Ungheria, la legge omotransfobica finisce alla Corte di Giustizia Europea

"La legge vìola più leggi dell'UE. Quindi siamo sicuri che la Corte europea la cancellerà".

ascolta:
0:00
-
0:00
orban ungheria
Orban continua a sostenere l'Ungheria omofoba.
3 min. di lettura

Il quotidiano ungherese Nepszava ha annunciato oggi che la legge omotransfobica ungherese contro la “propaganda gay” sarà ufficialmente trasmessa alla Corte di giustizia europea.

Nel giugno dello scorso anno, il governo ungherese ha introdotto la legge che vieta qualsiasi “promozione LGBTIQ+” nei confronti dei minori. Una legge estremamente simile a quanto accaduto in Russia, nel 2013. Il Consiglio europeo ha chiesto a più riprese al governo ungherese di cestinare la legge, ma Victor Orban non ha mosso un dito, chiedendo persino l’approvazione elettorale tramite referendum apposito fortunatamente bocciato. Ursula Von Der Leyen, Presidente della Commissione europea, ha più volte minacciato l’Ungheria, sbandierando anche l’ipotesi di salate ripercussioni economiche.

Rémy Bonny di Forbidden Colours, ha così commentato la notizia:

“La legge omotransfobica ungherese ha un obiettivo: mettere a tacere la comunità. Orban segue il copione di Putin. Un anno dopo l’introduzione della legge, la Commissione europea sta finalmente trascinando l’Ungheria in tribunale. L’uguaglianza nei confronti della comunità LGBTQI* è una parte intrinseca dei valori e degli standard europei. Questo non è uno scherzo. Se Orban preferisce Mosca a Bruxelles, dovrebbe dirlo ai suoi cittadini. Gli avvocati sono stati molto chiari: la legge vìola più leggi dell’UE. Quindi siamo sicuri che la Corte europea la cancellerà. Se l’Ungheria si rifiuta di abolire la legge, potranno essere inflitte multe molto care”.

Assediato dalle critiche, Orban ha più volte provato a difendere l’indifendibile, sbandierando menzogne a mezzo stampa pur di proteggere la legge da lui fortemente voluta.

Orbán ha affermato che “non esiste una legge sull’omosessualità” in Ungheria. La verità è che la legge in questione fa per sei volte riferimenti espliciti all’omosessualità, nel contesto della dichiarazione secondo la quale sarà ora “vietato mettere a disposizione dei minori di diciotto anni qualsiasi (…) contenuto [che] promuova o ritragga deviazione dall’identità personale in linea con il sesso di nascita, la riassegnazione di genere e l’omosessualità”.

Orbán ha affermato che “la legge riguarda l’educazione sessuale dei bambini indipendentemente dal suo contenuto“. La verità è che solo la “promozione” e la “rappresentazione” dell’omosessualità sono state vietate, e non la rappresentazione dell’eterosessualità, priva di alcuna restrizione. È vero che la legge vieta anche i contenuti che “dipingono la sessualità come avente uno scopo in sé”, ma mentre il divieto di rappresentazione dell’eterosessualità viene applicato solo selettivamente a tali rappresentazioni, esiste un divieto generale di rappresentazione dell’omosessualità e delle identità transgender in qualsiasi forma.

Orbán ha affermato che “spetta ai genitori decidere come i bambini debbano venire a conoscenza della questione della sessualità“. Peccato che questa legge faccia il contrario, limitando i diritti dei genitori: non sarà più possibile per i genitori insegnare ai propri figli ad accogliere le persone gay, lesbiche e transgender nelle proprie vite. A causa dei divieti del Child Protection Act e del Family Protection Act, se un genitore acquisterà al figlio un romanzo per ragazzi con un personaggio LGBTQI o guarderà un film che raffigura un personaggio LGBTQI con un bambino di età inferiore ai 18 anni, violerà la legge.

Orbán ha poi affermato di voler “proteggere i diritti dei ragazzi gay“. La verità è che nel 2003 Orbán ha votato contro una legge contro l’omotransfobia, nel 2007 e nel 2009 ha votato contro la legge sulle unioni civili. Nel 2011, invece, ha votato a favore della legge che vieta esplicitamente il matrimonio tra persone dello stesso sesso, e nel 2013 ha votato a favore di una legge che ha introdotto una definizione escludente di famiglia. Ha poi votato a favore per abolire l’Autorità per la parità di trattamento nell’autunno del 2020 e ha anche votato a favore della limitazione dell’adozione da parte delle persone non sposate. Non contento, ha cancellato le persone transgender per via costituzionale.

