Omofobia e sessismo della Gazzetta su Ronaldo: ode al guerriero con lo smalto

Cristiano Ronaldo è un ragazzo che gioca con la sua immagine nella roccaforte del machismo. Se le va a cercare? E cosa dovrebbe fare un campione?

Omofobia e sessismo della Gazzetta su Ronaldo: ode al guerriero con lo smalto - ronaldo smalto - Gay.it
3 min. di lettura

La Gazzetta dello Sport ha postato delle recenti foto di Cristiano Ronaldo in piscina a Miami con lo smalto nero ai piedi. Titolo: “Ronaldo, così te le cerchi”. L’assunto di base è chiaro. Ora pure lo smalto sui piedi? Allora fanno bene a urlarti maricón e culattone e ricchione e fr**io.

Lo smalto sui piedi, insomma, giustifica dicerie, insulti e speriamo non si volesse intendere anche altro di più grave. Un punto di vista fine, avanzato quello della Gazzetta. Vabbè, per carità, è un quotidiano sportivo. Un po’ di indelicatezza ci sta. E i titoli è noto: devono far presa. Ma su Ronaldo il problema è più generale e più interessante della mentalità retrograda di qualche titolista estivo.

cristiano-lg-02

Che poi a volerla dire tutta il problema non è solo della Gazzetta dello Sport: pure il boccaccesco blog BITCHYF ha ironizzato sullo smalto del calciatore. La didascalia che accompagna le foto incriminate, recita: “Tutto molto bello, fino a che il mio sguardo non si è soffermato sui suoi piedi”. E giù di gif a sottolineare l’ilarità. Insomma, al solito, pare che i presupposti per la discriminazione in realtà ce li creiamo noi pure in casa nostra. Omofobia interiorizzata o facile populismo estetico, poco cambia. 

cristiano-ronaldo-dating-instagram-model-cassandra-davis

A noi ovviamente quel titolo della Gazzetta scoccia parecchio, soprattutto i comportamenti che sembra avvallare ovvero giustificare. Quindi ne approfittiamo per ribadire quanto Ronaldo e la sua libertà sfacciata ci piacciano. Che sia gay o no, certamente Ronaldo non è assuefatto al machismo e alla cultura dei dictat omofobiChe sia gay o no, Ronaldo sta nella roccaforte del machismo e ci sta con lo smalto sui piedi. Già questo basta. Già questo ce le rende più che simpatico. Ce lo fa sentire vicino.

ronaldo unghie2

Il mondo del calcio è impietoso su questo tipo di cose, coltiva il mito della virilità nella forma più fisica e grezza possibile. È un mondo di comunicazione e ritualità tutte al testosterone, in cui non c’è la presenza della donna a smorzare il registro dominante. Essere gay dichiarati sarebbe difficilissimo, ma non crediamo che essere quel che è Ronaldo – ovvero un “sospetto gay” – che mette lo smalto e esibisce comportamenti ambigui sia meno difficile. Anzi, forse questo suo restare sospeso, fluidamente, tra gli orientamenti, lo rende ancora più vulnerabili ed esposto. 

Va da sé che per quanto ci riguarda la sua posizione è assai coraggiosa. Con la sua sola presenza – dentro e fuori dal campo di gioco – Cristiano Ronaldo rappresenta un oltraggio a tutte le regole non scritte (ma semmai urlate poi nei cori) che dominano lo spettacolo calcistico.

Cristiano-Ronaldo-Sighting-at-the-Pool-In-Miami-160802-001

Ronaldo è molto ricco e molto famoso, quindi molto invidiato. Ed è normale tutto questo spettegolare su di lui. Il bello è che lui sembra non voler fare poi molto per mettere a tacere le dicerie. Coi suoi fiori tra i capelli, le vacanze per soli manzi, le strizzatine ai pacchi altrui, il suo bimbo cascato dal cielo, le pose liquidissime e ora lo smalto nero sui piedi, Ronaldo manifesta una mobilità di genere modernissima e spregiudicata, soprattutto tenendo conto dell’ambiente in cui si muove. Una mobilità che ci suscita simpatia e rispetto. E anche dell’altro che per eleganza omettiamo.

