Video

Scoprendo William Dorsey Swann, la prima drag queen della storia

Ex schiavo nell'America dell'Ottocento, William Dorsey Swann fu la prima "queen of drag" a battersi per la comunità queer.

ascolta:
0:00
-
0:00
2 min. di lettura

 

 

 

Scoprendo The Queen, la prima drag queen della storia
William Dorsey Swann prima drag queen della storia

Non tutt* avranno famigliarità con il suo nome, ma William Dorsey Swann, anche rinominato”The Queen“, fu una delle prime persone a presentarsi come drag queen, durante una delle parentesi più buie e oppressive della storia americana. Come affrontato anche da Luciana Grosso nel suo pezzo per l’Espresso, quella di Dorsey è una storia che risale all’America di fine Ottocento, riportata ai giorni nostri grazie ad un giornalista che ha ricomposto i pezzi di una biografia frammentata negli anni.

William Dorsey Swan
Non esistono ad oggi foto di William Dorsey Swan, in questa foto due ballerini neri danzano la Cake-Walk In a Parigi (di James Gardiner Collection, Welcome Library)

 

Quinto di tredici figli, Swann nasce nel 1858 come schiavo tra le piantagioni del Maryland. Con la fine della Guerra Civile, la sua famiglia è finalmente libera, e tra gli anni Ottanta e Novanta dell’Ottocento Swann organizza feste segrete a Washington D.C con il titolo di queen of drag. Le serate alla “House of Swann” erano luogo di ritrovo per altri uomini, anch’essi ex schiavi, che amavano indossare abiti di seta e ballare tutta la notte. Una vera e propria ballroom, dove i partecipanti si sfidavano in gare di danza e potevano esprimersi come volevano: ci si sfidava a ritmo di cake-walks, coreografia nata per prendere in giro gli oppressori (“cake” perché il vincitore riceveva una torta). Gli psichiatri dell’epoca li definirono “una banda lasciva di pervertiti sessuali” e Swann fu arrestato innumerevoli volte, la prima il 12 Aprile 1888, con l’accusa di “impersonificazione femminile”. Successe di nuovo nel 1896, scontando dieci mesi di carcere per la gestione di un bordello (o come l’avrebbero definita all’epoca: “una casa di disordinata moralità“): “Il prigioniero, di fatti, è stato accusato della più orribile e disgustosa offesa che la legge conosca” scrisse all’epoca il procuratore, parlando di “un’offesa così disgustosa che non ha nome“.

 

scoprendo the queen, la prima drag queen della storia
Sentenza a William Dorsey Swan con l’accusa di “aver gestito una casa di disordinata moralità”

Swann rivendicò – insieme ad una petizione scritta firmata da più voci – la sua innocenza davanti al presidente Cleveland, diventando a tutti gli effetti il primo americano a difendere il diritto delle persone queer a riunirsi in uno spazio comunitario, libero da ogni forma di violenza. Pioniere di libertà e autodeterminazione, Swann morì nel 1926, ma suo fratello, Daniel J. Swann, continuò a cucire e fabbricare abiti per la comunità drag, tenendo vivo il ricordo di The Queen.

(Video dal canale Freedom Is Mine Official)

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Rainbow Map 2024, l'Italia crolla al 36° posto su 49 Paesi per uguaglianza e tutela delle persone LGBT - rainbowmap - Gay.it

Rainbow Map 2024, l’Italia crolla al 36° posto su 49 Paesi per uguaglianza e tutela delle persone LGBT

News - Federico Boni 15.5.24
Beatrice Quinta, da X Factor al primo EP

Beatrice Quinta: “Parlo sempre di sesso perché ho scoperto che posso godere” – Intervista

Musica - Emanuele Corbo 20.5.24
HUGO™ 2: recensione dei due nuovi massaggiatori prostatici della LELO (che gli uomini sposati amano) - 1000056146 01 - Gay.it

HUGO™ 2: recensione dei due nuovi massaggiatori prostatici della LELO (che gli uomini sposati amano)

Corpi - Gio Arcuri 29.1.24
Paola e Chiara singolo estivo Festa totale

Paola e Chiara, arriva il singolo “Festa totale”: “Il nostro grido d’amore forte e libero”

Musica - Emanuele Corbo 20.5.24
15 persone famose che non sapevi fossero non binarie - 10 persone famose che non sapevi fossero non binarie - Gay.it

15 persone famose che non sapevi fossero non binarie

Corpi - Gio Arcuri 13.5.24
Sethu, è uscito il suo primo album "Tutti i colori del buio"

Sethu e i colori del buio: “Canto per tendere una mano a me stesso e agli altri, dopo Sanremo la depressione” – Intervista

Musica - Emanuele Corbo 17.5.24

Hai già letto
queste storie?

Torino, in 20 aggrediscono la drag La Myss: "È stato di sicuro un attacco a sfondo omofobo" - la myss - Gay.it

Torino, in 20 aggrediscono la drag La Myss: “È stato di sicuro un attacco a sfondo omofobo”

News - Redazione 9.1.24
Arrusi Pigneto Luana Rigolli

San Valentino, a Roma spuntano i ritratti degli arrusi, gli omosessuali confinati dal fascismo alle Isole Tremiti

Culture - Redazione Milano 14.2.24
CARY GRANT IN NORTH BY NORTHWEST

Ma quindi Cary Grant era gay o no? La figlia smentisce tutto

Cinema - Redazione Milano 12.12.23
I prigionieri che indossano triangoli rosa sulle loro uniformi vengono fatti marciare all'aperto dalle guardie naziste a Sachsenhausen.

Il Giorno della Memoria: un’occasione per rompere il silenzio

Culture - Alessio Ponzio 24.1.24
Sandra Milo, Icona eternamente Libera - Sandra Milo fotografata da Leandro Manuel Emede per Sette Corriere - Gay.it

Sandra Milo, Icona eternamente Libera

Culture - Federico Boni 29.1.24
Grecia, l'Alessandro Magno bisessuale di Netflix finisce in parlamento: "Deplorevole, inaccettabile e antistorico" - Alessandro Magno - Gay.it

Grecia, l’Alessandro Magno bisessuale di Netflix finisce in parlamento: “Deplorevole, inaccettabile e antistorico”

Serie Tv - Redazione 21.2.24
RuPaul non crede nella monogamia tra uomini. E attacca Madonna: "Mi diede dell'eunuco, per lei ero inutile" - RuPaul - Gay.it

RuPaul non crede nella monogamia tra uomini. E attacca Madonna: “Mi diede dell’eunuco, per lei ero inutile”

Culture - Federico Boni 5.3.24
Giorgio Bozzo, autore di Le Radici dell'Orgoglio

Quell’orgoglio che ci rende più forti: intervista con Giorgio Bozzo (che riparte con Le radici dell’orgoglio)

Culture - Riccardo Conte 4.1.24