Ivan Scalfarotto telefona al sottosegretario ungherese: “Preoccupati per i diritti delle persone trans”

La transfobica legge voluta da Orban ancora al centro del dibattito internazionale. Pressione sul presidente della repubblica ungherese.

Ivan Scalfarotto telefona al sottosegretario ungherese: "Preoccupati per i diritti delle persone trans" - unioni civili scalfarotto 1 - Gay.it
2 min. di lettura

Il sottosegretario agli Affari esteri Ivan Scalfarotto ha avuto un contatto telefonico con il segretario di Stato ungherese per la cooperazione europea e internazionale negli affari di Giustizia, János Bóka. Al centro della telefonata due recenti decisioni del Parlamento ungherese che hanno sollevato non poche polemiche e preoccupazioni, ovvero la mancata ratifica della Convenzione di Istanbul contro la violenza sulle donne e la norma di legge che identifica il sesso delle persone quale “sesso alla nascita”, semplicemente transfobica. Una norma che ha suscitato la reazione della Commissaria per i Diritti Umani del Consiglio d’Europa, Dunja Mijatovic, che l’ha definita “una violazione dei diritti umani”, e di 63 europarlamentari, che hanno scritto al governo ungherese per chiederne la cancellazione.

Intervistato da Francesco Lepore per  LInkiesta, Scalfarotto si è sentito dire in relazione a questa seconda norma che il Parlamento ha ritenuto di dover definire la nozione di “sesso” contenuta nel certificato di nascita. Tuttavia, il Segretario di Stato Bóka ha tenuto a sottolinearmi che l’Ungheria è consapevole dei suoi obblighi internazionali in materia, e in particolare da quanto previsto dalla Convenzione europea sui Diritti dell’uomo e dalla giurisprudenza delle Corti internazionali, per cui non ci sarebbe, da parte di Budapest, alcuna volontà di limitare il diritto al cambiamento di genere“.

Peccato rimangano tutti i dubbi relativi alla possibilità di ottenere nuovi documenti corretti, vedi passaporto e carta d’identità, dopo un eventuale completamento della transizione.

Grazie al sottosegretario agli Affari Esteri e alla Cooperazione internazionale, Ivan Scalfarotto, per aver chiesto conto al suo omologo ungherese alla Giustizia, Janós Bóka, Segretario di Stato per l’Unione europea e la Cooperazione giudiziaria internazionale della legge T/9934 e, in particolare, dell’articolo 33 sul dato anagrafico immodificabile del “sesso di nascita” e del conseguente divieto di cambio legale di genere per persone transgender e intersex“, hanno commentato Leonardo Monaco, Yuri Guaiana e Claudio Uberti dell’Associazione Radicale Certi Diritti, chiedendo subito un intervento diretto del governo italiano.

Ora i ministri degli esteri e degli affari europei italiani, Luigi di Maio e Vincenzo Amendola contattino il presidente della repubblica Ungherese János Áder chiedendo d’inviare il provvedimento alla Corte Costituzionale per un giudizio di legittimità. Devono farlo oggi, o sarà troppo tardi.

Ma la doccia fredda è arrivata oggi. Il presidente ungherese ha infatti firmato la legge T/9934 contenente l’articolo 33 sul dato anagrafico immodificabile del “sesso di nascita” e del conseguente divieto di cambio legale di genere per persone transgender e intersex. “Invitiamo a sostenere la campagna lanciata dall’associazione trans ungherese Transvanilla e tradotta in italiano da UniCa LGBT, che chiede alla Commissione Europea di condannare le azioni del governo ungherese e a usare tutti gli strumenti per proteggere i diritti fondamentali delle persone trans e intersex ungheresi“, hanno tuonato Leonardo Monaco, Yuri Guaiana e Claudio Uberti dell’Associazione Radicale Certi Diritti.

Il contestato testo fatto approvare da Orban sostituisce la parola “nem”, che significa sia “sesso” che “genere”, con il termine “születési nem”, ovvero  “sesso alla nascita”. In definitiva, la nuova legge prevede che il sesso alla nascita non possa essere modificato.  Una legge che viola le norme internazionali sui diritti umani e quanto deciso dalla Corte europea dei diritti dell’uomo, andando inoltre contro 3 sentenze (2005, 2007 e 2018) della Corte costituzionale ungherese.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Amadeus

Amadeus lascia la Rai e raggiunge Fazio sulla NOVE di Discovery

Culture - Mandalina Di Biase 10.4.24
GialappaShow, Gigi è Mahmood con i ballerini cileni (VIDEO) - Gigi e Mahmood - Gay.it

GialappaShow, Gigi è Mahmood con i ballerini cileni (VIDEO)

Culture - Redazione 11.4.24
Giovanni Donzelli foto instagram @giovadonze

Giovanni Donzelli di Fratelli d’Italia, outing di sua moglie che spiega “È un marito etero”

Culture - Mandalina Di Biase 9.4.24
Mahmood è in tour in Europa per presentare l'album "Nei letti degli altri"

Mahmood più libero che mai sul palco, il suo tour strega l’Europa e “Tuta gold” conquista il triplo disco di platino

Musica - Emanuele Corbo 9.4.24
Pietro Fanelli, Isola dei Famosi 2024

Pietro Fanelli, chi è il naufrago dell’Isola dei Famosi 2024?

Culture - Luca Diana 10.4.24
Ciao Maschio 2024, intervista alle Karma B: "Caro Salvini le facciamo questa domanda...." - Karma B Ciao Maschio 4 - Gay.it

Ciao Maschio 2024, intervista alle Karma B: “Caro Salvini le facciamo questa domanda….”

Culture - Federico Boni 12.4.24

Hai già letto
queste storie?

donna-transgender-arrestata-hong-kong

Hong Kong, attivista transgender arrestata con un pretesto e detenuta in condizioni disumane

News - Francesca Di Feo 29.2.24
J.K. Rowling centro stupri anti-trans* Gay.it

Nuova bufera su J.K. Rowling, accusata di negazionismo dell’Olocausto nei confronti delle persone trans

News - Federico Boni 15.3.24
Will & Harper, il doc on the road con Will Ferrell che racconta la transizione della sua amica Harper Steele - Will ill e Harper - Gay.it

Will & Harper, il doc on the road con Will Ferrell che racconta la transizione della sua amica Harper Steele

Cinema - Redazione 22.1.24
Hunter Schafer e la storia d'amore con Rosalìa durata 5 mesi: "Oggi è famiglia, qualunque cosa accada" - Hunter Schafer e Rosalia - Gay.it

Hunter Schafer e la storia d’amore con Rosalìa durata 5 mesi: “Oggi è famiglia, qualunque cosa accada”

Culture - Redazione 3.4.24
x-politiche-deadnaming-misgendering

X reintroduce le politiche di moderazione contro deadnaming e misgendering

News - Francesca Di Feo 6.3.24
Jamie Lee Curtis contro l’omobitransfobia in nome della religione: "Amore e umanità sono il centro della comunità gay e trans" - Jamie Lee Curtis - Gay.it

Jamie Lee Curtis contro l’omobitransfobia in nome della religione: “Amore e umanità sono il centro della comunità gay e trans”

Culture - Federico Boni 10.11.23
chi-segna-vince-jaiyah-saelua

“Chi segna vince”, la storia della prima donna transgender a giocare in una nazionale di calcio

Corpi - Francesca Di Feo 11.1.24
Trace Lysette in MONICA (2022)

Independent Spirit Awards 2023, pioggia di nomination LGBTQIA+. Trace Lysette candidata come miglior attrice

Cinema - Redazione Milano 6.12.23