“Sì a schwa e asterischi, la lingua decreta l’esistenza di una persona” Lorenza Bernardi, autrice di Ragazz*

L'importanza del linguaggio e della scelta delle parole nella determinazione dell'esistenza di una persona o di una cosa

ascolta:
0:00
-
0:00
schwa linguaggio inclusivo
schwa linguaggio inclusivo
2 min. di lettura

L’Accademia della Crusca, istituzione che si occupa della tutela e della promozione della lingua italiana, ha recentemente emesso un comunicato in cui bandisce l’uso dello schwa (ə) e dell’asterisco nella stesura di documenti ufficiali, pur lasciando aperta la strada a futuri possibili cambiamenti radicali della lingua.

L’utilizzo di questi segni, infatti, sarebbe stato ritenuto poco rispettoso nei confronti della lingua italiana, che ne uscirebbe “compromessa” nella chiarezza e nell’efficacia del messaggio.

Lorenza Bernardi, scrittrice di libri per ragazzi, ha commentato la decisione della Crusca a “Mattino Cinque News”, sottolineando l’importanza del linguaggio e della scelta delle parole nella determinazione dell’esistenza di una persona o di una cosa. Il nome, infatti, conferisce dignità e riconoscimento all’oggetto o alla persona che rappresenta.

L’importanza del linguaggio fin dall’antichità è quello di decretare l’esistenza di una persona o di una cosa. Dare il nome a qualcosa significa dargli la dignità di un’esistenza“.

Bernardi è autrice di Ragazz*, un peculiare romanzo con protagonist*, appunto, sei ragazz* che da un giorno all’altro si ritrovano coinvolti in un improbabile scambio di identità, grazie al quale avranno la possibilità di sperimentare cosa vuol dire veramente appartenere all’altro sesso.

"Sì a schwa e asterischi, la lingua decreta l'esistenza di una persona" Lorenza Bernardi, autrice di Ragazz* - schwa asterisco lorenza bernardi - Gay.it
Lorenza Bernardi durante il programma tv “Mattino Cinque”

Al centro della discussione, la scelta di Bernardi di utilizzare l’asterisco nel titolo dell’opera, come segno grafico onnicomprensivo, che include tutti i generi senza distinzioni.

Durante il dibattito, l’autrice ha sottolineato che la sensibilità e l’attenzione alla questione della parità di genere sono molto più diffuse tra i giovani, e che la decisione della Crusca è circoscritta a contesti più istituzionali.  

C’è da dire – ha spiegato Bernardi – che i giovani sono molto più attenti e sensibili a questi argomenti rispetto a quello che potrebbe essere appunto una normativa. Sono assolutamente d’accordo su quanto risposto dall’Accademia della Crusca, allo stesso tempo però ci tengo a sottolineare che quello che succede quotidianamente è ben diverso dalle aule di tribunale. Ricordiamoci che oggi nelle scuole c’è la possibilità della carriera alias

L’uso dell’asterisco e dello schwa (ə) nella scrittura italiana è stato oggetto di un acceso dibattito negli ultimi anni, in particolare per quanto riguarda la questione della parità di genere.

Molti autori e autrici hanno infatti utilizzato questi segni per indicare un’apertura nei confronti di tutti i generi, mentre altri hanno criticato l’utilizzo di queste forme come poco rispettoso nei confronti della lingua italiana e potenzialmente confusionario per i lettori.

Se l’Accademia della Crusca, con la sua decisione, si è schierata contro l’utilizzo di questi segni, il dibattito sul linguaggio inclusivo è ancora acceso e fonte di e riflessioni tra linguisti, scrittori e lettori.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

iraq-donne-trans (2)

Iraq, la strage silenziosa delle donne trans, uccise dai loro familiari per “onore”

Corpi - Francesca Di Feo 20.5.24
Jason Hackett, il conduttore del tg fa coming out in diretta: "Voglio essere autenticamente me stesso" (VIDEO) - Jason Hackett - Gay.it

Jason Hackett, il conduttore del tg fa coming out in diretta: “Voglio essere autenticamente me stesso” (VIDEO)

News - Redazione 22.5.24
Bingham Cup 2024, arriva a Roma il torneo internazionale di rugby inclusivo - In from the Side cover - Gay.it

Bingham Cup 2024, arriva a Roma il torneo internazionale di rugby inclusivo

Corpi - Federico Boni 20.5.24
Paola e Chiara singolo estivo Festa totale

Paola e Chiara, arriva il singolo “Festa totale”: “Il nostro grido d’amore forte e libero”

Musica - Emanuele Corbo 20.5.24
Ambra e il body shaming da parte della stampa quando aveva 17 anni: "Sottolineavano ovunque quanto fossi diventata grassa" - Ambra e il body shaming da parte della stampa quando aveva 17 anni - Gay.it

Ambra e il body shaming da parte della stampa quando aveva 17 anni: “Sottolineavano ovunque quanto fossi diventata grassa”

Culture - Redazione 22.5.24
Cannes 2024, Vivre, Mourir, Renaitre è il nuovo film queer di Gaël Morel con Victor Belmondo e Théo Christine (VIDEO) - Cannes 2024 Vivre Mourir Renaitre 3 - Gay.it

Cannes 2024, Vivre, Mourir, Renaitre è il nuovo film queer di Gaël Morel con Victor Belmondo e Théo Christine (VIDEO)

Cinema - Redazione 22.5.24

I nostri contenuti
sono diversi

2023: Le cose da portate con noi

10 cose che vogliamo portarci nel 2024

Culture - Redazione Milano 27.12.23
Tutto ciò che accade è umano: intervista a Donatella Di Pietrantonio - Sessp 15 - Gay.it

Tutto ciò che accade è umano: intervista a Donatella Di Pietrantonio

Culture - Federico Colombo 1.1.24
schwa

“Per il 54% degli italiani il linguaggio inclusivo è solo una moda”, l’indagine completa

News - Redazione 13.5.24
Lingua e comunità LGBTQIA+

Lingua e comunità LGBTQIA+: non chiamatelo omofobo, è un misomosessuale, perché non è fobia, è odio

Guide - Emanuele Bero 5.12.23
Topolino e Minnie costretti a censurare la parola "gay" da uno show Disney ad Orlando.

Topolino e Minnie cancellano la parola “gay” da uno show

News - Redazione Milano 2.1.24