Negli anni 70 nasceva Viva, rivoluzionaria rivista porno per donne

Tra trattati di Maya Angelou, cura di Anna Wintour, e molti peni.

ascolta:
0:00
-
0:00
Negli anni 70 nasceva Viva, rivoluzionaria rivista porno per donne
viva rivista porno per donne anni 70
4 min. di lettura

Tra il 1972 e il 1973, l’esplosione della seconda ondata femminista lasciava spazio a scenari imprevedibili: se fino a qualche decade prima le donne erano confinate nei ruoli di madri, mogli, e oggetti dello sguardo maschile, gli anni settanta riattribuivano una nuova autonomia, una consapevolezza di sé stesse e del proprio corpo in costante crescita, con l’urgenza di scavalcare gli schemi retrogradi dell’epoca passata. Per la prima volta le donne non erano solo pedine in funzione dell’appetito maschile, ma soggetti pensanti, con desideri, pulsioni, e un corpo che viveva (e godeva) di piacere proprio.

Fu così che all’editrice Gay Bryant venne il lampo di genio: perché non sfornare una rivista rivolta al pubblico femminile, che alternasse foto pornografiche ma anche saggi femministi, stimolando desiderio e riflessioni? Bryant presento l’idea a Bob Guccione, fondatore di Penthouse, che insieme a Playboy e Hustler, coronava il podio delle riviste pornografiche più famose d’America. L’idea convinse Guccione, e nel 1973 nacque Viva, “the internazionale magazine for Women” , o anche ricordata come la prima rivista porno per donne degli anni 70.

 

Negli anni 70 nasceva Viva, rivoluzionaria rivista porno per donne
Viva, numero di Maggio, 1975

Viva era la quintessenza della rivoluzione femminista, con storie di emancipazione sfacciate, irriverenti, e libere da qualunque tipo di perbenismo: alternava saggi sull’importanza di dire no, saggi politici, recensioni di libri, pezzi sull’astrologia, tutti dalla penna di autrici e giornaliste donne. Viva trovava spazio anche per racconti di survivor, raccogliendo più di 2,000 testimonianze di stupro, che nel 1976 diedero vita al saggio “Outrage! The Viva Rape Letters“.

La rivista vedeva il contributo di alcune dei nomi più in gamba dell’industria, come Gail Sheehy, Maxine Hong Kingston, and Sheila Weller, e una fashion editor che prendeva il nome di Anna Wintour. “Aveva una personalità forte” commenta Alma Moore, direttrice tra il ’74 e il ’75: “Abbiamo discusso di come pagine dedicata a moda e bellezza fossero terribilmente importanti per la rivista, e lei rapidamente ha preparato degli splendidi servizi.”

 

Negli anni 70 nasceva Viva, rivoluzionaria rivista porno per donne
Viva, numero di Settembre, 1974

Viva, tra un trattato di Maya Angelou e il premio Nobel Nadine Gordimer, alternava anche pettorali pelosi, peni a destra e manca, uomini nudi a cavallo sulla spiaggia, sesso tantrico. “Abbiamo riconosciuto che le donne erano interessate agli uomini, erano interessate al sesso, e anche che le donne avevano una mente” dice a Shondaland, Anne Gottlieb, editrice per Viva tra il ’74 al ’76: “Il concetto era che le donne avessero piena azione, sia sul piano mentale che fisico. Donne che erano presenti negli stessi settori degli uomini e potevano avere desideri, idee brillanti, ed essere interessate al corpo degli uomini – e senza alcuna contraddizione”. 

La ricordano come un’operazione rivoluzionaria e coraggiosa per l’epoca e al contempo intrisa dagli stessi retaggi: “Buona parte delle storie erano scritte da una posizione di privilegio – bianca, cisgender, eterosessuale, abile, neurotipica – e stesso valeva per buona parte delle persone fotografate e raccontate tra quelle pagine” scrive Molly Savard per Shodaland. Ma pur riflettendo specifici bias, Viva era una boccata d’aria fresca non solo per uno specifico pubblico femminile, ma anche maschile. “Chi comprava la rivista? Uomini gay” dice la senior editor Robin Wolaner, spiegando che non esistevano delle riviste gay di riferimento e in qualche modo Viva soddisfava anche quella fetta di pubblico.

Negli anni 70 nasceva Viva, rivoluzionaria rivista porno per donne
Inserto di Viva Magazine

Verso la metà degli anni 70, la rivista iniziò a raggiungere una fase di stallo: cosa voleva davvero vedere il pubblico femminile? Qual è la linea sottile tra erotismo e pornografia? Il desiderio femminile è veramente acceso da dei falli in primo piano? Questa costante messa in discussione iniziò a determinarne una crisi d’identità, tanto che nel 1977 iniziò a prendere le sembianze di una classica rivista femminile ma priva di un focus preciso. Nel giro di cinque anni, senza profitti o mantenimenti, Guccione smise di finanziare Viva, con un’ultima pubblicazione nel Gennaio 1979.

