Germania condanna prete polacco che aveva definito i sacerdoti gay una ‘ulcera cancerosa’

Immediata la replica polacca: "Negata la libertà di parola".

Germania condanna prete polacco che aveva definito i sacerdoti gay una 'ulcera cancerosa' - polonia prete - Gay.it
Germania contro Polonia su un prete omofobo.
2 min. di lettura

Polonia all’attacco della Germania e della sua magistratura per aver negato la libertà di espressione.

La vicenda nasce da una sentenza del tribunale di Colonia nei confronti del sacerdote polacco Dariusz Oko, il quale aveva classificato i preti omosessuali come una “ulcera cancerosa”, oltre ad etichettarli come  una “colonia di parassiti” all’interno della Chiesa. Non contento, ha definito i diritti LGBT+ come “eresia homo”.

Tutto questo era stato pubblicato a inizio 2021 nella rivista tedesca Theologisches, con la quale Oko collabora. Le sue opinioni omofobe si trovavano all’interno di un suo articolo, intitolato “Sulla necessità di limitare le cricche omosessuali nella Chiesa“. Tra l’altro, queste opinioni erano già state riportate in un suo precedente libro,La mafia della lavanda”, il quale parlava appunto della presenza di persone LGBT all’interno del Vaticano, come fossero una setta da estirpare.

La denuncia a Dariusz Oko

La denuncia a Dariusz Oko è partita dal sacerdote di Monaco Wolfgang F Rothe, che lo ha accusato di incitamento all’odio contro una minoranza e di attentato alla dignità umana.

In pochi mesi, il tribunale di Colonia che si è occupato del caso ha sentenziato che Oko ha commesso il reato di incitamento all’odio contro la comunità LGBT+, condannandolo a una multa di 4.800 euro e a 120 giorni di carcere. Condanna al momento sospesa, poiché Oko ha fatto ricorso.

L’intervento della Polonia contro la Germania

La condanna di Oko è arrivata ai piani alti della politica polacca, da sempre “paladina” della libertà, ma solo per chi rispetta la cultura etero-normativa e i valori tradizionali del Paese.

A prendere le difese del sacerdote omofobo è stato il ministro della Giustizia Marcin Romanowski, il quale ha accusato la magistratura tedesca di avere “tendenze anti-libertà”.

L’imposizione di sanzioni per le attività scientifiche rappresenta una minaccia alle libertà fondamentali e agli standard europei.

A difesa di Oko anche l’associazione estremista Ordo Iuris, grande sostenitrice delle “zone libere da LGBT” e da sempre in prima linea nella negazione dei diritti delle minoranze. Secondo l’ente, questa condanna (al momento sospesa) sarebbe ingiusta, poiché Darius Oko avrebbe dovuto godere della “protezione della libertà accademica, di parola e di coscienza“.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.
Avatar
fuffello 7.8.21 - 9:32

Ordo Iuris non è una persona, è una organizzazione, nota e famigerata. Si è resa nota non solo per gli attacchi omofobi ed antifemministi, che sono nella sua ragione sociale, ma per attività di diffamazione e disinformazione contro i paesi scandinavi (vedi il caso Silje Garmo).

Avatar
Franzc Dereck 3.8.21 - 9:56

Ma se io definissi la chiesa , con i suoi adepti , " ulcera cancerosa" ed i preti " parassiti" esprimerei odio , disprezzo o " solo " un'opinione personale? Non possono , gli omofobi , fare due pesi e due misure!

Trending

La convention repubblicana di Milwaukee è diventata il "Super Bowl di Grindr" (VIDEO) - grindr repubblicani - Gay.it

La convention repubblicana di Milwaukee è diventata il “Super Bowl di Grindr” (VIDEO)

News - Federico Boni 19.7.24
Selvaggia Lucarelli vs. Paolo Stella: "Ci sbatte in faccia il privilegio ottenuto senza alcun talento specifico" - Selvaggia Lucarelli vs. Paolo Stella - Gay.it

Selvaggia Lucarelli vs. Paolo Stella: “Ci sbatte in faccia il privilegio ottenuto senza alcun talento specifico”

Culture - Redazione 18.7.24
Tutti i coming out "vip" del 2024 - Coming Out 2024 - Gay.it

Tutti i coming out “vip” del 2024

News - Federico Boni 19.7.24
Palinsesti Rai 2024/2025, slitta Sanremo, fuori Serena Bortone. Promossi Insegno, Sechi, Barbareschi e Giletti - Palinsesti Rai - Gay.it

Palinsesti Rai 2024/2025, slitta Sanremo, fuori Serena Bortone. Promossi Insegno, Sechi, Barbareschi e Giletti

Culture - Federico Boni 19.7.24
Maria De Filippi e Amadeus, Festival di Sanremo

“Festival di Sanremo” cercasi: su Canale 5 arriva “Amici-Verissimo”, sul Nove “Suzuki Music Party”

Culture - Luca Diana 18.7.24
spiagge gay italiane spiagge queer lgbtqia

Speciale Spiagge 2024: 100 spiagge gay in Italia da non perdere

Viaggi - Redazione 1.7.24

Hai già letto
queste storie?

Palermo aggressione omobitransfobica

Palermo, aggressione omobitransfobica, anche da parte di minorenni: “Se denunciate vi ammazziamo”

News - Francesca Di Feo 22.1.24
Taylor Fritz, accuse di omofobia social. Cosa è successo e la replica del tennista - Taylor Fritz 1 - Gay.it

Taylor Fritz, accuse di omofobia social. Cosa è successo e la replica del tennista

Corpi - Redazione 21.2.24
Vannacci: "L'omofobia è una malattia psichiatrica e io le visite mediche le ho passate sempre tutte" - Vannacci - Gay.it

Vannacci: “L’omofobia è una malattia psichiatrica e io le visite mediche le ho passate sempre tutte”

News - Redazione 23.5.24
Milano, affitto negato perché gay: "La proprietaria preferisce una persona "tradizionale"" (VIDEO) - Andrea Papazzoni - Gay.it

Milano, affitto negato perché gay: “La proprietaria preferisce una persona “tradizionale”” (VIDEO)

News - Redazione 16.2.24
teramo-estorsione-uomini-gay-grindr

Reggio Calabria, uomo gay adescato tramite app picchiato, insultato e derubato da tre ragazzi

News - Redazione 28.5.24
Federico Fashion Style vittima di omofobia in treno. Calci e pugni al grido "fr*cio di merd*" - Federico Fashion Style - Gay.it

Federico Fashion Style vittima di omofobia in treno. Calci e pugni al grido “fr*cio di merd*”

News - Redazione 19.4.24
L’Indonesia vuole vietare i media LGBTQIA+ e il giornalismo investigativo - indonesia gay protest - Gay.it

L’Indonesia vuole vietare i media LGBTQIA+ e il giornalismo investigativo

News - Redazione 29.5.24
omofobia ragazzo giovane gay

Pontedera, 18enne cacciato di casa dopo il coming out: “Niente figli gay, vattene”

News - Francesca Di Feo 27.3.24