Belluno, la Procura vuole cancellare tutte le trascrizioni dei figli delle coppie omogenitoriali. Ufficiale il 1° annullamento

Ormai è guerra totale alle famiglie arcobaleno.

ascolta:
0:00
-
0:00
bimbo famiglia arcobaleno bambino figli coppie omogenitoriali procreazione medicalmente assistita gestazione per altri governo meloni circolare piantedosi
bimbo famiglia arcobaleno bambino figli coppie omogenitoriali procreazione medicalmente assistita gestazione per altri governo meloni circolare piantedosi
3 min. di lettura

Attacco totale alle famiglie arcobaleno.

Dopo la procura di Padova, che ha chiesto al Comune gli atti di nascita di 33 figlie e figli di coppie di donne registrati negli ultimi 6 anni dal sindaco Sergio Giordani, a Belluno sono andati oltre. La procura ha infatti già ottenuto un primo annullamento dai giudici del tribunale civile, come accaduto a Bergamo con Michela, mamma cancellata dal certificato di sua figlia Giulia, di 9 mesi. E non è finita qui, perché c’è in atto anche un secondo ricorso, firmato dal procuratore capo Paolo Luca.

La vicenda di Belluno parte da lontano, ovvero nel 2018, quando venne presentato il primo ricorso contro la trascrizione di due mamme di un paesino che si trova nell’hinterland. Una delle due aveva dato alla luce un figlio concepito all’estero con il seme di un donatore. A fine 2020 il tribunale ha disposto la cancellazione della mamma non biologica. Decisione confermata dalla Corte d’appello di Venezia il 26 aprile del 2021. La coppia, assistita dall’avvocato Maurizio Paniz, si è ora rivolta alla Cassazione, chiamata a decidere nel mese di maggio. “Se ci darà torto“, ha precisato il legale al Corriere della Sera, “ci rivolgeremo al tribunale europeo per i diritti dell’Uomo, perché cambiare il cognome a un bimbo che ormai ha sei anni (ora porta il doppio cognome, di entrambe le mamme, ndr) significa sottoporlo a un trauma ingiustificato“.

Nel dubbio l’Avvocatura dello Stato ha chiesto la conferma della decisione del tribunale di Belluno, perché a loro dire trascrivere entrambe le mamme nell’atto di nascita sarebbe «discriminante» nei confronti delle coppie omogenitoriali composte da due uomini.

Dalla procura di Belluno rilanciano chiedendo la cancellazione di tutte le iscrizioni già effettuate. Nessuna esclusa. Un’altra coppia omogenitoriale, in città, è finita nel mirino del procuratore, con il loro bimbo che porta il cognome di entrambe le mamme.

Secondo la procura “l’ordinamento richiede, quale ineludibile presupposto del riconoscimento di genitorialità, che i genitori non abbiano lo stesso sesso. Ciò si desume dalle disposizioni del codice civile che utilizzano la terminologia “padre”, “marito” e “moglie””. Per questo motivo, proseguono, “l’ufficiale dello stato civile del Comune di Belluno non poteva formare validamente un atto di nascita in cui vengono dichiarati genitori dello stesso sesso; avrebbe dovuto piuttosto rifiutare (…) perché è necessario che il riconoscimento provenga da un uomo e da una donna“.

Il procuratore Paolo Luca, dalle pagine del Corriere della Sera, ha ribadito come “le leggi approvate dal nostro parlamento” parlino “chiaro e prevedano che due persone dello stesso sesso non possano figurare entrambe come genitori di un bambino. Il dovere di una procura non è di sindacare se una norma sia eticamente corretta o meno: una volta esclusi vizi di legittimità costituzionale ha solo l’obbligo di applicarla. Un conto è il magistrato, un altro l’uomo. Non ho problemi ad ammettere che, personalmente, preferirei che in Italia le leggi garantissero a tutti i bambini la possibilità di vedersi riconosciuti due genitori, a prescindere dal loro sesso. Anche la presidente della Consulta ha detto che al centro delle scelte deve sempre esserci il rispetto “dei diritti dei nati”. Ma come procuratore è ciò che sono tenuto a fare: fino a quando le regole rimarranno queste, chiederò di annullare tutte le trascrizioni di questo tipo fatte in provincia di Belluno“.

