Le lacrime di Barbie in un mondo oppresso dagli stereotipi di genere: il rapporto shock delle Nazioni Unite

Italia fanalino di coda in Europa.

ascolta:
0:00
-
0:00
stereotipi di genere barbie
stereotipi di genere barbie
3 min. di lettura

Chi ha paura di Barbie?, ci chiedevamo qualche settimana fa in occasione dell’uscita del film che ha sbancato ogni botteghino.

La risposta è semplice: tutti, ma proprio tutti nel mondo hanno paura di Barbie. Perché tutti, ma proprio tutti, hanno introiettato nelle proprie organizzazioni sociali e nelle proprie peculiari individualità i preconcetti degli stereotipi di genere. E quel film, Barbie, è riuscito con un linguaggio mainstream e accessibile anche ai più piccoli, a far emergere alcune sfumature del quotidiano regime dello stereotipo di genere. La battaglia è lunga, e il film Barbie è soltanto una vitale goccia nell’oceano di pregiudizi che bagna tutte le società della civiltà umana contemporanea.

Lo spiega molto bene un rapporto recentemente pubblicato dall’UNDP – il Programma delle Nazioni Unite per lo sviluppo – denominato “Breaking Down Gender Biases. Shifting social norms towards gender equality” (“Sconfiggere i Preconcetti di Genere: Spostare le Norme Sociali verso l’Uguaglianza di Genere“).

Il 90% della popolazione mondiale, composta da uomini e donne, presenta preconcetti stereotipati riguardanti i ruoli di genere. Quasi metà delle persone nel mondo ritiene che gli uomini siano più adatti a essere leader politici rispetto alle donne, e due su cinque credono che gli uomini siano più idonei a guidare un’azienda rispetto alle donne. Il dato scioccante, ma non sorprendente, si distende impietoso ovunque sul globo terracqueo. Gli stereotipi di genere sono evidenti in tutte le fasce di reddito, in tutte le culture, sia nei paesi ad alto tasso di sviluppo, sia nei paesi a basso sviluppo socioeconomico.

Il rapporto introduce un nuovo indice chiamato “Indice delle Norme Sociali di Genere” (INSF), che misura la quantità di stereotipi di genere presenti nella società. Questo indice si concentra sugli atteggiamenti delle persone riguardo ai ruoli sociali di uomini e donne, e ce su risultati concreti come la partecipazione delle donne in determinati contesti o le differenze di reddito e occupazione.

Lo studio ha coinvolto l’85% della popolazione mondiale e ha rivelato che la maggioranza delle persone ha pregiudizi di natura politica, scolastica ed economica.

leggi: La storia di Andrea Spezzacatena,
il ragazzo dai pantaloni rosa, diventa un film

Andrea Spezzacatena ragazzo dai capelli rosa
Andrea Spezzacatena, il ragazzo dai pantaloni rosa

Alcuni dati esemplari, riportati in Italia dal Sole24Ore:

  • il 57% delle donne e il 65% degli uomini hanno pregiudizi riguardo ai diritti delle donne nella politica
  • soltanto il 27% ritiene fondamentale che le donne abbiano gli stessi diritti degli uomini per preservare la democrazia
  • il 49% delle persone ritiene che gli uomini siano migliori leader delle donne
  • il 25% delle donne e il 31% degli uomini crede che l’istruzione universitaria sia più importante per gli uomini che per le donne
  • il 54% delle donne e il 64% degli uomini pensano che gli uomini siano più capaci negli affari rispetto alle donne
  • il 46% ritiene che sia più cruciale per un uomo trovare lavoro rispetto a una donna

Il rapporto evidenzia che i divari di genere nel reddito sono strettamente correlati ai pregiudizi di genere. Inoltre, nei paesi con alti livelli di stereotipi di genere riguardanti i ruoli sociali, le donne dedicano significativamente più tempo alle faccende domestiche e all’assistenza, rispetto agli uomini.

