Firenze, lo insultano e gli lanciano una bottiglia perché gay

La solidarietà del sindaco di Ripoli (FI), dove un consigliere leghista un tempo espulso per omobitransfobia è stato di recente riammesso dal partito di Salvini.

ascolta:
0:00
-
0:00
grassina bullismo omofobia
3 min. di lettura

Dopo l’episodio di omofobia accaduto vicino Pavia, denunciato qualche ora fa su Gay.it, eccoci a raccontarne un altro, questa volta vicino Firenze.

Cinque ragazzini gettano una bottiglia contro un ragazzo appena maggiorenne. Il motivo è sempre il solito: solo perché è gay. Il tutto avviene una sera, mentre sta passeggiando con un’amica nei pressi di un circolo Acli, quello di Grassina, nel comune di Bagno a Ripoli, vicino Firenze. Una bottiglia che si accompagna agli insulti e che fanno male al ragazzo, all’amica che lo accompagna e alla madre, che decide di denunciare l’accaduto in un post su Facebook.

Cristiana, la madre del ragazzo, lo scrive su un gruppo Facebook locale, “Sei di Grassina se…”, lo fa per denunciare il fatto a tutta la comunità. È un appello accorato, in cui si sente forte lo scoramento, non è più possibile tenersi dentro il dolore. La comunità deve prendersi le sue responsabilità, oltre ai diretti interessati, che la madre non vuole lasciare impuniti. Per questo scrive:

“È possibile che mio figlio ed una sua amica non possano camminare per Grassina ed essere bullizzati (più che altro mio figlio gay) da un gruppo di 5 poppanti che gli hanno tirato una bottiglia di birra! Io non mi fermerò qui dato che è successo ora all’Acli e chiederò se ci sono telecamere perché il bullismo omotransfobico è una specifica forma di discriminazione e/o violenza che consiste in azioni deliberate da parte di uno o più individui finalizzate a denigrare una persona per la sua reale o presunta identità di genere, orientamento sessuale o espressione di genere. Sono veramente arrabbiata che uno/una non possa camminare senza dare noia a nessuno. P.s.: non riporto le parole perché feriscono. Spero di sapere chi sono e guardare in faccia i loro genitori. A proposito lo sapete che posso fare querela e di conseguenza verrà decisa una punizione. Grazie paese di Grassina”.

Tanta la solidarietà che gli viene espressa, soprattutto dal sindaco di Bagno a Ripoli, Francesco Casini, che riporta anche gli eventi del territorio tesi a eliminare i pregiudizi sull’omosessualità e sulle persone trans. Il sindaco si lascia così a un commento sotto il post:

“Cara Cristiana, anche qui voglio ribadire a tuo figlio e a te tutta la mia solidarietà. La vera Bagno a Ripoli non è quella che è andata in scena ieri sera. Episodi simili, che fai bene a denunciare perché non possono restare impuniti, non rispecchiano il vero volto della nostra comunità. Insieme all’assessora Francesca Cellini, alla Commissione Pace, alla Casa del popolo e a tante associazioni, per questo sabato stiamo promuovendo un incontro contro l’omotransbifobia, cercando di coinvolgere più persone possibili. Saremmo felici se vorrete e potrete partecipare. Come istituzioni, continueremo a lavorare con le scuole, con le nuove generazioni, per creare cittadini consapevoli. Purtroppo, il nostro Paese è ancora in attesa di una legge contro l’omofobia. Un ritardo che deve essere colmato al più presto. Perché i vuoti normativi spesso sono come l’ignoranza: generano mostri. Un abbraccio”.

Anche il circolo Acli ha espresso la sua solidarietà su Facebook alla madre. Il consiglio di Presidenza dice di essere estraneo ai fatti e di essere pronto “a collaborare con le autorità e se richiesti metteremo a disposizione le immagini del nostro impianto di videosorveglianza”.

La denuncia della madre ha, finora, trovato la sponda di tutti. Tuttavia, la violenza di alcuni ragazzini mostra quanto ancora sia lungo il percorso da affrontare.