6a00d8341c730253ef011570ee1f80970b-800wi

Non crediamo di esagerare nel dire che Cristiano Ronaldo è, a suo modo, una delle icone queer di questa nostra epoca. Che sia gay o no, il suo gesto fondamentale non cambia: è quello che amplia lo spazio per la rappresentazione e l’espressione di sé. Ronaldo è un ragazzo che gioca con la sua immagine, è un guerriero col fiore in testa e lo smalto sui piedi. È atletico e sensuale, egocentrico e vanesio, ma dolcissimo col figlio e capace di piangere sfacciatamente in campo senza nascondersi.

Titolisti della Gazzetta della Sport, datemi retta, Ronaldo se le va a cercare, sì. Perché è questo che fanno i veri campioni: scendono in campo. 

Jonathan Bazzi

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.
Avatar
Ulisse Orsato 6.8.16 - 18:25

Sinceramente, ma chissenefrega? Poi, per i miei gusti, lo smalto sui piedi sta male a tutti e a tutte. A meno che non sia qualcosa di artistico, ma a quel punto non te lo metti sui piedi...

Avatar
Giovanni Di Colere 3.8.16 - 21:58

Ronaldo si sa ha un orientamento sessuale e fidanzata diversa a seconda del sito che ne pubblica le news

Avatar
Giovanni Di Colere 3.8.16 - 12:57

Strano questo scivolone di gazzetta.it di solito sempre attenta al rispetto per i gay e alle battaglie contro l'omofobia.

Avatar
Giovanni Di Colere 3.8.16 - 10:13

A onore della Gazzetta e del suo sito gazzetta.it i vari commenti che non vengono mai censurati sono tutt'altro che omofobi anzi qualcuno ha pure ironicamente chiesto come mai a Ronaldo viene attribuita una diversa love story a seconda del Paese di cui si legge un sito di news o gissip. In generale la testata di rcs della rosea a differenza di corriere.it è molto sensibile a tematiche dei diritti gay mentre il corriere è ancora pieno di aggressioni omofobe nei commenti spesso molto razzisti Certo il commento sullo smalto di Ronaldo è stato un po' infelice....

Avatar
Valium 3.8.16 - 8:46

Lo smalto culturalmente è riservato alle donne. -> Ronaldo è un'icona queer. -> Queer vuol dire più o meno "strano". -> Quindi non capisco dov'è la discriminazione di bitchyf, men che meno l'omofobia interiorizzata. Mettiamo che io sia gay e che dica ad un amico etero che lo amo. Se lui mi rifiuta la sua non è omofobia. Allora stesso modo se vedo un maschio con lo smalto sui piedi e mi scatta l'ilarità mentale la mia non è certo omofobia interiorizzata, ma un fattore culturale. Posso capire invece il discorso fatto per il titolo della Gazzetta, che è alquanto scocciante.

    Avatar
    Davide Soggia 3.8.16 - 13:08

    La gazzetta fa riferimento a quello che tu definisci "fattore culturale". Non puoi scrivere 10 righe e poi nell'ultima scrivere l'esatto opposto di ciò che hai appena scritto. Non è che gli omofobi sono sempre e solo gli altri, noi sorridiamo soltanto. Che è come dire "signor giudice, guardi, la ragazza non l'ho stuprata io, io facevo solo gli applausi durante l'atto" ma anche no...

      Avatar
      Valium 3.8.16 - 16:08

      Per me sono due cose differenti. La gazzetta ha usato uno smalto per dire "così te le cerchi" sul titolo di una fotogallery. La cosa di per sè non è grave, è più un tono scherzoso che una minaccia (anche perchè vedendo le fotogallery lì si parla più di gossip che altro) ma che comunque a qualcuno può dar fastidio, ed infatti dico che a me scoccia un po', però poi basta. Da qui a parlare di omofobia e sessismo secondo me ce ne vuole di strada.

