La Polonia riconosce il matrimonio egualitario se celebrato all’estero: la sentenza della Corte Suprema

L’articolo 18 della Costituzione di fatto non vieta la registrazione dei certificati esteri.

ascolta:
0:00
-
0:00
Polonia matrimonio egualitario Gay.it
4 min. di lettura

La Polonia non si può esattamente definire un Paese LGBT-friendly. Negli ultimi anni le politiche del Presidente conservatore Andrzej Duda – uomo manovrato dalla destra del partito Libertà e Giustizia dell’intramontabile Jarosław Kaczyński – si sono inasprite tanto da richiedere anche un intervento dell’Unione Europea, che ha minacciato di tagliare i fondi europei destinati alla Polonia se non si fosse verificato un cambio di rotta. Questo non è accaduto, o almeno solo in parte, ma la comunità LGBTQ+ polacca continua ad essere in pericolo.

Lo scorso anno Duda aveva cercato alleati all’interno dell’Unione per supportare la sua crociata anti-LGBT: in molte zone della Polonia, infatti, sono state istituite delle zone LGBT-free, senza cioè presenta di persone queer; è stata poi istituita una campagna contro la propaganda LGBTQ+ nelle scuole. Anche se non è stato oggetto di polemiche recenti, la Polonia non riconosce nemmeno il matrimonio egualitario, stando all’articolo 18 della Costituzione che recita: «Il matrimonio come unione di un uomo e una donna, la famiglia, la maternità e la genitorialità sono sotto la protezione e la cura della Repubblica di Polonia».

Polonia matrimonio egualitario Gay.it

La sentenza della Corte Suprema permetterà di registrare i certificati di matrimonio celebrati all’esteroEbbene, su questo versante è appena arrivato un seppur flebile bagliore di speranza. La Corte suprema della Repubblica di Polonia ha infatti emesso la scorsa settimana una sentenza secondo cui, nonostante l’articolo 18 formalmente vieti il matrimonio tra persone dello stesso sesso, non vi sono i presupposti perché le istituzioni non dovrebbero accettare di registrare i certificati di matrimonio delle suddette coppie sposate all’estero. Il che vale anche per i cittadini polacchi che decidono di sposarsi in altri Paesi.

«L’articolo 18 della costituzione non può costituire di per sé un ostacolo alla trascrizione di un certificato di matrimonio straniero se l’istituzione del matrimonio come unione di persone dello stesso sesso fosse prevista nell’ordinamento interno. La disposizione della costituzione in questione non vieta la regolamentazione legale delle unioni omosessuali», si legge nella sentenza della Corte che ha sottolineato come i legislatori polacchi non abbiano di fatto emanato una legge che argini questa possibilità.

 

Polonia matrimonio egualitario Gay.it
Andrzej Duda, Presidente conservatore della Polonia

Insomma, pare che la Corte suprema abbia appena fornito alla comunità LGBTQ+ polacca un modo per aggirare il divieto di matrimonio. Tutto questo è stato possibile grazie alla causa intentata da Jakub Kwieciński e Dawid Mycek, coppia gay di food vlogger che, dopo essersi sposati in Portogallo, avevano fatto richiesta per trascrivere il certificato di matrimonio, vedendosela negata. D’ora in poi, le istituzioni non avranno una base legale per rifiutarsi di trascrivere il certificato di una coppia queer, se questa è convolata a nozze all’estero.

Polonia matrimonio egualitario Gay.it
Le leggi anti-LGBT in Polonia si sono inasprite: un esempio sono le zone LGBT-free

Si tratta di un traguardo di piccola portata, ma un traguardo nondimeno. Soprattutto se si considera che il governo polacco ha fatto marcia indietro su alcune disposizioni, come l’abrogazione di alcune zone LGBT-free, solo dopo che l’Unione Europa ha minacciato lo scorso anno di tagliare i fondi destinati per far fronte all’emergenza sanitaria dovuta alla pandemia. Il parziale cambio di rotta non è certo stato dovuto a un improvviso cambio di ideologia: se fosse per l’attuale governo in carica, le leggi sarebbero ancora più aspre.

 

Polonia matrimonio egualitario Gay.it
La comunità LGBTQ+ polacca gode di ben pochi diritti

Il clima politico, tuttavia, non sembra andare di pari passo con quello della popolazione. Nonostante, infatti, la Polonia sia storicamente un Paese prettamente conservatore, un recente sondaggio realizzato dal gruppo di ricerca Miłość Nie Wyklucza – L’amore non esclude ha evidenziato come in realtà una buona parte della popolazione sarebbe favorevole all’approvazione del matrimonio egualitario. Il 56% degli intervistati è favorevole, percentuale seguita dal 68% che riconosce le coppie omogenitoriali come famiglia e un altro 58% secondo cui una coppia dello stesso sesso è famiglia anche senza figli.

