Jennifer Aniston sostiene pubblicamente Joe Biden e la comunità LGBTQ +

"Questa elezione non riguarda un candidato o una singola questione, ma il futuro di questo Paese e del mondo", ha tuonato l'attrice.

Jennifer Aniston sostiene pubblicamente Joe Biden e la comunità LGBTQ + - Jennifer Aniston - Gay.it
2 min. di lettura

Icona di Hollywood, Jennifer Aniston ha pubblicamente sostenuto Joe Biden e Kamala Harris tramite Instagram. L’ex Rachel di Friends, tra le attrici più amate e pagate d’America, ha infatti dichiarato il proprio voto per il candidato democratico, il prossimo 3 novembre chiamato a battere Donald Trump alle elezioni presidenziali.

Sui social l’ex moglie di Brad Pitt ha scritto. “Ho votato per loro perché in questo momento questo Paese è più diviso che mai. In questo momento, alcuni uomini al potere stanno decidendo cosa le donne possano e non possano fare con il proprio corpo. Il nostro attuale presidente ha deciso che il razzismo non è un problema. Ha ripetutamente e pubblicamente ignorato la scienza … troppe persone sono morte“.

Vi esorto a considerare veramente chi sarà più colpito da questa elezione se rimaniamo nella situazione in cui ci troviamo in questo momento“, ha insistito Jennifer Aniston.Le vostre figlie, la comunità LGBTQ +, i nostri fratelli e sorelle afroamericani, gli anziani con problemi di salute, i tuoi futuri figli e nipoti (che avranno il compito di salvare un Pianeta che la nostra attuale presidenza rifiuta di credere stia soffrendo). Tutta questa faccenda non riguarda un candidato o una singola questione, ma il futuro di questo Paese e del mondo. Vota per la parità dei diritti umani, per l’amore e per la decenza“.

La diva si è concessa anche un post scriptum finale, sottolineando come non sia “divertente votare per Kanye. Non so come dirlo altrimenti. Per favore siate responsabili“.

Anche Cher, nel fine settimane, ha fatto campagna elettorale per Biden, attaccando ancora una volta Donald Trump.

Visualizza questo post su Instagram

#IVOTED for @joebiden and @kamalaharris. I dropped my ballot off, and I did it early 👏🏼 I voted for them because right now this country is more divided than ever. Right now, a few men in power are deciding what women can and can’t do with their own bodies. Our current President has decided that racism is a non-issue. He has repeatedly and publicly ignored science… too many people have died. ⠀ I urge you to really consider who is going to be most affected by this election if we stay on the track we’re on right now… your daughters, the LGBTQ+ community, our Black brothers and sisters, the elderly with health conditions, and your future kids and grandkids (who will be tasked with saving a planet that our leadership refuses to believe is hurting). ⠀ ⠀ This whole thing isn’t about one candidate or one single issue, it’s about the future of this country and of the world. Vote for equal human rights, for love, and for decency. ⠀ ❤️🗳⠀ ⠀ ⠀ PS – It’s not funny to vote for Kanye. I don’t know how else to say it. Please be responsible 🙏🏼

Un post condiviso da Jennifer Aniston (@jenniferaniston) in data:

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.
Avatar
bacibaci 29.10.20 - 9:51

Questa elezione è cruciale. 1)Se vince Trump: a) il partito repubblicano continuerà a flirtare col suprematismo bianco, a proporre un modello machista, a compiacere i fondamentalisti evangelici, visto che questa strada ha portato a 2 vittorie consecutive. b) il partito democratico si sposterà ancora più verso il socialismo, seguendo le menzogne di Sanders e della AOC, visto che proporre 2 candidati centristi come Biden e Clinton non ha portato alla vittoria. 2) se vince Biden: a) i repubblicani potrebbero darsi una regolata e iniziare a frenare razzismo machismo e confessionismo. b) i democratici potrebbero guadagnare tempo per arginarre la diffusione delle menzogne di Sanders e della AOC sul capitalismo e sulla disuguaglianza negli usa. Il primo scenario significa la polarizzazione del sistema politico americano, tra una sx sempre più socialisteggiante ed una dx sempre più razzista e confessionista, una cosa che distruggerà gli stati uniti. I sociologi dicono che la percentuale di americani che nelll'arco della loro vita di elettori hanno votato sia repubblicani che democratici sta calando, i matrimoni tra persone che simpatizzano per partiti diversi stanno calando, in pratica il voto non è più basato sulla capacità del candidato di ispirare fiducia etc, ma è dato sempre di più per partito preso e nelle relazioni sociali c'è sempre meno tolleranza reciproca per chi vota l'altro partito. Questa roba è veleno per la democrazia americana e, posto che l'ue è fragile, essendo fatta di quasi 30 paesi che non hanno neppure una lingua comune e posta l'ascesa della Cina, questo secolo potrebbe veder non solo il sorpasso di Cina ed altri paesi asiatici su USA e sui paesi europei, ma pure un vero e proprio deterioramento delle democrazie occidentali, che verrà spiegato, nello scenario 1, cioè in caso di vittoria di Trump, dalla dx come frutto di un inquinamento cultural-razziale, dalla sx come frutto di neoliberismo, perchè questi sono i pregiudizi ideologici che guidano la loro "comprensione" del mondo, pregiudizi che non avranno motivo di mettere in dubbio in caso di vittoria di Trump.

