“Gli uomini sono i benvenuti”: intervista alle organizzatrici della manifestazione Non una di meno, contro la violenza sulle donne

Qualche parola (forse) definitiva sulle polemiche delle ultime settimane.

"Gli uomini sono i benvenuti": intervista alle organizzatrici della manifestazione Non una di meno, contro la violenza sulle donne - nonunadimeno - Gay.it
5 min. di lettura

Domani, 26 novembre, si terrà a Roma un’importante manifestazione contro la violenza sulle donne a cui è stato dato il nome di Non Una di Meno. Alla giornata di domani seguirà, domenica 27, un momento di dibattito e riflessione, attraverso tavoli di discussione che tracceranno un programma di lotta femminista contro la violenza di genere. Quest’occasione, importantissima ,ha generato in queste ultime settimane e soprattutto sui social un mare di polemiche, in relazione soprattutto ad alcune dichiarazioni, arrivate da alcune femministe “separatiste”, che chiedevano di escludere gli uomini dalla manifestazione o almeno di limitare la loro presenza in coda al corte. Io ho espresso il mio punto di vista sulla questione qui >>> Perché escludere gli uomini dalle manifestazioni femministe è antifemminista. Per provare a capire quale sia la posizione ufficiale delle organizzatrici di Non Una di Meno abbiamo fatto quattro chiacchiere con Marta Cotta Ramosino di Io Decido, una delle tre organizzazioni che hanno dato vita a questo weekend contro la violenza.

Ciao Marta, quando nasce l’idea della manifestazione di domani e chi l’ha organizzata?

L’idea della manifestazione nazionale nasce nella primavera scorsa dopo l’uccisione di Sara Di Pietrantonio, ragazza di 22 anni arsa viva a Roma in zona Magliana dal suo fidanzato. In quel momento come rete Io Decido ci siamo riunite per discutere nuovamente e in maniera più complessiva della violenza e del fatto che serviva una risposta forte che mettesse in discussione tutto il sistema di come la violenza viene gestita oggi in Italia. Volevamo iniziare di nuovo tra di noi a discutere in maniera sistematica di cosa fosse la violenza sulle donne in tutte le sue forme e non solo quella più eclatante rappresentata dallo stupro o dal femminicidio. 

Cos’è Io Decido?

Io Decido è una rete di collettivi e associazioni che si è formata alcuni anni fa in relazione alla questione della 194, dell’accesso alla salute per le donne. In particolare è intervenuta in due grandi ospedali romani, il Policlinico Umberto I e il San Camillo, ospedali enormi che rischiavano di non garantire più l’interruzione volontaria di gravidanza a causa della mancanza di medici non obiettori. Inoltre la rete è intervenuta contro le operazioni sperimentali e non sicure portante avanti da alcuni ospedali sulle persone che volevano cambiare sesso. La rete Io Decido ha anche partecipato agli ultimi Pride romani con spezzoni costruiti dal basso a livello cittadino. 

Quali sono le altre realtà coinvolte nella manifestazione?

Dopo il nostro primo ragionamento abbiamo deciso di allargare il nostro percorso ad altre due realtà: UDI (Unione nazionale Donne Italia) e DIRE (Donne in Rete contro la Violenza), una rete di centri antiviolenza in italia. Ci siamo quindi costituite come Non Una di Meno prendendo il nome dalle compagne argentine in lotta anche loro per l’autodeterminazione delle donne (Ni Una Menos). Abbiamo lanciato, anche a noi stesse, una sfida molto grande: un grande corteo il 26 e il 27 una giornata di tavoli di discussione sulle varie forme che la violenza assume, per riscrivere noi un piano nazionale contro la violenza sulle donne che sia femminista. 

Veniamo a una delle questioni che mi stanno più a cuore, ovvero quella della partecipazione maschile. Chi ha iniziato a chiedere che gli uomini non ci fossero?

La questione è emersa fin da subito ma praticamente all’unanimità si è dichiarato che la manifestazione e i tavoli sarebbero stati misti con un grande protagonismo delle donne. Il dibattito che poi si è sviluppato sul web è un dibattito che non tiene conto delle decisioni che l’assemblea aveva già preso e che, per come siamo abituate a fare politica, non si possono mettere in discussione. Un dibattito sterile che ha remato contro all’allargamento al corteo. Siamo tutte d’accordo in quanto organizzatrici che la partecipazione maschile sarà importante se questa partecipazione riuscirà a mettere in discussione il privilegio maschile e vorrà sostenere la lotta delle donne senza quel giorno pretendere di essere i protagonisti. 

