Il volo libero e senza etichette di Paola Egonu, dal volley a Sanremo 2023

Cosa aspettarci dalla sua presenza sul palcoscenico dell'Ariston?

ascolta:
0:00
-
0:00
@paolaegonu
@paolaegonu
3 min. di lettura

Sanremo 2023 è dietro l’angolo,  e si prospetta una cascata di volti noti (sì, gli sketch con Fiorello ci saranno ancora) e novità.

Tra questi spicca Paola Egonu, campionessa di pallavolo pronta a condividere il palco insieme ad Amadeus e le altre co-conduttrirci della nuova edizione, Francesca Fagnani, Chiara Francini, e Chiara Ferragni.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da DAO Sport (@dao_sport)

Egonu, classe 1998, nata a Padova e di origini nigeriane, è ormai una fuoriclasse nel suo mestiere: appassionata di pallavolo sin da piccola, entra nella serie B1 della squadra federale del Club Italia nel 2013-2014. Nel giro di quattro anni approda in serie A1 con l’Agil di Novara, squadra con la quale vince Supercoppa italiana 2017, Due Copper Italia, la Champions League 2018-2019.

Nel 2019 con l’Imoco Volley di Conegliano porta a casa due Supercoppe Italia, stravince al campionato mondiale per club 2019, si aggiudica lo scudetto 2020-2021, e la Champions League 2020-2021.

Nel 2017 è parte della nazionale italiana vincendo la medaglia d’argento al World Grand Prix e la medaglia di bronzo al campionato europeo nel 2019. Nel 2022 è miglior marcatrice contro il Brasile, nella semifinale dei mondiali.

Nel 2018, dopo la finale persa contro la Serbia, racconta che a consolarla c’era la sua fidanzata, Katarzyan Skorupa e pallavolista polacca (oggi è fidanzata col pallavolista Michael Filip): “Piangevo e lei mi ha consolata, mi ha detto che le sconfitte fanno male, ma sono le lezioni che vanno imparate” raccontava al Corriere della Sera, condividendo con quello spaccato di quotidianità, anche il suo coming out. Una dichiarazione spontanea che come sempre i media hanno colto come grande annuncio e occasione per scomodare etichette non richieste:

Ho ammesso di amare una donna (e lo ridirei, non mi sono mai pentita) e tutti a dire: ecco, la Egonu è lesbica. No, non funziona così.” dichiarerà successivamente in un’intervista “Mi ero innamorata di una collega, ma non significa che non potrei innamorami di un ragazzo, o di un’altra donna”.

Ci fu poi il bacio alla compagna, in prima pagina sulla Gazzetta dello Sport.

I cliché sulla sessualità lasciano spazio anche una massiccia dose di razzismo sistemico che Oganu si ritrova a fronteggiare fuori e dentro il campo: citando alle parole di Nelson Mandela (“Nessuno nasce odiando un’altra persone per il colore della sua pelle” è per lei un mantra) Oganu dichiara di aver vissuto episodi di razzismo come “se fosse normale, ma non dovrebbe esserlo”: “Il bimbo non s’accorge dell colore che ha finché a scuola una maestra dice che è nero o giallo” risponde a chi ha da ridire sulle sue origini.

Una pressione continua che nell’Ottobre 2022, la porta a prendersi un periodo di pausa dalla nazionale di pallavolo: “Mi hanno chiesto perché sei italiana?” raccontava a bordo parquet dopo la vittoria contro Brasile e Stati Uniti “Non puoi capire, non puoi capire. Sono stanca. Questa è la mia ultima partita. C’è chi dice che non merito la Nazionale invece il mio sogno è essere sul podio con questa squadra”.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Paola Egonu (@paolaegonu)

La pausa di Egonu non è stata una sconfitta, ma una denuncia chiara e netta delle sistematiche discriminazioni che avvengono anche all’interno dello sport, mettendo in discussione tutti gli specchietti per le allodole a cui ci siamo abituati: “Io un simbolo? Ma quando questo simbolo non va bene è il primo che viene attaccato. Sono una persona umana che ha bisogno ogni tanto di riprendersi mentalmente, perché è dura. Non è stato semplice scendere in campo, suonava l’inno e piangevo, per il dolore ma anche per quanto sono ferita.”