Infine, Orbán ha affermato che “è un difensore dei diritti, un combattente per la libertà durante il comunismo quando l’omosessualità era ancora punita“. La realtà è che Viktor Orbán è nato nel 1963. L’omosessualità non è più punita dalla legge ungherese dal 1962. All’epoca Orbán aveva un anno. Un bugiardo patentato.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

La Rappresentante di Lista, "Paradiso" è il nuovo singolo

La Rappresentante di Lista ci porta in “Paradiso” con il nuovo singolo. Ascolta l’anteprima

Musica - Emanuele Corbo 16.4.24
Challengers, recensione. Il travolgente ed eccitante triangolo omoerotico di Luca Guadagnino - TIRE TOWN STILLS PULL 230607 002 RC - Gay.it

Challengers, recensione. Il travolgente ed eccitante triangolo omoerotico di Luca Guadagnino

Cinema - Federico Boni 12.4.24
Sandokan, c'è anche Samuele Segreto nella serie Rai con Can Yaman, Ed Westwick e Alessandro Preziosi - Sandokan - Gay.it

Sandokan, c’è anche Samuele Segreto nella serie Rai con Can Yaman, Ed Westwick e Alessandro Preziosi

Serie Tv - Redazione 18.4.24
Marco Mengoni insieme a Fra Quintale e Gemitaiz canta "Un fuoco di paglia" di Mace, nell'album MAYA. Nel ritornello, Marco si rivolge ad un amore con una desinenza di genere maschile.

Marco Mengoni, una strofa d’amore a un uomo

Musica - Mandalina Di Biase 19.4.24
Guglielmo Scilla, intervista: "Mi sconsigliarono di fare coming out. Potessi tornare indietro lo farei prima" - Guglielmo Scilla foto - Gay.it

Guglielmo Scilla, intervista: “Mi sconsigliarono di fare coming out. Potessi tornare indietro lo farei prima”

Culture - Federico Boni 18.4.24
Angelina Mango Marco Mengoni

Angelina Mango ha in serbo una nuova canzone con Marco Mengoni e annuncia l’album “poké melodrama” (Anteprima Gay.it)

Musica - Emanuele Corbo 18.4.24

Leggere fa bene

bandiera progress pride

Le conquiste internazionali sui diritti LGBTQIA+ del 2023

News - Federico Boni 19.12.23
Russia LGBTQI+ Repressione 2023 - foto di Politico.com (2015)

Russia, irruzione della polizia nei bar e club LGBT di Mosca, arresti

News - Redazione Milano 2.12.23
Kenya, miliardi in fumo se dovesse essere approvata la nuova legge omobitransfobica - Kenya Cov - Gay.it

Kenya, miliardi in fumo se dovesse essere approvata la nuova legge omobitransfobica

News - Federico Boni 9.11.23
Yemen, 9 uomini condannati a morte tramite “crocifissione e lapidazione” per presunta sodomia - crocifissione - Gay.it

Yemen, 9 uomini condannati a morte tramite “crocifissione e lapidazione” per presunta sodomia

News - Redazione 28.3.24
arabia saudita

Expo 2030 a Riad, in Arabia Saudita andrà in scena l’esposizione universale dell’omobitransfobia

News - Federico Boni 29.11.23
Yemen, 13 persone condannate ad esecuzione pubblica per "omosessualità" - Indonesia fustigazione gay - Gay.it

Yemen, 13 persone condannate ad esecuzione pubblica per “omosessualità”

News - Redazione 9.2.24
palestina lgbtiq

Come vivono le persone LGBTIQ+ a Gaza e nei Territori Palestinesi

News - Redazione Milano 13.11.23
Johannesburg Pride 2023, in migliaia per sostenere la comunità LGBTQIA+ dell’Uganda - Johannesburg Pride 2023 - Gay.it

Johannesburg Pride 2023, in migliaia per sostenere la comunità LGBTQIA+ dell’Uganda

News - Redazione 30.10.23