Guerra totale a migliaia di famiglie e di bambini, voluta da un governo che ha così deciso di distogliere l’attenzione dell’opinione pubblica da ben altri problemi, economici, sociali e politici, andando anche oltre le condanne dell’Europa.

Famiglie Arcobaleno ha annunciato una manifestazione a Padova, in via VIII febbraio, davanti Palazzo Moroni, sabato 22 aprile alle ore 15.00. Facile immaginare che ce ne sarà un’altra anche a Belluno. E chissà in tutte quelle città d’Italia in cui procure sono pronte a seguire le direttive del Viminale.

 

Foto di Tadeusz Lakota su Unsplash

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Il masturbatore nella versione standard LELO F1S V3

Recensione di LELO F1S™ V3: il masturbatore per persone pene-dotate che usa le onde sonore e l’intelligenza artificiale

Corpi - Gio Arcuri 10.4.24
Nemo The Code significato e come è nata

Nemo, il magnifico testo non binario di “The Code” è nato così: ecco cosa racconta davvero

Musica - Mandalina Di Biase 13.5.24
queer palm, festival di cannes, i vincitori

Festival di Cannes. Tutti i film vincitori della Queer Palm dal 2010 ad oggi

Cinema - Gio Arcuri 17.5.24
15 persone famose che non sapevi fossero non binarie - 10 persone famose che non sapevi fossero non binarie - Gay.it

15 persone famose che non sapevi fossero non binarie

Corpi - Gio Arcuri 13.5.24
Cannes 2024, ecco i 17 film LGBTQIA+ in corsa per la Queer Palm - Block Pass - Gay.it

Cannes 2024, ecco i 17 film LGBTQIA+ in corsa per la Queer Palm

Cinema - Federico Boni 17.5.24
Sara Drago

Sara Drago: “La realtà è piena di diversità, sarebbe bellissimo interpretare un uomo” – intervista

Cinema - Luca Diana 11.5.24

I nostri contenuti
sono diversi

Dopo la querela di Paola Egonu, Vannacci si scusa con la pallavolista: "È un'italiana di cui andiamo orgogliosi" - Dopo la querela Vannacci si scusa con Paola Egonu - Gay.it

Dopo la querela di Paola Egonu, Vannacci si scusa con la pallavolista: “È un’italiana di cui andiamo orgogliosi”

News - Redazione 14.5.24
Buone notizie Italia 2022 Gay.it

Corte di Appello di Brescia: i figli hanno il diritto a vedere riconosciuti entrambi i genitori

News - Redazione 9.2.24
grecia-chiesa-ortodossa-scomunica-matrimonio-egualitario

Grecia, la Chiesa Ortodossa minaccia di scomunicare i parlamentari che hanno votato per il matrimonio egualitario

News - Francesca Di Feo 8.3.24
Tim Walberg, bufera sul repubblicano che difende l'omofoba legge dell'Uganda "Kill the Gay" - Tim Walberg - Gay.it

Tim Walberg, bufera sul repubblicano che difende l’omofoba legge dell’Uganda “Kill the Gay”

News - Redazione 29.12.23
Alessia Crocini vs. Pro Vita: "Nuove affissioni dei talebani nostrani, ma dove li prendono tutti quei soldi?". VIDEO - Alessia Crocini - Gay.it

Alessia Crocini vs. Pro Vita: “Nuove affissioni dei talebani nostrani, ma dove li prendono tutti quei soldi?”. VIDEO

News - Federico Boni 23.11.23
Europee 2024, intervista a Monica Romano: “Femminismo, diritti e lavoro al centro, perplessa su Tarquinio candidato PD". E a Vannacci dice che... - Monica J. Romano - Gay.it

Europee 2024, intervista a Monica Romano: “Femminismo, diritti e lavoro al centro, perplessa su Tarquinio candidato PD”. E a Vannacci dice che…

News - Federico Boni 8.5.24
elezioni-indonesia-2024

Indonesia, estrema destra anti-LGBTI+ verso la vittoria, chi è Prabowo Subianto leader di Gerindra

News - Francesca Di Feo 16.2.24
Europee 2024, intervista a Carolina Morace (M5S): "Pace e diritti, sì alla GPA regolamentata. Atlete trans? È difficile" - Carolina Morace 1 - Gay.it

Europee 2024, intervista a Carolina Morace (M5S): “Pace e diritti, sì alla GPA regolamentata. Atlete trans? È difficile”

News - Federico Boni 13.5.24