India, la Corte Suprema riconosce gli stessi diritti alle famiglie “non tradizionali”

Ecco perché è una sentenza storica, che lascerà una traccia nella società indiana.

ascolta:
0:00
-
0:00
India sentenza famiglie non tradizionali Gay.it
4 min. di lettura

Nell’ultimo decennio l’India ha fatto passi da gigante nell’ottica di una graduale e lenta apertura ai diritti della comunità LGBTQ+. Ad oggi, i diritti sono solo parzialmente riconosciuti e sono ancora in vigore leggi dell’età coloniale che, tuttavia, sembrano destinate ad essere poco a poco cancellate.

La notizia delle ultime ore che sta facendo il giro del mondo vede protagonista una sentenza della Corte Suprema indiana, che ha dimostrato una notevole apertura verso il progresso dei diritti delle famiglie “non tradizionali”. Il tutto è nato dal caso giudiziario di Deepika Singh, un’infermiera che si era appellata alla Corte per vedere riconosciuti i propri diritti: Singh si è vista rifiutare la domanda di congedo di maternità dopo il parto perché in precedenza l’aveva già chiesto per prendersi cura dei figli del marito.

India sentenza famiglie non tradizionali Gay.it
La Corte Suprema indiana ha riconosciuto gli stessi diritti alle famiglie non tradizionali

In India le questioni familiari e la custodia dei figli riempiono quotidianamente le aule dei tribunali. La legislazione indiana prevede che, nella maggior parte dei casi, in caso di separazione i bambini debbano essere affidati alle madri. Tuttavia, le famiglie hanno il diritto di contestare che i figli stiano meglio con i padri, questo nell’ottica della tradizione indiana che vede vivere sotto lo stesso tetto diverse generazioni di una famiglia.

Nel caso di Deepika Singh, la Corte Suprema ha stabilito quanto segue:

«Il concetto di ‘famiglia’ sia nella legge che nella società è che consiste in un’unica unità immutabile con una madre e un padre (che rimangono costanti nel tempo) e i loro figli. Questa ipotesi ignora il fatto che molte famiglie non si conformano a questa aspettativa»

India sentenza famiglie non tradizionali Gay.it
La sede della Corte Suprema indiana

DY Chandrachud, il giudice che ha firmato la sentenza, si riferisce alle famiglie formate da più tipologie di adulti, siano essi genitori single, separati o dello stesso sesso. La conclusione della sentenza viene già considerata una pietra miliare della lotta per l’uguaglianza delle donne e delle persone LGBTQIA+ nella società indiana. In India la comunità queer, – come vi avevamo raccontato qui a proposito del trattamento riservato dalle forze dell’ordine alle persone LGBTQIA+ – vive in condizioni di cittadinanza di fatto non egualitarie.

«Queste manifestazioni di amore e di famiglia possono non essere tipiche, ma sono reali come le loro controparti tradizionali. Tali manifestazioni atipiche del nucleo familiare sono ugualmente meritevoli non solo di tutela giuridica, ma anche dei benefici previsti dalla legislazione in materia di assistenza sociale»

India sentenza famiglie non tradizionali Gay.it
DY Chandrachud, il giudice che ha firmato la sentenza

 

La Corte Suprema ha quindi riconosciuto che, sia a livello legislativo sia sociale, le famiglie atipiche, non formate cioè dalla classica idea di madre e padre, debbano godere degli stessi diritti di quelle tradizionali. La mossa, inaspettata, ha ottenuto il plauso di associazioni e organizzazioni LGBTQ+, nonché dei Paesi occidentali dove, rispetto al continente asiatico, i diritti LGBTQ+ sono più avanti.

 

Anche se il potere della Corte Suprema è limitato e rimane da vedere quanto tempo ci vorrà per rendere effettivo il provvedimento a livello governativo, soprattutto nelle aree più conservatrici dell’India, la sentenza è in netto contrasto con le ultime notizie che sono arrivate nelle scorse settimane dall’Asia, come la decisione di Singapore di non legalizzare il matrimonio tra persone dello stesso sesso, sottolineando come la depenalizzazione del sesso gay non rappresenti una nuova strada per i diritti LGBTQ+.

