Karl Lagerfeld merita di essere celebrato al Met Gala 2023? Proteste sui social

Dal passato del grande creativo emergono posizioni difficilmente compatibili con le richieste egualitarie di oggi.

ascolta:
0:00
-
0:00
Karl Lagerfeld Met Gala Gay.it
4 min. di lettura

Sono passati poco più di cinque mesi da uno degli eventi più attesi del mondo della moda, “la notte delle notti” come viene definita, e il Met Gala – il gala annuale benefico del Metropolitan Museum of Art di New York – ha già ripreso i lavori per la prossima edizione. L’evento, che si tiene sempre il primo lunedì di maggio, è previsto per il 1 maggio 2023 e, come di consueto, è appena stato annunciato quale sarà il tema.

Karl Lagerfeld Met Gala Gay.it
Il Met Gala è uno degli eventi più attesi dell’anno

Ogni Met Gala si sviluppa attorno a un tema in base a cui gli ospiti – celebrità, popstar e l’élite di Hollywood – devono creare i loro outfit. Negli ultimi anni, il Met ha ricevuto non poche critiche per le sue scelte e per la sua mancanza di diversità. I fan e i critici dell’evento non mancano di sottolineare come la percentuale di artisti e designer BIPOC (Black, Indigenous and People of Color) sia ancora estremamente ridotta, così come ogni anno piovono critiche sul fatto di indossare manufatti storici per l’occasione – vedi Kim Kardashian e il vestito di Marilyn Monroe – e, più in generale, l’opulenta manifestazione di fama e ricchezza. Se decenni indietro era qualcosa che si usava lodare, ora passa invece come cattivo gusto.

Anche il tema del 2023 è finito in una polemica non indifferente. L’esposizione del Met Gala sarà “Karl Lagerfeld: A Line of Beauty”, un omaggio a una delle leggende della moda che ci ha lasciato nel 2019. L’intento è quello di celebrare l’indipendenza artistica e l’estro creativo che hanno fatto di Karl Lagerfeld uno degli stilisti più visionari del secolo, presentando le sue creazioni più famose. Gli invitati, quindi, dovranno ispirarsi ai suoi schizzi e alle linee della casa Lagerfeld per gli outfit con cui sfileranno su uno dei red carpet più fotografati al mondo.

Karl Lagerfeld Met Gala Gay.it
Il tema del Met Gala 2023 sarà “Karl Lagerfeld: A Line of Beauty”

Non tutti, però, sono contenti di questa scelta e, soprattutto, di dover celebrare questa leggenda della moda. In poche ore, dopo l’annuncio, fan, critici, attivisti e personaggi dello spettacolo hanno espresso sui social tutto il loro disappunto. L’importanza di Lagerfeld nel mondo della moda non viene messo in discussione, ma sono stati riportati alla luce degli episodi avvenuti nel corso della sua vita e della sua carriera che sono considerati problematici.

Tra questi ci sono i molti commenti riguardo il fisico delle modelle e, più in generale, delle donne. Come prova sono riemersi pezzi di interviste del passato in cui Lagerfeld sosteneva che l’alta moda fosse solo per i corpi magri delle ragazze sottopeso. Questo quando anche la maison più prestigiose come Chanel non avevano ancora iniziato le loro campagne per delle passerelle più inclusive. Alcuni commenti, poi, riguardano delle celebrità in particolare, come Adele, Heidi Klum e Pippa Middleton, sorella di Kate Middleton.

 

Karl Lagerfeld Met Gala Gay.it
Non tutti sono d’accordo nel celebrare Karl Lagerfeld: la polemica social

Quelli che hanno animato di più la polemica sono, però, due episodi per cui Lagerfeld è stato additato per islamofobia e victim shaming. Nel 2017 aveva criticato la scelta della Germania di accogliere gli immigrati musulmani, facendo riferimento all’Olocausto. Quando poi Dominique Strauss-Kahn, ex dirigente dell’FMI, era stato accusato di violenza sessuale, Lagerfeld gli aveva inviato dei fiori in segno di solidarietà e, nel 2018, aveva pesantemente criticato il #MeToo commentando con: «Se non vuoi tirarti i pantaloni, non diventare una modella! Entra in un convento di suore, ci sarà sempre un posto per te in convento. Quello che mi sciocca di più in tutto questo sono le stelline che hanno impiegato 20 anni per ricordare cosa è successo. Per non parlare del fatto che non ci sono testimoni dell’accusa».

