Video

DAHMER – Mostro: La storia di Jeffrey Dahmer, il 1° trailer della serie con Evan Peters cannibale di Milwaukee

L'uomo che tra il 1978 e il 1991 violentò, smembrò e in parte mangiò 17 omosessuali.

ascolta:
0:00
-
0:00
4 min. di lettura

Ryan Murphy ha diffuso il primissimo terrificante trailer di Dahmer – Monster: The Jeffrey Dahmer Story, attesissima nuova serie crime Netflix con Evan Peters negli abiti del mostro di Milwaukee, che tra il 1978 e il 1991 violentò, smembrò e in parte mangiò 17 uomini, tutti omosessuali. Un primo trailer trainato da una versione straniante di Please don’t Go, con un 2° trailer in uscita domani, perché “la storia è troppo complessa e ne avevamo bisogno“, ha precisato Murphy.

10 episodi con uno spaventoso Peters protagonista e una data d’uscita sorprendentemente imminente: 21 settembre. Al fianco di Peters troveranno spazio Richard Jenkins, nel ruolo del padre di Dahmer Lionel, Michael Learned, Penelope Ann Miller, Shaun J. Brown, Khetphet Phagnasay, Shaun J. Brown e Colin Ford.

Il 7 ottobre, sempre su Netflix, uscirà anche Conversazioni con un killer: Il caso Dahmer, miniserie crime diretta da Joe Berlinger che presenterà colloqui audio inediti tra Dahmer e il suo team di difesa, fornendo uno spaccato della sua psiche contorta e rispondendo in chiave moderna alle domande rimaste aperte sulla responsabilità della polizia.

DAHMER - Mostro: La storia di Jeffrey Dahmer, il 1° trailer della serie con Evan Peters cannibale di Milwaukee - dahmer - Gay.it

Jeffrey Dahmer, conosciuto anche come il cannibale, divenne celebre negli anni ’90 per una serie di efferatissimi omicidi perpetrati dal 1978 in poi. Proprio in quell’anno l’autostoppista Steve Hicks cadde per primo nella trappola di Jeffrey: dopo aver accettato un invito nella casa dei genitori, e aver consumato con l’omicida un rapporto sessuale, fu ucciso con un bilanciere e poi smembrato e seppellito in sacchi di plastica nel bosco dietro la dimora di famiglia. Dopo l’omicidio Jeffrey si iscrisse all’università, che abbandonò nel giro di pochi mesi, per essere successivamente mandato dal padre in una base dell’Esercito degli Stati Uniti in Germania. Anche qui, senza attirare particolari sospetti, scomparvero misteriosamente due persone.

Nel giro di pochi mesi, a causa dei gravi problemi con l’alcol, fu rispedito in patria e decise di trasferirsi a casa della nonna a West Ellis, dove in molteplici occasioni ebbe problemi con la giustizia a causa dell’alcolismo e fu accusato di atti osceni in luogo pubblico. Proprio a West Ellis intensificò i suoi crimini: nel 1987, dopo aver conosciuto Steven Tuomi in un bar gay, lo trucidò in una camera d’albergo, nascose il cadavere in una valigia comprata per l’occasione e, una volta portato nella cantina della nonna, ebbe rapporti sessuali con il cadavere. Il corpo del ragazzo, completamente smembrato, venne buttato nei rifiuti.

I due omicidi successivi, avvenuti a pochissimi mesi di distanza, non ebbero modalità tanto diverse: Jamie Doxtator, quattordicenne nativo-americano in cerca di una relazione e Richard Guerrero, messicano incontrato in un bar gay, vennero trucidati brutalmente e il loro cadavere umiliato sessualmente. Abbandonata la casa della nonna si trasferì nelle vicinanze della fabbrica di cioccolato in cui nel frattempo aveva trovato lavoro: qui, durante il tentativo di violenza su un giovane tredicenne laotiano a cui aveva promesso soldi in cambio di un servizio fotografico – espediente che più volte utilizzerà in futuro per adescare le proprie vittime – fallisce, e il ragazzo, fuggito dalla casa, riuscirà a denunciarlo.

Dieci mesi di ospedale psichiatrico non servirono minimamente a risolvere i gravi problemi psichici di Jeffrey, che una volta riottenuta la libertà, tornato nella villa della nonna, droga e uccide il giovane Anthony Sears, per poi violentarne brutalmente il cadavere. Nel 1990, risolti almeno per il momento i problemi con la giustizia, si trasferisce in via definitiva in un appartamento di Milwaukee. Da questo momento, l’efferata spinta omicida diventerà incontrollabile. In poco più di un anno, replicando le modalità dei primi 7 omicidi, arriverà a uccidere altri 10 giovani ragazzi.

Quando venne catturato nel luglio del 1991, la polizia trovò nella sua abitazione resti di cadavere conservati in frigorifero, foto di ragazzi morti e smembrati appesi ai muri della camera da letto, mani tagliate, teste all’interno di pentole in cui, come nei peggiori incubi, venivano cotte per estirpare la carne e ricavarne il cranio, che veniva poi dipinto e conservato come un’opera d’arte, oltre a peni umani conservati in formaldeide.