Ma Viva viene ricordata ancora oggi come un breve e intenso momento di caotica gioia, dove una redazione composta a larga scala da donne poteva dare libero sfogo al proprio estro creativo, senza sottostare alla manovra dell’editore di turno o piegarsi al male gare, celebrando le proprie storie e punti di vista: “Viva era casa per le storie coraggiose che le autrici e scrittrici dell’epoca volevano raccontare” scrive Savard “Libere dalla rigidità delle riviste femminili tradizionali o pubblicazioni vecchi stampo e discriminatorie come Newsweek, si sono messe in gioco e hanno esplorato quello che le interessava”.

 

Leggi anche: BUTT Magazine, torna dopo 10 anni il magazine queer

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Ambra e il body shaming da parte della stampa quando aveva 17 anni: "Sottolineavano ovunque quanto fossi diventata grassa" - Ambra e il body shaming da parte della stampa quando aveva 17 anni - Gay.it

Ambra e il body shaming da parte della stampa quando aveva 17 anni: “Sottolineavano ovunque quanto fossi diventata grassa”

Culture - Redazione 22.5.24
Bingham Cup 2024, arriva a Roma il torneo internazionale di rugby inclusivo - In from the Side cover - Gay.it

Bingham Cup 2024, arriva a Roma il torneo internazionale di rugby inclusivo

Corpi - Federico Boni 20.5.24
Nemo vincitore Eurovision 2024

Nemo dopo l’Eurovision vola alla conquista degli States, ma “The Code” (per ora) non fa il botto

Musica - Emanuele Corbo 20.5.24
Cannes 2024, Vivre, Mourir, Renaitre è il nuovo film queer di Gaël Morel con Victor Belmondo e Théo Christine (VIDEO) - Cannes 2024 Vivre Mourir Renaitre 3 - Gay.it

Cannes 2024, Vivre, Mourir, Renaitre è il nuovo film queer di Gaël Morel con Victor Belmondo e Théo Christine (VIDEO)

Cinema - Redazione 22.5.24
La Lega presenta una proposta di legge per "vietare l'insegnamento delle teorie gender nelle scuole" - Laura Ravetto - Gay.it

La Lega presenta una proposta di legge per “vietare l’insegnamento delle teorie gender nelle scuole”

News - Redazione 24.5.24
HUGO™ 2: recensione dei due nuovi massaggiatori prostatici della LELO (che gli uomini sposati amano) - 1000056146 01 - Gay.it

HUGO™ 2: recensione dei due nuovi massaggiatori prostatici della LELO (che gli uomini sposati amano)

Corpi - Gio Arcuri 29.1.24

I nostri contenuti
sono diversi

GLORIA! (2024)

Le ragazze ribelli di Gloria! Tutto sul primo sovversivo film di Margherita Vicario

Cinema - Redazione Milano 22.2.24
Lotto Marzo: cinque scrittrici femministe da (ri)scoprire - Sessp 40 - Gay.it

Lotto Marzo: cinque scrittrici femministe da (ri)scoprire

Culture - Federico Colombo 7.3.24
10 curiosità dalle ricerche gay di Pornhub nel 2023: da Reno Gold a "twink", "femboy" e "ragazzi etero" - Reno Gold - Gay.it

10 curiosità dalle ricerche gay di Pornhub nel 2023: da Reno Gold a “twink”, “femboy” e “ragazzi etero”

Corpi - Redazione 15.12.23
Jessica Andrade, la lottatrice queer fa suo il record di donna con il maggior numero di vittorie UFC - Jessica Andrade - Gay.it

Jessica Andrade, la lottatrice queer fa suo il record di donna con il maggior numero di vittorie UFC

Corpi - Redazione 16.4.24
ARIA! di Margherita Vicario

Mani in ARIA! insieme a Margherita Vicario, ascolta il nuovo singolo dal film GLORIA! – VIDEO

Musica - Redazione Milano 28.3.24
elly schlein partio democratico

Abruzzo al voto, Elly Schlein: “Ci battiamo per il diritto delle donne a scegliere del proprio corpo”

News - Redazione 8.3.24
Rose Villan sulla cover della playlist "Pop Hits Italia"

Alpha, la playlist di Apple Music che celebra il potere delle donne

Musica - Emanuele Corbo 8.3.24
Alessandro Zan ha chiarito con i giornalisti di Report il suo coinvolgimento in B-Proud, azienda che organizza il Padova Pride Village

Alessandro Zan: “Ringrazio Report per l’inchiesta, orgoglioso del Padova Village”

News - Redazione Milano 11.12.23