Eternals, Haaz Sleiman sulla censura omofoba: “Paesi ignoranti e patetici”

"Hanno mostrato al mondo che non sono solo una disgrazia per l’umanità, ma anche per Dio".

Eternals, Haaz Sleiman sulla censura omofoba: "Paesi ignoranti e patetici" - haaz sleiman - Gay.it
2 min. di lettura

Travolto da critiche negative realizzate ad hoc da omofobi infastiditi dalla presenza del primo supereroe dichiaratamente gay della storia Marvel, Eternals ha sbancato i box office di mezzo mondo. 161 milioni di dollari al debutto, 71 dei quali raccolti in 3 giorni nei cinema d’America. In Italia, invece, il cinecomic diretto da Chloe Zhao ha esordito con 3.8 milioni in 5 giorni. Si tratta della miglior partenza in era pandemica, ovvero da 20 mesi a questa parte.

Tutto questo nel pieno delle polemiche che continuano ad interessare la pellicola, bandita da Arabia Saudita, Kuwait, Quatar, Bahrain e Oman a causa di Phastos, primo supereroe dichiaratamente omosessuale del MCU, con tanto di marito e figlio al seguito. Haaz Sleiman, che interpreta Ben, sposo di Phastos al cinema, ne ha parlato con Variety. L’attore, cresciuto in Libano in una famiglia musulmana e da anni dichiaratamente gay, ha applaudito la Disney, che si è rifiutata di tagliare le scene tra Ben e Phastos, preferendo non uscire in quei mercati che avevano specificatamente chiesto la censura.

Hanno mantenuto la loro posizione e hanno detto: “No, non scenderemo a compromessi sacrificando l’integrità del nostro film”. Hanno fatto sembrare questi Paesi davvero ignoranti e patetici. Non ho alcun rispetto per questi governi. Hanno mostrato al mondo che non sono solo una disgrazia per l’umanità, ma anche per Dio. Spero che i popoli dell’Arabia Saudita, del Kuwait e del Quatar traggano ispirazione da quanto successo e si ribellino. Troveranno un modo per vederlo, anche se è illegale. E a quel punto potranno mostrare il dito medio ai loro politici. Perché anche quando qualcosa è bandito si riesce sempre a trovare un modo per recuperarlo.

Haaz Sleiman ha inoltre rivelato come sia stato proprio lui a convincere Chloe Zhao a far parlare arabo a Ben, in una scena del film: “Quel momento mostra l’amore tra me e Phastos, ed è una dichiarazione a sé stante il solo fatto che si senta parlare qualcuno in arabo. Non avrei mai pensato di vedere una cosa del genere, figuriamoci esserne protagonista“.

Nei giorni scorsi anche Angelina Jolie si era scagliata contro quei Paesi che hanno bandito Eternals a causa di Phastos e della sua famiglia arcobaleno. “Ancora non capisco come si possa vivere in un mondo in cui ci sono ancora persone che non vorrebbero vedere la famiglia di Phastos, la bellezza di quella relazione e quell’amore”. “Non capisco come qualcuno si possa essere arrabbiato per questo, possa essersi sentito minacciato, come possa non approvare o apprezzare. Sono ignoranti“.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Gabriel Attal Jordan Bardella Gay.it TikTok

È virale la storia d’amore tra Jordan Bardella e Gabriel Attal inventata su TikTok durante le elezioni in Francia

Culture - Mandalina Di Biase 12.7.24
Il matrimonio del mio migliore amico (1997)

Il tuo fruity boyfriend non ti salverà

Lifestyle - Riccardo Conte 12.7.24
Kylie Minogue a Hyde Park regina di Londra (al fianco di Giuseppe Giofrè) - Kylie Minogue - Gay.it

Kylie Minogue a Hyde Park regina di Londra (al fianco di Giuseppe Giofrè)

Musica - Federico Boni 15.7.24
Intervista a Laika, autrice del gigantesco murale dedicato a Michela Murgia: "Per guardare al futuro insieme a lei" - Laika e Michela Murgia - Gay.it

Intervista a Laika, autrice del gigantesco murale dedicato a Michela Murgia: “Per guardare al futuro insieme a lei”

Culture - Federico Boni 11.7.24
Queer Lion, tutti i vincitori del Leone LGBTQIA+ aspettando Venezia 2024 - queer lion story - Gay.it

Queer Lion, tutti i vincitori del Leone LGBTQIA+ aspettando Venezia 2024

Cinema - Federico Boni 12.7.24
Lorenzo Zurzolo Prisma La Storia

Lorenzo Zurzolo tra James Franco ne “Gli Squali”, e Martin Scorsese nel film di Julian Schnabel “La mano di Dante”

Cinema - Mandalina Di Biase 12.7.24

Continua a leggere

The Visitor, recensione. Il Teorema politico, depravato e sovversivo di Bruce LaBruce - OFF The Visitor 05 - Gay.it

The Visitor, recensione. Il Teorema politico, depravato e sovversivo di Bruce LaBruce

Cinema - Federico Boni 18.4.24
Povere Creature di Lanthimos, capolavoro di libertà sessuale e autodeterminazione femminista. Recensione - 030 PT Atsushi Nishijima 20211110 00201 1 - Gay.it

Povere Creature di Lanthimos, capolavoro di libertà sessuale e autodeterminazione femminista. Recensione

Cinema - Federico Boni 18.1.24
Lewsi Hamilton rainbow

F1, il Bahrain vuole vietare la bandiera LGBTI+, cosa farà Hamilton in Ferrari?

Lifestyle - Redazione Milano 26.2.24
Challengers, recensione. Il travolgente ed eccitante triangolo omoerotico di Luca Guadagnino - TIRE TOWN STILLS PULL 230607 002 RC - Gay.it

Challengers, recensione. Il travolgente ed eccitante triangolo omoerotico di Luca Guadagnino

Cinema - Federico Boni 12.4.24
We Are the World, l'imperdibile doc Netflix che racconta la notte che ha cambiato il pop - The Greatest Night in Pop A2021 2 4 462 1a 001 - Gay.it

We Are the World, l’imperdibile doc Netflix che racconta la notte che ha cambiato il pop

Cinema - Federico Boni 1.2.24
Back to Black, recensione del biopic su Amy Winehouse. Il ricordo di un'icona sconfitta dall'amore - BackToBlack2024 - Gay.it

Back to Black, recensione del biopic su Amy Winehouse. Il ricordo di un’icona sconfitta dall’amore

Cinema - Federico Boni 11.4.24
Lil Nas X: Long Live Montero, recensione. Essere icona queer, orgogliosa e rivoluzionaria - Lil Nas X - Gay.it

Lil Nas X: Long Live Montero, recensione. Essere icona queer, orgogliosa e rivoluzionaria

Cinema - Federico Boni 22.4.24
"Duino" inaugura il Lovers 2024, recensione. L'indimenticato e irripetibile primo amore - OFF Duino 06 - Gay.it

“Duino” inaugura il Lovers 2024, recensione. L’indimenticato e irripetibile primo amore

Cinema - Federico Boni 17.4.24