OmoBiTransfobia, le persone LGBTI ucraine travolte dalla guerra hanno bisogno di protezione

L'accorato appello di Dunja Mijatović, commissaria per i diritti umani del Consiglio d'Europa, e le parole di Ursula von der Leyen, Presidente della Commissione europea.

ascolta:
0:00
-
0:00
OmoBiTransfobia, le persone LGBTI ucraine travolte dalla guerra hanno bisogno di protezione - OmoBiTransfobia le persone LGBTI ucraine travolte dalla guerra hanno bisogno di protezione - Gay.it
4 min. di lettura

“In occasione della Giornata internazionale contro l’omofobia, la bifobia e la transfobia, invito tutti gli Stati membri a prestare attenzione alla situazione delle persone LGBTI che si trovano ancora in Ucraina o stanno fuggendo dalla guerra, in modo che la loro vulnerabilità e i loro bisogni siano pienamente presi in considerazione nel rispetto dei diritti umani e nella risposta umanitaria”.

Parole e pensieri di Dunja Mijatović, commissaria per i diritti umani del Consiglio d’Europa. “Insieme ai loro connazionali, le persone LGBTI ucraine stanno subendo le conseguenze di questa orribile guerra. Alcune hanno preso le armi, altre sono sfollate e attive nella risposta alla crisi umanitaria, mentre altre ancora hanno deciso di partire per cercare rifugio“.

Perché in tempi di guerra le persone LGBTI sono ancora più vulnerabili che in tempi di pace. “I difensori dei diritti umani LGBTI hanno attirato la mia attenzione sulla vulnerabilità specifica delle persone LGBTI coinvolte nella guerra in Ucraina“, ha proseguito Mijatović. “Rifugi dedicati sono stati allestiti dalle ONG LGBTI locali per gli sfollati LGBTI interni, per aiutarli e proteggerli dalla discriminazione, dal pregiudizio e dalla violenza basata sull’orientamento sessuale e sull’identità di genere, che già esistevano ancor prima dello scoppio della guerra. Dovrebbero avere accesso a risorse adeguate. Una preoccupazione immediata riguarda la carenza di farmaci richiesti da alcune persone LGBTI in Ucraina, compresi gli ormoni per le persone trans, i farmaci per le persone intersessuali e i farmaci antiretrovirali. Nel corso della mia recente visita in Ucraina, sono stata anche informata che alcune persone transgender hanno difficoltà a lasciare il paese. Ad esempio, questo è il caso di diverse donne transgender che sono bloccate in Ucraina perché non hanno completato il processo legale di riconoscimento del genere e di conseguenza i contrassegni di genere nei loro documenti di identità sono ancora oggi al maschile, in un momento storico in cui tutti gli uomini tra i 18 e i 60 anni sono richiesti sul campo dalla legge marziale, affinché rimangano a combattere in Ucraina. Più in generale, le autorità sia in Ucraina che nei paesi confinanti dovrebbero prestare attenzione alla specifica vulnerabilità delle persone transgender che hanno bisogno di lasciare il Paese per poterlo fare in sicurezza“.

Sono anche preoccupata per le persone LGBTI nei territori in cui sono in corso combattimenti, che sono occupati o comunque non controllati dal governo in Ucraina“, ha continuato la commissaria per i diritti umani del Consiglio d’Europa. “In precedenza ho ricevuto informazioni secondo cui l’odio contro le persone LGBTI è particolarmente diffuso e incoraggiato. Secondo le informazioni raccolte dal mio Ufficio sulle recenti missioni di monitoraggio nei paesi confinanti con l’Ucraina, sono principalmente le ONG LGBTI locali e internazionali di quei paesi che si sono mosse per rispondere ai bisogni specifici delle persone LGBTI che arrivano dall’Ucraina. Aiutano a garantire un alloggio sicuro mandando i rifugiati a centri LGBTI-friendly, forniscono informazioni sullo stato legale e sull’accesso all’assistenza sanitaria, facilitano il supporto psicosociale nei centri comunitari, nonché il trasporto successivo per coloro che ne hanno bisogno. I rifugiati LGBTI ucraini devono affrontare diverse sfide. Ciò include la mancanza di accesso all’assistenza sanitaria specifica per le persone transgender e intersessuali. Le lacune nel trattamento possono avere conseguenze molto gravi. Anche i partner dello stesso sesso in fuga dall’Ucraina devono affrontare difficoltà legate al fatto che il loro status di coppia o famiglia non è riconosciuto, né in Ucraina né in alcuni paesi vicini. Stanno già sorgendo problemi per i partner non ucraini nell’assicurare il ricongiungimento familiare o l’accesso alla protezione temporanea. Anche l’accesso all’alloggio e al lavoro richiederà attenzione, soprattutto in considerazione del clima negativo e delle politiche nei confronti delle persone LGBTI in un certo numero di paesi in cui gli ucraini cercano sicurezza”.

