Così la Croce Rossa supporta le persone LGBTQIA+ in difficoltà: nasce Spazio Plus

Al via il progetto della Croce Rossa di Roma per l'inserimento lavorativo delle persone LGBTQIA+.

ascolta:
0:00
-
0:00
Foto: Giovani della croce rossa italiana - Torino
Foto: Giovani della croce rossa italiana - Torino
3 min. di lettura

Foto in evidenza: Giovani della croce rossa italiana – Torino

È possibile un contesto di lavoro inclusivo, sensibilizzato, e sicuro per tuttə? È l’obiettivo di Spazio Plus, nuovo progetto della Croce Rossa di Roma finalizzato alla tutela, in spazi pubblici e privati, di persone omosessuali, bisessuali, transessuali.

In collaborazione con i Comitati CRI di Roma e Civitavecchia, il progetto ha il fine di educare e sensibilizzare enti pubblici e aziende  su tematiche come orientamento sessuale o identità di genere (che dovrebbero essere ovvie ma ancora creano confusione e disinformazione in più contesti pubblici).

Sostegno fedele che va avanti da anni – come la gestione di Casa +, luogo di accoglienza per giovani vittime di violenze e discriminazioni – e nel 2023 continua a non fare passi indietro.

Come spiega la Croce Rossa a Gay.it, questo lavoro di sensibilizzazione non parte da zero: “In questi anni in cui abbiamo gestito, e ancora continuiamo a gestire (vedi Casa+), realtà di accoglienza e protezione per giovani persone LGBTQIA+, il rapporto con il mondo dell’impresa, anche no profit, è stato un elemento sempre vivo“.

 

Un rapporto – ma come sottolineano, è preferibile e più significativo parlare di rete – che si muoverà principalmente su due strade parallele:  “Il coinvolgimento di imprenditori e imprenditrici vicin* e sensibili alla tematica LGBTQIA+ attraverso la rete dell’associazionismo di settore (coinvolgimento che, negli anni passati, molto ci ha aiutato in termini vero e proprio sostegno materiale destinato allo sviluppo di competenze ed esperienze delle nostre persone beneficiarie); le azioni di Croce Rossa tese al coinvolgimento del sistema impresa; coinvolgimento e partecipazione ai propri progetti di aiuto a valenza sociale (più volte siamo stati chiamati, con la nostra esperienza rifugio di Casa+, a presentare presso realtà di impresa nazionali e internazionali il nostro progetto e le sue finalità, relazione che ha anche dato modo ad apertura per opportunità formative o di stage). Patrimonio, questo sopra accennato, che diventerà piano di riferimento per il progetto Spazio Plus“.

Come aggiunge Felice Pistoia, Commissario di CRI Roma, Spazio Plus ha il fine di potenziare ed integrare i servizi di CRI in favore della popolazione LGBTQ+ in maggiore difficoltà, accompagnando l’inclusione con interventi di supporto psicologico, orientamento legale, servizio sociale, e orientamento al lavoro.

Un progetto che alla luce del 2023 si presenta ancora più urgente che mai.

Come riporta CRI Roma, nel triennio 2019-2020-2021 secondo i report dell’UNAR (Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali a Difesa delle Differenze) e l’Istat, il 26% delle persone che si dichiarano omosessuali o bisessuali afferma che il proprio orientamento sessuale ha rappresentato uno svantaggio nel corso della vita lavorativo, con un 12,6% che non si è presentato a un colloquio di lavoro o non ha fatto domanda per timore di un ambiente ostile o intollerante.

Circa 1 persona su 3 riporta episodi di outing, ovvero di disvelamento non consensuale a terzi dell’orientamento sessuale, mentre il 40,3% ha evitato di parlare della sua vita privata per tenere nascosto il proprio orientamento sessuale” spiega CRI “Particolarmente diffuso è il fenomeno delle micro-aggressioni nell’attuale/ultimo lavoro legate all’orientamento sessuale, infatti, il 61,8% riporta di avere subito almeno un episodio di tale tipo da parte di persone dell’ambiente lavorativo, nell’attuale o ultima occupazione svolta. Le esperienze più frequenti riguardano l’uso di un linguaggio offensivo o dispregiativo, scherno, domande sulla vita sessuale, avances sessuali non gradito“.