Si potrebbe azzardare un’ipotesi per cui la lotta anti-LGBT di Duda è una battaglia puramente personale e basata più sulle proprie convinzioni che non sul reale sentire del Paese. tuttavia, chi detiene il potere di emanare le leggi è ancora contro la comunità LGBTQ+: il riconoscimento del matrimonio tra coppie dello stesso sposate in terra straniera è un piccolissimo passo avanti, ma a volte è quanto basta per sperare che un cambiamento più grande stia arrivando, magari in tempo per le prossime elezioni presidenziali.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Bad Bunny, Leto, Scilla, Carta, Camilli e altri - Specchio specchio delle mie brame la sexy gallery social vip - Gay.it

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Bad Bunny, Leto, Scilla, Carta, Camilli e altri

Culture - Redazione 16.4.24
Omosessualità Animali Gay

Animali gay, smettiamola di citare l’omosessualità in natura come sostegno alle nostre battaglie

Culture - Emanuele Bero 18.4.24
Guglielmo Scilla, intervista: "Mi sconsigliarono di fare coming out. Potessi tornare indietro lo farei prima" - Guglielmo Scilla foto - Gay.it

Guglielmo Scilla, intervista: “Mi sconsigliarono di fare coming out. Potessi tornare indietro lo farei prima”

Culture - Federico Boni 18.4.24
Svezia transizione 16 anni transgender

Svolta storica anche in Svezia, l’età per la transizione si abbassa a 16 anni, approvata la legge sull’autodeterminazione

News - Francesca Di Feo 18.4.24
Marco Mengoni insieme a Fra Quintale e Gemitaiz canta "Un fuoco di paglia" di Mace, nell'album MAYA. Nel ritornello, Marco si rivolge ad un amore con una desinenza di genere maschile.

Marco Mengoni, una strofa d’amore a un uomo

Musica - Mandalina Di Biase 19.4.24
Amadeus, Sanremo Giovani 2023

Sanremo verso Mediaset, Amadeus in onda sul NOVE già a fine agosto con tre programmi

Culture - Mandalina Di Biase 18.4.24

Continua a leggere

Chiara Francini voce del podcast Refuge: "Alla ministra Roccella dico di ascoltare le storie di omobitransfobia" - INTERVISTA - chiara francini 2 - Gay.it

Chiara Francini voce del podcast Refuge: “Alla ministra Roccella dico di ascoltare le storie di omobitransfobia” – INTERVISTA

News - Federico Boni 10.11.23
Penny Wong, la ministra degli esteri d'Australia ha sposato l'amata Sophie Allouache - Penny Wong la ministra degli esteri dAustralia ha sposato lamata Sophie Allouache - Gay.it

Penny Wong, la ministra degli esteri d’Australia ha sposato l’amata Sophie Allouache

News - Redazione 18.3.24
Polonia, giornalista della Tv di Stato si scusa in diretta per la propaganda anti-LGBTQ+ degli ultimi 8 anni (VIDEO) - Wojciech Szelag - Gay.it

Polonia, giornalista della Tv di Stato si scusa in diretta per la propaganda anti-LGBTQ+ degli ultimi 8 anni (VIDEO)

News - Redazione 16.2.24
Grande Fratello Letizia Petris lesbica Vittorio Gay

Grande Fratello, le parole di Beatrice Luzzi suscitano polemiche: “Letizia Petris è lesbica”

Culture - Luca Diana 7.11.23
padova-congresso-nazionale-arco-stonewall

Dallo Stonewall Inn a Padova: due ospiti d’eccezione per il terzo Congresso Nazionale ARCO

News - Francesca Di Feo 12.12.23
Modifica legge federale Stati Uniti Gay.it

2023, l’anno nero per i diritti LGBTQIA+ negli Stati Uniti d’America

News - Redazione 27.12.23
Romania, il premier Ciolacu chiude alle unioni civili: "La nostra società non è pronta" - Marcel Ciolacu - Gay.it

Romania, il premier Ciolacu chiude alle unioni civili: “La nostra società non è pronta”

News - Redazione 24.11.23
elly schlein partio democratico

Abruzzo al voto, Elly Schlein: “Ci battiamo per il diritto delle donne a scegliere del proprio corpo”

News - Redazione 8.3.24