Il CIO “aggiusta il tiro” e rilascia nuove linee guide sulla partecipazione delle donne transgender negli sport d’èlite

Dopo le pesanti critiche mosse al Comitato Olimpico, le nuove linee guida mirano a mettere d'accordo attivisti e comunità scientifica.

ascolta:
0:00
-
0:00
comitato-olimpico-atlete-transgender-non-binari
4 min. di lettura

Il recente aggiornamento delle linee guida rilasciate dal Comitato Olimpico dovrebbe mettere d’accordo attivistǝ transgender e comunità scientifica. 

La questione che riguarda lo sport agonistico in merito alla partecipazione delle persone non-binarie e transgender è più scottante che mai, tra casi di altissimo profilo tra cui quello della nuotatrice americana Lia Thomas e la ciclista Emily Bridges – solo i più recenti.

Il Comitato Olimpico si trova in una posizione difficile: da una parte, le critiche ai vertici in merito all’approvazione delle nuove linee guida che permettono a persone con diverse identità di genere di partecipare – colpevoli di non aver protetto il principio di “giusta competizione” nello sport.

Dall’altra, una richiesta sempre più premente d’inclusività.

La comunità transgender e gli attivisti LGBTQIA+ chiedono infatti alla realtà dello sport uno sforzo in più per garantire la partecipazione di tutti e promuovere la diversità, ma il Comitato Olimpico, fin’ora, non ha dimostrato una grande proattività in questo senso, né un particolare spirito d’iniziativa nel bilanciare tutti gli aspetti di questa annosa questione.

Tuttavia, la situazione potrebbe presto cambiare: l’ultimo annuncio – e conseguente emendamento – è volto a chiarificare, ove necessario, le linee guida già implementate e difenderle dalle pesanti critiche subite.

Pubblicato sul British Journal of Sport Medicine, l’annuncio del Comitato Olimpico chiede agli organismi sportivi di tutte le discipline di tenere sì in considerazione la componente inclusiva nel selezionare le proprie atlete, ma anche di farsi supportare da medici ed esperti per garantire il principio di “giusta competizione”.

Il nodo, precedentemente, era proprio questo: nel difendersi dalle critiche mosse a seguito di alcuni spiacevoli episodi di discriminazione, il Comitato Olimpico aveva rilasciato nuove linee guida in fretta e furia – in ottica di damage control – senza consultarsi previamente con la comunità scientifica.

Alle linee guida mancava un tassello fondamentale, ovvero la presenza di medici ed esperti a corroborare la tesi che sì, è possibile essere più inclusivi nello sport senza per forza danneggiare nessuno. Questo è il passo più importante in questo senso”. ha dichiarato Yannis Pitsiladis, coautore delle nuove linee guida e membro della commissione medica e scientifica del CIO.

Il quadro esistente del Comitato Olimpico  su “equità, inclusione e non discriminazione sulla base dell’identità di genere e delle variazioni di sesso” è stato pubblicato nel novembre dello scorso anno, con 10 categorie o “principi”. La nuova dichiarazione di 5.188 parole li tratta uno ad uno, chiarendoli a beneficio degli organi di governo dei singoli sport.

Inoltre, viene anche aggiornata e snocciolata la posizione secondo cui non dovrebbe esserci “alcuna presunzione di vantaggio per le donne transgender che mirano a competere nella categoria femminile.

La nuova dichiarazione afferma infatti che “il principio 4 riconosce che le organizzazioni sportive possono a volte aver bisogno di emettere criteri di ammissibilità per la competizione segregata per sesso per mantenere una distribuzione equa e proporzionata dei vantaggi competitivi tra i partecipanti. Riconosce la particolare importanza di promuovere l’uguaglianza per le donne nello sport e preservare una competizione equa e significativa per le atlete d’élite, che in alcuni casi può richiedere criteri che limitano l’ammissibilità“.

La Federazione internazionale di medicina dello sport (FIMS) aveva in precedenza co-pubblicato un documento a gennaio di quest’anno affermando che la dichiarazione “era stata redatta principalmente dal punto di vista dei diritti umani, senza particolari fondamenti scientifici. Il documento della FIMS aveva 38 firmatari, molti dei quali eminenti scienziati e medici dello sport.

Una presa di posizione impossibile da ignorare, che ha quindi costretto il Comitato Olimpico ad approfondire la questione con meno superficialità.

La nuova dichiarazione consiglia infatti alle federazioni sportive di adottare un approccio olistico nell’elaborazione delle linee guida sull’inclusione di genere. Gli autori affermano che dovrebbero considerare “lo stato attuale delle conoscenze scientifiche e mediche, nonché considerazioni etiche, legali, sui diritti umani e sociali”.

Tre degli autori del documento FIMS sono tra i nove firmatari delle nuove linee guida: il professor Pitsiladis; Lenka Dienstbach-Wech, chirurgo traumatologico e presidente della Commissione Atleti della Federazione Mondiale di Canottaggio ed ex campionessa del mondo in questo sport; più Fabio Pigozzi, presidente della FIMS e presidente dell’Organizzazione Italiana Antidoping.

Pitsiladis ha aggiunto: “Al di là del testo, questa presa di posizione segnala un cambiamento monumentale nel modus operandi per unificare scienza, medicina, diritto e diritti umani. E mentre siamo solo all’inizio, ora abbiamo le basi e la determinazione per fare ciò che serve per aiutare al meglio le singole federazioni internazionali a sviluppare la propria politica che sia sempre basata sulla scienza, ma equa e il più inclusiva possibile“.

