Chucky – La serie è la sorpresa queer di stagione, tra omofobia, bambole assassine e giovani amori gay

In onda su Italia 1 in seconda serata, Chucky va coraggiosamente ad incrociare Love, Victor al genere slasher.

ascolta:
0:00
-
0:00
Chucky - La serie è la sorpresa queer di stagione, tra omofobia, bambole assassine e giovani amori gay - chucky serie - Gay.it
3 min. di lettura

Dopo aver raccolto unanimi e forse un po’ inattesi consensi negli USA, Chucky, prima serie tv sulla mitica bambola assassina, è finalmente arrivata anche nel Bel Paese, anche se in orari complicati. Dal 14 gennaio scorso, e ogni giovedì, va in onda su Italia 1 in seconda serata, con tutti gli episodi da recuperare on demand su MediasetPlay.

Chucky nasce oltre 30 anni fa su grande schermo, con 7 film realizzati e il suo ideatore, Don Mancini, che ha sempre messo bocca su tutto ed è anche qui autore e regista di una serie che vede l’adolescente Jake Weber (Zachary Arthur) lottare contro la sua sessualità in una piccola città di periferia. Dopo aver trovato la raccapricciante bambola in un mercatino, iniziano a verificarsi orribili omicidi che cambiano per sempre la città e i suoi abitanti. Vittima di omofobia a scuola, Jake scoprirà sulla propria pelle la vera storia della bambola, posseduta dallo spirito del serial killer Charles Lee Ray.

 

Realizzata nel 2021, gli 8 episodi della prima stagione di Chucky sono stati diretti da Don Mancini, Dermott Downs (2), Leslie Libman (2), Samir Rehem (2) e Jeff Renfroe, con Bjorgvin Arnarson, Alyvia Alyn Lind, Teo Briones, Brad Dourif, Lexa Doig e Carina Battrick ad affiancare Zackary Arthur.

Irriverente, violenta, folle, sboccata, esilarante, Chucky ha il merito di aver fatto degnamente risorgere una maschera horror anni ’80 che si pensava ormai perduta, legandola all’orrore quotidiano chiamato bullismo. Perché il giovane protagonista Jake è vittima di omofobia. Tanto a scuola quanto a casa, dove suo padre, perennemente ubriaco, lo picchia e umilia solo e soltanto perché omosessuale. Nel corso delle otto puntate Jake non solo si scrolla di dosso le vessazioni quotidiane, ma trova anche il primo amore nel compagno di classe Devon. Entrambi 14enni, i due si scambiano il primo atteso bacio al quinto episodio di stagione, incorniciando un’evoluzione dei personaggi che tra un omicidio e l’altro acquisiscono consapevolezza, forza e coraggio, anche perché costretti a maturare rapidamente dal drammatico susseguirsi degli eventi. Dolcissimi, in tal senso, i due protagonisti Zackary Arthur  e Björgvin Arnarson, assolutamente a loro agio e credibili nel gestire la loro prima cotta.

Chucky - La serie è la sorpresa queer di stagione, tra omofobia, bambole assassine e giovani amori gay - Chucky bacio gay 1 - Gay.it

Don Mancini è uno dei pochi autori dichiaratamente omosessuali del cinema horror americano. Una svolta gay, quella voluta da Mancini, perfettamente inquadrata. D’altronde persino Chucky, che uccide per puro piacere, vive con serenità la comunità LGBTQ, rivelando a Jake di avere un ‘figlio queer’. Quello stesso figlio che il padre ubriacone dell’adolescente non riesce ad accettare, solo e soltanto perché omosessuale. L’omofobia viene quinti dipinta come abominevole crimine, ancor più dell’omicidio, perché anche se Chucky è prepotente e cerca di insinuarsi nella vita di Jake in modo indicibile, non è omofobo, non è un bigotto. È un killer che guarda alle pari opportunità. In otto puntate assistiamo a decine di omicidi, tra coltellate e scariche elettrice, decapitazioni e cadute dalle scale, con il ghigno malefico di Chucky ad alleggerire una tensione che non suscita mai davvero paura.

