Il corpo di Chiara Ferragni a Sanremo 2023

Suo malgrado, la donna più famosa d'Italia è avversata da benpensanti di destra e di sinistra.

ascolta:
0:00
-
0:00
chiara ferragni sanremo 2023 corpo body shaming
chiara ferragni sanremo 2023 corpo body shaming
3 min. di lettura

Poche ore al ciclone Sanremo 2023. Anche quest’anno Amadeus è accompagnato dalle immancabili co-conduttrici, le quota rosa che faranno da supporting character al protagonista maschile: ecco Chiara Francini e Francesca Fagnani, già avvezze alla tv, e le new entry: la pallavolista Paola Egonu e lei, Chiara Ferragni.

Quella di Ferragni è una carriera che sul palco dell’Ariston corona 14 anni di successi: nel 2009 sul suo The Blonde Salad la chiamano ‘fashion blogger’. Viene invitata ai fashion show, ma qualcuno la avversa da subito: sono i Dolce e Gabbana, a cui non piace questa signorina nessuno che arriva dalla provincia e chiede borse e vestiti da fotografare. Chiara viene bandita dalle sfilate DG per sempre già nel 2010.

Pioniera di ogni futura influencer, fondatrice dell’omonimo brand di calzature, il suo nome eletto tra i più influenti del mondo secondo la Harvard Business School: Chiara diventa un’imprenditrice di successo. Nel 2017 Forbes la classifica come “influencer più potente del mobndo”. La costruzione di un impero, dal nulla. Qualcuno dice: sul nulla. In pochi dicono: chapeau.

Come ogni altra co-conduttrice, anche Ferragni avrà il suo monologo a Sanremo, su un tema preciso che, nelle parole di Amadeus, permetterà ad ognuna di “raccontare la propria storia, lanciando spunti di riflessione e portando qualcosa di importante che sentono vicino alla loro sensibilità, una propria battaglia“.

Quale sarà la storia di Chiara?

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Chiara Ferragni ✨ (@chiaraferragni)

Negli ultimi anni la donna più famosa d’Italia è riuscita ad inserirsi  in ogni dibattito pubblico, che sia la nuova collezione di collant, uno shampo o il femminismo intersezionale, dalla libertà dell’amore egualitario alla lotta all’omotransfobia fino a cosa significa essere donna oggi. Concetti ribaditi dal suo profilo anche in campagna elettorale, che ha poi decretato il trionfo della vera sovrana d’Italia: Giorgia Meloni.

La lotta femminista di Chiara Ferragni ha trovato spazio anche in questa edizione sanremese, con una parte di ricavato devoluto ai centri antiviolenza che ha reso felici tant* e fatto storcere il naso a parecchi* altr*: perché ogni buona azione ha anche un codice sconto e la maglia girls support girls è già in vendita, con spregio delle ultra trans-femministe di sinistra, infastidite da Ferragni quanto le terf fascistoidi.

È stata anche vittima di critiche per le foto in déshabillé sui social, inopportune per una neomamma, accompagnate dal solito scrutinio sulla forma fisica. Tanto da ergerla a voce del body shaming, nonostante un corpo perfettamente conforme alle aspettative. Per le ondate di haters, il corpo di una donna non è mai abbastanza perfetto.

Incarna il meglio e il peggio del capitalismo, lo vive sul proprio corpo, con la famiglia, nella condivisione del quotidiano. Un successo dopo l’altro, un inciampo ogni tre per due. Storie, istantanee, sincerità, messinscene, verità e bugie, tutt’insieme nel racconto socialnetworkista che l’ha resa milionaria. Potente. Una donna dal successo straripante, che non ostenta intelligenza, e non è nemmeno radical chic.

Detestata a destra, perché, come dice Ignazio Benito Maria La Russa, ha guadagnato soldi senza merito.

Avversata da sinistra, perché incarna il demonio capitalistico, per di più consumistico e moraleggiante.

Una donna che, suo malgrado, riesce a illuminare conformismi di qua e di là, di su e di giù. E non si capisce se per meriti propri, o per demeriti di un desolante paese, i cui politici dibattono in Parlamento sulle pericolose derive del rossetto di un cantante made in Italy.

