“Italia come Ungheria”: Rai, la destra italiana vuole vietare contenuti LGBTIQ+?

Denuncia di ReNews Europe a Strasburgo: la bozza di contratto è inquietante.

ascolta:
0:00
-
0:00
Rai contenuti LGBTIQ ReNew Europe destra italiana Ungheria Meloni Orban
Rai contenuti LGBTIQ ReNew Europe destra italiana Ungheria Meloni Orban
3 min. di lettura

Dopo essere salita sul carrello dell’Esselunga commentando storie di pesche e fomentando la stigmatizzazione del divorzio, la destra di Fratelli d’Italia, Lega e Forza Italia ha “depositato nientemeno che degli emendamenti per vietare la diffusione di contenuti LGBTIQ+ alla televisione pubblica italiana“. La denuncia, raccontata da Simone Alliva su L’Espresso, arriva dal Parlamento europeo, dove il gruppo Renew Europe (l’area di centro liberale che comprende PiùEuropa, Macron, Italia Viva, Azione ecc.) ha aggiunto un punto di discussione in agenda oggi a Strasburgo, proprio per denunciare la “diffusione di leggi e propaganda anti-LGBTIQ+ da parte dei partiti e governi populisti in Europa“.

Come racconta anche Vincenzo Vita su il Manifesto, la destra, nel rivedere il contratto della Rai che viene periodicamente rinnovato, ha preparato una serie di modifiche per plasmare la direzione editoriale di Viale Mazzini agli ideali di “dio, patria e famiglia”. Ora questa bozza di contratto è al vaglio della commissione di vigilanza parlamentare che esercita, per conto della politica, un controllo su quanto avviene nella tv pubblica.

Scrivono da ReNew Europe su X/Twitter:

“La diffusione di propaganda anti-LGBTIQ da parte dei partiti di estrema destra nell’Unione Europea è andata troppo oltre! All’apertura della seduta plenaria di questa settimana, chiediamo che il Parlamento europeo  si opponga a una nuova proposta in Italia che vieta la rappresentazione di persone LGBTIQ sulla televisione pubblica, ispirata da Putin e Orban.”

Tra i 400 emendamenti presentati nella bozza di contratto, emerge con chiarezza quello numero 5.29 (a firma Rosso, Gasparri, Dalla Chiesa, Orsini) nel quale si scrive che la Rai si impegna a dare “una rappresentazione positiva dei legami familiari secondo il modello di famiglia indicato dall’articolo 29 della Costituzione” (naturale e fondata sul matrimonio ndr).

emendamento rai famiglia naturale
Emendamento presente nella bozza di contratto Rai al vaglio della commissione parlamentare di vigilanza – fonte L’Espresso

Il presidente del gruppo ReNew Europe, Stephane Sejourne, ha spiegato che gli eurodeputati a Strasburgo sono stati allertati sulla deriva Italia, sempre più vicina alla strada intrapresa dall’Ungheria di Orban, dove è stata già approvata una legge per vietare contenuti LGBTIQ+ rivolti ai minori. Una legge, quella ungherese, già fatta oggetto di ampie contestazioni da parte del Parlamento e della Commissione europea. L’Italia era stata tra i paesi – insieme a Polonia, Slovacchia, Repubblica Ceca ecc. – a non condannare la legge omobitransfobica ungherese.

Secondo ReNew Europe alcuni emendamenti sono stati “presentati per spingere la Rai a fare la promozione della famiglia tradizionale. Questo è un fatto, è qualcosa di documentato. Per noi si tratta di segnali deboli della rimessa in discussione dei diritti LGBTIQ+ e sollevano la questione delle discriminazioni”.

Tuttavia su Pagella Politica si smonta la tesi di ReNew Europe e si spiega che l’emendamento 5.29 non sarebbe stato accolto in commissione di vigilanza (notizia non verificabile attualmente da Gay.it). Secondo Pagella Politica “L’emendamento dei parlamentari di Forza Italia non prevedeva dunque nessun divieto esplicito di mostrare persone LGBTIQ nella televisione pubblica: qualora approvato, la Rai avrebbe dovuto promuovere un’immagine «positiva» della famiglia «come società naturale fondata sul matrimonio», ma non le sarebbe stato impedito di mostrare altri tipi di famiglia nei suoi programmi.”

Ma quanto ribadito da PagellaPolitica non nasconde l’evidenza. La destra stringe sempre più la sua tenaglia sulla comunità LGBTIQ+ italiana: persecuzione di famiglie omogenitoriali, penalizzazione universale della gestazione per altri, divieto delle carriere alias (in embrione in Lombardia). È la destra che vuole vietare Peppa Pig.

