15 Paesi d’Europa contro la legge omotransfobica ungherese. L’Italia non c’è

Il Governo Meloni ha deciso di stare al fianco di Orban insieme a Polonia, Romania, Bulgaria, Cipro, Croazia, Estonia, Lettonia, Lituania, Repubblica Ceca e Slovacchia.

ascolta:
0:00
-
0:00
meloni orban
meloni orban
2 min. di lettura

La Commissione europea ha fatto ricorso contro la legge omotransfobica ungherese voluta da Viktor Orban nel 2021. Quindici stati membri hanno aderito al ricorso, mentre il governo Meloni ha deciso di non schierarsi contro l’amico ungherese.

Secondo quanto riportato da LaRepubblica, il governo italiano avrebbe giustificato questa mancata adesione sottolineando la poca fondatezza ‘tecnica’ del ricorso della Commissione, perché l’articolo 2 non sarebbe mai stato usato per giudicare l’incompatibilità di una norma nazionale con i Trattati. Si tratta, fa sapere il Governo Meloni, di un gesto che dal valore esclusivamente politico.

Oltre al Parlamento europeo, contro la legge ungherese e al fianco della Commissione si sono schierati Francia, Germania, Belgio, Lussemburgo, Paesi Bassi, Spagna, Portogallo, Danimarca, Irlanda, Malta, Austria, Finlandia, Svezia, Slovenia e Grecia. L’Italia, unico paese fondatore dell’Ue, non c’è, avendo preferito affiancarsi a Polonia, Romania, Bulgaria, Cipro, Croazia, Estonia, Lettonia, Lituania, Repubblica Ceca e Slovacchia. E pensare che si tratta della più grande procedura sulla violazione dei diritti umani mai portata davanti alla Corte di giustizia dell’Ue.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Giorgia Meloni (@giorgiameloni)

Duro il commento di Yuri Guaiana, rappresentante di +Europa: “Mentre ben quindici Stati membri dell’Ue si uniranno al ricorso, l’Italia si schiera con Orbán e una minoranza di stati membri che si battono contro una società europea aperta e inclusiva”. “Con questa scelta il governo Meloni ha modificato la posizione del governo Draghi che aveva aderito alla dichiarazione del 17 maggio 2021 in cui si impegnava a proteggere i diritti fondamentali delle persone Lgbtq+ e alla lettera dei capi di Stato e di governo ai presidenti delle istituzioni europee del 24 giugno 2021”.

In Europa il governo Meloni si schiera con #Orban a difesa della vergognosa legge ungherese contro la comunità LGBTI+. Dopo lo stop alle registrazioni dei figli di famiglie omogenitoriali,un altro passo verso l’omofobia di Stato”, ha aggiunto Riccardo Magi, Segretario di +Europa.

Dura anche Italia Viva, per bocca della deputata Raffaella Paita: “Meloni continua ad isolare l’Italia schierandosi al fianco di Orban invece di contrastare la vergognosa legge anti Lgbtq+ insieme agli altri Paesi Ue, tra cui Francia e Germania. L’Italia non può essere condannata ad una posizione di irrilevanza da questo governo sovranista“.

La legge ungherese, molto simile a quella russa voluta da Vladimir Putin, vieta la “rappresentazione o la promozione” dell’omosessualità. Pur di difenderla dagli attacchi dell’Europa, Orban ha imposto un referendum nel corso dell’ultima elezione nazionale, non raggiungendo il quorum richiesto.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Lorenzo Licitra torna in radio con Il Mio Giusto Momento: "L'avevo presentata ad Amadeus per Sanremo 2024" (VIDEO) - Lorenzo Licitra - Gay.it

Lorenzo Licitra torna in radio con Il Mio Giusto Momento: “L’avevo presentata ad Amadeus per Sanremo 2024” (VIDEO)

Culture - Redazione 19.2.24
Vittorio Menozzi, Grande Fratello

Vittorio Menozzi, dopo il Grande Fratello in arrivo un nuovo programma tv: di cosa si tratta?

News - Luca Diana 14.2.24
Milano, affitto negato perché gay: "La proprietaria preferisce una persona "tradizionale"" (VIDEO) - Andrea Papazzoni - Gay.it

Milano, affitto negato perché gay: “La proprietaria preferisce una persona “tradizionale”” (VIDEO)

News - Redazione 16.2.24
Eurovision 2024, Angelina Mango tra le favorite dei bookmakers. Le quote ufficiali - Angelina Mango 1 - Gay.it

Eurovision 2024, Angelina Mango tra le favorite dei bookmakers. Le quote ufficiali

Culture - Redazione 14.2.24
fedez luis sal chiara ferragni fabrizio corona

“Fedez ha una relazione con Luis Sal”, a processo per diffamazione Alessandro Rosica: “Ha offeso la reputazione del rapper”

News - Redazione 19.2.24
I film LGBTQIA+ della settimana 19/25 febbraio tra tv generalista e streaming - film 2024 - Gay.it

I film LGBTQIA+ della settimana 19/25 febbraio tra tv generalista e streaming

Cinema - Federico Boni 19.2.24

I nostri contenuti
sono diversi

Maurizio Landini

CGIL, diritti LGBTIQ+ non menzionati nella manifestazione di Sabato 7 ottobre a Roma

News - Redazione Milano 5.10.23
elezioni-indonesia-2024

Indonesia, estrema destra anti-LGBTI+ verso la vittoria, chi è Prabowo Subianto leader di Gerindra

News - Francesca Di Feo 16.2.24
Fedez in lacrime al governo Meloni: "La salute mentale è un'emergenza, non tagliate il bonus psicologo" - VIDEO - fedez - Gay.it

Fedez in lacrime al governo Meloni: “La salute mentale è un’emergenza, non tagliate il bonus psicologo” – VIDEO

Corpi - Redazione 30.10.23
orban ungheria

Come l’Ungheria è diventata illiberale, Orban e l’attacco alla democrazia

News - Lorenzo Ottanelli 1.2.24
Monza, consiglio comunale - La protesta durante la bocciatura della mozione "Caro Sindaco, trascrivi"

“A Monza il sindaco del PD ha abbandonato le famiglie omogenitoriali, serve un coraggio radicale”

News - Giuliano Federico 15.12.23
Sammy Mahdi, il politico belga di destra che ha vinto lo show drag Non sono una Signora - Sammy Mahdi - Gay.it

Sammy Mahdi, il politico belga di destra che ha vinto lo show drag Non sono una Signora

News - Redazione 28.9.23
Suella Braverman elton john

Rifugiati LGBTIQ+ non sono da proteggere? Elton John risponde così alla ministra britannica

News - Francesca Di Feo 29.9.23
Ungheria, mostra del World Press Photo vietata ai minori perché ci sono scatti raffiguranti drag queen - Home for the Golden Gays - Gay.it

Ungheria, mostra del World Press Photo vietata ai minori perché ci sono scatti raffiguranti drag queen

News - Federico Boni 3.11.23