Blue Jean, recensione: essere prof. omosessuali ai tempi dell’incubo omofobo thatcheriano

Nel 1988 il Regno Unito mise al bando la comunità LGBTQ+. L'esordiente Georgia Oakley ha ridato forma al passato per denunciare l'oggi.

ascolta:
0:00
-
0:00
Blue Jean, recensione: essere prof. omosessuali ai tempi dell'incubo omofobo thatcheriano - blue jean 2 - Gay.it
3 min. di lettura

 

Blue Jean, recensione: essere prof. omosessuali ai tempi dell'incubo omofobo thatcheriano - blue jean 1 - Gay.it

Poco più di 18 anni fa il Regno Unito salutava la tristemente celebre “sezione 28“, entrata in vigore il 24 maggio 1988 per volere di Margaret Thatcher. Una legge, quella firmata Lady di Ferro, che obbligava le autorità locali a “non promuovere intenzionalmente l’omosessualità o pubblicare materiale con l’intenzione di promuovere l’omosessualità” e/o “promuovere l’insegnamento in qualsiasi scuola finanziata dallo stato dell’accettabilità dell’omosessualità come pretesa relazione familiare“. Sostanzialmente, la comunità LGBT nazionale venne messa al bando. Per legge. Nelle scuole non si poteva ‘educare’ all’inclusività. Gli insegnanti LGBTQ+ silenziati, licenziati.

Georgia Oakley, sceneggiatrice e regista con una particolare predilezione per le narrazioni al femminile che sfidano le convenzioni, ha attinto da questa sconcertante pagina storica per il suo lungometraggio d’esordio, Blue Jean, presentato alla 79esima Mostra del Cinema di Venezia nella sezione “Giornate degli Autori” e in corsa per il Queer Lion 2022.

La pellicola è ambientata nel 1988, anno in cui il governo Thatcher approva la contestatissima legge che mette sullo stesso piano le lesbiche e i gay con i pedofili, tutti omologati a uno stile di vita “deviato”. Le insegnanti di educazione fisica diventano il bersaglio principale di queste infamanti accuse. Jean è così costretta a condurre una doppia vita. Durante il giorno è una persona perfettamente integrata nel corpo docente; nei weekend, invece, frequenta furtivamente la scena gay di Newcastle, con la sua fidanzata Viv, lesbica che non nasconde la propria mascolinità. Terrorizzata dall’eventualità di poter perdere il lavoro che tanto ama, quando incontra una delle sue studentesse in un locale frequentato da donne lesbiche Jean reagisce esageratamente, pentendosene amaramente.

È un thriller dell’anima a tinte sociali e politiche, quello scritto e diretto da Georgia Oakley, interessata a realizzare il ritratto di una donna alle prese con la propria identità, con l’accettazione di sè in un Paese fortemente omotransfobico. In un famigerato discorso tenuto alla Conferenza del Partito Conservatore nel 1989, Margaret Thatcher disse:

“Ai bambini che hanno bisogno di essere educati a rispettare i valori morali tradizionali viene invece insegnato che hanno un diritto inalienabile di essere gay. Tutti questi bambini vengono ingannati“.

Un anno dopo quelle terrificanti parole, il 24 maggio 1988 la “sezione 28” divenne legge. Il microcosmo di Jean, che ha un ex marito alle spalle, una sorella che “l’accetta”, un adorabile nipotino, una madre totalmente assente, una fidanzata “ingombrante” e una classe di ragazze da educare ed allenare, viene lentamente travolto dal dibattito politico e dal clima che gradualmente prende forma, con tre quarti della popolazione inglese convinta che l’omosessualità sia “sempre o per lo più sbagliata”.

Girato in 16mm, Blue Jean guarda al Regno Unito degli anni ’80 specchiandosi nell’Europa di oggi, dove Paesi come Russia, Ungheria e Polonia hanno attinto proprio dalla ‘Sezione 28’ thatcheriana per silenziare e discriminare la comunità LGBTQ.

Dichiaratamente ispirata da registe come Kelly Reichardt e Chantal Akerman, Oakley ha dato vita ad una protagonista comunemente imperfetta, terrorizzata, paranoica, costretta a sopportare il peso di un’omofobia che la circonda. Al lavoro, in famiglia, all’interno del vicinato dove c’è chi la controlla dalle finestre e della propria stessa abitazione, perché Jean è implicitamente infastidita da quelle lesbiche che vivono la propria omosessualità senza maschere nè freni inibitori, alla luce del sole, non riuscendo a fare altrettanto. Un fardello a lungo trascinato che rischia di segnare l’esistenza di una giovane studentessa, da lei vista come potenziale pericolo e da salvare prima che sia troppo tardi.