Chiara: la femmina sacrificabile. Il suo corpo può essere saccheggiato dall’odio: così imparerà a non stare sempre nuda sui social. Ora tocca anche ascoltarla a Sanremo. Ché magari è anche una donna pensante e non solo un corpo da odiare. Che nervi.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Tutti i coming out "vip" del 2024 - Coming Out 2024 - Gay.it

Tutti i coming out “vip” del 2024

News - Federico Boni 19.7.24
Kamala Harris Brat

Perché Kamala Harris è una brat, cosa significa e quali star l’hanno già acclamata

News - Mandalina Di Biase 23.7.24
La nuova Forza Italia "liberal" voluta dai Berlusconi vuole dividere la comunità LGB da quella T?

Forza Italia vuole dividere la comunità LGBIAQ dalla comunità T, ma noi “Insieme siamo partite, insieme torneremo”

News - Giuliano Federico 22.7.24
Parigi 2024, ecco gli atleti dichiaratamente LGBTQIA+ che si sono qualificati alle Olimpiadi - olimpiadi parigi atleti queer - Gay.it

Parigi 2024, ecco gli atleti dichiaratamente LGBTQIA+ che si sono qualificati alle Olimpiadi

Corpi - Federico Boni 23.7.24
Venezia 81, tutti i film in programma. Ci sono Joker 2, Queer di Guadagnino, Almodovar e Maria di Larrain - QUEER by Luca Guadagnino from left Drew Starkey and Daniel Craig photo by Yannis Drakoulidis - Gay.it

Venezia 81, tutti i film in programma. Ci sono Joker 2, Queer di Guadagnino, Almodovar e Maria di Larrain

Cinema - Federico Boni 23.7.24
Tommaso Stanzani, primo bacio social all'amato Oreste Gaudio (VIDEO) - Tommaso Stanzani primo bacio social allamato Oreste Gaudio VIDEO - Gay.it

Tommaso Stanzani, primo bacio social all’amato Oreste Gaudio (VIDEO)

Culture - Redazione 24.7.24

Leggere fa bene

Fiorella Mannoia, la pasionaria indomita e combattente con una canzone femminista a Sanremo 2024 - Sessp 24 - Gay.it

Fiorella Mannoia, la pasionaria indomita e combattente con una canzone femminista a Sanremo 2024

Musica - Federico Colombo 31.1.24
Chi era Goliarda Sapienza? - Matteo B Bianchi9 - Gay.it

Chi era Goliarda Sapienza?

Culture - Federico Colombo 10.7.24
Jessica Andrade, la lottatrice queer fa suo il record di donna con il maggior numero di vittorie UFC - Jessica Andrade - Gay.it

Jessica Andrade, la lottatrice queer fa suo il record di donna con il maggior numero di vittorie UFC

Corpi - Redazione 16.4.24
Foto: Angela Christofilou

L’8 Marzo ci siamo tuttə per tuttə

Corpi - Redazione Milano 7.3.24
Foto: Matteo Gerbaudo

Giada Biaggi non si sente più in colpa: ‘Abbi l’audacia di un maschio bianco’, l’intervista

Culture - Riccardo Conte 18.3.24
Rose Villan sulla cover della playlist "Pop Hits Italia"

Alpha, la playlist di Apple Music che celebra il potere delle donne

Musica - Emanuele Corbo 8.3.24
"How to have sex", l’esordio di Molly Manning Walker: il mondo ci vuole espertə come adulti e inconsapevoli come bambini - Matteo B Bianchi 1 - Gay.it

“How to have sex”, l’esordio di Molly Manning Walker: il mondo ci vuole espertə come adulti e inconsapevoli come bambini

Cinema - Federico Colombo 17.4.24
Milena Cannavacciuolo, chiuso il crowdfunding. Raccolti 61.717 euro. "Grazie per l'amore corrisposto" - Milena Cannavacciuolo - Gay.it

Milena Cannavacciuolo, chiuso il crowdfunding. Raccolti 61.717 euro. “Grazie per l’amore corrisposto”

News - Redazione 8.4.24