanguardia, tra le prime al mondo, mentre oggi appare obsoleta e non al passo con i tempi.

In Spagna la legge sull’autodeterminazione di genere è stata approvata lo scorso febbraio. Tutti i cittadini al di sopra dei 16 anni possono cambiare legalmente il proprio genere anagrafico senza autorizzazione giudiziaria o referti medici, attraverso una doppia semplice dichiarazione amministrativa a distanza di 3 mesi. Per i ragazzi dai 14 ai 16 anni serve il consenso dei genitori mentre tra i 12 e i 14 anni è necessaria anche l’autorizzazione di un giudice. Al di sotto dei 12 anni, non è possibile richiedere alcun cambio anagrafico, se non tramite cosiddetta carriera alias nelle scuole.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

glaad-gaming-report

Il 17% dellǝ appassionatǝ di videogames è queer, ma l’industria ci rappresenta? Il rapporto di GLAAD

Culture - Francesca Di Feo 14.2.24
Ricky Martin: "Se avessi fatto coming out nel 1999 credo che non avrei avuto lo stesso successo" - Ricky Martin per GQ - Gay.it

Ricky Martin: “Se avessi fatto coming out nel 1999 credo che non avrei avuto lo stesso successo”

Culture - Redazione 23.2.24
Eurovision 2024, Angelina Mango vola secondo i bookmakers. Le ultime quote - Angelina Mango - Gay.it

Eurovision 2024, Angelina Mango vola secondo i bookmakers. Le ultime quote

News - Redazione 23.2.24
Foto: SchiDechDaily

Parità di genere nella Preistoria? Le donne erano cacciatrici come gli uomini (e anche meglio!)

News - Redazione Milano 20.2.24
adolescente-non-binari-aggressione-oklaoma (1)

USA, Nex Benedict, sedicenne non binariǝ, muore dopo un’aggressione transfobica a scuola

News - Francesca Di Feo 21.2.24
La storia di Radclyffe Hall: così fu censurato il primo romanzo lesbico della letteratura - Sessp 38 - Gay.it

La storia di Radclyffe Hall: così fu censurato il primo romanzo lesbico della letteratura

Culture - Federico Colombo 20.2.24

Continua a leggere

Lia Thomas nella storia: prima nuotatrice trans a vincere alla NCAA

La categoria “open” alla Coppa del Mondo di nuoto è stata cancellata perché nessunə si è iscrittə

Corpi - Redazione 5.10.23
Angelica Ross di Pose e AHS annuncia che "lascerà Hollywood" per buttarsi in politica - Angelica Ross di Pose - Gay.it

Angelica Ross di Pose e AHS annuncia che “lascerà Hollywood” per buttarsi in politica

Cinema - Redazione 26.9.23
Sex Education 4, il coordinatore dell'intimità parla della prima scena di sesso trans tra Abbi e Roman - Sex Education 4 il coordinatore dellintimita parla della prima scena di sesso trans tra Abbi e Roman - Gay.it

Sex Education 4, il coordinatore dell’intimità parla della prima scena di sesso trans tra Abbi e Roman

Serie Tv - Redazione 26.9.23
Annette Bening, orgogliosa mamma di un figlio trans: "La transfobia ha invaso l'America, è vergognoso e doloroso" - annette bening figlio trans Stephen Ira - Gay.it

Annette Bening, orgogliosa mamma di un figlio trans: “La transfobia ha invaso l’America, è vergognoso e doloroso”

Cinema - Redazione 2.11.23
@elliotpage

Elliot Page in Close To You: tra misgendering e scene a petto nudo

Cinema - Redazione Milano 12.9.23
Lady Gaga, l'emozionante discorso a sostegno delle persone trans. Il video è virale - lady gaga - Gay.it

Lady Gaga, l’emozionante discorso a sostegno delle persone trans. Il video è virale

Musica - Redazione 4.9.23
foto: il fatto quotidiano

Trans Lives Matter: il movimento trans* si fa sentire ancora più forte

News - Redazione Milano 20.11.23
A un ragazzo trans è stato vietato di interpretare il protagonista maschile in "Oklahoma!" - A un ragazzo trans e stato vietato di interpretare il protagonista maschile in 22Oklahoma22 - Gay.it

A un ragazzo trans è stato vietato di interpretare il protagonista maschile in “Oklahoma!”

Culture - Redazione 9.11.23