Tutte le 17 vittime di Dahmer furono giovani o giovanissimi omosessuali, di etnia afroamericana, asiatica o messicana, con precedenti penali di una certa entità alle spalle. Col pretesto di guardare un film porno insieme e di scattare qualche foto, o semplicemente di consumare un rapporto sessuale, venivano adescati in locali gay e poi uccisi tramite strangolamento o pugnalati dopo essere stati narcotizzati. Il tutto era svolto sotto forma di rito, con tanto di fotografie finalizzate a documentare i passaggi della cerimonia, che culminava con lo squartamento della vittima per mezzo di una sega.

Le autopsie sui cadaveri hanno rivelato come in molti casi ci fu persino un tentativo di lobotomizzare le vittime iniettando tramite fori ricavati nel cranio quantità smisurate di acido muriatico o acqua bollente, che ovviamente provocavano la morte immediata dei ragazzi.

Arrestato e condannato a 957 anni di prigione, trovò la morte in carcere per mano di un altro detenuto schizofrenico, che nel 1994 lo colpì con un bilanciere rubato nella palestra dell’istituto di detenzione in cui entrambi si trovavano. Il suo cervello venne prelevato ed è oggi conservato per studi scientifici.

DAHMER - Mostro: La storia di Jeffrey Dahmer, il 1° trailer della serie con Evan Peters cannibale di Milwaukee - Dahmer in People magazine jeffrey dahmer 10163677 750 998 - Gay.it

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Emma Marrone e Nicolò De Devitiis, Le Iene

Emma Marrone a Le Iene: “Mi piacerebbe diventare madre. Ho 39 anni e tutti gli strumenti per esserlo”

Culture - Luca Diana 16.4.24
Challengers Guadagnino Josh O Connor Mike Faist Zendaya

Challengers, lo sceneggiatore Justin Kuritzkes: “Il tennis è davvero omoerotico”

Cinema - Mandalina Di Biase 15.4.24
Giovanni Donzelli foto instagram @giovadonze

Giovanni Donzelli di Fratelli d’Italia, outing di sua moglie che spiega “È un marito etero”

Culture - Mandalina Di Biase 9.4.24
Angelina Mango è pronta per l'Eurovision Song Contest che si terrà a maggio in Svezia

Perché Angelina Mango può vincere Eurovision 2024

Musica - Emanuele Corbo 11.4.24
Mahmood è in tour in Europa per presentare l'album "Nei letti degli altri"

Mahmood più libero che mai sul palco, il suo tour strega l’Europa e “Tuta gold” conquista il triplo disco di platino

Musica - Emanuele Corbo 9.4.24
“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Bad Bunny, Leto, Scilla, Carta, Camilli e altri - Specchio specchio delle mie brame la sexy gallery social vip - Gay.it

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Bad Bunny, Leto, Scilla, Carta, Camilli e altri

Culture - Redazione 16.4.24

Hai già letto
queste storie?

Ripley, Andrew Scott è il celebre Tom Ripley nella nuova serie Netflix - Ripley BW 2.4.1 v4 - Gay.it

Ripley, Andrew Scott è il celebre Tom Ripley nella nuova serie Netflix

Serie Tv - Redazione 14.12.23
We Are the World, l'imperdibile doc Netflix che racconta la notte che ha cambiato il pop - The Greatest Night in Pop A2021 2 4 462 1a 001 - Gay.it

We Are the World, l’imperdibile doc Netflix che racconta la notte che ha cambiato il pop

Cinema - Federico Boni 1.2.24
Rustin, il film sul celebre attivista LGBTQIA+ è arrivato su Netflix - RSTN 20220808 29938 R f - Gay.it

Rustin, il film sul celebre attivista LGBTQIA+ è arrivato su Netflix

Cinema - Federico Boni 30.11.23
Nuovo Olimpo su Netflix, ecco come sta andando il nuovo film di Ferzan Ozpetek - Nuovo Olimpo su Netflix 1 - Gay.it

Nuovo Olimpo su Netflix, ecco come sta andando il nuovo film di Ferzan Ozpetek

Culture - Redazione 8.11.23
Young Royals 3, l'ultima puntata è on line. Ecco com'è finita la serie queer svedese - young royals Edvin Ryding - Gay.it

Young Royals 3, l’ultima puntata è on line. Ecco com’è finita la serie queer svedese

Serie Tv - Redazione 19.3.24
Elite 8 sarà l'ultima stagione, l'annuncio del suo creatore: "Concluderemo alla grande" - elite 8 - Gay.it

Elite 8 sarà l’ultima stagione, l’annuncio del suo creatore: “Concluderemo alla grande”

Serie Tv - Redazione 19.10.23
Young Royals 3, teaser trailer e data d'uscita dell'ultima stagione - young royals Edvin Ryding - Gay.it

Young Royals 3, teaser trailer e data d’uscita dell’ultima stagione

Serie Tv - Redazione 15.12.23
Glamorous, Miss Benny e Michael Hsu Rosen sono una coppia anche nella vita reale? - GLAMOROUS 110 Unit 00895RC - Gay.it

Glamorous, Miss Benny e Michael Hsu Rosen sono una coppia anche nella vita reale?

Culture - Redazione 23.1.24