Voi di Io Decido, in particolare, come vi ponete verso questo tema?

Noi abbiamo fatto nostra negli ultimi anni la lotta transfemminista queer e crediamo che le intersezionalità siano un modo fondamentale per leggere l’oggi, non cercando di semplificare ma di “complessificare”. Inoltre costruire un corteo misto non dà per scontata la propria collocazione in base a biologismi che oggi almeno, fra compagne, vorrei fossero superati. “Gli uomini che vogliono essere femministi non hanno bisogno di ricevere spazio nel femminismo. Devono prendere lo spazio che hanno nella società e renderlo femminista”: abbiamo fatto nostra questa frase di Kelly Temple che pensiamo calzi a pennello. Comunque, ripeto, chi ha scatenato la polemica non sta fra le organizzatrici del corteo. 

Da quel che ho letto in giro ci sono alcune donne, che si definiscono o vengono definite femministe separatiste, che la pensano diversamente. Una di queste mi pare sia Marina Terragni, e più in generale forse donne più adulte, condizionate da retaggi di una certa fase, passata, del femminismo. C’è secondo te il tema di una visione “vecchia” di vedere il discorso femminista?

Sì, in realtà non sono solo una parte delle separatiste ma direi meglio una parte del vecchio femminismo della differenza con cui si fatica e molto spesso non si riesce a trovare una quadra comune. Sono presenti queste visioni differenti perché esistono tanti femminismi e in Italia il femminismo della differenza è stato sempre molto forte. Questo corteo però vuole essere una marea: vorremmo che la manifestazione fosse un flusso di corpi che assieme invadono le strade di Roma. Io per prima sono donna, ho la vagina ma non mi riconosco appieno nel genere femminile. Leggere le intersezionalità vuol dire anche questo, vuol dire aprire nuovi spazi, creare nuovi legami e superare quello che un tempo è sicuramente stato utile e fondamentale, ma che in tempi diversi non può più essere considerato tale. 

C’è chi ha scritto persino che i discorsi e le pratiche queer sono patriarcali, neopatriarcali. Hai letto questo tipo di cose, che ne pensi?  

Sì, sono discorsi che però non vengono da nessuna delle promotrici e che ad una certa ci hanno anche stufato. Persone che non condividono come collettivamente – e non solo fra promotrici, ma con tutte le realtà presenti – stiamo costruendo la manifestazione. Sono persone che remano contro la costruzione del corteo. Se vorranno attraversarlo il corteo sarà a aperto anche a loro, altrimenti amen. Crediamo sia importante dar voce alle donne e a tutt* coloro che sostengono e portano avanti questa causa. Questa polemica, a noi organizzatrici, ci ha veramente tolto troppo tempo che avremmo potuto investire in cose sicuramente più utili.

Capisco. Quindi io, uomo gay, posso venire alla manifestazione di domani? E non sarò costretto a stare alla fine del corteo?

Certo, chiunque voglia sostenere la causa può partecipare. E no, non starai affatto in fondo al corteo. Ti riporto le frasi del nostro ultimo testo che sono esplicative in questo senso:

“La manifestazione, come ribadito in più occasioni, sarà aperta dalle donne e dal desiderio di riconoscersi ed autodeterminarsi. Una grande apertura di donne che sappia quindi esprimere tutta la potenza che intorno a questa data si sta accumulando. A seguire sarà posizionato il camion, un grande presidio mobile, aperto a tutt* coloro che vorranno condividere pensieri, riflessioni, interventi. Un camion per ospitare performance artistiche e per far parlare le tanti voci che animeranno la piazza. Dopo il camion il corteo sarà aperto a tutte e tutti. Ci sarà l’attraversamento transfemministaqueer e prenderà forma quella marea che ormai evochiamo da diversi giorni. Siamo state ispirate dalle pratiche che abbiamo visto utilizzare nelle immagini delle manifestazioni delle donne in Argentina e Polonia, e con cui vorremmo creare una connessione in questo giorno di lotta, che vedrà milioni di donne di tutto il mondo a riversarsi nelle strade delle proprie città. Contaminiamoci nelle differenze!