Almeno 1 persona dichiara di aver vissuto discriminazione nella fase di accesso al lavoro: “Si tratta sempre di esperienze ascrivibili a una pluralità di caratteristiche, tra cui l’orientamento sessuale. L’identità di genere viene riportata, tra i motivi per i quali si ritiene di essere stati discriminati, da una quota molto contenuta di questo segmento di popolazione” spiega CRI.

Solo nel 2019, almeno il 5,1% ha adottato almeno una misura, non obbligatoria per legge, volta a favorire l’inclusione dei lavoratori LGBTQ+, un passo in avanti significativo che Croce Rossa spera di contribuire, ampliando la conversazione su più piani diversi: “Riteniamo fondamentale un cambiamento culturale e a tal fine sosteniamo quanto siano necessarie attività di formazione sulle tematiche LGBTQ+ dedicate a differenti attori (datori di lavoro, operatori sanitari, insegnanti, dipendenti pubblici, ecc.), ma soprattutto iniziative più generali di educazione, informazione e sensibilizzazione da realizzarsi anche nelle scuole“.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Il murales queer dedicato a Michela Murgia realizzato da Laika per il progetto "Ricordatemi come vi pare" curato da Pietro Turano di Arcigay

“Ricordatemi come vi pare”, non è ancora completato, e il murales queer dedicato a Michela Murgia fa infuriare la destra

Culture - Redazione Milano 7.7.24
Roberto Bolle in vacanza con l'amato Daniel Lee e la sua famiglia - Roberto Bolle in vacanza con Daniel Lee e la sua famiglia - Gay.it

Roberto Bolle in vacanza con l’amato Daniel Lee e la sua famiglia

Culture - Redazione 11.7.24
Nicolas Maupas e Domenico Cuomo nei ruoli di Simone e Mimmo in "Un professore 2"

Un Professore 3, Alessandro Gassman rivela quando inizieranno le riprese

Serie Tv - Redazione 12.7.24
Titti De Simone - Legge contro l'omobitransfobia in Puglia

Legge contro l’omobitransfobia in Puglia, una battaglia durata 8 anni – Intervista a Titti De Simone

News - Francesca Di Feo 12.7.24
Lorenzo Zurzolo Prisma La Storia

Lorenzo Zurzolo tra James Franco ne “Gli Squali”, e Martin Scorsese nel film di Julian Schnabel “La mano di Dante”

Cinema - Mandalina Di Biase 12.7.24
Kylie Minogue, Bebe Rexha e Tove Lo

Kylie Minogue: il singolo ‘My Oh My’ con Bebe Rexha e Tove Lo è un “usato sicuro”, ma funziona – AUDIO

Musica - Emanuele Corbo 11.7.24

Continua a leggere

Gianna Ciao GIornata Visibilita Lesbica

Gianna Ciao, le lesbiche durante il fascismo e la Giornata Mondiale della Visibilità Lesbica

Culture - Francesca Di Feo 26.4.24
led-corso-di-formazione-edge

LED, il corso di formazione di EDGE sull’inclusione e l’empowerment per dipendenti LGBTQIA+ e alleat*

Culture - Francesca Di Feo 5.2.24
CameraModaUnarAFG photo da IG: Tamu McPherson

Milano Fashion Week e lotta alla discriminazione, siglato accordo tra Unar e Camera della Moda

Lifestyle - Mandalina Di Biase 20.2.24
BigMama

BigMama vola a New York, interverrà all’Assemblea generale delle Nazioni Unite: le ultime news

Musica - Luca Diana 20.2.24
BARBIE (2023)

Ma Barbie è stato davvero snobbato agli Oscar?

Culture - Riccardo Conte 24.1.24
@spartaco._

Il mondo gamer raccontato da Jessica G. Senesi: tra autoironia e inclusività

News - Riccardo Conte 1.2.24
Omosessuale- Oppressione e Liberazione

Perché leggere oggi “Omosessuale: Oppressione e Liberazione”, un classico della Gay Liberation, intervista a Lorenzo Bernini

Culture - Alessio Ponzio 4.4.24
SAFFFO QUEER 1-DAY FEST(A)

“La rivolta queer è fatta anche di piacere”, intervista con il SAFFFO Queer Fest(a)

Culture - Riccardo Conte 27.5.24