Tuttavia, urge riportare all’attenzione quello che accadde nel 2020 nel consiglio comunale di Bagno a Ripoli. Il giovanissimo consigliere della Lega Gregorio Martinelli da Silva disse di voler creare la giornata per i “cattolici eterosessuali” perché sarebbero discriminati, non al contrario gli omosessuali. Inoltre, citò il Catechismo della Chiesa cattolica per portare avanti la sua argomentazione, nella parte in cui si dice che le “relazioni omosessuali sono gravi depravazioni”. In quel momento dalla Lega cadde il gelo e Martinelli fu espulso dal Carroccio. Lo scorso dicembre, però, la Lega lo riammette nel gruppo consiliare grazie alla sponda del nuovo commissario provinciale del partito, Federico Bussolin. Un fatto grave che dimostra quanto sia corta la memoria e che mostra la natura di un nuovo corso politico a destra, che non ha più paura di presentare consiglieri ambigui e con idee omofobiche.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Cannes 2024, ecco i 17 film LGBTQIA+ in corsa per la Queer Palm - Block Pass - Gay.it

Cannes 2024, ecco i 17 film LGBTQIA+ in corsa per la Queer Palm

Cinema - Federico Boni 17.5.24
Rainbow Map 2024, l'Italia crolla al 36° posto su 49 Paesi per uguaglianza e tutela delle persone LGBT - rainbowmap - Gay.it

Rainbow Map 2024, l’Italia crolla al 36° posto su 49 Paesi per uguaglianza e tutela delle persone LGBT

News - Federico Boni 15.5.24
Andrew Scott per Quinn (2024)

Andrew Scott presta la voce ad un’app di racconti erotici

Culture - Redazione Milano 16.5.24
daniel craig queer guadagnino

Queer: “È fantastico, dura 3 ore e sarà a Venezia”. Luca Guadagnino: “È il film che avevo in testa da 35 anni”

News - Redazione 20.5.24
HUGO™ 2: recensione dei due nuovi massaggiatori prostatici della LELO (che gli uomini sposati amano) - 1000056146 01 - Gay.it

HUGO™ 2: recensione dei due nuovi massaggiatori prostatici della LELO (che gli uomini sposati amano)

Corpi - Gio Arcuri 29.1.24
©AFP

Meryl Streep è nessunə e tuttə noi

Cinema - Riccardo Conte 20.5.24

I nostri contenuti
sono diversi

Lorenzo Gasperini, ex consigliere leghista condannato per diffamazione contro Arcigay Livorno - Arcigay Livorno - Gay.it

Lorenzo Gasperini, ex consigliere leghista condannato per diffamazione contro Arcigay Livorno

News - Redazione 8.3.24
Lingua e comunità LGBTQIA+

Lingua e comunità LGBTQIA+: non chiamatelo omofobo, è un misomosessuale, perché non è fobia, è odio

Guide - Emanuele Bero 5.12.23
arcobaleno rainbow

Treviso, marmista licenziato perché gay fa causa all’azienda

News - Francesca Di Feo 29.11.23
meglio-a-colori-terapie-riparative (3)

“Meglio a Colori”, la campagna per un disegno di legge contro le terapie riparative

News - Francesca Di Feo 17.5.24
Perugia, in otto a processo per insulti omofobi sui social: “Odiare costa!” - Perugia Pride 2019 - Gay.it

Perugia, in otto a processo per insulti omofobi sui social: “Odiare costa!”

News - Redazione 26.1.24
Emanuele Pozzolo il post omofobico ai tempi dell'approvazione delle unioni civili. Nella foto insieme a Giorgia Meloni che lo scelse nelle liste elettorali del 25 Settembre 2022.

Emanuele Pozzolo, scelto da Meloni: ecco il post omofobico contro le unioni civili

News - Redazione Milano 3.1.24
Enzo Miccio e il potente monologo contro l'omofobia: "Siate fieri, sempre, perché siete unici e autentici" (VIDEO) - Enzo Miccio - Gay.it

Enzo Miccio e il potente monologo contro l’omofobia: “Siate fieri, sempre, perché siete unici e autentici” (VIDEO)

Culture - Redazione 24.4.24
Odio LGBTIAQ social network

L’odio social verso la comunità LGBTQIA+ ha conseguenze nella vita reale, ma Meta, X e TikTok non fanno abbastanza per arginarlo

News - Francesca Di Feo 25.1.24