Per chi volesse venire a Roma avete creato dei modi per facilitare gli spostamenti? Mi sembra di aver letto, ad esempio, di pullman…

Sì, ci sono dei pullman da diverse città italiane. Sul nostro blog nonunadimeno.wordpress.com potete trovare i vari contatti a seconda delle città. C’era un form attivo dove segnarsi se si necessitava di ospitalità per la notte del 26 e 27 per poter rimanere ai tavoli, ma abbiamo dovuto chiuderlo a causa dell’enorme affluenza. Il 27 sarà una giornata importante per discutere e costruire un percorso. Le giornate del 26 e del 27 vogliono essere solo l’inizio di un qualcosa che si dirà in queste due giornate. La manifestazione partirà sabato alle 14 da Piazza della Repubblica – fermata repubblica della metro A – e arriverà a San Giovanni. Ci sarà un grande tour condiviso da tutt* da cui sarà possibile portare i propri contributi, sarà un corteo colorato dove le donne, i gay, le persone trans e chiunque lotti al fianco delle donne sarà il/la benvenut*.

https://www.gay.it/donne/news/manifestazione-femminista-uomini

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Pietro Fanelli, Isola dei Famosi 2024

Pietro Fanelli, chi è il naufrago dell’Isola dei Famosi 2024?

Culture - Luca Diana 10.4.24
Artur Dainese, Isola dei Famosi 2024

Isola dei Famosi 2024, la storia di Artùr Dainese: “A 16 anni sono venuto in Italia. Mi sentivo solo”

Culture - Luca Diana 16.4.24
Angelina Mango è pronta per l'Eurovision Song Contest che si terrà a maggio in Svezia

Perché Angelina Mango può vincere Eurovision 2024

Musica - Emanuele Corbo 11.4.24
Marco Mengoni per un noto brand di gioielli

Marco Mengoni è un gioiello, ma la verità è che tutti guardano un’altra cosa

Musica - Emanuele Corbo 10.4.24
Mahmood è in tour in Europa per presentare l'album "Nei letti degli altri"

Mahmood più libero che mai sul palco, il suo tour strega l’Europa e “Tuta gold” conquista il triplo disco di platino

Musica - Emanuele Corbo 9.4.24
Bradley Riches di Heartstopper annuncia il fidanzamento con Scott Johnston: "Ti amo immensamente" - heartstopper bradley riches engagement - Gay.it

Bradley Riches di Heartstopper annuncia il fidanzamento con Scott Johnston: “Ti amo immensamente”

Culture - Redazione 11.4.24

Hai già letto
queste storie?

anna paola concia gay it

Concia accusa “massimalisti da destra e sinistra” ed è già eliminata dal progetto di educazione alle relazioni

News - Redazione Milano 9.12.23
Rocco Casalino, insulti omofobi dal ras degli ambulanti Augusto Proietti: "Fr*cio miserabile" (VIDEO) - Il Portavoce di Rocco Casalino 2 - Gay.it

Rocco Casalino, insulti omofobi dal ras degli ambulanti Augusto Proietti: “Fr*cio miserabile” (VIDEO)

News - Redazione 4.3.24
Bastonate, fumogeni, scritte e insulti omofobi. Il branco all'assalto della sede Gay Center di Roma. VIDEO - Gay Center - Gay.it

Bastonate, fumogeni, scritte e insulti omofobi. Il branco all’assalto della sede Gay Center di Roma. VIDEO

News - Redazione 1.2.24
femminiciidio libri

Femminicidi, 5 libri sulle barbarie del patriarcato

Culture - Federico Colombo 23.11.23
Frankenstein Guillermo del Toro

Una lettura mostruosa dei corpi queer

Culture - Federico Colombo 31.10.23
libri mascolinita tossica patriarcato

Abbasso il macho: 5 libri per riscrivere la maschilità

Culture - Federico Colombo 29.11.23
BARBIE (2023)

Ma Barbie è stato davvero snobbato agli Oscar?

Culture - Riccardo Conte 24.1.24
La storia di Radclyffe Hall: così fu censurato il primo romanzo lesbico della letteratura - Sessp 38 - Gay.it

La storia di Radclyffe Hall: così fu censurato il primo romanzo lesbico della letteratura

Culture - Federico Colombo 20.2.24