Leo Gullotta sulla GPA: “Esiste, è un fatto di civiltà nel mondo, perché non regolarizzarla anche in Italia?”

Dopo il coming out, la censura sulla carriera: "Rifarei tutto".

ascolta:
0:00
-
0:00
leo gullotta gpa
leo gullotta gpaleo gullotta gpa
3 min. di lettura

Leo Gullotta, il celebre attore che in sessant’anni di carriera ha interpretato molteplici ruoli tra teatro, cinema e televisione, si racconta senza filtri in un’intervista a Il Gazzettino. Nato nel quartiere popolare di Catania, il giovane Leo ha abbracciato il teatro sin da giovanissimo, coltivando la sua passione per la recitazione e ottenendo il diploma all’Istituto d’Arte.

L’incontro cruciale con Mario Giusti, giornalista e regista del Teatro Stabile di Catania, ha segnato l’inizio della sua formazione teatrale, dove ha appreso il mestiere, le regole e il rispetto per il pubblico. Oltre alle grandi figure con cui ha lavorato, tra cui Leonardo Sciascia, Giuseppe Fava e Salvo Randone, Leo Gullotta ha sperimentato diversi ruoli, diventando un’icona della comicità con gli spettacoli del Bagaglino, che furono oggetto di feroci critiche da parte della sinistra. Oggi, l’attore guarda con piacere a quei giorni di successo, ma ritiene che sia tempo di conservare il passato e di non rifare lo stesso show.

Lo scorso Aprile Gullotta si era fatto sentire, quando erano ormai chiare le intenzioni del governo Meloni sui diritti delle famiglie omogenitoriali: “Nega i diritti a bambini che esistono. Dove sta l’umanità di queste persone?” aveva protestato pubblicamente l’attore.

La vita di Leo Gullotta ha anche attraversato un momento cruciale quando, nel 1995, ha fatto coming out, dichiarando apertamente la sua omosessualità. Questa scelta ha portato, purtroppo, ad alcune forme di censura, come quella che gli ha impedito di interpretare una miniserie su Don Pino Puglisi, il parrocco ucciso dalla mafia nel 1993, sul quale la Rai produsse la serie tv Brancaccio nel 2001.

Riportiamo alcuni brevi passaggi della lunga (e assai interessante) intervista de Il Gazzettino:

Lei è sempre stato di sinistra: Schlein non le piace?
«Lei mi sembra interessante. Per fortuna che c’è».

Anche lei pensa che le unioni civili non siano abbastanza?
«Certo che non lo sono, ma quando sono arrivate – con il loro valore di civiltà e democrazia – non potevo, non potevamo, io e il mio compagno, non sottoscriverle. Spero siano una tappa di avvicinamento ai pieni diritti».

Che ne pensa dell’utero in affitto?
«Non si può dire in una frasettina».

Si prenda il tempo che vuole.
«L’utero in affitto esiste, c’è. È un fatto di civiltà nel mondo, perché non regolarizzarlo anche in Italia? Ha altri argomenti vivaci e di giornata?».

Dopo il coming out che lei fece nel 1995 disse di essere stato vittima di una censura che le impedì di fare una miniserie su Don Pino Puglisi: ha subito altri episodi simili?
«La censura continua ancora».

In generale o per Leo Gullotta?
«C’è ancora. Io osservo e le posso dire che c’è ancora».

Quindi dopo quella per la fiction su Don Puglisi per lei ce ne sono state altre?
«Non mi sembra. A lei ne risultano altre?».

In generale ha conti da saldare con qualcuno?
«No. Sono una persona limpida e non mi lascio niente alle spalle».

C’è qualcosa che non rifarebbe?
«Rifarei tutto. Alcune cose vanno bene e altre vanno male. Bisogna sempre provarci, però, perché se si sta fermi è finita».

Della censura per il ruolo di Don Pino Puglisi, Gullotta parlò già nel 2020, “Fu uno schiaffo tremendo” rivelò l’attore.

Guarda al futuro con serenità e si gode le nuove opportunità lavorative, come il suo film “So tutto di te” prodotta da Prime Video. I colleghi de Il Gazzettino concludono raccontando di Leo Gullotta come una persona limpida, priva di conti in sospeso con il passato e con la ferma volontà di continuare a provare nuove sfide nella vita e nella sua carriera di attore poliedrico. Gullotta nel 2019 si è unito civilmente al suo compagno, dopo 32 anni di vita insieme.