Guest star della serie Jennifer Tilly, poco meno di 30 anni fa nominata agli Oscar per Pallottole su Broadway  e nel 1994 protagonista del cult Bound – Torbido inganno delle sorelle Wachowski. Tilly interpreta sè stessa,  ritrovando la bambola di Mancini per la 5a volta, avendo girato anche La sposa di Chucky, Il figlio di Chucky, La maledizione di Chucky e Il culto di Chucky. Per i fan del franchise, un gradito ritorno.

Rinnovata a furor di popolo per una 2a stagione, Chucky, che è ambientata all’incirca due settimane dopo il Culto di Chucky, ultimo film del franchise uscito nel 2017, è senza ombra di dubbio la piacevole sorpresa queer di questa stagione televisiva, andando coraggiosamente ad incrociare Love, Victor al genere slasher. Per gli amanti del genere, un colpo di genio.

Chucky - La serie è la sorpresa queer di stagione, tra omofobia, bambole assassine e giovani amori gay - Chucky poster 1 - Gay.it

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

HUGO™ 2: recensione dei due nuovi massaggiatori prostatici della LELO (che gli uomini sposati amano) - 1000056146 01 - Gay.it

HUGO™ 2: recensione dei due nuovi massaggiatori prostatici della LELO (che gli uomini sposati amano)

Corpi - Gio Arcuri 29.1.24
Sara Drago

Sara Drago: “La realtà è piena di diversità, sarebbe bellissimo interpretare un uomo” – intervista

Cinema - Luca Diana 11.5.24
Sergio Mattarella 17 maggio giornata internazionale contro omofobia transfobia bifobia

17 maggio, Mattarella contro l’omobitransfobia: “Non è possibile accettare di rassegnarsi alla brutalità”

News - Redazione 17.5.24
Il masturbatore nella versione standard LELO F1S V3

Recensione di LELO F1S™ V3: il masturbatore per persone pene-dotate che usa le onde sonore e l’intelligenza artificiale

Corpi - Gio Arcuri 10.4.24
Cannes 2024, ecco i 17 film LGBTQIA+ in corsa per la Queer Palm - Block Pass - Gay.it

Cannes 2024, ecco i 17 film LGBTQIA+ in corsa per la Queer Palm

Cinema - Federico Boni 17.5.24
15 persone famose che non sapevi fossero non binarie - 10 persone famose che non sapevi fossero non binarie - Gay.it

15 persone famose che non sapevi fossero non binarie

Corpi - Gio Arcuri 13.5.24

Continua a leggere

Andrew Scott per Wonderland Magazine (2023)

Andrew Scott è stato snobbato agli Oscar perché gay?

Culture - Redazione Milano 27.2.24
Jonathan Bailey a difesa delle persone trans* (Foto: ES Magazine)

Jonathan Bailey a difesa dellə adolescenti trans*: “Oggi più urgente che mai”

Cinema - Redazione Milano 18.12.23
la-normalita-dell-amore

Il mio libro di risposta a Vannacci: “La normalità dell’amore”, così un ragazzo replica alle retoriche d’odio del generale

Culture - Francesca Di Feo 1.2.24
100 giorni di esternazioni omobitransfobiche di Roberto Vannacci, da generale a Capo di Stato maggiore - roberto vannacci - Gay.it

100 giorni di esternazioni omobitransfobiche di Roberto Vannacci, da generale a Capo di Stato maggiore

News - Redazione 7.12.23
sondrio-manifesti-provita

Sondrio, anche qui spuntano i manifesti ProVita: “Basta confondere l’identità sessuale dei bambini”

News - Francesca Di Feo 11.12.23
Le chiavi di Miami Beach a Billy Porter, l'appello alla comunità LGBT: "Dobbiamo tornare a combattere" - Alex Fernandez - Gay.it

Le chiavi di Miami Beach a Billy Porter, l’appello alla comunità LGBT: “Dobbiamo tornare a combattere”

Culture - Redazione 15.4.24
Salerno, aggressione omofoba al grido "ricchi*ne, uomo di merd*, clandestino di merd*” - Omofobia 10 - Gay.it

Salerno, aggressione omofoba al grido “ricchi*ne, uomo di merd*, clandestino di merd*”

News - Redazione 3.5.24
Back to Black, recensione del biopic su Amy Winehouse. Il ricordo di un'icona sconfitta dall'amore - BackToBlack2024 - Gay.it

Back to Black, recensione del biopic su Amy Winehouse. Il ricordo di un’icona sconfitta dall’amore

Cinema - Federico Boni 11.4.24