“Masculin/Masculin”, l’altro nudo al Museé d’Orsay di Parigi

L'uomo "nature", dall'800 ai giorni nostri, in più di 200 opere tra dipinti, fotografie e sculture. La classicità di Girodet, il pop di Pierre&Gilles, i disegni di Cocteau, i nudi torturati di Bacon.

"Masculin/Masculin", l'altro nudo al Museé d'Orsay di Parigi - orsay arte gay 1 - Gay.it
3 min. di lettura
"Masculin/Masculin", l'altro nudo al Museé d'Orsay di Parigi - orsay arte gay 2 - Gay.it

Il nudo maschile fa ormai tendenza – inutile tentare di dare interpretazioni sociologiche: quello femminile semplicemente è stato troppo vampirizzato dal marketing pubblicitario – e persino l’arte, che ha sempre attribuito al corpo “nature” dell’uomo una valenza classica e spesso apollinea, sta scoprendo le diverse prospettive estetiche di tale soggetto, ancora controverso. Avevamo parlato diffusamente della discussa mostra Nackte Männer (“Uomini nudi”) al Leopold Museum di Vienna: una versione riveduta e ampliata è stata inaugurata martedì scorso presso il prestigioso Musée d’Orsay di Parigi, è visitabile fino al 2 gennaio 2014 e s’intitola Masculin/Masculin – L’uomo nudo nell’arte dall’800 ai giorni nostri.

"Masculin/Masculin", l'altro nudo al Museé d'Orsay di Parigi - orsay arte gay 1 - Gay.it

Come spiega chiaramente il sottotitolo, si tratta di un excursus sulla rappresentazione della nudità maschile negli ultimi tre secoli, costituito da più di duecento opere fra dipinti, fotografie e sculture (solo una dozzina delle opere di Nackte Männer è presente al d’Orsay). Dalla classicità mitologica di Anne-Louis Girodet e il suo bellissimo Sonno di Endimione, passando per il nudo possente di Jacques Louis David Académie d’homme, si arriva al pop contemporaneo di Pierre&Gilles e David LaChapelle. È possibile scoprire le magnifiche e innovative fotografie in bianco e nero del dimenticato George Platt Lynes (1907-1955), fonte d’ispirazione per i nudi di Mapplethorpe, oppure i delicati naturisti dell’impressionista Frédéric Bazille (1841-1870) nello splendido Il pescatore di sparvieri. Uno splendido seminudo muscoloso di colore, quasi santificato da una fonte di luce che sembra provenire dalla sua testa mentre un altro uomo lo scopre con una coperta color lilla, è la versione provocatoria del cristologico Ecce Homo e lo firma il trentaseienne Kehinde Wiley.

Non può certo mancare San Sebastiano martire, nella versione fiammeggiante di Horace Le Blanc o immaginato da Alfred Courmes con blusa da marinaio e genitali esposti. Ovviamente ci sono anche gli stilizzati disegni erotici di Cocteau, i nudi nodosi di Lucian Freud e quelli tormentati di Francis Bacon.

«Il d’Orsay è un museo adulto – ha spiegato all’ANSA il presidente Guy Cogeval – e vent’anni fa, quando la cultura gay era ancora tabù, una mostra su questo tema era improponibile. Sarà che oggi si è più sfrontati. Abbiamo trattato il nudo maschile come un normale soggetto di storia dell’arte, cosa che non era mai stata fatta prima. È una mostra classica al passo con i tempi – aggiunge – senza dimenticare una certa dose di ironia. Le opere esposte raccontano come nel corso dei secoli sia cambiato il modo di vedere il corpo maschile. Durante la Rivoluzione francese il nudo maschile rappresentava un ritorno alla Repubblica e alla virtù, mentre oggi prevale la bellezza omosessuale. Per esempio il dipinto ‘Il sonno di Endimione’ rappresenta la dea Diana che, trasformata in raggio di luna, culla Endimione, il bellissimo giovane di cui si è innamorata. È più che evidente che si tratta di una scena eterosessuale, ma per via della bellezza ambigua del giovane, il dipinto negli anni è stato reinterpretato in chiave gay. E il bell’Endimione è diventato una vera icona omosessuale».

Curiosità: durante il vernissage della mostra, un modello di Rennes apparso sulla copertina del mensile gay Têtu, tale Arthur Gillet, ha realizzato una bizzarra performance vagando completamente nudo tra i visitatori fino all’intervento del direttore della sicurezza. Sì, il nudo maschile fa proprio tendenza. Ovunque.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

chat gay grindr

Grindr sotto accusa: avrebbe condiviso con terze parti lo status HIV di migliaia di utenti

News - Francesca Di Feo 22.4.24
Priscilla

Priscilla, 30 anni dopo arriva il sequel della Regina del Deserto

Cinema - Redazione 22.4.24
Consumo di contenuti p0rn0 con persone trans nel mondo - dati forniti da Pornhub

L’Italia è la nazione che guarda più p0rn0 con persone trans*

News - Redazione Milano 20.4.24
BigMama a Domenica In

BigMama: “Prima di Lodovica nascondevo la mia sessualità, non pensavo di meritare amore”

Musica - Emanuele Corbo 22.4.24
BigMama: "La rappresentazione è tutto. Quando accendevo la tv persone come me non ce n'erano" - BigMama - Gay.it

BigMama: “La rappresentazione è tutto. Quando accendevo la tv persone come me non ce n’erano”

Musica - Redazione 21.4.24
Prisma 2, il silenzioso ma potentissimo teaser trailer con protagonisti Marco e Daniele - Prisma - Gay.it

Prisma 2, il silenzioso ma potentissimo teaser trailer con protagonisti Marco e Daniele

Serie Tv - Redazione 22.4.24

I nostri contenuti
sono diversi

michael-stipe-binarismo-di-genere

Michael Stipe sul binarismo di genere: “Nel ventunesimo secolo stiamo riconoscendo le zone grigie”

Musica - Francesca Di Feo 15.12.23
Andrea Tarella - Gay.it intervista

Le creature fantastiche di Andrea Tarella “Ho galline in giardino, un fagiano, un’iguana, un drago barbuto, e tanti acquari intorno a me”

Culture - Riccardo Conte 20.2.24
Biennale Arte Venezia 2024 - Foreign Everywhere by Adriano Pedrosa

Siamo ovunque: cosa aspettarci dalla Biennale queer e decolonizzata di Adriano Pedrosa

Culture - Redazione Milano 2.2.24
Miranda July (Vogue, 2020)

Miranda July, amarsi senza cadere a pezzi – intervista

Culture - Riccardo Conte 4.3.24
Transatlantic bridges: Corrado Cagli, 1938-1948

Corrado Cagli, l’artista queer che voltò le spalle al regime fascista, in mostra a New York – GALLERY

Culture - Redazione Milano 9.11.23
Rooy Charlie Lana

Vergognarsi e spogliarsi lo stesso: intervista con Rooy Charlie Lana, tra desiderio e non binarismo

Culture - Riccardo Conte 29.2.24
Foto: Matteo Gerbaudo

Giada Biaggi non si sente più in colpa: ‘Abbi l’audacia di un maschio bianco’, l’intervista

Culture - Riccardo Conte 18.3.24
Cate Blanchett insieme a Coco Francini e la Dott.ssa Stacy L. Smith (Good Morning America)

Cate Blanchett a sostegno dellə cineastə donne, trans, e non binary

Cinema - Redazione Milano 19.12.23