Su RaiPlay non perdete la puntata di Ossi di Seppia nella quale Gullotta ripercorre 30 anni di movimento LGBTQIA+  VIDEO >>>

 

foto di copertina tratta da Catania Book Fest IG

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Marco Mengoni per un noto brand di gioielli

Marco Mengoni è un gioiello, ma la verità è che tutti guardano un’altra cosa

Musica - Emanuele Corbo 10.4.24
Back to Black, recensione del biopic su Amy Winehouse. Il ricordo di un'icona sconfitta dall'amore - BackToBlack2024 - Gay.it

Back to Black, recensione del biopic su Amy Winehouse. Il ricordo di un’icona sconfitta dall’amore

Cinema - Federico Boni 11.4.24
Giovanni Donzelli foto instagram @giovadonze

Giovanni Donzelli di Fratelli d’Italia, outing di sua moglie che spiega “È un marito etero”

Culture - Mandalina Di Biase 9.4.24
Coming out di massa di calciatori in Germania? Bundesliga pronta a scendere in campo contro l’omobitransfobia - Bayer Leverkusen - Gay.it

Coming out di massa di calciatori in Germania? Bundesliga pronta a scendere in campo contro l’omobitransfobia

Corpi - Redazione 11.4.24
Amadeus

Amadeus lascia la Rai e raggiunge Fazio sulla NOVE di Discovery

Culture - Mandalina Di Biase 10.4.24
Ma Ricky Martin si è eccitato sul palco del Celebration Tour di Madonna? (VIDEO) - Ricky Martin sale sul palco del Celebration Tour di Madonna - Gay.it

Ma Ricky Martin si è eccitato sul palco del Celebration Tour di Madonna? (VIDEO)

Musica - Redazione 9.4.24

Leggere fa bene

Un Professore 2, le interviste al cast: "Stagione senza freni per Simone, andrà avanti il rapporto con Manuel" - un professore 2 - Gay.it

Un Professore 2, le interviste al cast: “Stagione senza freni per Simone, andrà avanti il rapporto con Manuel”

Serie Tv - Federico Boni 13.11.23
un-posto-al-sole-gestazione-per-altri

La violenta manipolazione di Un Posto al Sole al racconto della gestazione per altri

Serie Tv - Francesca Di Feo 16.10.23
Sanremo 2024, Amadeus apre ai trattori. Il leader Danilo Calvani insultava Vendola, "è contro natura" - Sanremo 2024 Amadeus apre ai trattori. Quando il leader Danilo Calvani insultava Nichi Vendola 3 - Gay.it

Sanremo 2024, Amadeus apre ai trattori. Il leader Danilo Calvani insultava Vendola, “è contro natura”

Culture - Redazione 6.2.24
Lance Bass degli NSYNC e il coming out: “Cambiò la mia carriera, nel bene e nel male” - Lance Bass foto cover - Gay.it

Lance Bass degli NSYNC e il coming out: “Cambiò la mia carriera, nel bene e nel male”

Culture - Redazione 7.3.24
Vittorio Menozzi, Federico Massaro e Stefano Miele, Grande Fratello

Grande Fratello, le parole di Stefano Miele suscitano polemiche: “Secondo me Federico è gay”

Culture - Luca Diana 22.1.24
Sanremo 2024, 1a serata: Ecco l'ordine d'uscita dei 30 big in gara. Apre Clara, Mahmood tra Annalisa e Diodato - Marco Mengoni a Sanremo 2024 - Gay.it

Sanremo 2024, 1a serata: Ecco l’ordine d’uscita dei 30 big in gara. Apre Clara, Mahmood tra Annalisa e Diodato

Culture - Redazione 6.2.24
"Noi e ...", questa sera Mara Venier e Loretta Goggi per la prima volta insieme a sostegno dell'Unicef - Mara Venier e Loretta Goggi 2 - Gay.it

“Noi e …”, questa sera Mara Venier e Loretta Goggi per la prima volta insieme a sostegno dell’Unicef

Culture - Redazione 22.11.23
povia sanremo 2024

Povia a Sanremo 2024? Il cantautore che anticipò Vannacci, e che nel 2009 cantò “Luca era gay”

Musica - Giuliano Federico 16.10.23