Quest’anno la campionessa approda sul palco dell’Ariston, in veste di co-conduttrice ma non sappiamo ancora di cosa parlerà e se sarà l’occasione per trattare l’argomento in prima serata. Qualunque sia l’esito, il coach Davide Mazzanti promette che Paola sarà completamente sé stessa: “Paola ha tanti talenti e sa gestire tanti palcoscenici in modo autentico. Dirà le cose in modo molto netto, come lei è“, ha dichiarato su ANSA.

Lo scopriremo presto, nella speranza che prima o poi i gruppi marginalizzati non vengano relegati solo al ruolo di co-aiutanti o ruoli marginali, ma prendano sempre più parola e controllo della propria narrazione, fuori e dentro l’industria mediatica.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

FR*CINEMA

A Roma arriva FR*CINEMA, tra film queer e riappropriazione culturale

Cinema - Redazione Milano 28.2.24
Ghana legge anti LGBTI approvata dal parlamento

Ghana, il parlamento approva la legge anti-LGBTI, il Presidente Akufo-Addo firmerà?

News - Giuliano Federico 28.2.24
Francesco Panarella

Francesco Panarella e il morbo di Kienbock: “Recitare mi ha salvato la testa”

Culture - Luca Diana 28.2.24
Lessons in Tolerance, la prima commedia ucraina contro l'omofobia esce al cinema tra plausi e proteste - Lessons in Tolerance film - Gay.it

Lessons in Tolerance, la prima commedia ucraina contro l’omofobia esce al cinema tra plausi e proteste

Cinema - Federico Boni 28.2.24
Hiv sentenza Bari su U uguale U Gay.it

U = U, sentenza storica, assolto un uomo accusato di aver trasmesso l’Hiv: se non è rilevabile non si può trasmettere

Corpi - Daniele Calzavara 28.2.24
Alberto De Pisis

Alberto De Pisis, tra carriera, amori e speranze per il futuro: “Mi piacerebbe diventare papà” – intervista

Culture - Luca Diana 28.2.24

I nostri contenuti
sono diversi

Amber Glenn prima storica campionessa USA di pattinaggio artistico femminile dichiaratamente queer - Amber Glenn - Gay.it

Amber Glenn prima storica campionessa USA di pattinaggio artistico femminile dichiaratamente queer

Corpi - Redazione 30.1.24
Sanremo 2024, ecco tutti i duetti. Paola e Chiara con i Ricchi e Poveri, Mahmood con i Tenores di Bitti. Annalisa con LRDL - Sanremo 2024 duetti - Gay.it

Sanremo 2024, ecco tutti i duetti. Paola e Chiara con i Ricchi e Poveri, Mahmood con i Tenores di Bitti. Annalisa con LRDL

Musica - Luca Diana 26.1.24
Pioggia di drag a San Siro per Inter-Bologna contro l'omobitransfobia nel calcio e lanciare Drag Race Italia 3 - Drag Race Italia 3 pioggia di drag a San Siro per Inter Bologna per dire basta allomobitransfobia nel calcio 1 - Gay.it

Pioggia di drag a San Siro per Inter-Bologna contro l’omobitransfobia nel calcio e lanciare Drag Race Italia 3

Culture - Redazione 7.10.23
Cole e Aiden, la storia d'amore di due campioni del baseball che hanno iniziato a frequentarsi dopo essersi sfidati in campo - Cole e Aiden 2 - Gay.it

Cole e Aiden, la storia d’amore di due campioni del baseball che hanno iniziato a frequentarsi dopo essersi sfidati in campo

Corpi - Redazione 12.10.23
Foto: NPR (Keeley Parenteau)

Maratoneta non binary vince la maratona di New York (ma non riceve il premio)

Corpi - Redazione Milano 23.1.24
"Non vogliamo lesbiche in squadra": la furia dei conservatori turchi non scalfisce la pallavolista Ebrar Karakurt - ebrar karakurt turchia omofobia - Gay.it

“Non vogliamo lesbiche in squadra”: la furia dei conservatori turchi non scalfisce la pallavolista Ebrar Karakurt

Corpi - Francesca Di Feo 23.9.23
Mahmood insulti social su TikTok

Mahmood, insulti razzisti su TikTok: “si è sbiancato”

Musica - Redazione Milano 20.1.24
Mahmood, Sanremo 2024

Sanremo 2024, Mahmood conquista il Teatro Ariston sulle note di “Tuta Gold”

Musica - Luca Diana 6.2.24