“È sempre bello il melting pot delle cose, il non definirsi”. Intervista a Lil Jolie

La definiscono la Billie Eilish italiana, ma a lei non piace etichettarsi in un genere preciso: Lil Jolie si racconta a Gay.it

ascolta:
0:00
-
0:00
Lil Jolie Gay.it
5 min. di lettura

Classe 2000, Lil Jolie – nome d’arte di Angela Ciancio – è la nuova voce del panorama italiano pronta a conquistare il pubblico. Nella sua musica urban si mischiano generi come rap, hip hop e R&B, anche se il sound è pronto a modificarsi con l’uscita del suo primo EP, Bambina. La giovane cantante parla della difficoltà di crescere, l’attaccamento al passato e l’inadeguatezza verso il futuro, la voglia di rimanere sempre bambina ma anche l’ansia e l’irrequietudine di correre dietro al mondo mentre gli altri crescono velocemente, la consapevolezza che i punti bui sono anche i punti di forza.

C’è già chi la definisce la Billie Eilish italiana, anche se lei non si riconosce in questa definizione. Il suo nome d’arte, invece, un omaggio ispirato all’attrice Angelina Jolie. L’abbiamo incontrata in vista dell’uscita del disco, per parlare della sua musica e delle sue ispirazioni, ma anche di una generazione sempre più fluida che vuole essere sé stessa, di diversità e di unicità.

Lil Jolie Gay.it
Lil Jolie, classe 2000, è la nuova voce del panorama italiano

Ci racconti il sound di Bambina?

Mi sono proprio messa a nudo in questo disco e non ho voluto seguire nessuno schema. Mi sono ispirata molto ai cantautori della vecchia scuola, ho ascoltato un sacco di cantautorato. Poi è ovvio che ci sia anche la contaminazione delle cose un po’ più contemporanee. Ho voluto unire questi due mondi e fare qualcosa di mio. Sono molto soddisfatta. Vorrei che chi l’ascolta riesca a sentire tutto quello che ci ho messo, vorrei che si capisse quanto di vero c’è.

Sei una cantautrice molto giovane. Come nasce la passione per la scrittura?

Io ho iniziato a suonare la chitarra a cinque anni e quando andavo alle elementari mi piaceva sempre fare una raccolta, erano tipo dei libricini miei personali in cui scrivevo delle poesie. Il mio primo approccio alla scrittura è stato questo, però non sapevo ancora mettere in musica le cose che scrivevo. Ho trovato solo un quaderno di quando ero piccola e sono troppo curiosa di leggere quello che scrivevo. Mia mamma me lo ha sempre raccontato, però chissà dove saranno… Poi ho sempre cantato, in realtà, e suonato la chitarra. Ho iniziato facendo le cover su YouTube e un giorno mi sono innamorata della scrittura ed è diventata la mia compagna di viaggio. Sono diventata dipendente, quando sento l’esigenza mi viene proprio un pallino nella testa e devo per forza annotare, oppure se cammino per strada mi registro. La notte, quando ancora abitavo a casa dei miei, non potevo registrare e quindi ho anche note vocali in cui sussurro le linee melodiche per non farmi sentire.

C’è chi ti chiama la “Billie Eilish italiana”. Come vedi questo paragone?

Non vorrei che la mia musica si targettizzasse. Mi fa strano perché siamo due mondi completamente diversi, è un idolo però non mi sento rappresentata in quel mondo lì. Lei ha rivoluzionato il pop e c’è solo da baciarle le mani. Però, in questo disco soprattutto, mi sono avvicinata molto di più al mondo italiano.

Lil Jolie Gay.it
La cover di Bambina, il primo EP di Lil Jolie

Il tuo nome d’arte, invece, come è nato?

Alle medie ero in fissa con Angelina Jolie da quando ci hanno fatto vedere il film Ragazze interrotte, andavo a leggere tutte le cose su di lei, ero innamorata proprio persa. Però non è che lo dicevo alle persone. Un giorno, a caso, una mia amica mi stava scattando una foto e mi ha detto “Sembri Angelina Jolie di profilo”. E io mi sono detta “Ora nella descrizione scrivo Lil Jolie” e da lì poi mi ha suonato. Perché poi uno non va a pensare subito a lei, una persona può pensare anche che è un nome francese.

Le nuove generazioni sono sempre più fluide, vogliono essere libere di esprimersi e di essere sé stesse. Tu come la vedi?

Io sono così, anche nella musica. Per questo non mi piace etichettarmi in un genere, così come nella vita reale. È bello mischiare le cose: io sento che sta cambiando qualcosa nel mondo, in positivo. È sempre bello il melting pot delle cose, il non definirsi. È la cosa che mi sta più a cuore.

Lil Jolie Gay.it
Lil Jolie e Carl Brave nel singolo Regole

Si parla tanto di celebrare le diversità, ma è un termine talmente vasto che ognuno poi intende ciò che vuole. Cosa significa per te diversità?

Siamo tutti diversi. Io vedo le persone ed è come se gli vedessi solo l’anima. In passato mi sono sempre detta “Mi sento diversa”, sai? Da tutti i miei coetanei, dalla mentalità di paese. Però ora dico “Sono solo me stessa, non sono diversa”. È quello che mi sento di dire, ognuno è unico quindi la diversità secondo me è uno stereotipo e secondo me ci riusciremo, tra qualche anno, a non parlarne nemmeno più. Così come spero non diremo più “Sei una donna, come ti senti a fare musica perché sei donna”. Che vuol dire? Non dovremmo fare questi paragoni, in qualsiasi ambito.