Gli altri autori della dichiarazione includono Richard Budgett, direttore medico e scientifico del CIO, Magali Martowicz, capo dei diritti umani del CIO, Katia Mascagni, capo degli affari pubblici, e Madeleine Pape dell’Australia, l’ex mezzofondista olimpica che è un specialista di genere e inclusione presso il CIO.

Gli organi di governo per gli sport individuali si sono discostati dal quadro nell’ultimo anno in quanto hanno già aggiornato le loro linee guida sull’ammissibilità di genere. La FINA di Swimmming ha affermato che solo le donne trans che hanno effettuato la transizione prima dei 12 anni possono competere contro donne adulte.

L’UCI ha dimezzato il limite massimo per la produzione di testosterone da cinque nanomoli per litro a 2,5 nmole/le ha raddoppiato il periodo minimo di transizione da 12 a 24 mesi.

Il CIO è stato criticato per aver abbassato il limite raccomandato di testosterone, di 5 nmole/l. Ma la nuova dichiarazione “riconosce che il testosterone può essere un fattore importante che determina le prestazioni degli atleti d’élite in alcuni sport“.

Tuttavia, aggiunge che il testosterone da solo è un fattore determinante troppo grezzo per l’idoneità di un atleta. Invece afferma che qualsiasi criterio dovrebbe essere basato su dati affidabili tratti dal gruppo di atleti nel regolamentato – vale a dire le donne trans in questo caso – e dovrebbe tenere conto delle esigenze specifiche di ogni sport individuale.

La dichiarazione evidenzia infatti l’assenza di ricerche e dati adeguati sui livelli di prestazione delle atlete transgender d’élite, e chiede quindi maggiori finanziamenti da parte delle parti interessate per sostenere ulteriori studi.

Raccomanda inoltre che i criteri di ammissibilità basati sul genere, in linea di principio, dovrebbero essere applicati solo nello sport d’élite e non a livello di base. Invece, nello sport giovanile e di comunità, dovrebbe essere data priorità all’inclusione di atleti transgender e non-binari.

Un compromesso che – almeno per ora – dovrebbe mettere d’accordo attivisti e comunità scientifica, e che preserva da una parte il principio di “giusta competizione” necessario negli sport d’èlite, senza necessariamente discriminare la comunità transgender e non-binaria.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Piper, Lamoglia, Ghali e altri - Specchio Specchio - Gay.it

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Piper, Lamoglia, Ghali e altri

Culture - Redazione 23.5.24
Elezioni Europee e voto LGBTI+, guida alle candidature che aderiscono a #ComeOut4EU il programma di Ilga Europe - cover wp - Gay.it

Elezioni Europee e voto LGBTI+, guida alle candidature che aderiscono a #ComeOut4EU il programma di Ilga Europe

News - Lorenzo Ottanelli 20.5.24
"È importante votare, e non accettare le altrui decisioni come accade in Cina": storia di unə rifugiatə LGBTQIA+ scappatə dalle persecuzioni del governo di Xi Jinping - cina intervista rifugiat lgbtqia 1 - Gay.it

“È importante votare, e non accettare le altrui decisioni come accade in Cina”: storia di unə rifugiatə LGBTQIA+ scappatə dalle persecuzioni del governo di Xi Jinping

News - Francesca Di Feo 24.5.24
BigMama date estive

BigMama parte per il “Pride Tour”: tutte le date per un’estate nel segno dell’orgoglio

Musica - Emanuele Corbo 24.5.24
Bari, il sindaco Decaro unisce civilmente due vigilesse in alta uniforme: "Solo l'amore conta" - Bari il sindaco Decaro unisce civilmente due vigilesse in alta uniforme - Gay.it

Bari, il sindaco Decaro unisce civilmente due vigilesse in alta uniforme: “Solo l’amore conta”

News - Redazione 24.5.24
10 attori e attrici trans ad hollywood

10 star della comunità trans* che stanno rivoluzionando Hollywood

Cinema - Gio Arcuri 23.5.24

I nostri contenuti
sono diversi

Svezia transizione 16 anni transgender

Svolta storica anche in Svezia, l’età per la transizione si abbassa a 16 anni, approvata la legge sull’autodeterminazione

News - Francesca Di Feo 18.4.24
Jennifer Garner e Ben Affleck, il coming out del figliə come persona non binaria: "Mi chiamo Fin" - fin affleck ben affleck e jennifer garner - Gay.it

Jennifer Garner e Ben Affleck, il coming out del figliə come persona non binaria: “Mi chiamo Fin”

Culture - Redazione 11.4.24
FOTO: LUKE GILFORD

Kim Petras risponde ai commenti sessisti e transfobici: “Siete la piaga del pianeta”

Musica - Redazione Milano 26.2.24
Triptorelina, il testo integrale della relazione sull'ispezione al Centro per le terapie affermative del Careggi di Firenze

Triptorelina, il Governo ottiene l’approccio patologizzante, cosa dice il testo integrale

Corpi - Francesca Di Feo 16.4.24
liz truss diritti lgbtq rights

Regno Unito, l’ex premier Liz Truss vuole vietare la transizione di genere ai minori di 18 anni

News - Redazione 4.12.23
Elliot Page: "Hollywood è tossica. La comunità LGBTQIA+ non è una nicchia" - close to you 01 - Gay.it

Elliot Page: “Hollywood è tossica. La comunità LGBTQIA+ non è una nicchia”

Cinema - Redazione 19.3.24
Milano, il Comune riconosce la carriera alias ai suoi dipendenti - Carriera Alias - Gay.it

Milano, il Comune riconosce la carriera alias ai suoi dipendenti

News - Redazione 27.12.23
donna-transgender-arrestata-hong-kong

Hong Kong, attivista transgender arrestata con un pretesto e detenuta in condizioni disumane

News - Francesca Di Feo 29.2.24