Una nota positiva: in 27 paesi, la percentuale di persone senza pregiudizi nelle norme sociali di genere è aumentata tra il 2010-2014 e il 2017-2022.

stereotipi di genere italia
Dettagli Italia del grafico complessivo dello studio: qui la fonte >

 

L’Italia presenta un quadro sconfortante.

  • il 61% della popolazione italiana ha almeno un pregiudizio legato agli stereotipi di genere (65,3% uomini –  57,9% donne. Percentuali spaventosamente più alte di altri paese europei: Spagna 50%, Francia 56%, Germania 37%, Paesi Bassi 30%, Regno Unito 30% e Svezia 27%.

 

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Papa Francesco Dignitas Infinita - Chiesa Cattolica - Vaticano

Il documento del Vaticano che mette l’intera comunità LGBTI ai margini: teoria gender, surrogata, bambini e altre mistificazioni reazionarie

Culture - Giuliano Federico 8.4.24
Victoria De Angelis dei Maneskin, vacanza romantica e baci social con l'amata Luna Passos (FOTO) - Victoria De Angelis dei Maneskin vacanza romantica e baci social con lamata Luna Passos FOTO - Gay.it

Victoria De Angelis dei Maneskin, vacanza romantica e baci social con l’amata Luna Passos (FOTO)

News - Redazione 9.4.24
Mahmood è in tour in Europa per presentare l'album "Nei letti degli altri"

Mahmood più libero che mai sul palco, il suo tour strega l’Europa e “Tuta gold” conquista il triplo disco di platino

Musica - Emanuele Corbo 9.4.24
Back to Black, recensione del biopic su Amy Winehouse. Il ricordo di un'icona sconfitta dall'amore - BackToBlack2024 - Gay.it

Back to Black, recensione del biopic su Amy Winehouse. Il ricordo di un’icona sconfitta dall’amore

Cinema - Federico Boni 11.4.24
Ciao Maschio 2024, intervista alle Karma B: "Caro Salvini le facciamo questa domanda...." - Karma B Ciao Maschio 4 - Gay.it

Ciao Maschio 2024, intervista alle Karma B: “Caro Salvini le facciamo questa domanda….”

Culture - Federico Boni 12.4.24
Angelina Mango è pronta per l'Eurovision Song Contest che si terrà a maggio in Svezia

Perché Angelina Mango può vincere Eurovision 2024

Musica - Emanuele Corbo 11.4.24

I nostri contenuti
sono diversi

i want you to know my story di Jess Dugan

Tra nuovi sguardi e corpi fuori dagli schemi: benvenutə al Gender Bender 2023!

Culture - Riccardo Conte 24.10.23
@giorgiominisini_

Giorgio Minisini contro gli stereotipi: perché essere maschio alfa, quando puoi stare bene? – L’intervista

Corpi - Riccardo Conte 21.2.24
piccioli Hulk

Chi ha tinto di rosa l’Incredibile Hulk

Culture - Redazione Milano 18.10.23
Foto: SchiDechDaily

Parità di genere nella Preistoria? Le donne erano cacciatrici come gli uomini (e anche meglio!)

News - Redazione Milano 20.2.24
Guglielmo Giannotta Eugenia Roccella corpo delle donne patriarcato identità di genere stereotipi di genere studi di genere

L’ignoranza di Roccella, il corpo delle donne come causa delle violenze: la risposta di Guglielmo Giannotta

News - Redazione Milano 27.11.23
valerie notari gamer girl

Gaming, fluidità e liberazione: intervista a Valerie Notari autrice di “Gamer girl”

Culture - Federico Colombo 20.11.23
barbie margot robbie

Margot Robbie, Barbie e gli Oscar 2024. Ecco le prime parole dell’attrice dopo le polemiche sulle mancate nomination

Cinema - Redazione 1.2.24
pronomi comunuità lgbtqia+ chiamami con il mio pronome

“Chiamami con il mio pronome”, perché i pronomi sono importanti per le persone LGBTIQA+?

Guide - Redazione Milano 16.11.23