Un paese sempre più “dio, patria e famiglia“. Tre colonne che indicano una visione del mondo e una società da plasmare. Come ha dichiarato pochi giorni fa la stessa presidente del Consiglio Giorgia Meloni dal palco di Budapest a fianco al leader filo-Putin Viktor Orban (VIDEO). Per la destra la Rai, tv pubblica, deve educare il popolo ai valori tradizionali. Così hanno voluto gli Italiani nel voto del 25 Settembre 2022. Riuscirà la nostra democrazia ad evitare il tracollo autoritario che vuole schiacciare minoranze e parità di genere?

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da GAY.IT 🌍🪐✨ (@gayit)

 

cover: Foto di yang miao su Unsplash

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Elezioni Europee e voto LGBTI+, guida alle candidature che aderiscono a #ComeOut4EU il programma di Ilga Europe - cover wp - Gay.it

Elezioni Europee e voto LGBTI+, guida alle candidature che aderiscono a #ComeOut4EU il programma di Ilga Europe

News - Lorenzo Ottanelli 20.5.24
Queer Palm 2024, vince Three Kilometers until the End of the World. Karla Sofía Gascón prima attrice trans in trionfo a Cannes - Trei kilometri pana la capatul lumii - Gay.it

Queer Palm 2024, vince Three Kilometers until the End of the World. Karla Sofía Gascón prima attrice trans in trionfo a Cannes

Cinema - Federico Boni 27.5.24
BigMama date estive

BigMama parte per il “Pride Tour”: tutte le date per un’estate nel segno dell’orgoglio

Musica - Emanuele Corbo 24.5.24
Sabrina Salerno, Ruby Sinclair e Milly Carlucci, L'Acchiappa Talenti

La Drag Queen Ruby Sinclair conquista il palco de “L’Acchiappa Talenti”

Culture - Luca Diana 25.5.24
Bari, il sindaco Decaro unisce civilmente due vigilesse in alta uniforme: "Solo l'amore conta" - Bari il sindaco Decaro unisce civilmente due vigilesse in alta uniforme - Gay.it

Bari, il sindaco Decaro unisce civilmente due vigilesse in alta uniforme: “Solo l’amore conta”

News - Redazione 24.5.24
10 attori e attrici trans ad hollywood

10 star della comunità trans* che stanno rivoluzionando Hollywood

Cinema - Gio Arcuri 23.5.24

Hai già letto
queste storie?

Foto da Polina Tankilevitch/Pexels (Vogue)

Ma cos’è davvero una famiglia queer?

Corpi - Redazione Milano 19.1.24
The Acolyte, inclusione e rappresentazione LGBTQIA+ nella nuova serie Star Wars - The Acolyte 2 - Gay.it

The Acolyte, inclusione e rappresentazione LGBTQIA+ nella nuova serie Star Wars

Serie Tv - Redazione 21.3.24
Sanremo 2024, Amadeus apre ai trattori. Il leader Danilo Calvani insultava Vendola, "è contro natura" - Sanremo 2024 Amadeus apre ai trattori. Quando il leader Danilo Calvani insultava Nichi Vendola 3 - Gay.it

Sanremo 2024, Amadeus apre ai trattori. Il leader Danilo Calvani insultava Vendola, “è contro natura”

Culture - Redazione 6.2.24
"La Nostra Raffaella", sabato sera su Rai1 il tributo alla leggendaria Carrà. Lo spot (video) - La Nostra Raffaella spot - Gay.it

“La Nostra Raffaella”, sabato sera su Rai1 il tributo alla leggendaria Carrà. Lo spot (video)

Culture - Redazione 21.5.24
Andrew Scott in Estranei (2023)

Estranei è molto più di una storia d’amore gay

Cinema - Riccardo Conte 27.2.24
Hunter Schafer - ruoli trans

Hunter Schafer non vuole recitare soltanto come donna trans e ha ragione

Cinema - Mandalina Di Biase 4.4.24
Taylor Swift Queer o Lesbica oppure no (a destra in Gucci ai Golden Globe 2024)

Taylor Swift è lesbica o queer o forse no: ma è giusto chiederselo?

Musica - Mandalina Di Biase 9.1.24
Jacob Elordi Frankestein Giullermo Del Toro

Jacob Elordi sarà Frankenstein nel 2024, cosa sappiamo del cult queer diretto da Guillermo Del Toro.

Cinema - Redazione Milano 8.1.24