 

Karl Lagerfeld Met Gala Gay.it
Karl Lagerfeld e Anna Wintour

Oltre che icona di stile, Lagerfeld era anche un’icona gay. Nonostante lui stesso fosse apertamente gay, però, in molti hanno ricordato come le sue posizioni sulla comunità LGBTQ+ fossero piuttosto ambigue. Scettico dell’affidamento dei bambini a due papà gay, ma non troppo nel caso di due mamme lesbiche, in un’intervista a Vice del 2010 si era espresso anche contro i matrimoni: «Sono contrario per un motivo molto semplice: negli anni ’60 dicevano tutti che avevamo il diritto alla differenza. E ora, all’improvviso, vogliono una vita borghese».

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Jameela Jamil (@jameelajamil)

Ovviamente, il motivo della scelta del Met Gala è uno strettamente simbolico per celebrare il suo lavoro e il suo prezioso contributo al mondo della moda. Tuttavia, come ben sappiamo, è sempre difficile scindere l’arte dal suo artista. Le polemiche riguardano la persona di Karl Lagerfeld, il suo apporto all’alta moda rimane innegabile.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Louisa Jacobson, figlia di Meryl Streep, fa coming out: "Felice di entrare in questa gioiosa nuova era" - coming out Louisa Jacobson - Gay.it

Louisa Jacobson, figlia di Meryl Streep, fa coming out: “Felice di entrare in questa gioiosa nuova era”

Culture - Redazione 25.6.24
Fuori, Elodie attrice nel nuovo film di Mario Martone dedicato a Goliarda Sapienza - Fuori film con Elodie - Gay.it

Fuori, Elodie attrice nel nuovo film di Mario Martone dedicato a Goliarda Sapienza

Cinema - Redazione 25.6.24
Queen Madonna, è suo il tour con i maggiori incassi del 2024. La TOP10 - Madonna - Gay.it

Queen Madonna, è suo il tour con i maggiori incassi del 2024. La TOP10

Musica - Federico Boni 25.6.24
Calafiori Gay.it

Riccardo Calafiori, la ‘gioia incontenibile’ per il gol non passa inosservata: “Avvistata la torre di Pisa”

Corpi - Emanuele Corbo 25.6.24
Lolita intervista

Lolita e la libertà di andare oltre gli stereotipi: “Chiunque di noi può essere tutto ciò che vuole”

Musica - Emanuele Corbo 24.6.24
I film LGBTQIA+ della settimana 24/30 giugno tra tv generalista e streaming - film queer 2 - Gay.it

I film LGBTQIA+ della settimana 24/30 giugno tra tv generalista e streaming

Culture - Federico Boni 24.6.24

Leggere fa bene

Marco Mengoni e Xavier Dolan alla sfilata di Fendi SS25 - foto instagram @mengonimarcoofficial

Marco Mengoni e la scaramuccia con Xavier Dolan, mentre Nicholas Galitzine ride con Aron Piper

Lifestyle - Mandalina Di Biase 16.6.24
Marcelo Burlon

Marcelo Burlon lascia il suo brand per godersi suo marito, i suoi cani e le nuove attività

Lifestyle - Redazione Milano 23.4.24
Sabato De Sarno (MUBI)

Sabato De Sarno, Paul Mescal e l’Apple Vision Pro

Lifestyle - Redazione Milano 19.3.24
Mahmood inSAFE FROM HARM A FILM BY WILLY CHAVARRIA

Mahmood, il video integrale di Willy Chavarria designer di collezioni non binarie

Lifestyle - Mandalina Di Biase 13.2.24
The New Look, Ben Mendelsohn è Christian Dior nel primo trailer della serie - The New Look - Gay.it

The New Look, Ben Mendelsohn è Christian Dior nel primo trailer della serie

Serie Tv - Redazione 18.1.24
Sam Smith e Christian Cowan stanno ancora insieme, red carpet di coppia mano nella mano al Met Gala 2024 (FOTO) - Sam Smith e Christian Cowan stanno ancora insieme - Gay.it

Sam Smith e Christian Cowan stanno ancora insieme, red carpet di coppia mano nella mano al Met Gala 2024 (FOTO)

Musica - Redazione 7.5.24
Kaiser Karl, Daniel Brühl è Karl Lagerfeld nella prima immagine ufficiale - Kaiser Karl - Gay.it

Kaiser Karl, Daniel Brühl è Karl Lagerfeld nella prima immagine ufficiale

Serie Tv - Redazione 12.1.24
Alessandro Michele - Creative Director Valentino

Valentino, Alessandro Michele direttore creativo dopo l’addio di Pierpaolo Piccioli che andrebbe da Chanel

Lifestyle - Mandalina Di Biase 28.3.24