Germania condanna prete polacco che aveva definito i sacerdoti gay una ‘ulcera cancerosa’

Immediata la replica polacca: "Negata la libertà di parola".

Germania condanna prete polacco che aveva definito i sacerdoti gay una 'ulcera cancerosa' - polonia prete - Gay.it
Germania contro Polonia su un prete omofobo.
2 min. di lettura

Polonia all’attacco della Germania e della sua magistratura per aver negato la libertà di espressione.

La vicenda nasce da una sentenza del tribunale di Colonia nei confronti del sacerdote polacco Dariusz Oko, il quale aveva classificato i preti omosessuali come una “ulcera cancerosa”, oltre ad etichettarli come  una “colonia di parassiti” all’interno della Chiesa. Non contento, ha definito i diritti LGBT+ come “eresia homo”.

Tutto questo era stato pubblicato a inizio 2021 nella rivista tedesca Theologisches, con la quale Oko collabora. Le sue opinioni omofobe si trovavano all’interno di un suo articolo, intitolato “Sulla necessità di limitare le cricche omosessuali nella Chiesa“. Tra l’altro, queste opinioni erano già state riportate in un suo precedente libro,La mafia della lavanda”, il quale parlava appunto della presenza di persone LGBT all’interno del Vaticano, come fossero una setta da estirpare.

La denuncia a Dariusz Oko

La denuncia a Dariusz Oko è partita dal sacerdote di Monaco Wolfgang F Rothe, che lo ha accusato di incitamento all’odio contro una minoranza e di attentato alla dignità umana.

In pochi mesi, il tribunale di Colonia che si è occupato del caso ha sentenziato che Oko ha commesso il reato di incitamento all’odio contro la comunità LGBT+, condannandolo a una multa di 4.800 euro e a 120 giorni di carcere. Condanna al momento sospesa, poiché Oko ha fatto ricorso.

L’intervento della Polonia contro la Germania

La condanna di Oko è arrivata ai piani alti della politica polacca, da sempre “paladina” della libertà, ma solo per chi rispetta la cultura etero-normativa e i valori tradizionali del Paese.

A prendere le difese del sacerdote omofobo è stato il ministro della Giustizia Marcin Romanowski, il quale ha accusato la magistratura tedesca di avere “tendenze anti-libertà”.

L’imposizione di sanzioni per le attività scientifiche rappresenta una minaccia alle libertà fondamentali e agli standard europei.

A difesa di Oko anche l’associazione estremista Ordo Iuris, grande sostenitrice delle “zone libere da LGBT” e da sempre in prima linea nella negazione dei diritti delle minoranze. Secondo l’ente, questa condanna (al momento sospesa) sarebbe ingiusta, poiché Darius Oko avrebbe dovuto godere della “protezione della libertà accademica, di parola e di coscienza“.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.
Avatar
fuffello 7.8.21 - 9:32

Ordo Iuris non è una persona, è una organizzazione, nota e famigerata. Si è resa nota non solo per gli attacchi omofobi ed antifemministi, che sono nella sua ragione sociale, ma per attività di diffamazione e disinformazione contro i paesi scandinavi (vedi il caso Silje Garmo).

Avatar
Franzc Dereck 3.8.21 - 9:56

Ma se io definissi la chiesa , con i suoi adepti , " ulcera cancerosa" ed i preti " parassiti" esprimerei odio , disprezzo o " solo " un'opinione personale? Non possono , gli omofobi , fare due pesi e due misure!

Trending

Leo Gullotta e l'amore per Fabio Grossi a Domenica In: "Stiamo insieme da 43 anni, anni rispettosi, affettuosi, amorosi" - Leo Gullotta - Gay.it

Leo Gullotta e l’amore per Fabio Grossi a Domenica In: “Stiamo insieme da 43 anni, anni rispettosi, affettuosi, amorosi”

News - Redazione 15.4.24
Close to You, recensione. Il ritorno di Elliot Page, tanto atteso quanto deludente - close to you 01 - Gay.it

Close to You, recensione. Il ritorno di Elliot Page, tanto atteso quanto deludente

Cinema - Federico Boni 19.4.24
free willy, locali gay amsterdam

“Free Willy”, il nuovo locale queer ad Amsterdam dedicato agli amanti del nudismo

News - Redazione 19.4.24
Amadeus, Sanremo Giovani 2023

Sanremo verso Mediaset, Amadeus in onda sul NOVE già a fine agosto con tre programmi

Culture - Mandalina Di Biase 18.4.24
“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Bad Bunny, Leto, Scilla, Carta, Camilli e altri - Specchio specchio delle mie brame la sexy gallery social vip - Gay.it

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Bad Bunny, Leto, Scilla, Carta, Camilli e altri

Culture - Redazione 16.4.24
Challengers Guadagnino Josh O Connor Mike Faist Zendaya

Challengers, lo sceneggiatore Justin Kuritzkes: “Il tennis è davvero omoerotico”

Cinema - Mandalina Di Biase 15.4.24

I nostri contenuti
sono diversi

pro-vita-manifesti-como-brescia

Pro Vita e Famiglia, nuovi manifesti “anti-gender” a Como e Brescia: la risposta di Arcigay

News - Francesca Di Feo 6.1.24
uganda uomo arrestato

Uganda, la Corte Costituzionale conferma la terribile legge omobitransfobica

News - Redazione 4.4.24
Palermo aggressione omobitransfobica

Palermo, aggressione omobitransfobica, anche da parte di minorenni: “Se denunciate vi ammazziamo”

News - Francesca Di Feo 22.1.24
flavia-fratello-battuta-vannacci

Flavia Fratello replica bene a Vannacci, ma in passato firmò contro il Ddl Zan e diede spazio alla transfobia delle TERF

News - Francesca Di Feo 7.3.24
Perugia, in otto a processo per insulti omofobi sui social: “Odiare costa!” - Perugia Pride 2019 - Gay.it

Perugia, in otto a processo per insulti omofobi sui social: “Odiare costa!”

News - Redazione 26.1.24
Marius Madalin Musat e Jonathan Bazzi

Jonathan Bazzi “Cos’ha Milano di inclusivo e anticlassista?”, aggredito in Porta Venezia con il suo compagno Marius Madalin Musat

News - Redazione Milano 4.1.24
sondrio-manifesti-pro-vita-risposta-lgbtqia

“Manifesti Pro Vita disumani” la risposta LGBTQIA+ a Sondrio è esemplare

News - Francesca Di Feo 12.12.23
sondrio-manifesti-provita

Sondrio, anche qui spuntano i manifesti ProVita: “Basta confondere l’identità sessuale dei bambini”

News - Francesca Di Feo 11.12.23