Rosy McEwen, look androgino e occhi di ghiaccio, è perfetta nel rendere credibile questa discesa negli inferi segnati dalla discriminazione a cielo aperto, dal marchio di un parlamento colpevole e di un elettorato complice. Ansia, paura e tensione si impadroniscono lentamente del suo volto, amplificando ulteriormente l’importanza dell’accettazione, altrui e di sè, e del senso di comunità, il peso di una liberatoria rivelazione, la piaga di un odio che si incunea sottopelle come un virus.  Omofobia, patriarcato, conservatorismo e conflitti di classe. Era il Regno Unito degli anni ’80. È l’Europa di oggi.

Voto: 6,5

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Yan Couto fa sparire i capelli rosa che hanno scosso il Brasile. "Mi hanno detto che sono stravaganti" - Yan Couto - Gay.it

Yan Couto fa sparire i capelli rosa che hanno scosso il Brasile. “Mi hanno detto che sono stravaganti”

Corpi - Redazione 24.6.24
Calciatori Gay Coming Out - Rosario Coco di Out Sport spiega perché non bisogna forzare

Calciatori gay in Nazionale, calciatori gay ovunque: perché non bisogna forzare

Lifestyle - Giuliano Federico 20.6.24
Alessandra Valeri Manera Cartoni animati queer

Addio ad Alessandra Valeri Manera, la resistente che ha combattuto per noi bambinə diversə

Culture - Giuliano Federico 24.6.24
Tale e Quale Show 2024, primi rumor sul cast. Da Federico Fashion Style alle Karma B e Giulia De Lellis - Tale e Quale Show 2024 - Gay.it

Tale e Quale Show 2024, primi rumor sul cast. Da Federico Fashion Style alle Karma B e Giulia De Lellis

Culture - Redazione 24.6.24
Fabio Marida Damato Chiara Ferragni Diletta Leotti Elodie

Chiara Ferragni e Fabio Maria Damato insieme al matrimonio tra Diletta Leotta e Loris Karius

Lifestyle - Mandalina Di Biase 23.6.24
Libri LGBTQIA+, le novità: di euforia, di santi, diavoli, altricorpi e femminielli - Matteo B Bianchi3 - Gay.it

Libri LGBTQIA+, le novità: di euforia, di santi, diavoli, altricorpi e femminielli

Culture - Federico Colombo 22.6.24

Leggere fa bene

La Petite, arriva in Italia il film sulla GPA: "Divieti imposti in nome di una morale senza sfumature" - La Petite cover - Gay.it

La Petite, arriva in Italia il film sulla GPA: “Divieti imposti in nome di una morale senza sfumature”

Cinema - Redazione 17.1.24
The History of Sound, il film d'amore con Paul Mescal e Josh O'Connor sarà a Venezia? Parla il regista - The History of Sound il film damore con Paul Mescal e Josh OConnor sara a Venezia - Gay.it

The History of Sound, il film d’amore con Paul Mescal e Josh O’Connor sarà a Venezia? Parla il regista

Cinema - Redazione 12.6.24
I film LGBTQIA+ della settimana 11 marzo/17 marzo tra tv generalista e streaming - film queer - Gay.it

I film LGBTQIA+ della settimana 11 marzo/17 marzo tra tv generalista e streaming

Culture - Federico Boni 11.3.24
Lil Nas X: Long Live Montero, recensione. Essere icona queer, orgogliosa e rivoluzionaria - Lil Nas X - Gay.it

Lil Nas X: Long Live Montero, recensione. Essere icona queer, orgogliosa e rivoluzionaria

Cinema - Federico Boni 22.4.24
Back to Black, recensione del biopic su Amy Winehouse. Il ricordo di un'icona sconfitta dall'amore - BackToBlack2024 - Gay.it

Back to Black, recensione del biopic su Amy Winehouse. Il ricordo di un’icona sconfitta dall’amore

Cinema - Federico Boni 11.4.24
I film LGBTQIA+ della settimana 4 marzo/10 marzo tra tv generalista e streaming - Film queer - Gay.it

I film LGBTQIA+ della settimana 4 marzo/10 marzo tra tv generalista e streaming

Culture - Federico Boni 4.3.24
Close to You, recensione. Il ritorno di Elliot Page, tanto atteso quanto deludente - close to you 01 - Gay.it

Close to You, recensione. Il ritorno di Elliot Page, tanto atteso quanto deludente

Cinema - Federico Boni 19.4.24
Povere Creature di Lanthimos, capolavoro di libertà sessuale e autodeterminazione femminista. Recensione - 030 PT Atsushi Nishijima 20211110 00201 1 - Gay.it

Povere Creature di Lanthimos, capolavoro di libertà sessuale e autodeterminazione femminista. Recensione

Cinema - Federico Boni 18.1.24