Ungheria, ricorso alla Corte di Giustizia UE in difesa della legge omotransfobica: “Non ci arrenderemo”

"Andremo avanti fino alla fine, perché si tratta di proteggere i nostri figli", ha annunciato la ministra della Giustizia ungherese.

ascolta:
0:00
-
0:00
orban ungheria
Orban continua a sostenere l'Ungheria omofoba.
2 min. di lettura

L’Ungheria ha deciso di sfidare la Corte di giustizia dell’Unione europea pur di difendere la propria legge omotransfobica. Il Paese guidato da Victor Orban ha ufficialmente presentato un controricorso sulla procedura d’infrazione aperta dalla Commissione europea in relazione al “Child Protection Act” approvato nel giugno del 2021 che vieta la ‘promozione dell’omosessualità’ nei confronti di minori.

La Commissione europea aveva avviato un’azione legale deferendo l’Ungheria alla corte nel luglio del 2022, affermando che tale legge “discrimina le persone sulla base del loro orientamento sessuale e identità di genere“. Ursula von der Leyen, presidente della Commissione europea, l’aveva definita “vergognosa“, promettendo di volerla combattere in tutti i luoghi preposti.

All’epoca la commissione aveva affermato che la legge “individua e prende di mira i contenuti che promuovono o ritraggono ciò a cui si riferisce come divergenza dall’identità personale corrispondente al sesso alla nascita, cambio di sesso o omosessualità per tutti gli individui sotto i 18 anni“.

Judit Varga, ministra ungherese della Giustizia, ha annunciato via Facebook la novità di giornata, ufficializzando il controricorso. “L’Ungheria non si arrenderà“, ha detto. “Continuiamo a sostenere che l’istruzione è una competenza nazionale e che i genitori hanno il diritto di decidere in merito all’educazione dei propri figli. Proprio come abbiamo fatto finora andremo avanti fino alla fine, perché si tratta di proteggere i nostri figli“.

Varga ha affermato che ci sono stati “casi venuti alla luce nelle ultime settimane” che “chiaramente” hanno mostrato la necessità di una legge a protezione dei minori, annunciando addirittura “ulteriori misure”.

Il mese scorso Viktor Orbán aveva difeso la legge, affermando che “la propaganda gender non è solo chiacchiere arcobaleno, ma la più grande minaccia che perseguita i nostri figli”. “Vogliamo che i nostri figli siano lasciati soli… questo genere di cose non ha posto in Ungheria, e soprattutto non nelle nostre scuole“.

Poco dopo l’approvazione della legge ungherese, il primo ministro olandese Mark Rutte aveva tuonato contro l’Ungheria, minacciando l’espulsione dall’UE se non si fosse tirata indietro. Rutte, insieme ai leader di altri 16 paesi dell’UE, ha poi firmato una lettera chiedendo di “lottare contro la discriminazione nei confronti della comunità LGBT+“.

Orban, pur di blindare la contestatissima legge, aveva indetto un referendum confermativo lo stesso giorno delle ultime elezioni presidenziali, ma il quorum non è stato raggiunto. A causa della legge, ritenuta incompatibile con le norme internazionali sui diritti umani dal Consiglio d’Europa nel dicembre 2021, tutto ciò che viene considerato LGBTI deve essere bandito da tutti i luoghi in cui possa essere visualizzato dai minori.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Lolita intervista

Lolita e la libertà di andare oltre gli stereotipi: “Chiunque di noi può essere tutto ciò che vuole”

Musica - Emanuele Corbo 24.6.24
Calciatori Gay Coming Out - Rosario Coco di Out Sport spiega perché non bisogna forzare

Calciatori gay in Nazionale, calciatori gay ovunque: perché non bisogna forzare

Lifestyle - Giuliano Federico 20.6.24
I film LGBTQIA+ della settimana 24/30 giugno tra tv generalista e streaming - film queer 2 - Gay.it

I film LGBTQIA+ della settimana 24/30 giugno tra tv generalista e streaming

Culture - Federico Boni 24.6.24
@milanopride

Perché il Milano Pride non ha madrine e padrini? Le comunità ebraiche queer ci saranno? Intervista

Lifestyle - Riccardo Conte 24.6.24
Alessandra Valeri Manera Cartoni animati queer

Addio ad Alessandra Valeri Manera, la resistente che ha combattuto per noi bambinə diversə

Culture - Giuliano Federico 24.6.24
Jonathan Bailey per @orlebarbrown

Jonathan Bailey, chi è l’attore gay sulla bocca di tuttə?

Culture - Luca Diana 22.6.24

Leggere fa bene

Roma Pride Croisette 2024, venerdì 7 maggio dibattito sull’Europa dei Diritti: "Dalle europee all’Europride" - Pride Croisette 2024 Roma Pride - Gay.it

Roma Pride Croisette 2024, venerdì 7 maggio dibattito sull’Europa dei Diritti: “Dalle europee all’Europride”

News - Redazione 6.6.24
burocrazia unioni civili, guida alle top location per unioni civili in puglia

Il Liechtenstein ha legalizzato il matrimonio egualitario

News - Redazione 17.5.24
turchia-libri-censura

Turchia, libri su teorie riparative e correlazione tra omosessualità e pedofilia negli scaffali delle biblioteche pubbliche

News - Francesca Di Feo 5.2.24
Ungheria Orban Péter Magyar Tisza

Europee, Ungheria: batosta peggiore di sempre per Orbán, cresce Tisza, partito che vuole ricostruire i rapporti con l’UE

News - Francesca Di Feo 10.6.24
meloni orban

35 ambasciate firmano una dichiarazione che condanna le leggi anti-LGBTQ ungheresi. Assente l’Italia

News - Redazione 21.6.24
Viktor Orban - Giorgia Meloni - Ungheria, la legge anti-LGBTI+ ha un impatto devastante sulla nostra comunità

Ungheria, impatto devastante della legge anti-LGBTI+, il rapporto di Amnesty

News - Francesca Di Feo 28.2.24
Lewsi Hamilton rainbow

F1, il Bahrain vuole vietare la bandiera LGBTI+, cosa farà Hamilton in Ferrari?

Lifestyle - Redazione Milano 26.2.24
ghana-disegno-di-legge-anti-lgbt-approvazione-marzo

Ghana, lo spietato disegno di legge anti-LGBTQIA+ verso l’approvazione a marzo

News - Francesca Di Feo 23.2.24