Invito inoltre gli Stati membri a prendere in considerazione la situazione delle persone LGBTI provenienti da Russia, Bielorussia e altri paesi che hanno cercato rifugio in Ucraina e che potrebbero non essere in grado di tornare in sicurezza nei loro paesi di origine“, ha proseguito Dunja Mijatović. “Più persone LGBTI potrebbero voler lasciare la Russia nelle prossime settimane, dato il peggioramento della situazione dei diritti umani. È imperativo che gli Stati membri riconoscano nelle loro leggi nazionali che il timore di persecuzioni basate sull’orientamento sessuale, sull’identità di genere e sulle caratteristiche sessuali sia un valido motivo per la concessione di status di rifugiato in linea con la Convenzione sui rifugiati del 1951. Dovrebbero anche riconoscere che forme specifiche di trattamento o discriminazione spesso affrontate dalle persone LGBTI possano equivalere a persecuzione e rifiutare fermamente l’idea che ci si debba aspettare che nascondano il loro orientamento sessuale o identità di genere per sfuggire alle violazioni dei diritti umani. Infine, devono essere adottate misure urgenti per affrontare gli stereotipi e una “cultura dell’incredulità” nelle procedure di asilo, per migliorare l’identificazione precoce delle vulnerabilità e per proteggere le persone LGBTI dalla violenza, dalle molestie, dall’isolamento e dalla discriminazione nelle strutture di accoglienza. Saluto la straordinaria mobilitazione degli attivisti LGBTI e delle ONG, sia in Ucraina che in altri paesi europei, a sostegno delle persone LGBTI colpite dalla guerra in Ucraina. Esorto tutti gli attori umanitari a garantire che le persone LGBTI in Ucraina non siano lasciate indietro nella distribuzione dell’assistenza medica e umanitaria di base. Accolgo inoltre con favore la straordinaria solidarietà dimostrata da molti paesi europei nell’accogliere i rifugiati ucraini e li incoraggio a identificare i bisogni specifici delle persone LGBTI che arrivano nei loro territori e ad assicurare che il quadro giuridico e l’effettiva erogazione dell’assistenza umanitaria rispondano a tali bisogni“, ha concluso la commissaria.

Parole che si sommano alla dichiarazione ufficiale di Ursula von der Leyen, Presidente della Commissione europea che ha sottolineato come la “nostra Unione deve esser luogo sicuro per tutti. Un luogo dove puoi essere quello che sei, pienamente e amare chi vuoi. Persone LGBTIQ+, sarò sempre al vostro fianco“.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Roma Pride 2024, intervista a Mario Colamarino: "Siamo la somma di tutte le lotte, la vera opposizione al governo Meloni" - Pride Croisette 2 - Gay.it

Roma Pride 2024, intervista a Mario Colamarino: “Siamo la somma di tutte le lotte, la vera opposizione al governo Meloni”

News - Federico Boni 12.6.24
Tiziano Ferro ospite di Voci Parallele

Giuni Russo “Voci Parallele”: Tiziano Ferro, Irene Grandi e tutti gli ospiti del concerto in ricordo di un’artista immensa

Musica - Emanuele Corbo 12.6.24
Break The Code Tour, Nemo arriva in Italia. Ecco dove e quando - Break The Code Tour Nemo arriva in Italia - Gay.it

Break The Code Tour, Nemo arriva in Italia. Ecco dove e quando

Musica - Redazione 13.6.24
Mahmood RA TA TA - Il velo e anche la tuta sono del brand palestinese Trashy Clothing

Mahmood fa “RA TA TA” con un velo palestinese che ha un significato

Musica - Mandalina Di Biase 13.6.24
Alex Wyse in concerto

Alex Wyse contro i pregiudizi: “Siate liberi di essere ciò che siete. Nessuno può porci confini”

Musica - Emanuele Corbo 13.6.24
Carlotta D'Amico e mamma Erika vincono "Io Canto Family"

Carlotta D’Amico e mamma Erika vincono “Io Canto Family”

Culture - Luca Diana 13.6.24

Hai già letto
queste storie?

La Lega Nazionale Dilettanti in campo contro l’omofobia: "L'amore per il pallone la batte" - Campagna social contro lomofobia 1200x686 copia - Gay.it

La Lega Nazionale Dilettanti in campo contro l’omofobia: “L’amore per il pallone la batte”

Corpi - Redazione 16.5.24
meloni orban

Italia al 25° posto su 27 in Europa sui diritti. Peggio di noi solo Ungheria e Polonia. Il report sui singoli voti all’Europarlamento

News - Federico Boni 15.4.24
Giornata omobitransfobia Girogia Meloni

Giornata contro l’omobitransfobia, le parole di Meloni e il post propaganda di Atreju

News - Giuliano Federico 17.5.24
Sacrane "Free" il nuovo album dal 17 Maggio

Liberi di essere noi stessə, Sacrane torna con “Free” il 17 Maggio

Musica - Redazione Milano 8.5.24
Gaynet - campagna terapie riparative

L’oppressione nascosta, terapia riparativa per una persona LGBTIQ+ su quattro, il dato shock dell’Unione Europea

News - Redazione Milano 15.5.24
18-maggio-manifestazione-trans

Contro la violenza istituzionale sui corpi trans*: perché la comunità T scende in piazza il 18 maggio

News - Francesca Di Feo 16.5.24
roccella-teoria-del-gender

Il Consiglio d’Europa all’Italia: “Gli attacchi alla comunità LGBTQIA+ sono violazioni dei diritti umani”

News - Federico Boni 19.12.23
L’eurodeputata leghista Basso contro i manifesti pro famiglie arcobaleno di Ravenna: "Chiederò spiegazioni a Bruxelles" - Leurodeputata leghista Basso - Gay.it

L’eurodeputata leghista Basso contro i manifesti pro famiglie arcobaleno di Ravenna: “Chiederò spiegazioni a Bruxelles”

News - Redazione 8.1.24