L’ecofemminismo dagli anni ’70 ad oggi: dalla sopraffazione all’etica della premura

Quella correlazione tra l'oppressione femminile e delle minoranze e l’arroganza mostrata dall’uomo bianco privilegiato.

ascolta:
0:00
-
0:00
L'ecofemminismo dagli anni '70 ad oggi: dalla sopraffazione all'etica della premura - ecofemminismo - Gay.it
3 min. di lettura

Si sente spesso parlare di ecofemminismo in termini molto vaghi. In verità, si tratta di movimento tutt’altro che disorganizzato, che anzi ha una storia secolare e, oggi più che mai, influenza sulla conversazione politica globale.

Cos’è l’ecofemminismo?

L’ecofemminismo è un movimento che pone la lotta al cambiamento climatico e quella per l’uguaglianza di genere in un fronte comune rispetto al patriarcato.

Nello specifico, l’ecofemminismo sostiene che la maggior parte dei problemi legati all’ambiente abbiano una causa specifica, ovvero la priorità che viene data ad atteggiamenti e personaggi portatori di caratteristiche collegate all’archetipo maschile – prevaricazione, aggressione e lotta per la dominanza.

L’ecofemminismo sostiene inoltre che le donne siano le prime a essere colpite dalle conseguenze del cambiamento climatico.

Secondo un report delle Nazioni Unite, le donne detengono statisticamente un potere economico minore rispetto agli uomini, e sono quindi più vulnerabili alle situazioni di emergenza causate dai disastri antropici. Si legga, per esempio, questo articolo:Nel mondo le donne impiegano 200 milioni di ore al giorno per procurarsi acqua pulita

Esistono tuttavia diverse sottocategorie del movimento, che includono l’ecofemminismo vegetariano e vegano e quello materialista.

Ma, alla radice, tutte le ramificazioni convengono che le qualità maschili che hanno fin qui dominato la storia hanno portato a una spaccatura tra l’essere umano e la natura, che ha non solo causato problemi a livello climatico, ma anche reso più vulnerabili specifiche fasce di popolazione.

Le origini dell’ecofemminismo

Il femminismo, in tutte le sue ondate, ha sperimentato evoluzioni e trasformazioni sin dal suo primo virgulto nel XIX secolo.

L’ecofemminismo è figlio del proprio periodo storico, un’epoca in cui si cominciava a pensare alle conseguenze dell’industrializzazione e come esse potessero essere collegate alla marginalizzazione di alcune fasce di popolazione.

Per arrivare al termine ecofemminismo bisognerà aspettare il 1974, quando fu coniato dall’attivista Françoise d’Eaubonne, che ai tempi analizzò la correlazione tra l’oppressione femminile e delle minoranze e l’arroganza mostrata dall’uomo bianco privilegiato, sostenendo che essa venisse applicata anche nello sfruttamento indiscriminato delle risorse naturali.

Negli anni a venire, in molt* hanno esplorato e approfondito il sentimento che sta dietro all’ecofemminismo, dando vita a un movimento strutturato, cui partecipano anche molte celebrity.

Per come lo conosciamo oggi, l’ecofemminismo ha compiuto 48 anni, ed è più rilevante che mai. E sebbene il termine non venga più utilizzato come un tempo, i suoi principi si sono sviluppati autonomamente in diversi movimenti che danno voce alle minoranze – come ad esempio, la correlazione tra la comunità LGBTQ+ e la coscienza ambientale.

I principi dell’ecofemminismo

L’ecofemminismo si compone di cinque principi fondamentali.

  • L’oppressione delle minoranze vulnerabili e l’oppressione sul pianeta e l’ecosistema sono strettamente correlate.

Il dominio patriarcale, che presuppone che gli attributi maschili abbiano più valore rispetto a quelli caratteristici dell’archetipo femminile, ha portato a un utilizzo sconsiderato delle risorse a scapito dei gruppi marginalizzati.

  • È necessario rimpiazzare la cultura della sopraffazione con un’etica della premura

La base dell’ecofemminismo è l’etica della premura, un sistema in cui tutte le decisioni vengono prese in un’ottica di uguaglianza” sostiene la dott.sa Heidi Hunter, professoressa universitaria ed ecofemminista.

L’ecofemminismo punta quindi a eliminare il sistema di sopraffazione e sfruttamento che nasce dall’egemonia patriarcale, per attivare un’etica della premura, dunque un approccio alla moralità strettamente correlato all’archetipo femminile.

  • Qualsiasi forma di oppressione è inaccettabile e interconnessa

Secondo il movimento, nessuna forma di oppressione è accettabile. Per far sì che il movimento ambientalista sia omnicomprensivo, esso deve considerare qualsiasi fascia marginalizzata, e intersecare le battaglie perché esse sono interconnesse tra di loro.

