Politica, musica e locali: dal 1976 cambia la visibilità del movimento omosessuale italiano

Negli anni '70 cambia tutto, grazie soprattutto alle prime elezioni politiche con candidati apertamente omosessuali.

visibilità
Le sorelle bandiera.
4 min. di lettura

La seconda metà degli anni ’70 è un periodo estremamente importante per il movimento omosessuale italiano, incentrato ancora una volta sulla visibilità della nostra comunità.

Ad esempio il 1976 è l’anno delle elezioni politiche, ma anche delle prime radio indipendenti e libere, che davano spazio a rubriche riguardanti anche i diritti civili, fino ai primi locali gay che nascevano nelle grandi città.

Novità in politica: prime candidature apertamente omosessuali

Politica, musica e locali: dal 1976 cambia la visibilità del movimento omosessuale italiano - politiche - Gay.it
I risultati delle elezioni.

Alle elezioni politiche del 1976 scoppiò subito uno scandalo: candidati apertamente gay. Marco Pannella, in vista delle elezioni, aveva voluto due riforme importanti all’interno del partito: solo capolista donne e candidare anche persone omosessuali e lesbiche.

La notizia rimbalzò presto su tutti i giornali, tra l’incredulità degli altri partiti. Erano persone che ci mettevano faccia, nome e cognome. Tra i candidati, c’erano Angelo Pezzana, Matilde Bona, Laura di Nola, Filippo Molinengo, Laura Fossetti.

Le elezioni si chiusero con 400.000 voti per il Partito Radicale, che portò in Parlamento 4 deputati. Pezzana entrò alla Camera il 6 febbraio 1979, sostituendo Mauro Mellini. La sua esperienza da deputato però durò solo una settimana poiché a metà febbraio lasciò il posto. 

Perché Pannella decise di proporre candidati apertamente gay? Lo spiegano Emma Bonino e Angelo Pezzana nella nuova puntata del podcast di Le Radici dell’Orgoglio. Bonino spiega che l’intenzione di Pannella, condivisa poi da tutti i radicali, era quella di dare visibilità alle persone omosessuali. La politica, in quel preciso periodo, stava iniziando a discutere di tematiche sessuali e identitarie, era necessario avere qualche attivista all’interno. Lo conferma anche Pezzana, il quale parla del 1976 come l’anno in cui l’omosessualità guadagna un’identità e una dignità politica.

Riviste e radio: continua la visibilità del movimento gay

Dai primi anni, il FUORI era cambiato, sopratutto dopo l’unione con i Radicali. Per questo motivo, nacque una nuova rivista, più leggera che parlava di attualità: Lambda. Diretta da Felix Cossolo, era una lettura meno politica rispetto al FUORI, con il quale si crearono anche dei conflitti tra Cossolo e Pezzana. A seguito dello scontro (nato sembra dall’outing a Pannella pubblicato sul FUORI), Lambda divenne l’organo del movimento gay che non si riconosceva più nelle posizioni dei Radicali.

Politica, musica e locali: dal 1976 cambia la visibilità del movimento omosessuale italiano - cossolo - Gay.it
Felix Cossolo.

Il 1976 è anche l’anno delle radio. Canale 96 è una delle più famose, nata a Milano con Luigi Cannillo e Claudio Trotta. Alle trasmissioni politiche, di informazione, culturali e sociali, si inserirono rubriche a tematica omosessuale. Fu la prima radio ad aprire rubriche sui diritti civili, fattore che mise in pericolo gli attivisti coinvolti: non era raro essere aggrediti da gruppi fascisti.

Spettacoli e locali

Politica, musica e locali: dal 1976 cambia la visibilità del movimento omosessuale italiano - bandiera - Gay.it
Prove di visibilità: le Sorelle Bandiera.

La politicizzazione del FUORI portò alla nascita di diversi collettivi, come quello di Mario Mieli.

Massimo Consoli a Roma aprì invece OMPO’s. Un’esperienza entusiasmante, disse lo stesso Consoli, che stava iniziando a espandersi e diventare celebre nella città capitolina.

I suoi spettacoli erano amati dal pubblico, anche eterosessuale. Ma se da un lato lo spettacolo era un successo, dall’altro era un problema. Ad esempio, la commedia “Anche i fr*ci vanno in Paradiso!” rischiava di non essere pubblicizzato, a causa della parola fr*cio, considerata una parolaccia. Solo l’insistenza di Consoli portò a un compromesso, modificando leggermente il titolo: anziché il punto esclamativo, il titolo sarebbe diventato una domanda.