 

India sentenza famiglie non tradizionali Gay.it
In quanto a diritti, l’India ha depenalizzato l’omosessualità e riconosciuto il terzo genere per le persone trans*

In India le cose sembrano andare meglio: una sentenza storica del 2014 ha riconosciuto il terzo genere per le persone transgender, che hanno così accesso alle tutele legali e assistenziali degli altri due generi. Un’altra sentenza del 2018, altrettanto storica, ha depenalizzato il sesso gay, cancellando una legge coloniale che risaliva addirittura al 1860.

Il che non significa che si tratti improvvisamente di un paradiso per le persone LGBTQIA+: i casi di omofobia e discriminazione sono ancora presenti, come detto anche da parte delle forze dell’ordine, ma il cambiamento, seppur lento, sta arrivando. La strada intrapresa dalla legislazione indiana indica una direzione che, si spera, possa essere intrapresa anche da altri Paesi orientali.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Marco Mengoni e Angelina Mango, arriva il duetto

Marco Mengoni duetta con Angelina Mango nell’album “poké melodrama”: svelati tutti gli ospiti

Musica - Emanuele Corbo 27.5.24
Culattone, checca, finocchio e gli altri: origine e storia degli insulti contro i gay - cover insulti - Gay.it

Culattone, checca, finocchio e gli altri: origine e storia degli insulti contro i gay

News - Redazione 28.5.24
Simona Fatima Cira Aiello

Chi è Simona Aiello donna trans candidata con Giorgia Meloni e Fratelli d’Italia alle comunali

News - Mandalina Di Biase 28.5.24
Marta Fascina e Marina B. Forza - Italia

Le malignità di Forza Italia: Marta Fascina deve lasciare il partito, ma non finché c’è Marina B.

News - Mandalina Di Biase 28.5.24
Elezioni Europee e voto LGBTI+, guida alle candidature che aderiscono a #ComeOut4EU il programma di Ilga Europe - cover wp - Gay.it

Elezioni Europee e voto LGBTI+, guida alle candidature che aderiscono a #ComeOut4EU il programma di Ilga Europe

News - Lorenzo Ottanelli 20.5.24
Marco Mengoni e Angelina Mango, arriva il duetto

Marco Mengoni duetta con Angelina Mango nell’album “poké melodrama”: svelati tutti gli ospiti

Musica - Emanuele Corbo 27.5.24

Continua a leggere

famiglie omogenitoriali

Governo pronto al ricorso in Cassazione sulla dicitura “genitori” sui documenti dei minori. Informativa di Piantedosi

News - Redazione 10.4.24
Sul Washington Post la vergognosa persecuzione del Governo Meloni alle famiglie arcobaleno - LItalia di Meloni vista dal Washington Post - Gay.it

Sul Washington Post la vergognosa persecuzione del Governo Meloni alle famiglie arcobaleno

News - Federico Boni 9.2.24
Mumbai, il primo Pride dopo 4 anni sognando il matrimonio egualitario - VIDEO - Mumbai Pride - Gay.it

Mumbai, il primo Pride dopo 4 anni sognando il matrimonio egualitario – VIDEO

News - Redazione 5.2.24
Venerdì 5 aprile ore 12 a Roma flashmob contro il DDL Varchi "GPA reato universale" del governo Meloni - famiglie arcobaleno parlamento - Gay.it

Venerdì 5 aprile ore 12 a Roma flashmob contro il DDL Varchi “GPA reato universale” del governo Meloni

News - Redazione 4.4.24
Famiglie Arcobaleno dopo la sentenza della Corte d'Appello: "Ci vuole una legge, è palese discriminazione omofobica" - Famiglie Arcobaleno Sentenza Cassazione - Gay.it

Famiglie Arcobaleno dopo la sentenza della Corte d’Appello: “Ci vuole una legge, è palese discriminazione omofobica”

News - Federico Boni 6.2.24
monza-mozione-famiglie-arcobaleno-pd

Monza, la giunta PD spiega perché ha bocciato la mozione a favore delle famiglie arcobaleno

News - Francesca Di Feo 5.1.24
Foto da Polina Tankilevitch/Pexels (Vogue)

Ma cos’è davvero una famiglia queer?

Corpi - Redazione Milano 19.1.24
Monkey Man e gli hijra, Dev Patel e il terzo genere indiano: "Un inno per i senza voce, gli emarginati" - dev - Gay.it

Monkey Man e gli hijra, Dev Patel e il terzo genere indiano: “Un inno per i senza voce, gli emarginati”

Cinema - Redazione 9.4.24