  • L’analisi dell’interconnessione tra tutte le forme di oppressione sistematica è fondamentale

Per concretizzare i propri sforzi, il movimento ecofemminista si propone di analizzare la stretta connessione tra le varie forme di oppressione e comprenderne la radice fondamentale, ovvero il sistema patriarcale.

Ad esempio, è evidente la “femminilizzazione” del movimento ambientalista in ogni ambito, il che appare subliminalmente negativo agli occhi di coloro che percepiscono l’archetipo maschile come quello più “forte” e “dominante”.

  • La voce del movimento ecofemminista dev’essere quella dei gruppi marginalizzati

Sebbene il movimento spinga per un’etica della premura generalizzata, viene enfatizzata la necessità di dare voce ai gruppi marginalizzati – prime vittime del cambiamento climatico e dei sistemi oppressivi – ponendoli in posizione di leadership.

Le critiche mosse all’ecofemminismo

La critica più pregnante al movimento femminista arriva dall’idea essenzialista – ovvero la credenza che esista effettivamente un archetipo maschile e femminile.

Una frangia del movimento femminista sostiene infatti che l’idea che vi siano caratteristiche maschili e femminili va ad accentuare una dicotomia di genere che il femminismo si proponeva invece di combattere. Volendo semplificare, la critica sarebbe che per andare oltre il binarismo, bisognerebbe sforzarsi di non basare le proprie lotte su concetti binari che contrappongo maschile/femminile.

Il movimento tuttavia rigetta l’idea, sostenendo che l’idea di un archetipo sia diversa dall’individualità di ciascuno: chiunque può possedere caratteristiche “maschili” o “femminili” a prescindere dall’identità di genere.

 

Photo by Mick De Paola on Unsplash

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Alberto De Pisis

Alberto De Pisis, tra carriera, amori e speranze per il futuro: “Mi piacerebbe diventare papà” – intervista

Culture - Luca Diana 28.2.24
Roberto Vannacci Paola Egonu Matteo Salvini

Vannacci sospeso dall’Esercito Italiano, Egonu lo querela, Salvini lo difende

News - Giuliano Federico 28.2.24
Eurovision 2024 Eden Golan October Rain

Boicottare Eurovision 2024 e la partecipazione di Israele? “October rain” di Eden Golan va esclusa?

Musica - Redazione Milano 27.2.24
Federico Massaro, Grande Fratello

Grande Fratello, il percorso di Federico Massaro dopo l’uscita di Vittorio Menozzi

Culture - Luca Diana 27.2.24
Da sinistra: Douglas Carolo (foto da TikTok), Andrea Bossi (foto SKYtg24) e Michele Caglioni (foto Instagram)

Perché Andrea Bossi sarebbe stato ucciso da Douglas Carolo e Michele Caglioni?

News - Redazione Milano 29.2.24
I film LGBTQIA+ della settimana 26 febbraio/3 marzo tra tv generalista e streaming - film queer - Gay.it

I film LGBTQIA+ della settimana 26 febbraio/3 marzo tra tv generalista e streaming

News - Federico Boni 26.2.24

Leggere fa bene

BARBIE (2023)

Ma Barbie è stato davvero snobbato agli Oscar?

Culture - Riccardo Conte 24.1.24
michela marzano intervista video

Dire “io ho subito” significa affermare la propria soggettività: intervista a Michela Marzano – VIDEO

Culture - Federico Colombo 23.10.23
Photograph: EPA (THE GUARDIAN)

Patti Smith su sessualità e genere: “Non importano le etichette, quello che conta è la libertà”

Musica - Redazione Milano 3.10.23
Fiorella Mannoia, la pasionaria indomita e combattente con una canzone femminista a Sanremo 2024 - Sessp 24 - Gay.it

Fiorella Mannoia, la pasionaria indomita e combattente con una canzone femminista a Sanremo 2024

Musica - Federico Colombo 31.1.24
Emma Stone in Poor Things (2023)

Emma Stone difende le scene di sesso in Povere Creature

Cinema - Redazione Milano 19.1.24
Martina Navratilova sostiene che le donne trans non possano essere lesbiche - Martina Navratilova - Gay.it

Martina Navratilova sostiene che le donne trans non possano essere lesbiche

Corpi - Redazione 1.12.23
gesù natale impatto ambientale

Natale: caro Gesù Bambino, la celebrazione della tua venuta è un disastro per il pianeta

News - Giuliano Federico 15.12.23
judith butler

Distruggere i generi: breve storia di Judith Butler

Culture - Federico Colombo 20.10.23