Trending

Tormentoni Queer estate 2024

Estate 2024, quali sono i tormentoni queer? La playlist di Gay.it

Musica - Luca Diana 4.6.24
Tale e Quale Show 2024, primi rumor sul cast. Da Federico Fashion Style alle Karma B e Giulia De Lellis - Tale e Quale Show 2024 - Gay.it

Tale e Quale Show 2024, primi rumor sul cast. Da Federico Fashion Style alle Karma B e Giulia De Lellis

Culture - Redazione 24.6.24
Fedez annuncia apertura canale OnlyFans

Fedez cede a OnlyFans e apre il suo canale: “Mi consigliano di ripulirmi l’immagine e faccio il contrario”

News - Emanuele Corbo 21.6.24
aggressione-foggia-intervista

Foggia, parla Alessandro, vittima dell’aggressione: “Trasformiamo la violenza in sogno” – intervista

News - Francesca Di Feo 21.6.24
Alessandra Valeri Manera Cartoni animati queer

Addio ad Alessandra Valeri Manera, la resistente che ha combattuto per noi bambinə diversə

Culture - Giuliano Federico 24.6.24
I film LGBTQIA+ della settimana 24/30 giugno tra tv generalista e streaming - film queer 2 - Gay.it

I film LGBTQIA+ della settimana 24/30 giugno tra tv generalista e streaming

Culture - Federico Boni 24.6.24

I nostri contenuti
sono diversi

Barbara Masini Azione Elezioni Europee

Europee 2024, intervista a Barbara Masini di Azione: “Italia peggiorata sui diritti, le famiglie sono tutte uguali”

News - Federico Boni 14.5.24
deumanizzat-bambin-trans-ideologia

Deumanizzatǝ: quando la vita di unǝ bambinǝ trans vale meno della propaganda di potere

Corpi - Francesca Di Feo 10.4.24
Europee 2024, Padova come Milano. Seggi elettorali rispettosi delle identità trans con file unisex - io sono io voto 1024x538 1 - Gay.it

Europee 2024, Padova come Milano. Seggi elettorali rispettosi delle identità trans con file unisex

News - Redazione 6.6.24
Marilena Grassadonia Intervista Elezioni Europee 2024 Verdi e Sinistra Italiana

Europee 2024, intervista a Marilena Grassadonia: “Pace, ambiente, battaglie transfemministe e del movimento LGBTQIA+”

News - Federico Boni 16.5.24
Roma, il sindaco Gualtieri registra altri due atti di nascita formati all’estero di figlie di due mamme - Roma sindaco Gualtieri - Gay.it

Roma, il sindaco Gualtieri registra altri due atti di nascita formati all’estero di figlie di due mamme

News - Redazione 22.4.24
L’eurodeputata leghista Basso contro i manifesti pro famiglie arcobaleno di Ravenna: "Chiederò spiegazioni a Bruxelles" - Leurodeputata leghista Basso - Gay.it

L’eurodeputata leghista Basso contro i manifesti pro famiglie arcobaleno di Ravenna: “Chiederò spiegazioni a Bruxelles”

News - Redazione 8.1.24
Buone notizie Italia 2022 Gay.it

Corte di Appello di Brescia: i figli hanno il diritto a vedere riconosciuti entrambi i genitori

News - Redazione 9.2.24
Claudia Sheinbaum prima donna presidente del Messico, qual è la sua posizione sui diritti LGBTQIA+? - Claudia Sheinbaum 1 - Gay.it

Claudia Sheinbaum prima donna presidente del Messico, qual è la sua posizione sui diritti LGBTQIA+?

News - Redazione 4.6.24