Questo delle donne è un altro grande tema, perché si sa che le discriminazioni di genere sono sempre dietro l’angolo. A te è capitato?

Sì, mi è capitato in passato. Perché comunque associandomi alla scena hip hop era molto più difficile entrare in quel mondo. Ricevevo commenti sessisti oppure che mi sessualizzavano per cose che non avevo fatto. Cose tipo “Tu sei dove sei perché chissà cosa hai fatto” e così via. Poi ho smesso di ascoltarli, mi sono allontanata da tutti questi gruppi strani su Facebook dove ci sono proprio l’odio e la repressione di queste persone che secondo me non hanno davvero nulla da fare. Ho smesso di curarmi di questo. Sono una donna, dicono tutti è più difficile farcela però se una ha talento alla fine ce la fa.

Lil Jolie Gay.it
Lil Jolie e Nahaze nel singolo Empty

Siamo anche in un’epoca di social network dove tutti sono ossessionati dalla propria immagine. Tu come li vivi?

Io sono un po’ contorta da questo punto di vista. Capitano giornate in cui vorrei solo fissarmi allo specchio e poi pubblicare una foto perché mi sento fica e mi scatta quella cosa del dire “Voglio farlo vedere agli altri”. Altre volte invece odio proprio il mondo dei social, spengo il telefono in modalità aereo, esco una giornata e vivo. Mi stacco completamente, spengo Internet, proprio tutto, perché non mi va nemmeno di parlare su Whatsapp. È strana questa cosa. Un giorno dici “Ok, mi sento Megan Fox” e un altro dici “Ok, mi sento Megan Fox ma cosa me ne frega di farlo vedere agli altri?”.

Quali sono i prossimi progetti? Ci sarà anche un tour?

Tra poco devo suonare al Mi Ami e poi facciamo un tour estivo in cui suoniamo tutto il disco. Sto preparando davvero belle cose. In futuro io non immagino una vita diversa da questa, spero di continuare, di crescere e di vivere di musica.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Leo Gullotta e l'amore per Fabio Grossi a Domenica In: "Stiamo insieme da 43 anni, anni rispettosi, affettuosi, amorosi" - Leo Gullotta - Gay.it

Leo Gullotta e l’amore per Fabio Grossi a Domenica In: “Stiamo insieme da 43 anni, anni rispettosi, affettuosi, amorosi”

News - Redazione 15.4.24
Artur Dainese, Isola dei Famosi 2024

Isola dei Famosi 2024, la storia di Artùr Dainese: “A 16 anni sono venuto in Italia. Mi sentivo solo”

Culture - Luca Diana 16.4.24
Marcella Bella e l'etichetta di "icona gay". A Belve non sa cosa significhi LGBT: "Lesbiche, gay, travestiti?" (VIDEO) - Marcella Bella a Belve - Gay.it

Marcella Bella e l’etichetta di “icona gay”. A Belve non sa cosa significhi LGBT: “Lesbiche, gay, travestiti?” (VIDEO)

Culture - Redazione 16.4.24
Mahmood è in tour in Europa per presentare l'album "Nei letti degli altri"

Mahmood più libero che mai sul palco, il suo tour strega l’Europa e “Tuta gold” conquista il triplo disco di platino

Musica - Emanuele Corbo 9.4.24
Giovanni Donzelli foto instagram @giovadonze

Giovanni Donzelli di Fratelli d’Italia, outing di sua moglie che spiega “È un marito etero”

Culture - Mandalina Di Biase 9.4.24
Pietro Fanelli, Isola dei Famosi 2024

Pietro Fanelli, chi è il naufrago dell’Isola dei Famosi 2024?

Culture - Luca Diana 10.4.24

Hai già letto
queste storie?

@giorgiominisini_

Giorgio Minisini contro gli stereotipi: perché essere maschio alfa, quando puoi stare bene? – L’intervista

Corpi - Riccardo Conte 21.2.24
gran-bretagna-giovani-trans

Scozia, 1 giovane trans su 3 non si sente al sicuro negli spazi pubblici

News - Francesca Di Feo 12.4.24
c'è ancora domani

Per fortuna c’è ancora Paola Cortellesi

Cinema - Riccardo Conte 14.11.23
i want you to know my story di Jess Dugan

Tra nuovi sguardi e corpi fuori dagli schemi: benvenutə al Gender Bender 2023!

Culture - Riccardo Conte 24.10.23
Menunni (FDI): "La maternità torni cool, che le 18enni vogliano sposarsi e fare figli" - VIDEO - Lavinia Mennuni - Gay.it

Menunni (FDI): “La maternità torni cool, che le 18enni vogliano sposarsi e fare figli” – VIDEO

News - Redazione 28.12.23
valerie notari gamer girl

Gaming, fluidità e liberazione: intervista a Valerie Notari autrice di “Gamer girl”

Culture - Federico Colombo 20.11.23
Chiara Francini voce del podcast Refuge: "Alla ministra Roccella dico di ascoltare le storie di omobitransfobia" - INTERVISTA - chiara francini 2 - Gay.it

Chiara Francini voce del podcast Refuge: “Alla ministra Roccella dico di ascoltare le storie di omobitransfobia” – INTERVISTA

News - Federico Boni 10.11.23
ghana-legge-anti-lgbt-ghana

Ghana, legge anti-gay, parla un attivista LGBTI: “La comunità viene già perseguitata, ma abbiamo una speranza”

News - Francesca Di Feo 12.3.24