Trending

Torino Pride 2024, i 150.000 volti della lotta intersezionale: ecco com'è andata - GALLERY - torino pride 2024 17 - Gay.it

Torino Pride 2024, i 150.000 volti della lotta intersezionale: ecco com’è andata – GALLERY

News - Francesca Di Feo 17.6.24
Erika Colaianni e la compagna Manuela si sposano

Erika Colaianni e la compagna Manuela si sposano! La proposta di matrimonio durante il concerto di Ultimo – video

Culture - Luca Diana 15.6.24
Sarah Paulson vince il suo primo Tony Award e celebra Holland Taylor: "Grazie, perché mi ami" (VIDEO) - Sarah Paulson e il dolcissimo post di auguri ad Holland Taylor - Gay.it

Sarah Paulson vince il suo primo Tony Award e celebra Holland Taylor: “Grazie, perché mi ami” (VIDEO)

Culture - Federico Boni 17.6.24
Annalisa celebra il Roma Pride 2024: "È stata una delle giornate più belle della mia vita" (VIDEO) - Annalisa - Gay.it

Annalisa celebra il Roma Pride 2024: “È stata una delle giornate più belle della mia vita” (VIDEO)

Musica - Redazione 17.6.24
Prisma 2 Andrea Daniele scena sesso Lorenzo Zurzolo Mattia Carrano 01

Prisma 2, spoiler: la scena di sesso tra Andrea e Daniele non è gay, Bessegato: “Non sono una coppia gay”

Serie Tv - Mandalina Di Biase 11.6.24
Dennis Gonzalez, il nuotatore artistico fresco di trionfo europeo che ha sconfitto anche l'omofobia - Dennis Gonzalez - Gay.it

Dennis Gonzalez, il nuotatore artistico fresco di trionfo europeo che ha sconfitto anche l’omofobia

Corpi - Redazione 13.6.24

I nostri contenuti
sono diversi

Daria Kasatkina Tennis LGBTI Russia

Chi è Daria Kasatkina, tennista LGBTI russa che critica la Russia di Putin e solleva dubbi sulla finale WTA in Arabia Saudita

Corpi - Francesca Di Feo 30.4.24
Tom Daley e Stefano Belotti

Chi è Stefano Belotti, il tuffatore azzurro che augura buon compleanno a Tom Daley

Lifestyle - Mandalina Di Biase 22.5.24
Kyle Friend e Tim Brewster, la storia dei due pallavolisti prima compagni di squadra e ora innamorati - Kyle Friend e Tim Brewster - Gay.it

Kyle Friend e Tim Brewster, la storia dei due pallavolisti prima compagni di squadra e ora innamorati

Corpi - Redazione 29.3.24
giorgia-meloni-uomo-dell-anno (2)

Giorgia Meloni “Uomo dell’Anno” per Libero: se il potere è concepibile solo al maschile

News - Francesca Di Feo 29.12.23
Atlete trans svantaggiate rispetto a quelle cisgender, i risultati di uno studio - Lia Thomas foto - Gay.it

Atlete trans svantaggiate rispetto a quelle cisgender, i risultati di uno studio

Corpi - Francesca Di Feo 24.4.24
Polemiche per la richiesta del Barcelona di non esporre bandiere rainbow in Arabia Saudita - nella foto Joao Felix (dal profilo IG @fcbarcelona)

“No bandiere rainbow e manifestazioni di affetto in Arabia Saudita”, la richiesta del Barcelona ai suoi tifosi

Corpi - Federico Boni 10.1.24
Marc Tur, il marciatore spagnolo sogna una medaglia alle Olimpiadi di Parigi 2024 - Marc Tur - Gay.it

Marc Tur, il marciatore spagnolo sogna una medaglia alle Olimpiadi di Parigi 2024

Corpi - Redazione 23.5.24
chi-segna-vince-jaiyah-saelua

“Chi segna vince”, la storia della prima donna transgender a giocare in una nazionale di calcio

Corpi - Francesca Di Feo 11.1.24