La musica cambiò in generale. Le canzoni di Sanremo 1976 trattavano più apertamente la sessualità, mentre i Pooh parlarono di omosessualità in una loro canzone, Pierre. Ivan Cattaneo fu uno dei primi cantanti gay, che era considerato un personaggio raro per l’epoca.

E iniziarono a nascere anche i primi locali. Sempre nel 1976 venne aperto a Roma il locale Alibi. Era un grande spazio su due piani, mentre al piano terra c’era la discoteca, al piano superiore c’era un teatro. Fu qui che vennero organizzati alcuni spettacoli, in particolare “Zucchero”, di Pino Pellegrino e la sua compagnia. Il locale divenne gay (o misto) senza alcun intervento da parte dei gestori. Lo spettacolo di Pellegrino attrasse un pubblico per lo più omosessuale, che dopo si spostava nella discoteca sottostante a ballare. In questo modo, l’Alibi divenne un dei primi locali gay di Roma.

L’Alibi ospitò anche “Le Sorelle Bandiera”, ovvero Tito LeDuc (bionda), Mauro Bronchi (mora), Neil Hansen (rossa). Quest’ultimo, ha raccontato che proprio all’Alibi il trio venne notato da Renzo Arbore, che le invitò a realizzare la sigla della sua trasmissione della domenica, “l’Altra Domenica”. Se fino a pochi anni prima vedere tre uomini travestiti in televisione avrebbe creato scalpore, la sigla non solo non portò nessuna critica, ma era amata dal pubblico.
Ascolta “Le Radici dell’Orgoglio Ep.#8 – Prove tecniche di visibilità (1976-1977)” su Spreaker.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

15 persone famose che non sapevi fossero non binarie - 10 persone famose che non sapevi fossero non binarie - Gay.it

15 persone famose che non sapevi fossero non binarie

Corpi - Gio Arcuri 13.5.24
Sarah Toscano, Amici 23

Sarah Toscano vince Amici 23: è lei la popstar del futuro

Culture - Luca Diana 19.5.24
Sethu, è uscito il suo primo album "Tutti i colori del buio"

Sethu e i colori del buio: “Canto per tendere una mano a me stesso e agli altri, dopo Sanremo la depressione” – Intervista

Musica - Emanuele Corbo 17.5.24
queer palm, festival di cannes, i vincitori

Festival di Cannes. Tutti i film vincitori della Queer Palm dal 2010 ad oggi

Cinema - Gio Arcuri 17.5.24
Il masturbatore nella versione standard LELO F1S V3

Recensione di LELO F1S™ V3: il masturbatore per persone pene-dotate che usa le onde sonore e l’intelligenza artificiale

Corpi - Gio Arcuri 10.4.24
Rainbow Map 2024, l'Italia crolla al 36° posto su 49 Paesi per uguaglianza e tutela delle persone LGBT - rainbowmap - Gay.it

Rainbow Map 2024, l’Italia crolla al 36° posto su 49 Paesi per uguaglianza e tutela delle persone LGBT

News - Federico Boni 15.5.24

Leggere fa bene

Resistenza, malattia e vita: abbiamo intervistato Ivonne Capece, a teatro con Thinking Blind - Matteo B Bianchi 2 - Gay.it

Resistenza, malattia e vita: abbiamo intervistato Ivonne Capece, a teatro con Thinking Blind

Culture - Federico Colombo 20.4.24
Jesus Christ Superstar, Lorenzo Licitra sarà Gesù a teatro - LORENZO LICITRA foto Adriano Floriselthor - Gay.it

Jesus Christ Superstar, Lorenzo Licitra sarà Gesù a teatro

Culture - Redazione 25.1.24
Maestro (Netflix, 2023)

Maestro: la vera storia di Leonard Bernstein e Felicia Montealegre

Culture - Riccardo Conte 4.12.23
ROCKY HORROR SHOW

Perché Rocky Horror Picture Show è ancora uno spettacolo senza tempo

Culture - Riccardo Conte 27.11.23
Gianna Ciao GIornata Visibilita Lesbica

Gianna Ciao, le lesbiche durante il fascismo e la Giornata Mondiale della Visibilità Lesbica

Culture - Francesca Di Feo 26.4.24
Sono nata libera: intervista a Eva Robin’s - Sessp 39 - Gay.it

Sono nata libera: intervista a Eva Robin’s

Culture - Federico Colombo 23.2.24
alan turing biografia gay

Alan Turing, finalmente una statua celebrativa al Kings College di Cambridge ma è polemica sul risultato finale

Culture - Redazione 31.1.24
Lino Guanciale in "Ho paura torero": un’occasione sprecata - Sessp 19 - Gay.it

Lino Guanciale in “Ho paura torero”: un’occasione sprecata

Culture - Federico Colombo 15.1.24